Cancro al polmone in fase precoce: ruolo per l’immunoterapico Tecentriq

OncologiaMedica.net

Cancro ai polmoni: Highlights

I nuovi risultati dello studio di fase III IMpower010 hanno evidenziano i modelli di recidiva e la successiva terapia dopo il trattamento con Tecentriq ( Atezolizumab ) rispetto allo standard di cura nel carcinoma polmonare in fase precoce.

Questi risultati sono particolarmente importanti in quanto i dati del mondo reale hanno fornito dettagli sulla percentuale di persone con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) precoce negli Stati Uniti che non ricevono un trattamento adiuvante nonostante le linee guida lo raccomandino.

I dati del mondo reale hanno evidenziato anche gli esiti di sopravvivenza in questo contesto e rafforzano la necessità di una terapia adiuvante più efficace nel tumore NSCLC, poiché la metà di tutte le persone con carcinoma polmonare in fase iniziale oggi sperimenta ancora una recidiva della malattia dopo l’intervento chirurgico.

Lo studio di fase III IMpower010 ha mostrato che l’adiuvante Tecentriq ha migliorato la sopravvivenza libera da malattia nel carcinoma polmonare in stadio iniziale positivo per PD-L1, rispetto alla migliore terapia di supporto.

Sulla base dei risultati di questo studio, la FDA ( Food and Drug Administration ) degli Stati Uniti ha recentemente concesso a Tecentriq la Priority Review nell’ambito del programma pilota Real-Time Oncology Review come trattamento adiuvante per alcune persone con tumore NSCLC precoce. ( Fonte Roche )

FarmaExplorer

Letteratura su Atezolizumab

 

Atezolizumab adiuvante rispetto all’osservazione nel carcinoma uroteliale muscolo-invasivo: studio IMvigor010

Nonostante il trattamento con intento curativo standard con chemioterapia neoadiuvante a base di Cisplatino, seguito da chirurgia radicale nei pazienti…

Benefici di Atezolizumab come mantenimento nel carcinoma polmonare a piccole cellule in stadio esteso: IMpower133

L’ultima analisi dello studio IMpower133 ha dimostrato un continuo miglioramento degli esiti per i pazienti con carcinoma al polmone a…

Atezolizumab, Bevacizumab e chemioterapia per il tumore ovarico di stadio III o IV di nuova diagnosi

È stata valutata l’aggiunta dell’anticorpo monoclonale umanizzato anti-PD-L1 Atezolizumab ( Tecentriq ) alla chemioterapia a base di Platino e al…

Cancro al polmone a piccole cellule in stadio esteso trattati con Atezolizumab, Carboplatino ed Etoposide: sopravvivenza globale aggiornata e analisi del sottogruppo PD-L1 – Studio IMpower133

IMpower133, uno studio randomizzato, in doppio cieco, di fase I/III, ha dimostrato che l’aggiunta di Atezolizumab ( Tecentriq ), un…

La combinazione di Atezolizumab e di Bevacizumab ha allungato la sopravvivenza globale nel carcinoma epatocellulare avanzato

I dati aggiornati sulla sopravvivenza globale ( OS ) dello studio IMbrave150 hanno mostrato che la combinazione di Atezolizumab (…

Atezolizumab riduce il rischio di progressione di malattia nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule in stadio precoce con espressione di PD-L1

Atezolizumab ( Tecentriq ) somministrato dopo la chemioterapia a pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) di stadio…

Pazienti selezionati in base all’espressione di PD-L1: Atezolizumab per il trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non-a-piccole cellule metastatico

L’efficacia e la sicurezza dell’anticorpo monoclonale anti-PD-L1 Atezolizumab ( Tecentriq ), rispetto alla chemioterapia a base di Platino, come trattamento…

Atezolizumab con o senza Bevacizumab nel carcinoma epatocellulare non-resecabile

Il doppio blocco di PD-L1 e di VEGF ha migliorato l’immunità antitumorale attraverso molteplici meccanismi e ha aumentato l’attività antitumorale…

Atezolizumab più Bevacizumab versus Sunitinib nei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico precedentemente non-trattato: studio IMmotion151

Uno studio di fase 2 ha mostrato una migliore sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per Atezolizumab ( Tecentriq…

Studio PRINCEPS – Carcinoma polmonare non-a-piccole cellule resecabile: Atezolizumab come neoadiuvante

Dallo studio di fase II PRINCEPS, non sono emersi nuovi eventi avversi inattesi, nessuna tossicità maggiore e nessun danno chirurgico…

Atezolizumab e chemioterapia nel setting neoadiuvante per cancro al polmone non-a-piccole cellule resecabile

Circa il 25% di tutti i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule presenta malattia in stadio IB-IIIA resecabile e sebbene…

Atezolizumab per bambini e giovani adulti con tumori solidi precedentemente trattati, linfoma non-Hodgkin e linfoma Hodgkin: studio iMATRIX

Atezolizumab ( Tecentriq ) è un inibitore di PD-L1, che può portare a una maggiore attività delle cellule T antitumorali….

Atezolizumab e Bevacizumab per i pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico con istologia variante e/o caratteristiche sarcomatoidi

In uno studio multicentrico di fase II, è stato valutato Atezolizumab ( Tecentriq ) combinato con Bevacizumab ( Avastin )…

Atezolizumab, Vemurafenib e Cobimetinib come trattamento di prima linea per melanoma positivo alla mutazione BRAF V600 avanzato non-resecabile: studio IMspire150

Lo studio IMspire150 ha valutato il trattamento di combinazione di prima linea con inibitori BRAF più MEK e terapia del…

Nuovi approcci terapeutici nel linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante / refrattario: tripla terapia a base di Atezolizumab, Obinutuzumab e Venetoclax

Atezolizumab, Obinutuzumab e Venetoclax combinati hanno prodotto una risposta duratura nel linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL )…

 

Cancro al polmone in fase precoce: ruolo per l’immunoterapico Tecentriqultima modifica: 2021-09-13T13:00:25+02:00da tiberis1

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.