Creato da: giampi1966 il 13/03/2006
Questo blog si propone di promuovere la politica come servizio e la coerenza dei politici con gli obbiettivi programmatici. Troppo spesso l'agire del politico è distante anni luce dal suo programma e da ciò che professa. Per poter rinascere la politica deve sapersi imporre alle varie pressioni e deve guardare lontano.

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Ultime visite al Blog

amistad.siempreamici.futuroierimaresogno67jigendaisukegiampi1966aliasnoveArianna1921marabertowiltuocognatino1allegri.frprefazione09acer.250cassetta2MAGNETHIKA
 

OGM NO GRAZIE

 

SE TI PIACE QUESTO BLOG VOTALO CLICCANDO NELL'ICONA SOTTOSTANTE

classifica siti

 

vota il blog

vota blog

 

Area personale

 

Qui sotto alcuni dei messaggi del blog che a mio parere meritano di essere letti. Ringrazio i visitatori che usufruendo di questa funzione dimostrano un approccio non superficiale al blog.

Mi raccomando date un'occhiata anche ai Tags

 

I MITICI INDIANI

 

IL VALORE DELLA LAICITA'

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 86
 

EL PUEBLO UNIDO

 

Ultimi commenti

..anche perché non vedo alternative a contrastare la deriva...
Inviato da: maresogno67
il 07/01/2023 alle 17:56
 
Intanto spero che ora la salute sia ok, per il resto il...
Inviato da: jigendaisuke
il 02/01/2023 alle 19:13
 
Vi ringrazio per i molti messaggi, come vi avevo già detto...
Inviato da: giampi1966
il 02/01/2023 alle 16:12
 
Tutto ok?
Inviato da: jigendaisuke
il 20/09/2021 alle 04:00
 
:(
Inviato da: elyrav
il 22/07/2021 alle 08:22
 
 

CARMELA

carmela

 
 

BLOG DI SINISTRA

 

 

 
« TFR scippo con destrezzaPolitica di bilancio o b... »

Yugoslavia ex nazione

Post n°99 pubblicato il 03 Gennaio 2007 da giampi1966
 
Foto di giampi1966

Lo so è un argomento fuori moda, come le vecchie macchine dei paesi dell'est, l'armata Rossa, le squallide palazzine tanto diffuse nella vecchia unione sovietica e nei paesi satelliti, ma a mio parere il tema è attualissimo, la sovranità delle nazioni e dei popoli ha un grave limite nel potere concesso ad alcune super potenze di derogare a questa sovranità o di promuovere l'autodeterminazione di alcuni popoli, per convenienze economiche e/o militari o dimenticare completamente i diritti di altri popoli, per fare due esempi: perchè i Turchi possono perseguitare a loro piacimento i Curdi, con la scusa della presunta difesa dell'unità nazionale, mentre gli irakeni (che li trattavano molto meglio, ho raccolto a tal proposito la testimonianza di un ex ufficiale egiziano ed ex professore universitario) non possono difendere tale unità? Oppure perchè la Russia ha potuto sterminare il 10% della popolazione Cecena mentre il Sudan non ha questa facoltà?

Riportiamo come atto di denuncia e memoria storica questo articolo di W. Rockler (giudice al processo di Norimberga).    

 

L’ILLEGALE BOMBARDAMENTO DELLA YUGOSLAVIA

 

di Walter Rockler  (Pubblico Ministero americano al Processo di Norimberga)

 

Argomento del video indirizzato alla Conferenza “Kosovo – Giorno della Verità – nuovo e pericoloso per l’Europa” tenutasi presso la Friends House (Camera degli Amici), Londra, organizzato da Justice Yugoslavia (Campagna per la Giustizia dei Popoli della Yugoslavia - CJPY) e Cristiani Contro l’Aggressione della NATO (CANA), 24 febbraio 2001.

 

Le mie osservazioni saranno dirette uno alla legalità del bombardamento NATO della Yugoslavia come metodo di imposizione/accettazione della NATO verso il Governo yugoslavo, in merito all’occupazione del Kosovo; due agli ipocriti pretesti usati per giustificare il bombardamento e l’occupazione; e tre ad alcuni “risultati” del bombardamento e dell’occupazione.


