Ultiva – Xagena Search:gli aggiornamenti più recenti sui farmaci da Xagena.it

Xagena Search.net

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Ultiva





Leucemia mieloide acuta e mutazioni di FLT3

Il gene FLT3 codifica per un recettore emopoietico ad attività tirosin-chinasica che viene espresso precocemente dai progenitori emopoietici e gioca un ruolo importante nella proliferazione delle cell … leggi

Alliance Dermatite

Incidenza e rischio relativo di carcinoma cutaneo a cellule squamose con inibitore BRAF e inibitore BRAF/MEK nei pazienti oncologici

L’inibitore BRAF e l’inibitore BRAF/MEK sono stati approvati per il trattamento del melanoma con mutazioen nel gene BRAF. Il carcinoma cutaneo a cellule squamose ( cuSCC ) è un evento avverso associa …


Fattori prognostici per le metastasi parotidee del carcinoma cutaneo a cellule squamose del testa-collo

Nell’80% dei casi il carcinoma cutaneo a cellule squamose ( CSCC ) si sviluppa sulla testa. La metastasi parotidea è rara, ma il trattamento, che associa chirurgia e radioterapia, ha una prognosi inf …


Idroadenoma, identificata una nuova fusione genica CRTC3-MAML2

L’idroadenoma si presenta solitamente come una lesione nodulare solitaria, a crescita lenta, solida o cistica, che si manifesta in vari siti anatomici. Non è di facile diagnosi per il fatto che il …

Incidenza e rischio relativo di carcinoma cutaneo a cellule squamose con inibitore BRAF e inibitore BRAF/MEK nei pazienti oncologici

L’inibitore BRAF e l’inibitore BRAF/MEK sono stati approvati per il trattamento del melanoma con mutazioen nel gene BRAF. Il carcinoma cutaneo a cellule squamose ( cuSCC ) è un evento avverso associa …


Fattori prognostici per le metastasi parotidee del carcinoma cutaneo a cellule squamose del testa-collo

Nell’80% dei casi il carcinoma cutaneo a cellule squamose ( CSCC ) si sviluppa sulla testa. La metastasi parotidea è rara, ma il trattamento, che associa chirurgia e radioterapia, ha una prognosi inf …

Xagena Newsletter


Idroadenoma, identificata una nuova fusione genica CRTC3-MAML2

L’idroadenoma si presenta solitamente come una lesione nodulare solitaria, a crescita lenta, solida o cistica, che si manifesta in vari siti anatomici. Non è di facile diagnosi per il fatto che il …

Incidenza e rischio relativo di carcinoma cutaneo a cellule squamose con inibitore BRAF e inibitore BRAF/MEK nei pazienti oncologici

L’inibitore BRAF e l’inibitore BRAF/MEK sono stati approvati per il trattamento del melanoma con mutazioen nel gene BRAF. Il carcinoma cutaneo a cellule squamose ( cuSCC ) è un evento avverso associa …


Fattori prognostici per le metastasi parotidee del carcinoma cutaneo a cellule squamose del testa-collo

Nell’80% dei casi il carcinoma cutaneo a cellule squamose ( CSCC ) si sviluppa sulla testa. La metastasi parotidea è rara, ma il trattamento, che associa chirurgia e radioterapia, ha una prognosi inf …


Idroadenoma, identificata una nuova fusione genica CRTC3-MAML2

L’idroadenoma si presenta solitamente come una lesione nodulare solitaria, a crescita lenta, solida o cistica, che si manifesta in vari siti anatomici. Non è di facile diagnosi per il fatto che il …











OncoDermatologia:novità ed aggiornamenti da Xagena.it

Nuovo vaccino a RNA messaggero: CureVac scarsamente efficace nei soggetti di 60 anni o più – Se i primi dati saranno confermati sarà difficile per questo vaccino ottenere l’autorizzazione da parte dell’EMA

CureVac

IL VACCINO COVID-19 DI PRIMA GENERAZIONE DI CUREVAC MANCA IL BERSAGLIO CON UN’EFFICACIA DEL 47%

I dati preliminari di uno studio di fase 2b/3 riguardanti il vaccino candidato all’ RNA messaggero ( mRNA ) di prima generazione di CureVac hanno mostrato che l’efficacia è solo del 47% nel prevenire qualsiasi forma grave di COVID-19.

