Creato da neopensionata il 10/03/2009

PENSIERI LIBERI

Il mio Io in piena sintonia con me stessa

Messaggi di Luglio 2019

DONNE FORTI

Post n°739 pubblicato il 30 Luglio 2019 da neopensionata

Quando ti vedono come una donna forte,
pensano che tu non abbia bisogno di niente o di nessuno,
che possa sopportare tutto
e superare tutto quello che ti accade.
Che non ti dispiaccia non essere ascoltata,
curata o amata.
Quando ti vedono come una donna forte,
ti cercano perché li aiuti a portare le loro croci.
Ti parlano e pensano che tu non abbia
il bisogno di essere ascoltata.
Non si chiede ad una donna forte se è stanca,
soffre o se è caduta,
se ha ansia o paura.
L'importante è che sia sempre lì:
un faro nella nebbia o una roccia in mezzo al mare.
La donna forte non viene mai perdonata.
Se perde il controllo, dicono che sia debole o isterica.
Quando la donna forte scompare per un minuto,
tutti se ne accorgono ma quando c'è,
la sua presenza è abituale.
Ma da dove lei prenda la forza necessaria ogni giorno
per essere quel tipo di donna
non ha importanza per nessuno.
Onorate, riconoscete, rispettate e ringraziate
le donne forti della vostra vita,
perché anche loro hanno bisogno
di essere abbracciate e amate.


L'immagine può contenere: 1 persona

 
 
 

Contrasti....

Post n°738 pubblicato il 29 Luglio 2019 da neopensionata

Dentro di lei c’era tutto,
e amava ogni suo contrasto.
Lei era musica di carillon,
marcia trionfale,
ondate improvvise di acqua salata,
folate di vento.
Divinità, sensualità, forza, fragilità,
eccesso, moderazione.
Mare in tempesta,
bel tempo dell’anima.
Lei si sentiva così,
a volte anima solitaria
chiusa nel suo silenzio,
altre volte gabbiano inquieto
in volo verso l’infinito.


L'immagine può contenere: oceano, uccello, cielo, spazio all'aperto, acqua e natura

 
 
 

“Amarsi”: il meraviglioso monologo di Roberto Benigni

Post n°737 pubblicato il 27 Luglio 2019 da neopensionata

 

 

 

 

 

“Amarsi”: il meraviglioso monologo di Roberto Benigni

Amarsi è il problema fondamentale dell’umanità. 

Affrettiamoci ad amarenon ci rimane moto tempo: amiamo sempre

 troppo poco e troppo tardi, perché al tramonto della vita saremo 

giudicati sull’amore.”

“La felicità, sì, la felicità. A proposito di felicità, cercatela! Tutti i

 giorni, continuamente, anzi, chiunque mi ascolti ora, si metta in 

cerca della felicità, ora, perché è lì, ce l’avete, ce l’abbiamo, perché 

l’hanno data a tutti noi. Ce l’hanno data in dono quando eravamo 

piccoli ce l’hanno data in regalo, in dote ed era un regalo così bello 

che l’abbiamo nascosto, come fanno i cani con l’osso quando lo nascondono.

 E molti di noi l’hanno nascosto così  bene che non si ricordano dove 

l’hanno messo ma ce l’abbiamo, ce l’aveteGuardate in tutti i ripostigli, 

gli scaffali, gli scomparti della vostra anima, buttate tutto all’aria. 

I cassetti, i comodini che ci avete dentro, vedrete che esce fuoric’è la

 felicità, provate a voltarvi di scatto, magari la pigliate di sorpresa, 

ma è lì.

Dobbiamo pensarci sempre alla felicità e anche se a volte lei si 

dimentica di noi, noi non ci dobbiamo mai dimenticare di lei. 

Fino all’ultimo giorno della nostra vita.

Saltate dentro all’esistenza ora, perché se non trovate niente ora,

 non troverete nulla mai più. È qui l’eternità, non ce n’è un’altra”.

 

 

 

 

 
 
 

IL MARE.....

Post n°736 pubblicato il 25 Luglio 2019 da neopensionata

Dentro di lei c’erano onde di burrasca, 
conchiglie e perle,
isole lontane e misteriose, 
alte e basse maree, 
albe e tramonti. 
Aveva nostalgia del mare,
lo amava, 
ce l’aveva nell’anima.