Dopo il successo del potere Occidentale o NATO, nella divisione della Bosnia in tre enclavi etniche, ciascuna incessantemente ostile alle altre due, questo potere ha deciso di arrogarsi un ulteriore dovere di regolare gli affari Serbi. In Kosovo, lo storico cuore della provincia Serba, la minoranza Serba è stata continuamente perseguitata dalla maggioranza Albanese immigrata dopo la Seconda Guerra mondiale.


I Serbi, governavano l’amministrazione, le politiche e la sicurezza della Provincia. L’UCK Albanese, una volta, indicata come organizzazione terroristica dagli Stati Uniti, divenne la carta impiegata per le imboscate alla polizia Serba e agli amministratori; ed i Serbi certamente venivano perseguitati, in quanto ciò equivaleva oggettivamente ad una guerra civile di bassa intensità.


I dirigenti della NATO convocarono un meeting a Rambouillet con i dirigenti jugoslavi in  cui la NATO ha consegnato un ultimatum non-negoziabile: il Kosovo doveva essere sottomesso alle regole NATO, con lo scopo finale dell’indipendenza della provincia Albanese. L’ultimatum fu sostenuto dalla minaccia di fare a pezzi la Yugoslavia sottomettendola. Il Governo jugoslavo ha rifiutato la proposta della NATO, con il risultato che la NATO usando la forza per “ragioni umanitarie”, ha messo in atto la minaccia del bombardamento. Ciò ha provocato un incessante bombardamento di notte e di giorno con una media valutata di 14.000 missioni durante quasi tre mesi. Usando le bombe intelligenti, le bombe silenziose, le bombe a grappolo e quelle all’uranio impoverito, i bombardamenti al servizio dell’umanitarismo hanno ucciso più di mille uomini, donne e bambini; hanno colpito le fabbriche, gli acquedotti, gli elettrodotti, le emittenti TV e radiofoniche, ponti, treni e civili abitazioni, senza parlare dell'Ambasciata cinese. Durante il periodo del bombardamento, centinaia di migliaia di albanesi hanno lasciato il Kosovo, molto probabilmente forzati dalle truppe serbe.


La domanda diventa, data la presunta purezza dei motivi della NATO che hanno l'obiettivo di assicurare la verità, la libertà ed il senso democratico, era questo un bombardamento argomento censurabile secondo il diritto internazionale? La risposta breve è che il bombardamento è stato un atto di flagrante disprezzo del diritto internazionale, e, secondo quella legge, un atto criminale.


Come fonte primaria del diritto internazionale, il giudizio del Tribunale di Norimberga, nel 1945-1946,  in merito al caso dei principali criminali di guerra nazisti, è evidente e chiaro. I capi americani e britannici spesso invocano in modo retorico ed elogiano quel giudizio, ma ovviamente non lo hanno letto. La corte internazionale ha dichiarato: "Iniziare una guerra di aggressione, quindi, non è soltanto un crimine internazionale, è un crimine internazionale supremo che differisce da altri crimini di guerra solamente in quanto contiene all’interno di sé, la malvagità accumulata nel suo  complesso ".


A Norimberga, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno esercitato pressioni riguardo il processo dei capi nazisti per la pianificazione e l'inizio della guerra aggressiva come estremo crimine. Il membro della Suprema Corte di Giustizia Robert Jackson, capo del personale americano al processo, ha asserito "che lanciare una guerra di aggressione è un crimine e che nessuna situazione economica o politica può giustificarlo".


La Carta della Nazioni Unite considera l’aggressione allo stesso modo. Gli articoli 2,4 e 7 proibiscono le minacce di forza o l'uso di forza da parte di uno Stato contro un altro e gli interventi nella giurisdizione interna di qualsiasi Paese. L'assemblea generale delle Nazioni Unite nella Risoluzione 2131, una “Dichiarazione sull’Inammissibilità dell’Intervento", ha rafforzato il punto di vista che un intervento militare, in qualsiasi Paese sia compiuto, è un’aggressione e un crimine senza giustificazione.


Oggi c’è semplicemente una perversione dell'Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (North Atlantic Treaty Organization), originariamente formata come alleanza difensiva sotto l’osservazione della Carta delle Nazioni Unite. Il Trattato all’inizio ha impegnato i relativi firmatari ad astenersi dalla minaccia o dall'uso di forza in qualsiasi maniera incompatibile con gli scopi delle Nazioni Unite ed ha riconosciuto esplicitamente la responsabilità primaria del Consiglio di Sicurezza (delle Nazioni Unite) in merito al mantenimento della pace e della sicurezza internazionali. Ovviamente, nell'escludere l'approvazione delle Nazioni Unite e nell’ evitare il rischio di veto russo o cinese per il bombardamento, la NATO ha ignorato e violato questo obbligo di base.