Lo studio su 40.000 persone, dall’America Latina all’Europa, e condotto con l’aiuto di Bayer, continuerà ancora con un’analisi finale nelle prossime settimane e la società ha affermato che i dati iniziali sono stati consegnati all’Agenzia europea per i medicinali. ( EMA ).

Il vaccino si è rivelato efficace tra i giovani ma non tra gli over-60, la fascia di popolazione più a rischio di contrarre forme gravi della malattia.

CureVac ha dichiarato: « AVEVAMO SPERATO IN RISULTATI PIÙ SOLIDI NELL’ANALISI, MA ABBIAMO SCOPERTO CHE È DIFFICILE OTTENERE UN’ELEVATA EFFICACIA CON QUESTA GAMMA DI VARIANTI SENZA PRECEDENTI. Stiamo continuando lo studio fino all’analisi finale» ( Fonte. Il Sole 24 Ore )

Virologia News

https://www.virologia.net
Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sulle Malattie virali. Papillomavirus, HIV, Virus epatite C, Herpes virus.

Sindrome respiratoria

Sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus …

Ribavirina

Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce …

Infezione da SARS-CoV-2

Il grado di immunità protettiva conferito dall’infezione da SARS …

Malattia di Kawasaki

Malattia di Kawasaki e COVID-19. La rapida diffusione della …

Virologia Farmaci

Newsletter Xagena. Aggiornamento in Medicina …

Nevirapina

Terapie antiretrovirali in donne dopo esposizione a singola …

PegInterferone alfa-2a

Pegasys nel trattamento dei pazienti con co-infezione HIV …

Coronavirus

Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce …

Valcyte

Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce …

Viramune

Terapie antiretrovirali in donne dopo esposizione a singola …

 

Vaccinazione eterologa: vaccino AstraZeneca come prima dose e vaccino Pfizer come seconda dose

Vaccinazione eterologa

GRADISCE UN COCKTAIL DI VACCINO ? – LAZIO, LOMBARDIA E PUGLIA HANNO DUBBI SUL MIX TRA ASTRAZENECA E PFIZER O MODERNA TRA PRIMA E SECONDA DOSE: LE TRE REGIONI CHIEDONO SPIEGAZIONI AL GOVERNO, CHE PERÒ TIRA DRITTO SULLA SOLUZIONE ETEROLOGA – SI VA VERSO IL CONSENSO INFORMATO COME IN SPAGNA: CHI VUOLE PUÒ FIRMARE E FARSI INIETTARE ANCORA IL FARMACO ANGLO-SVEDESE – ESPERTI E VECCHI VERTICI DELL’AIFA CONTINUANO AD AVERE DUBBI SUL CAMBIO DI VACCINO…

Fonte: https://lnkd.in/dDzmTvw

AGGIORNAMENTO PER I MEDICI by XAGENA

Vaccini News

https://www.vaccini.net
Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati. Vaccini batterici e virali inattivati. Vaccini coniugati. Vaccini antitumorali.

La vaccinazione per fasce d’età

La vaccinazione per fasce d’età: adulti. Nel corso dell’età adulta …

Immunogenicità e sicurezza di

Immunogenicità e sicurezza di un vaccino contro il meningococco …

Focus

I vaccini contro il papillomavirus umano ( HPV ) sono stati …

Vaccino COVID Janssen

Vaccino COVID Janssen: avvertenze speciali e …

Efficacia del vaccino BNT162b2

L’RNA messaggero modificato nel vaccino BNT162b2 ( mRNA di …

Keywords

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali …

Vaccino meningococcico

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali …

Efficacia del vaccino

Efficacia del vaccino pneumococcico decavalente …

Sicurezza ed efficacia di

L’esito primario dello studio era la sicurezza ( incidenza di eventi …

Shingrix, un vaccino in grado …

Shingrix, un vaccino in grado di proteggere contro l’Herpes …

 

Urologia:novità ed aggiornamenti da Xagena.it

Psichiatria:aggiornamenti e newsletter da Xagena.it

COVID: viviamo in un mondo di varianti – In Gran Bretagna in 1 settimana si è passati dal monitorare 13 varianti del virus SARS-CoV-2 a 25

Delta variante

25 VARIANTI COVID MONITORATE IN GRAN BRETAGNA – SENZA MISURE DI CONTENIMENTO LA VARIANTE DELTA POTREBBE SPINGERE L’INDICE R A 7

La dottoressa Hopkins di Public Health England ( PHE ) ha affermato che se la variante Delta fosse lasciata diffondere, senza alcuna restrizione, il numero R potrebbe raggiungere il valore di 7.

R è il numero medio di persone a cui una persona infetta trasmetterà il virus.

” Ora viviamo in un mondo di varianti, quindi tutto ciò che vediamo è una variazione dell’originale “

8 varianti di COVID-19 sono “sotto indagine”, insieme alle 25 che vengono monitorate.

“Tutti hanno mutazioni di cui siamo preoccupati, ma le mutazioni da sole non sono sufficienti per prevedere se avrà davvero un impatto sul percorso vaccinale e sul rischio di ospedalizzazione per la salute pubblica”, ha aggiunto Hopkins.

Nel più recente briefing tecnico di Public Health England dell’11 giugno, le varianti sotto monitoraggio erano 13, 8 sotto indagine e 5 varianti preoccupanti.

A poco più di 1 settimana le varianti monitorate sono diventate 25.

La trasmissibilità di Delta è decisamente maggiore di Alfa, che a sua volta aveva una trasmissibilità maggiore rispetto ai virus wild-type.

La variante Delta ora rappresenta il 91% dei nuovi casi di coronavirus nel Regno Unito. ( Fonte: Sky News LINK: https://news.sky.com/story/25-covid-variants-being-monitored-and-without-restrictions-delta-variant-could-push-r-to-7-phe-chief-says-12333869 )

Virologia News

https://www.virologia.net
Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sulle Malattie virali. Papillomavirus, HIV, Virus epatite C, Herpes virus.

Infezione da SARS-CoV-2

Il grado di immunità protettiva conferito dall’infezione da SARS …

Malattia di Kawasaki

Malattia di Kawasaki e COVID-19. La rapida diffusione della …

Virologia Farmaci

Newsletter Xagena. Aggiornamento in Medicina …

Nevirapina

Terapie antiretrovirali in donne dopo esposizione a singola …

PegInterferone alfa-2a

Pegasys nel trattamento dei pazienti con co-infezione HIV …

Coronavirus

Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce …

Valcyte

Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce …

Viramune

Terapie antiretrovirali in donne dopo esposizione a singola …

Ribavirina

Virologia, le novità in Virologia. Virologia.net fornisce …

Persistenza del virus Zika nei …

Persistenza del virus Zika nei liquidi corporei. È stata valutata …

 

Tysabri – Xagena Search:novià sui farmaci da Xagena.it

Xagena Search.net

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Tysabri




Colite ulcerosa ed efficacia di Vedolizumab

Più del 40% dei pazienti affetti da colite ulcerosa moderata-grave ha raggiunto remissione clinica dopo un anno di assunzione di un farmaco sperimentale Vedolizumab ( Entyvio ). Il farmaco biologic … leggi












Pneumologia:aggiornamenti e newsletter da Xagena.it

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Bambini con tosse grassa cronica e sospetta bronchite batterica protratta: vantaggi del trattamento per 4 settimane con Amoxicillina e Acido Clavulanico rispetto al ciclo di 2 settimane

La bronchite batterica protratta ( PBB ) è una delle principali cause di tosse grassa ( o produttiva ) cronica nei bambini. In uno studio sono stati evidenziati alcuni vantaggi della somministrazi …


 

Nivolumab e Ipilimumab come terapia di mantenimento nel tumore polmonare a piccole cellule a malattia estesa: studio CheckMate 451

Nel tumore polmonare a piccole cellule a malattia estesa ( ED-SCLC ), i tassi di risposta alla chemioterapia di prima linea a base di Platino sono robusti, ma le risposte mancano di durata. CheckMat …


 

Camrelizumab più Carboplatino e Pemetrexed rispetto alla sola chemioterapia nei pazienti naive alla chemioterapia con tumore polmonare non-a-piccole cellule non-squamoso avanzato: studio CameL

