FarmaExplorer.it:aggiornamenti e novità terapeutiche da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Ipilimumab

Efficacia di Nivolumab più Ipilimumab come prima linea nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, con o senza chemioterapia

La terapia di prima linea del carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in fase avanzata nei pazienti i…

Leggi tutto

Studio CheckMate 9LA: trattamento di prima linea con Nivolumab più Ipilimumab e cicli limitati di chemioterapia nel tumore al polmone non-a-piccole cellule metastatico migliora la sopravvivenza rispetto alla sola chemioterapia

Sono stati presentati i risultati dello studio di fase 3 CheckMate -9LA, che ha mostrato un beneficio di sopravvivenza statisticamente…

Leggi tutto

Nuovi farmaci in oncologiaOncoBase.it

CheckMate 227: i dati di follow-up a 3 anni hanno mostrato una sopravvivenza globale durevole a lungo termine con la combinazione Nivolumab e Ipilimumab nel cancro al polmone non-a-piccole cellule

I pazienti con tumore polmonare avanzato non-a-piccole cellule che hanno ricevuto Nivolumab e Ipilimumab hanno dimostrato continui benefici di sopravvivenza…

Leggi tutto

Ipilimumab adiuvante rispetto all’Interferone alfa-2b ad alte dosi per melanoma resecato ad alto rischio: North American Intergroup E1609

Gli studi di fase III nel setting adiuvante hanno riportato benefici significativi sia nella sopravvivenza libera da recidiva ( RFS…

Leggi tutto

Nivolumab + Ipilimumab versus chemioterapia con doppietta a base di Platino come trattamento di prima linea per il carcinoma polmonare avanzato non-a-piccole cellule: aggiornamento a 3 anni da CheckMate 227 Parte 1

Nello studio di fase 3 CheckMate 227 Parte 1 ( follow-up minimo, 29.3 mesi ), il trattamento di prima linea…

Leggi tutto

Immunoterapia OncologicaBiomedicina.it

Nivolumab da solo e con Ipilimumab nel carcinoma uroteliale metastatico precedentemente trattato: risultati della coorte di espansione di CheckMate 032 con Nivolumab 1 mg/kg più Ipilimumab 3 mg/kg

CheckMate 032 è uno studio multicoorte in aperto che include pazienti con carcinoma uroteliale ( mUC ) non-resecabile localmente avanzato…

Leggi tutto

Ipilimumab e Nivolumab nel trattamento del mesotelioma pleurico maligno ricorrente: studio INITIATE

L’inibizione del checkpoint a singolo farmaco ha mostrato efficacia nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno ricorrente. Sono state valutate la…

Leggi tutto

Nivolumab più Ipilimumab di prima linea nel tumore polmonare non-a-piccole cellule avanzato: espressione di PD-L1 e carico mutazionale del tumore come biomarcatori

CheckMate 568 è uno studio in aperto di fase II che ha valutato l’efficacia e la sicurezza di Nivolumab (…

Leggi tutto

FarmaExplorer.it:aggiornamenti e novità farmaceutiche da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Interferone

Ropeginterferone alfa-2b rispetto alla terapia standard per la policitemia vera: studio PROUD-PV e studio di estensione CONTINUATION-PV

Gli studi PROUD-PV e CONTINUATION-PV hanno confrontato il nuovo Interferone monopegilato Ropeginterferone alfa-2b ( Besremi ) con Idrossiurea, la terapia…

Leggi tutto

Ropeginterferone alfa-2b come nuova terapia di prima linea per la policitemia vera

I risultati degli studi PROUD-PV e CONTINUATION-PV hanno mostrato che il Ropeginterferone alfa-2b ( Besremi ) sembra essere più efficace…

Leggi tutto

Ipilimumab adiuvante rispetto all’Interferone alfa-2b ad alte dosi per melanoma resecato ad alto rischio: North American Intergroup E1609