A partire da un altro punto di vista di diritto internazionale, il bombardamento condotto dalla NATO ha costituito un crimine di guerra. Contrariamente alla convinzione dei nostri pianificatori di guerra, il bombardamento aereo senza restrizione riguardante i siti civili è escluso dal diritto internazionale. Il bombardamento delle infrastrutture di un Paese – acquedotti, impianti elettrici, ponti e fabbriche - non è un attacco relativo agli obiettivi militari legittimi.
Il nostro bombardamento inoltre ha provocato eccessivi incidenti mortali e danni ai civili, che violano ancora un altro standard.


Quando il bombardamento della NATO è iniziato non c’erano state atrocità diffuse e massacri in Kosovo e l’esodo su grande scala degli Albanesi non era in corso. Ciò non era in alcun caso la preoccupazione del dettame NATO di Rambouillet, che ha rispecchiato alcune considerazioni curiose. Così la NATO ha richiesto che la Yugoslavia migliorasse la relativa economia seguendo le linee del mercato libero. La NATO ha inoltre richiesto il diritto di spostare le truppe NATO attraverso tutta la Yugoslavia, ma con la clausola che tali truppe non fossero soggette alla legge e alla giurisdizione jugoslava. In realtà, la Yugoslavia doveva trasformarsi in una sorta di Shanghai, colonia straniera dell’inizio del ventesimo secolo.


Fingendo che un motivo del bombardamento fosse la relativa necessità, gli apologeti della NATO hanno indicato l’esodo degli Albanesi dal Kosovo come un crimine internazionale, per quanto l'ipocrisia coinvolta in questo pretesto per l’assassinio dai cieli sia stata vergognosa, così tale ipocrisia non è una casualità. Quando i Croati, sostenuti attraverso la protezione e l'incoraggiamento della NATO, hanno cacciato i Serbi dalla zona della Krajinapochi anni fa, con 200.000 - 300.000 Serbi espulsi con forza dalle loro case, questo comportamento non ha evocato la critica da parte dei filantropi della NATO. Attualmente con il Kosovo sotto l'occupazionebenevola della NATO, circa 100.000 o più Serbi del Kosovo sono stati costretti a scappare in altre zone della Yugoslavia sotto la minacciaomicida dell’UCK. Chi condanna o impedisce questo esodo? E’ stato stimato che durante il periodo intero delle operazioni della NATO, 700.000 rifugiati Serbi sono stati costretti a scappare in Yugoslavia. Ciò ha prodotto un assordante silenzio sia da parte del New York Times che del London Times suggerito dalle indicazioni del Dipartimento di Stato USA e dal Foreign Office britannico. Decine di migliaia di ROM o zingari inoltre sono stati cacciati fuori dal Kosovo.

…Ma dopo tutto, suppongo che ci sia un limite all’umanitarismo.

Attualmente l’UCK ha iniziato gli attacchi e le uccisioni nelle regioni della Yugoslavia oltre i confini della provincia del Kosovo. La NATO, che ha il compito, come occupante del Kosovo di esercitare la legge e l'ordine, di mantenere i diritti civili  della cittadinanza e di mantenere un minimo di pace, sembra essere debole. In tal caso, la NATO che cosa fa in Kosovo?


Quando ero un giovane accusatore dei nazisti a Norimberga, lessi le analisi del membro della Corte di Giustizia Robert Jackson che dichiarava: "Se determinati atti in violazione di trattati sono crimini, sono crimini sia se li fa gli Stati Uniti, sia  se li fa la Germania, e non siamo autorizzati a stabilire una regola di comportamento criminale contro altri, se  non siamo disposti ad accettarla verso  di noi".

 

Oggi, non posso che essere persuaso che la distruzione e le uccisioni di civili in Yugoslavia, espressione del forte contro il debole, siano state qualche cosa di meno che l'uccisione al servizio dell’arroganza; e respingo i miseri pretesti per questo comportamento criminale.   W. Rockler

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog