Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

SETTEMBRE


 
Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.
Nazim Hikmet
 

ša c' est tout




musica per l'amicizia




 

Ultimi libri letti...



David Grossman

"Che tu sia per me
il coltello"

le parole scritte
per raccontarsi, conoscersi,
amarsi


R. L. Stevenson

"Viaggio nelle Cévennes
in compagnia
di un asino"

avventure,
storie e incontri
tra i monti

ci sono i libri precedenti
 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

exiettoNonnoRenzo0atapomassimocoppala.cozzaelyravStolen_wordsdaniela_elaarw3n63aliperticoncettariccardoacetosimpt2003cile54artemisia_gent
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 66
Prov: FI
 

ARRIVEDERCI




 

 

« CENA PERUVIANARIECCOMI »

SEI PIU' SEI

Post n°1449 pubblicato il 06 Luglio 2017 da atapo
 

A  META'

 

Marina di Massa

E' già passato mezzo anno... e in fretta, troppo in fretta. Più si avanza con l'età, più il tempo corre, chissà perchè questa sgradevole impressione, che tutti provano a quanto ho sentito.
Mi sono trascinata nei primi sei mesi le mie ansie, le mie amarezze e le mie stanchezze che durano da qualche anno e aumentano sempre più, avevo la speranza che l'estate avrebbe portato un po' di tregua e mi avrebbe consentito di rilassarmi e forse anche di chiudere qualche capitolo poco gradevole.
Invece niente, il caldo atroce si è sommato all'ultimo inconveniente cioè il dover restare tre mesi senza patente in famiglia: la fatica delle spese sempre col carrettino da trascinare, l'impossibilità di approfittare dei bei momenti culturali e festaioli che nella prima parte dell'estate abbondano a Firenze, ma sempre in orario tardo pomeridiano o serale naturalmente, per godersi il fresco...
Mio marito ha varie incombenze da sistemare e andava in giro in bicicletta: io stavo in ansia per il traffico e questo caldo assassino, alla sua età non c'è da scherzare! Infatti un giorno è caduto, ha preso una botta su una gamba che poi si è gonfiata, compresi piede e caviglia. Nulla di rotto per fortuna, ma la preoccupazione c'è stata e ora non può più andare nemmeno in bicicletta, nè camminare a lungo. Quasi bloccato pure lui!
Sto facendo il conto alla rovescia per arrivare a quel benedetto 27 luglio in cui farà la visita definitiva e spero che la risposta (e la patente) gliela diano subito, che non ci sia da aspettare per trafile burocratiche!
All'inizio del 2017, in una pagina nascosta dell'agenda, avevo scritto una lista di cose da fare in quest'anno. Non le ricordavo nemmeno più, a fine giugno sono andata a rileggerle: male!  Solo in una ho mantenuto per ora l'impegno: leggere molto, per "smaltire" un po' i libri che ho comprato perchè mi attiravano e che non ho ancora letto. Per il resto... altamente insufficiente!
Lo sapevo che sono inutili queste liste, avevo ceduto per la prima volta per vederne gli effetti... ci sono ancora altri sei mesi, chissà se recupererò qualcosa...Però è un po' deludente la situazione attuale!
Mio figlio ci è venuto in soccorso: la settimana prossima loro hanno preso un bungalow a Marina di Massa, in un campeggio. Ha proposto che sua moglie, figlio e bagagli andranno in auto, lui guiderà il nostro camper e andremo in campeggio insieme.
Confesso che dopo tutto quello che c'è stato le prime vacanze dal 2014 non volevo proprio farle in camper... nè in Versilia, ma a tutt'oggi questo passa il convento e mi devo accontentare.
Il camper però non era stato più riaperto dopo il nostro "soggiorno obbligato " di due mesi nel 2015, era da controllare, ripulire ecc. Quando andava in bici fino al rimessaggio mio marito ha fatto qualcosa, ma ora non può più: dopodomani dovremo partire così com'è e... finire di sistemarlo nella settimana in cui saremo al mare. Bella prospettiva vero? Questo ultimo imprevisto mi ha smorzato non poco la soddisfazione, anche se piccola, di mettere finalmente il naso fuori di casa.
Credo che la settimana prossima mi sembrerà di toccare il cielo con un dito se riuscirò a riposarmi su uno sdraio in riva al mare o in pineta, a fare qualche bagno, a leggere, a mangiare pesce fritto e naturalmente a giocare con quel nipotino che vedo così poco.
Per stavolta non ho voglia di nessuna altra avventura, sono troppo stanca, non assicuro nemmeno di scrivere qui.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog