« animali domestici, anima...Pochi se ne rendono cont... »

lavoro nero

Post n°1677 pubblicato il 13 Luglio 2020 da ormalibera
 

Ero convinta, quand'ero giovane (molto tempo fa), che la società sarebbe andata verso il meglio per tutti. Che saremmo andati avanti progredendo.


MI SBAGLIAVO.

Non sto a elencare i danni prodotti negli ultimi decenni. Mi soffermo solo su un punto dolente.

Un tempo chi aveva un campo o tanti ettari di terra si rivolgeva all'Ufficio di Collocamento e dichiarava di assumere Tizio, Caio e Sempronio per x giorni. 
Con altrettanta semplicità pagava i contributi, le tasse, la paga al lavoratore. 
Le famiglie vivevano bene, non c'era la fame, non c'era miseria, se entro limiti abbastanza ristretti.
Le campagne erano una ricchezza, non c'erano campi abbandonati, il lavoro non mancava. Molti hanno fatto studiare i figli, hanno acquistato la casa di proprietà e quella per i loro figli.

Poi, pian piano, i politici anti italiani hanno soppiantato quelli pro italiani.

Solo di sfuggita tocco l'argomento migranti che per un paio di euro a ora e in nero lavorano come schiavi nei campi. Azzerando così il lavoro degli italiani.

I politici anti italiani si sono messi al lavoro.
Oggi, se vuoi assumere un operaio per un giorno o due, noi abbiamo un campicello e una mano ci farebbe comodo, non è più fattibile.

I costi, le lungaggini burocratiche, gli ispettori del lavoro, la finanza, l'esercito, le milizie e via dicendo ti fanno desistere.

Da conoscenti ho sentito di multe di migliaia e miglia di euro per cose assurde, allucinanti. Come il bagno chimico da portare sul campo, i guanti antinfortunistica dove sono del tutto inutili, e non parliamo delle multe (migliaia di euro inflitte a un nostro amico) se viene tuo figlio o figlia a darti una mano nei lavori agricoli, come raccogliere le olive.

Io non posso far venire i miei figli a darci una mano, per timore di ricevere multe salatissime e denunce da domandarsi se non siamo nell'inferno o il mondo è a testa in giù.

Conclusione???? le campagne sono state abbandonate, ci sono solo africani pagati dallo stato, stipendio e contribuiti, e albanesi in nero. 
Noi i lavori ce li facciamo da soli, essendo il terreno di proprietà di entrambi.

Se questo è sano (di mente) allora io sono totalmente pazza.
Per dire che quello che stanno facendo con covid è sulla stessa linea guida: distruggere un popolo, il nostro. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

il mio racconto

il mio racconto

 

Ultime visite al Blog

surfinia60Cherryslmoon_IQuartoProvvisorioditantestellesofya_mcassetta2dolcesettembre.1donadam68ormaliberail_tempo_che_verraprolocoserdianaalf.cosmoskarma580RavvedutiIn2
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 127
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

che splendido segnale stradale

Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di corre il rischio di vivere i propri sogni ciascuno con il proprio talento

 

"L’unico vero “peccato”  è morire prima d’esser morti consegnandosi alla speranza evanescente di un “altro mondo”,
perchè l’unico significato, l’unica verità sta nel Verbo della Vita:

 

 

da ricordare

vivere con amore è occuparsi delle cose quotidiane con infinita tenerezza".

 

Ognuno di noi ha un paio d'ali,ma solo chi sogna impara a volare.

 

preso da un'amico

Strana Maestra, la Vita: ciò che ti insegna ti serviva sempre molto tempo prima

 

Crescere vuol dire accettare di abbandonare quel che ci è servito ieri, oggi solo un peso,

inutile zavorra

 

credere non è sapere, informazione non è conoscenza

 

da ricordare

vivi come se fosse l'ultimo giorno, pensa come se fossi eterno, perchè il sonno della ragione genera mostri

 

da un giovane amico

Cerca qualcuno che ti faccia sorridere, non ridere, perché ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornata buia.

 

Ultimi commenti

questa non è una testata giornalistica

questo blog non rappresenta una testata giornalistica perché aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/01. Ove ci fossero immagini o testi che violino i diritti d'autore, su richiesta saranno rimossi immediatamente.

 

 

 

considerazioni da un blog amico

Il CREDERE tranquillizza,ma in modo superficiale,percio si ha bisogno di tante persone per rafforzarlo. E'la più potente DROGA, altera la realta,con le proprie fantasie,soltanto perchè si e paurosi dell"IMMENSITA DELLA VITA

 
Profezia degli Indiani Cree
Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto.
Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato.
Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato.
Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia
 

La legge della montagna: aiuta il tuo prossimo ma solo dopo aver messo in sicurezza te stesso.