Gli studi di fase III nel setting adiuvante hanno riportato benefici significativi sia nella sopravvivenza libera da recidiva ( RFS…

Leggi tutto

Farmaexplorer.it

Interferone pegilato alfa-2a per policitemia vera o trombocitemia essenziale resistente o intollerante all’Idrossiurea

Precedenti studi hanno riportato alti tassi di risposta con la terapia con Interferone-alfa ( rIFN-alfa ) ricombinante in pazienti con…

Leggi tutto

Sicurezza ed efficacia di Ozanimod rispetto all’Interferone beta-1a nella sclerosi multipla recidivante: studio SUNBEAM

Ozanimod, un modulatore del recettore della sfingosina 1-fosfato ( S1P ), si lega selettivamente ai sottotipi recettoriali 1 e 5…

Leggi tutto

Profilo di sicurezza a livello epatico: Teriflunomide versus Interferone-beta nella sclerosi multipla

E’ stato confrontato il profilo di sicurezza a livello epatico di Interferone beta ( IFN-beta ) e di Teriflunomide (…

Leggi tutto

Nuovi farmaci in oncologiaBiomedicina.it

Pembrolizumab e Interferone alfa-2b pegilato nel melanoma avanzato

Risposte obiettive sono riportate dal 34-37% dei pazienti con melanoma avanzato naive a inibitori PD-1. Il preesistente infiltrato di cellule…

Leggi tutto

Cladribina versus Fingolimod, Natalizumab e Interferone beta per la sclerosi multipla

Una analisi abbinata per punteggio di propensione da MSBase ha confrontato l’efficacia della Cladribina ( Mavenclad ) con Interferone beta…

Leggi tutto

Efficacia del trattamento con Alemtuzumab rispetto a Natalizumab, Fingolimod e Interferone beta nella sclerosi multipla recidivante-remittente

Alemtuzumab ( Lemtrada ), un anticorpo anti-CD52, ha dimostrato di essere più efficace dell’Interferone beta-1a nel trattamento della sclerosi multipla…

Leggi tutto

FarmaExplorer.it:aggiornamenti e novità farmacologiche da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Insulina

Durabilità dell’Insulina degludec più Liraglutide rispetto all’Insulina glargine U100 come terapia iniettabile iniziale nel diabete di tipo 2: studio DUAL VIII

La durata del controllo glicemico potrebbe ridurre il carico della malattia e migliorare gli esiti a lungo termine. DUAL VIII…

Leggi tutto

Diabete di tipo 2: efficacia, sicurezza e tollerabilità di Semaglutide orale aggiunta all’Insulina con o senza Metformina: studio PIONEER 8

L’obiettivo dello studio era studiare l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità della Semaglutide orale ( Rybelsus ) aggiunta all’Insulina con…

Leggi tutto

Le riduzioni della resistenza all’insulina sono mediate principalmente dalla perdita di peso nei soggetti con diabete di tipo 2 in trattamento con Semaglutide

La Semaglutide ( Ozempic ), un analogo di GLP-1, in monosomministrazione settimanale, approvato per l’impiego in pazienti con diabete di…

Leggi tutto

Cardiobase

Studio PIONEER 8: la Semaglutide per os, aggiunta all’Insulina, riduce l’emoglobina glicata e il peso corporeo nel diabete di tipo 2

La Semaglutide per os ha dimostrato di essere superiore al placebo nel ridurre l’emoglobina glicata ( HbA1c ) e il…

Leggi tutto

Dulaglutide versus Insulina glargine nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica da moderata a grave: studio AWARD-7

Molti farmaci anti-iperglicemici, inclusa l’Insulina, vengono eliminati principalmente dai reni, limitando le opzioni di trattamento per i pazienti con malattia…

Leggi tutto

Repaglinide versus Insulina per il diabete di nuova diagnosi nei pazienti con fibrosi cistica

Poiché la sopravvivenza tra i pazienti con fibrosi cistica è migliorata negli ultimi decenni, le complicanze sono diventate sempre più…

Leggi tutto

Xapedia.itMediexplorer.it

Controllo dell’iperglicemia postprandiale nel diabete di tipo 1 mediante co-somministrazione a dose fissa di 24 ore di Pramlintide e Insulina umana regolare

Le cellule beta pancreatiche sane secernono gli ormoni insulina e amilina in un rapporto fisso. Entrambi gli ormoni sono carenti…

Leggi tutto

iGlarLixi, una combinazione fissa di Insulina glargina e Lixisenatide, negli anziani con diabete di tipo 2: efficacia e sicurezza

Uno studio ha valutato l’efficacia e la sicurezza di iGlarLixi, una combinazione titolabile e fissa di Insulina glargine [ iGlar…

Leggi tutto

FarmaExplorer.it:aggiornameni e novità sui farmaci da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Imiglucerasi

Terapia enzimatica sostitutiva con Taliglucerasi alfa: sicurezza ed efficacia negli adulti con malattia di Gaucher già trattati con Imiglucerasi

Taliglucerasi alfa ( Elelyso ) è la prima proteina ricombinante umana terapeutica disponibile espressa da cellule di piante. È indicata…

Leggi tutto

Sicurezza ed efficacia a lungo termine della Taliglucerasi alfa nei pazienti pediatrici con malattia di Gaucher naïve-al-trattamento o precedentemente trattati con Imiglucerasi

Taliglucerasi alfa ( Elelyso ) è una terapia enzimatica sostitutiva approvata per il trattamento della malattia di Gaucher nei bambini…

Leggi tutto

XagenaNewsletter

Eliglustat rispetto a Imiglucerasi nei pazienti con malattia di Gaucher di tipo 1 stabilizzata in terapia enzimatica sostitutiva

Il cardine del trattamento per la malattia di Gaucher di tipo 1 è l’infusione a settimane alterne della terapia enzimatica…

Leggi tutto

Terapia enzimatica sostitutiva con Velaglucerasi alfa rispetto a Imiglucerasi nei pazienti con malattia di Gaucher

La terapia enzimatica sostitutiva per la malattia di Gaucher è disponibile dal 1991. Uno studio ha confrontato l’efficacia e la…

Leggi tutto

Sicurezza ed efficacia di Velaglucerasi alfa nella malattia di Gaucher di tipo 1 nei pazienti precedentemente trattati con Imiglucerasi

Velaglucerasi alfa ( Vpriv ) è una glucocerebrosidasi prodotta mediante tecnologia di attivazione genica in una linea cellulare di fibroblasti…

Leggi tutto

Mediexplorer.itMedFocus

Osteopenia nella malattia di Gaucher in età precoce: risposta alla terapia enzimatica con Imiglucerasi in bambini, adolescenti e adulti

Nella malattia di Gaucher, la mutazione del gene per l’acido beta-glucosidasi ( GBA1 ) causa glucocerebrosidasi difettosa, e combinazioni di…

Leggi tutto

Malattia di Gaucher di tipo 1: Velaglucerasi alfa versus Imiglucerasi

Sono stati presentati i nuovi dati di uno studio clinico di fase III ( studio 039 ) disegnato per valutare…

Leggi tutto

Malattia di Gaucher di tipo 1: sicurezza ed efficacia del passaggio da Imiglucerasi a Velaglucerasi alfa

I dati di uno studio clinico di fase III ( TKT-034 ), disegnato per valutare la sicurezza del passaggio da…

Leggi tutto

FarmaExplorer.it:aggiornamenti sui farmaci da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Imatinib

Associazione di Dasatinib con sopravvivenza senza progressione tra i pazienti con tumori stromali gastrointestinali avanzati resistenti a Imatinib

I tumori stromali gastrointestinali ( GIST ) sono potenzialmente letali in caso di metastasi o se non sono suscettibili di…

Leggi tutto

Bosutinib versus Imatinib nella leucemia mieloide cronica di nuova diagnosi: studio BFORE

Bosutinib ( Bosulif ) è un potente inibitore della chinasi SRC/ABL approvato per gli adulti con leucemia mieloide cronica (…

Leggi tutto

Efficacia e tollerabilità del trattamento con Imatinib adiuvante a 5 anni per i pazienti con tumore stromale gastrointestinale primario resecato a rischio intermedio o alto: studio PERSIST-5

Tre anni di terapia adiuvante con Imatinib mesilato ( Glivec ) sono associati a una ridotta percentuale di recidiva e…

Leggi tutto

Xagena Salute

Effetto delle mutazioni KIT e PDGFRA sulla sopravvivenza nei pazienti con tumori gastrointestinali stromali trattati con Imatinib adiuvante

Non è chiaro se la durata di Imatinib ( Glivec ) adiuvante influenzi il significato prognostico delle mutazioni del recettore…

Leggi tutto

Interruzione di Imatinib nei pazienti con leucemia mieloide cronica

Imatinib ( Glivec ) può tranquillamente essere interrotto nei pazienti con leucemia mieloide cronica ( CML ) che hanno avuto…

Leggi tutto

Passaggio a Nilotinib da Imatinib in pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica con risposta sub-ottimale a Imatinib

La gestione ottimale dei pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica con risposta citogenetica non-ottimale rimane indeterminata. E’ stata…

Leggi tutto

Immunoterapia OncologicaXapedia.it

Pazopanib più migliore terapia di supporto rispetto a migliore terapia di supporto da sola nei tumori stromali gastrointestinali avanzati resistenti a Imatinib e Sunitinib: studio PAZOGIST

I tumori stromali gastrointestinali ( GIST ) sono le neoplasie mesenchimali più comuni del tratto gastrointestinale. Imatinib ( Glivec )…

Leggi tutto

Bosutinib a lungo termine per la leucemia mieloide cronica in fase cronica dopo fallimento di Imatinib più Dasatinib e/o Nilotinib

Bosutinib ( Bosulif ) è un inibitore della tirosina chinasi Src/Abl ( TKI ) indicato per gli adulti con leucemia…

Leggi tutto

Rotazione di Nilotinib e Imatinib per il trattamento di prima linea della leucemia mieloide cronica in fase cronica

L’introduzione degli inibitori della tirosin-chinasi di seconda generazione ( TKI ) ha generato un vivace dibattito sulla scelta degli inibitori…

Leggi tutto

FarmaExplorer.it:aggiornamenti e novità sui farmaci da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Idrossiclorochina

Terapia di associazione Leflunomide – Idrossiclorochina nei pazienti con sindrome di Sjögren primaria: studio RepurpSS-I

La sindrome di Sjögren primaria è una malattia autoimmune sistemica caratterizzata da disfunzione della ghiandola secretoria, per la quale non…

Leggi tutto

FDA: l’uso improprio di Idrossiclorochina, Clorochina per COVID-19 può aumentare il rischio di aritmie, di mortalità

L’Agenzia regolatoria statunitense FDA ( Food And Drug Adminsitration ) ha emesso un avviso di sicurezza ( warning ) avvisando…

Leggi tutto

Idrossiclorochina non-associata a insufficienza cardiaca nell’artrite reumatoide

In un recente studio il trattamento con Idrossiclorochina non è risultato associato a insufficienza cardiaca nei pazienti con artrite reumatoide;…

Leggi tutto

XagenaNewsletter

Esiti dell’utilizzo dell’Idrossiclorochina nei veterani degli Stati Uniti ricoverati in ospedale con COVID-19

Nonostante i dati limitati e contrastanti sull’uso dell’Idrossiclorochina nei pazienti affetti da COVID-19, la FDA ( U.S. Food and Drug…

Leggi tutto

Livelli ematici di Idrossiclorochina per prevedere la retinopatia da Idrossiclorochina nel lupus eritematoso sistemico

Nel 2016 l’American Academy of Ophthalmology ( AAO ) ha modificato il dosaggio giornaliero raccomandato di Idrossiclorochina da 6.5 mg/kg…

Leggi tutto

Benefici metabolici e cardiovascolari della Idrossiclorochina in pazienti con artrite reumatoide

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità nei pazienti con artrite reumatoide. L’Idrossiclorochina ha dimostrato di migliorare i…

Leggi tutto

Mediexplorer.itNuovi farmaci in oncologia

Idrossiclorochina nella profilassi primaria della trombosi di pazienti positivi agli anticorpi antifosfolipidi senza malattia autoimmune sistemica

Uno studio ha determinato l’efficacia della Idrossiclorochina nella prevenzione della trombosi primaria dei pazienti con anticorpi antifosfolipidi ( aPL )…

Leggi tutto

Effetti della Idrossiclorochina sul miglioramento dei sintomi nella sindrome di Sjögren primaria

La sindrome di Sjogren primaria è una malattia autoimmune sistemica caratterizzata da secchezza della bocca e degli occhi, dolore e…

Leggi tutto

Idrossiclorochina efficace come trattamento di seconda linea per gli adulti con trombocitopenia immune e anticorpi antinucleari positivi

Il trattamento dei pazienti con trombocitopenia associata a lupus ( SLE-ITP, lupus eritematoso sistemico – porpora trombocitopenica idiopatica ) non…

Leggi tutto

FarmaExplorer.it:aggiornamenti e novità farmaceutiche da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Idelalisib

Venetoclax per leucemia linfatica cronica progredita durante o dopo la terapia con Idelalisib

Gli inibitori della via dei recettori delle cellule B ( BCRi ) hanno trasformato il trattamento della leucemia linfatica cronica…

Leggi tutto

Efficacia e sicurezza di Idelalisib in combinazione con Ofatumumab nella leucemia linfatica cronica precedentemente trattata

Idelalisib ( Zydelig ), un inibitore selettivo di PI3K-delta, è approvato per il trattamento di pazienti con leucemia linfatica cronica…

Leggi tutto

Idelalisib, un inibitore selettivo di PI3K-delta, per il linfoma di Hodgkin classico recidivato o refrattario 

L’inibitore del fosfatidilinositolo-3-chinasi-delta ( PI3K-delta ) Idelalisib ( Zydelig ) ha dimostrato di bloccare la segnalazione intracellulare a valle, di…

Leggi tutto

Mediexplorer.itMedFocus

Sicurezza e tollerabilità della combinazione Idelalisib, Lenalidomide e Rituximab nel linfoma recidivante e refrattario

Una nuova generazione di agenti biologici e mirati potrebbe potenzialmente sostituire gli agenti citotossici tradizionali nel linfoma. La combinazione Lenalidomide…

Leggi tutto

Idelalisib o placebo in combinazione con Bendamustina e Rituximab nei pazienti con leucemia linfatica cronica recidivata o refrattaria

Bendamustina ( Levact ) e Rituximab ( MabThera ) è uno standard di cura per la gestione dei pazienti con…

Leggi tutto

Idelalisib, un inibitore della fosfatidilinositolo-3- chinasi p110 delta, nel linfoma a cellule del mantello recidivato o refrattario

Idelalisib ( Zydelig ), un inibitore orale di fosfatidilinositolo-3-chinasi delta ( PI3K delta ), è stato valutato in uno studio…

Leggi tutto

Mediexplorer.itNuovi farmaci in oncologia

Idelalisib, un inibitore selettivo della fosfatidilinositolo-3-chinasi-delta, come terapia per il linfoma non-Hodgkin indolente trattato in precedenza

Idelalisib ( Zydelig ), un inibitore orale di fosfatidilinositolo-3-chinasi-delta, è stato valutato in uno studio di fase I in 64…

Leggi tutto

Idelalisib, un inibitore della fosfatidilinositolo-3- chinasi p110delta, nella leucemia linfatica cronica recidivata o refrattaria

In uno studio di fase 1, Idelalisib ( Zydelig ), un inibitore selettivo della chinasi lipidica PI3K delta, è stato…

Leggi tutto

FarmaExplorer.it:aggiornamenti e novità sui farmaci da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Iclusig

Leucemia mieloide cronica, leucemia linfoblastica acuta: misure per minimizzare il rischio di coaguli ematici con Iclusig

Il Comitato di Valutazione del Rischio per la Farmacovigilanza ( PRAC ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato…

Leggi tutto

EMA: ulteriori misure per minimizzare il rischio di ostruzione dei vasi sanguigni con Iclusig, un farmaco ematologico

L’EMA ( European Medicines Agency ) ha concluso la sua revisione dei benefici e dei rischi di Iclusig ( Ponatinib…

Leggi tutto

Gastrobase.it

Iclusig nel trattamento della leucemia mieloide cronica e della leucemia mieloide cronica con cromosoma Philadelphia positivo

Iclusig è un medicinale per la cura dei tumori che contiene il principio attivo Ponatinib. È indicato per il trattamento…

Leggi tutto

Iclusig: aumento delle segnalazioni di gravi coaguli ematici in arterie e vene

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administraion ) sta fornendo informazioni agli operatori sanitari i cui…

Leggi tutto

Avviata una ulteriore revisione del farmaco antileucemico Iclusig

L’EMA ( European Medicines Agency ) ha avviato una approfondita revisione dei benefici e dei rischi del farmaco per la…

Leggi tutto

Mediexplorer.itXapedia.it

Iclusig, un farmaco antileucemico: raccomandazioni per minimizzare il rischio di formazione di coaguli ematici

Il Comitato per i medicinali per uso umano ( CHMP ) dell’Agenzia europea EMA ( European Medicines Agency ) ha…

Leggi tutto

PRAC: rischio di gravi eventi vascolari occlusivi seri associati a Iclusig, un farmaco per la leucemia mieloide cronica e la leucemia linfoblastica acuta Ph+

Il Pharmacovigilance Risk Assessment Committee ( PRAC ) dell’European Medicines Agency ( EMA ) ha preso in esame nuove informazioni…

Leggi tutto

Autorizzazione alla commercializzazione di Iclusig nella Unione Europea per il trattamento della leucemia mieloide cronica e della leucemia linfoblastica acuta Ph+

Ariad Pharmaceuticals ha annunciato che la Commissione Europea ( CE ) ha concesso l’autorizzazione alla commercializzazione di Iclusig ( Ponatinib…

Leggi tutto

FarmaExplorer.it:aggiornamenti e novità sui farmaci da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Ibritumomab Tiuxetano

Aggiunta di 90Y-Ibritumomab tiuxetano a regime di condizionamento a ridotta intensità per trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche efficace nel linfoma a cellule B in stadio ad alto rischio e avanzato

I pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B in stadio avanzato, refrattario a chemioterapia iniziale o recidivante dopo trapianto autologo…

Leggi tutto

Trattamento di consolidamento con Ibritumomab tiuxetano con Ittrio-90 dopo un nuovo regime di induzione nei pazienti con linfoma follicolare intermedio e ad alto rischio

La recidiva è la principale causa di fallimento terapeutico nel linfoma follicolare. E’stato valutato il ruolo di consolidamento con Ibritumomab…

Leggi tutto

Linfoma di Hodgkin follicolare in stadio avanzato: terapia di consolidamento della prima remissione con Ibritumomab tiuxetano con Ittrio-90

Sono stati presentati i risultati aggiornati dopo un follow-up mediano di 7.3 anni dello studio di fase III First-Line Indolent…

Leggi tutto

XagenaNewsletter

Ibritumomab tiuxetano marcato con Ittrio 90 come trattamento di prima linea per il linfoma follicolare

È stato condotto uno studio multicentrico di fase II su Ibritumomab tiuxetano marcato con Ittrio 90 ( ITY-90; Zevalin )…

Leggi tutto

Linfoma a cellule B persistente ad alto rischio: trapianto allogenico con condizionamento non-mieloablativo a base di TBI, 90Y-Ibritumomab tiuxetano, Fludarabina

Il trapianto allogenico non-mieloablativo raramente cura il linfoma a cellule B ( linfoma non-Hodgkin a cellule B ) attivo, chemioresistente,…

Leggi tutto

Ibritumomab tiuxetano con Ittrio-90 nel trattamento del linfoma extranodale degli annessi oculari allo stadio precoce

Uno studio ha valutato l’efficacia e gli effetti collaterali di Ibritumomab tiuxetano radiomarcato con Ittrio 90 ( Zevalin ) per…

Leggi tutto

FarmaExplorer.it:aggiornamenti e novità sui farmaci da Xagena

FarmaExplorer.it

Motore di ricerca sui Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Ibandronato

Ibandronato: basso tasso di fratture con l’impiego continuativo per lungo periodo

Ibandronato ( Acido Ibandronico; Bonviva ) riduce il rischio di fratture vertebrali e non-vertebrali, rispetto al placebo, nelle donne in…

Leggi tutto

Ibandronato orale versus osservazione in pazienti con carcinoma mammario ad alto rischio in fase iniziale

I bifosfonati prevengono gli eventi scheletrici in pazienti con carcinoma mammario metastatico. I loro effetti nel tumore alla mammella in…

Leggi tutto

Ibandronato mensile versus Alendronato settimanale per osteoporosi nei pazienti con cirrosi biliare primaria

L’osteoporosi con conseguente fratture ossee è una complicanza nei pazienti con cirrosi biliare primaria. Alendronato una volta alla settimana migliora…

Leggi tutto

Xapedia.itFarmaExplorer

Donne in postmenopausa trattate con la combinazione di Ormone Paratiroideo (1-84) e Ibandronato dimostrano differenti cambiamenti microstrutturali del radio vs tibia

Nelle donne in post-menopausa che assumono una combinazione di ormone paratiroideo ( PTH ) (1-84) e Ibandronato ( Boniva, Bonviva…

Leggi tutto

Effetto di Ibandronato mensile sulla densità minerale ossea e sui marcatori del turnover osseo nei pazienti con emofilia A e B e aumentato rischio di frattura

L’emofilia A e B sono state associate ad un aumento della prevalenza di bassa densità minerale ossea ( BMD )….

Leggi tutto

Denosumab aumenta la densità minerale ossea dopo la menopausa in misura maggiore rispetto ad Ibandronato

Le donne in postmenopausa con bassa densità minerale ossea ( BMD ), che in precedenza avevano ricevuto bifosfonati, presentano un…

Leggi tutto

Mediexplorer.itBiomedicina.it

Ibandronato nella prevenzione delle fratture non-vertebrali

È stata compiuta un’analisi con l’obiettivo di valutare l’effetto di alti rispetto a bassi dosaggi di Ibandronato ( Bonviva )…

Leggi tutto

Ibandronato riduce il rischio di fratture non-vertebrali e di fratture cliniche nelle donne con osteoporosi postmenopausale

I dosaggi di Ibandronato ( 150 mg una volta al mese per via orale e 3 mg ogni tre mesi…

Leggi tutto

Studio DIVA: efficacia e tollerabilità a 2 anni delle iniezioni endovenose di Ibandronato nella osteoporosi in postmenopausa

Lo studio DIVA ( Dosing IntraVenous Administration ) è stato disegnato con l’obiettivo di identificare la schedula ottimale per l’iniezione…

Leggi tutto

1 2 3 7