Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

BACIO DI GENNAIO

Doisneau

 

ša c' est tout




musica per l'amicizia




 

Ultimi libri letti...


Dacia Maraini
"La lunga vita
di Marianna Ucria"
donne, uomini
e affari di famiglie
in un lontano passato



Jean-Claude Izzo
"Solea"
quando la vita
chiede il conto
...a Marsiglia

ci sono i libri precedenti
 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

Ultime visite al Blog

mmmichelleProfiloattivoelyravartemisia_gentmassimocoppaatapoRoHarLumpt2003mgf70exiettomisteropaganodiogene51Bloggernick10Smeraldo08
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 66
Prov: FI
 

ARRIVEDERCI




 

 

« L' IMPRESAPREPARATIVI »

SODDISFAZIONE

Post n°1487 pubblicato il 14 Dicembre 2017 da atapo
 

A  CENA

 


 

Ieri è venuto il mio amico giardiniere a "fare il tagliando" al giardino già avviato al sonno invernale.
Sono cadute tutte le foglie che dovevano cadere (sfido, col vento dei giorni scorsi!), sono sfioriti i fiori che dovevano sfiorire, le nandine sempreverdi hanno fatto le bacche e varie foglie rosse.
E' rimasto soddisfatto, pare che tutto sopravviva, anzi, pare che le piante messe con la sua consulenza e il suo aiuto si stiano ambientando bene. Ora si tratta di aspettare la primavera.
Ha potato drasticamente il rosmarino, la lavanda e il melograno, a quest'ultimo non lo avevamo ancora fatto da quando abitiamo qui e ormai i rami più bassi rischiavano di accecare chi passava sul vialetto.
Poi ha tosato l'erba. Mentre tagliava ci faceva notare che alcune piantine spontanee, più o meno somiglianti a radicchi, sono commestibili e avremmo potuto cucinarle: lessate appena, ripassate in padella con olio, sale, peperoncino, volendo anche un po' di salsiccia che però ora in casa non abbiamo.
Così stasera ecco la nostra buona spadellata di erbe spontanee a cena...
Io non amo molto questo tipo di verdura perchè di solito sono amare, invece le NOSTRE erano proprio buone!
Mentre le mangiavo mi sentivo soddisfatta: qualcosa del nostro giardino! E assolutamente senza nessun trattamento chimico!
Riflettevo che il nostro giardino non diventerà mai un orto, mio marito lo ritiene troppo faticoso e impegnativo ed effettivamente con i nostri malanni, gli impegni e la nostra voglia di viaggi il tempo e le forze per curare un orto non si trovano facilmente... però dà già soddisfazione trovare, senza fatica, tante melagrane, queste erbette, qualche limone, le fragole, i lamponi (che quest'anno hanno mangiato solo i merli per la storia di non dover calpestare il prato appena seminato). Se tutto va bene l'anno prossimo si aggiungeranno le pere e forse le arance...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog