ECCHIME

Almanacco de quando me pare

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 98
 

 

 

 

« Turismo70 la ricostruzione I film »

70 la ricostruzione

Post n°1708 pubblicato il 20 Aprile 2016 da jigendaisuke
 

Gli anni 50 si aprono con i braccianti uccisi dalla polizia e
dai carabinieri, nelle campagne di Melissa (Crotone),
Montescaglioso (Matera), Torremaggiore (Foggia) e Modena,
chiamati dai latifondisti.

Ecco un cinegiornale commentato da Corrado

RIFORMA AGRARIA E LOTTE CONTADINE. COSTITUENTE E COSTITUZIONE

                                    


Riforma agraria e lotte contadine.
Costituente e costituzione


I latifondisti e i detentori del potere politico nel Mezzogiorno,
tentarono nel 1947, di fermare il processo di modernizzazione
dell'economia e dell'agricoltura meridionale:

Portella della Ginestra

                                    






Portella della Ginestra

Un primo maggio di sangue: quello della strage di Portella
della Ginestra, in Sicilia, nel 1947. Undici persone uccise,
altre ventisette ferite sotto i colpi della banda di Giuliano.

Salvatore Giuliano, venne ucciso nel 1950

Il bandito Giuliano

 

 



Il bandito Giuliano



L'arretratezza secolare di alcune zone e di conseguenza i
conflitti sociali, venivano a galla.
La P.S, ormai infarcita di agenti ex polizia coloniale, reagiva
con estrema durezza, spesso non per tutelare l'ordine pubblico
in un paese ancora sull'orlo della guerra ciivle, quanto su
richiesta dei latifondisti, buoni amici di prefetti e questori.
Il governo guidato da un partito di centro che guardava a
sinistra, si diede da fare per trovare soluzioni più democratiche
e moderne.

Una buona, ma tardiva, riforma agraria venne fatta in quello
stesso 1950.
Il delta padano divenne vivibile e fertile, la Maremma e il
metapontino interamente bonificati, la Sila resa produttiva.
Improduttivi latifondi che fornivano solo potere alla classe
dirigente latifondista (e alle mafie), vennero espropriati e
affidati a braccianti e piccoli coltivatori.
Il governo, voleva in questo modo, rendere partecipi della vita
socio-economica, anche individui abituati da secoli a subire.
Non fece i conti col fatto che il bracciante non ha la mentalità
tipica del contadino, abituato a venire, bene o male, pagato
subito per il suo lavoro, non sapeva aspettare prima che un frutteto
diventasse davvero produttivo. Nel frattempo, l'industrializzazione
avanzava, la terra ormai non rendeva più e venne abbandonata.

Via dalla campagna: un esodo italiano

Nacque la Cassa per il Mezzogiorno.
Ottima iniziativa, almeno fino alla metà degli anni 60, poi è
diventata l'ennesimo buco nero nel quale fluivano miliardi di lire
in cambio di lavori inutili, tranne per le migliaia di persone che
beneficiarono di assunzioni clientelari.




Un alieno che non conosceva bene il suo popolo, quando dice
"La politica nazionale ed internazionale veramente democratica,
non può essere nè teatrale, nè fatta a colpi nè di spillo nè di
spettacolo, ma politica ricostruttiva, organica e ricostruttiva.
E' questa che sarà la politica dell'Italia di domani".
Chissà a cosa starà pensando, vedendoci da lassù.



La ricostruzione, le nuove opere pubbliche come le bonifiche,
le case INA, bè non ci sarebbero state senza il piano Marshall.



Costruire sul mare


De Gasperi, pagò la riforma agraria, alle elezioni del 1953,
quando la DC perse un pò di voti.




Con la fine politica di De Gasperi (e della sua visione politica),
nasce il centrismo vero e proprio.
L'anno dopo, questo grande Uomo morì.

Nel frattempo, Trieste tornò finalmente italiana

Nel 1952, Coppi fa il bis. Di nuovo vince nello stesso anno,
giro e tour!

 

Fausto Coppi domina nelle tappe
alpine del Giro di Francia.


CinecittaLuce

Fausto Coppi "Maglia Rosa 1952"

 

Intervista a Fausto Coppi
(La Bomba - 1952)



Nel 1954, altra grande impresa italiana:
la scalata del K2



Verso il K2

Intanto, il 3 gennaio 1954, iniziavano le prime trasmissioni
ufficiali della tv italiana.

Una nuova Italia stava nascendo, ma questa è un altra storia


RAI 60 Anni - Fulvia Colombo -
Primo Annuncio TV
 

Questo è stato il primo annuncio tv dato da Fulvia Colombo
10 anni dopo del 3 gennaio 1954 data di inizio delle
trasmissioni.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: jigendaisuke
Data di creazione: 05/11/2006
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Cherrysljigendaisukemaps.14RavvedutiIn2maxforte60massimocoppaRoberta_dgl8cassetta2ninograg1surfinia60ITALIANOinATTESAseveral1impelgioaltri_occhiamabed_2016