L'immagine può contenere: una o più persone e persone in piedi

 
 
 

Ecco il primo film dedicato interamente agli Alpini

Post n°735 pubblicato il 24 Luglio 2019 da neopensionata

Ecco il primo film dedicato interamente agli Alpini

VALDOBBIADENE - Arriva "Anima Alpina", il primo film documentario interamente dedicato agli Alpini, eroi di ieri e di oggi, un vero e proprio omaggio al loro valore militare ma anche al loro grande spirito patriottico che li porta ad esserci sempre per il proprio Paese. Attraverso uno scambio di lettere tra un giovane alpino al fronte e la sua morosa vengono ricostruiti gli anni difficili della Grande Guerra, quando le truppe di montagna erano impegnate a difendere i nuovi confini italiani che, dopo la sanguinosa guerra contro l’Austria, coincidevano quasi interamente con l’arco alpino, mentre le donne erano a casa, dovevano mandare avanti il lavoro nei campi e la famiglia.

 

Una ricostruzione del passato quindi, resa possibile grazie al contributo di storici e rievocatori che hanno permesso di rivivere con il cuore e con la mente il ruolo delle nostre penne nere nel primo Conflitto mondiale. “L’idea di realizzare questo film è nata da una amicizia, quella che da circa un anno mi lega a Giovanni Schievenin, produttore di Prosecco in Valdobbiadene - ha spiegato il regista Alex Cavalcanti. – Grazie a lui ho scoperto un territorio ricco di storia, cultura e tradizioni. Ho avuto l’onore di conoscere tanti alpini ed ho sentito il desiderio di raccontare la loro grande storia”.

 

Da quando nel 1872 sono nati come forza armata, gli Alpini hanno combattuto battaglie, sfidato la natura più impervia, affrontato sacrifici al limite della resistenza umana. Tutto per quel grande senso patriottico che li ha sempre contraddistinti. Ma il film non è solo questo, non racconta solo gli anni che furono. In una continua alternanza tra passato e presente, l’opera di Alex Cavalcanti vuole celebrare il grande valore umano delle nostre penne nere, oggi un vero e proprio esercito di pace. Per gli Alpini non esiste l’impossibile, recita il motto che ha animato l’Adunata di Trento per il Centenario dalla Grande Guerra.

 

Ed è proprio così, perché quando serve loro ci sono: sono disposti a rimboccarsi le maniche per sostenere i più bisognosi, per raccogliere fondi e per portare aiuti alle popolazioni colpite dalle catastrofi naturali che in questi ultimi 100 anni hanno più volte messo a dura prova la nostra Italia. Hanno sempre agito senza nessun tornaconto, lontano dai riflettori e gratuitamente.

 

“Quando le persone del posto hanno capito che volevo valorizzare il loro territorio mettendo a disposizione la mia creatività – ha aggiunto Cavalcanti – è esploso un entusiasmo generale e tanti amici, le istituzioni e gli alpini stessi mi hanno aiutato per poter realizzare questo film”. L’obiettivo del docu-film è non dimenticare, perché gli Alpini rappresentano una grande risorsa per l’Italia, un esempio di umanità, coraggio ed impegno solidale.

 

“Mi auguro che molti giovani vengano a vedere il mio film – ha concluso il regista. – Devono capire l’importanza di difendere e valorizzare il nostro Paese”. Ne è convinto anche Sebastiano Favero, il presidente dell’Associazione Nazionale Alpini che ha accolto con grande entusiasmo il progetto. “Sono contento di questo film e di come metta in luce il cuore grande e generoso degli Alpini - ha detto. – Se tutti avessero lo stesso atteggiamento forse l’Italia, forse l’Europa, forse il mondo intero sarebbe un posto migliore”. Parte del film è stato già proiettato a Milano lo scorso maggio, in occasione dell’Adunata che ha celebrato i cent’anni dalla fondazione dell’Associazione Nazionale Alpini. Saranno presenti alla conferenza stampa del prossimo 24 luglio il presidente dell’ANA Sebastiano Favero, il regista Alex Cavalcanti, il direttore esecutivo Giovanni Schievenin, produttore di Prosecco in Valdobbiadene, le autorità del Comune di Valdobbiadene, alcuni rievocatori storici e gli attori principali del film.

 
 
 

rosa

 
orologio e temperatura Palermo
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cuore_viggiatoreapungi1950_2NonnoRenzo0cruelangelslaura1953gianor1apungi1950impelgioneopensionatasaverio.anconalicsi35peg1b9pasqualina2008gabbiano642014soltanto_unsogno
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
N.B.:Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, come prevede la normativa n.62 del 2001. Le foto e i testi di questo Blog e del relativo Profilo sono state reperite sul web. Ove fosse stato violato il diritto di copyright, prego i proprietari di darmene avviso, per la relativa rimozione.
 

MARIO RENZI-VIOLINISTA