L’immunoterapia combinata con la chemioterapia si è dimostrata efficace come trattamento per il tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), non-squamoso, avanzato senza aberrazioni genetiche ta …


 

Effetto di un singolo giorno di aumento dell’uso di Budesonide – Formoterolo secondo necessità sul rischio a breve termine di esacerbazioni gravi nei pazienti con asma lieve: analisi post-hoc dello studio SYGMA 1

Nell’asma lieve, Budesonide – Formoterolo ( Symbicort ) al bisogno riduce il rischio di esacerbazione a lungo termine rispetto ai beta2-agonisti a breve durata d’azione ( SABA ) al bisogno, con una ri …


 

Pembrolizumab nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule con performance status 2: studio PePS2

Il blocco terapeutico di PD-1 e del suo ligando PD-L1 ha trasformato la gestione del tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ). Gli studi clinici con Pembrolizumab ( Keytruda ) hanno arruolat …

Pneumobase.it


 

Antibiotici per via endovenosa versus antibiotici per os per l’eradicazione di Pseudomonas aeruginosa nella fibrosi cistica: studio TORPEDO-CF

L’infezione polmonare cronica da Pseudomonas aeruginosa è una delle cause più importanti di mortalità e morbilità nella fibrosi cistica. Se gli antibiotici vengono somministrati prontamente, l’infez …


 

Inibitore DPP-1 Brensocatib nelle bronchiectasie

I pazienti con bronchiectasie hanno frequenti riacutizzazioni che si pensa essere correlate a infiammazione neutrofila. L’attività e la quantità di serina proteasi dei neutrofili, inclusa l’elastasi …


 

Pamrevlumab, una terapia anti-fattore di crescita del tessuto connettivo, per la fibrosi polmonare idiopatica: studio PRAISE

Il fattore di crescita del tessuto connettivo ( CTGF ) è una glicoproteina secreta che ha un ruolo centrale nel processo di fibrosi. Lo studio PRAISE è stato progettato per valutare la sicurezza, la …


 

Pirfenidone nei pazienti con malattia polmonare interstiziale fibrosante progressiva non-classificabile

Al momento, non sono disponibili farmacoterapie approvate per la malattia polmonare interstiziale ( ILD ) non-classificabile, caratterizzata da fibrosi progressiva del polmone. Sono state valutate l’ …


 

CheckMate 227: i dati di follow-up a 3 anni hanno mostrato una sopravvivenza globale durevole a lungo termine con la combinazione Nivolumab e Ipilimumab nel cancro al polmone non-a-piccole cellule

I pazienti con tumore polmonare avanzato non-a-piccole cellule che hanno ricevuto Nivolumab e Ipilimumab hanno dimostrato continui benefici di sopravvivenza a lungo termine, rispetto alla chemioterapi …


 

Cancro al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo: Alectinib ha dimostrato un miglioramento clinicamente significativo nella sopravvivenza globale rispetto a Crizotinib – Dati aggiornati dello studio ALEX

I dati aggiornati dello studio di fase 3 ALEX hanno indicato che Alectinib ( Alecensa ) ha dimostrato un miglioramento clinicamente significativo della sopravvivenza globale ( OS ) rispetto a Crizotin …


 

Capmatinib mostra efficacia nel carcinoma polmonare con mutazione dell’esone 14 di MET o con amplificazione di MET, compresi i pazienti con metastasi cerebrali

Le analisi di coorte dello studio di fase 2 GEOMETRY mono-1 hanno mostrato l’efficacia dell’inibitore di MET Capmatinib ( Tabrecta ) nel trattamento di alcuni pazienti con carcinoma polmonare non-a-pi …


 

Follow-up a 6 anni di uno studio su Vitamina-D prenatale per la riduzione dell’asma

Sono stati precedentemente riportati i risultati di uno studio sull’integrazione prenatale di Vitamina-D per prevenire l’asma e il respiro sibilante ricorrente nei bambini piccoli che ha suggerito un …


 

Esiti clinici dell’inibitore della proteasi dell’HIV Nelfinavir con chemioradioterapia concomitante per il tumore del polmone non-a-piccole cellule in stadio IIIA / IIIB non-resecabile

Il fallimento locale dopo la chemioradioterapia ( CT-RT ) contribuisce significativamente alla mortalità nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule localmente avanzato ( LA-NSCLC ). Un …


 

Trattamento a lungo termine con Pentraxina 2 umana ricombinante in pazienti con fibrosi polmonare idiopatica

I pazienti con fibrosi polmonare idiopatica ( IPF ) trattati con PRM-151 ( Pentraxina 2 umana ricombinante ), in uno studio randomizzato controllato in doppio cieco di fase 2 avevano ridotto significa …

AIFA: Sintomi della Trombosi con Vaccini a vettore virale

Vaccini CoronavirusAIFA: DA CEFALEA A NAUSEA, I SINTOMI DELLE TROMBOSI CON VACCINI ASTRAZENECA E JOHNSON

Vaccini Astrazeneca e Johnson & Johnson: “In circa 9 casi su 10 le trombosi dei seni venosi cerebrali ( TSVC ) si presentano con cefalea di particolare intensità, che in genere i pazienti riferiscono come «mai provata prima”. E’ questo uno dei principali sintomi che fanno sospettare un evento trombotico raro, come illustrato nel documento pubblicato dall’Aifa sulle ” Complicanze tromboemboliche post-vaccinazione anti-COVID-19 con Vaxzevria ( AstraZeneca ) o con COVID-19 Vaccine Janssen ( Johnson & Johnson )”.

Più spesso il dolore è ingravescente, aumentando progressivamente nell’arco di un paio di giorni, ma altre volte può raggiungere la massima intensità in brevissimo tempo. Possono associarsi anche nausea e vomito, fotofobia, diplopia, calo della vista o perdita di coscienza.
Altre manifestazioni cliniche della trombosi dei seni venosi cerebrali invece possono essere rappresentate da crisi epilettiche, presenti all’esordio o dopo la comparsa della cefalea e da deficit neurologici simili a quelli osservati dopo un ictus cerebri ischemico. Non bisogna dimenticare, infatti, che le trombosi dei seni venosi cerebrali sono classificate sia tra le rare forme di trombosi venose che tra le rare forme di ictus. Vanno sempre sospettate in presenza di deficit neurologici di lato nei soggetti giovani, soprattutto se precedute o associate a cefalea.

Anche nelle trombosi delle vene addominali il sintomo più comune è il dolore, spesso diffuso e particolarmente intenso. Può associarsi a nausea e inappetenza. Altre volte si associa a sanguinamento gastrointestinale, soprattutto con emissione di feci frammiste a sangue.
In presenza di uno o più sintomi precedentemente descritti insorti nei giorni successivi alla somministrazione del vaccino, ed in particolare se intorno al 7 -21 giorno, soprattutto quando il dolore è di particolare intensità e/o è associato ad altri sintomi o segni, è opportuno sottoporre rapidamente il paziente ad accertamenti diagnostici.
Se la presentazione è importante, è fondamentale inviare immediatamente il paziente al Pronto Soccorso informando della recente vaccinazione. Resta inteso che qualora il quadro clinico sia dubbio perchè presenti sintomi di intensità lieve o già accusati precedentemente alla vaccinazione si raccomanda un monitoraggio attento dell’andamento clinico.

DOCUMENTO AIFAhttps://www.aifa.gov.it/-/aifa-pubblica-un-documento-di-approfondimento-del-gruppo-di-lavoro-emostasi-e-trombosi-di-esperti-in-patologie-della-coagulazione-sulle-complicanze-tromboemboliche-post-vaccinazione-anti-covid-19-con-i-vaccini-astrazeneca-e-johnson-johnson

 

Vaccini News

https://www.vaccini.net
Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati. Vaccini batterici e virali inattivati. Vaccini coniugati. Vaccini antitumorali.

La vaccinazione per fasce d’età

La vaccinazione per fasce d’età: adulti. Nel corso dell’età adulta …

Vaccino COVID Janssen

Vaccino COVID Janssen: avvertenze speciali e …

Focus

I vaccini contro il papillomavirus umano ( HPV ) sono stati …

Risposta immunitaria e

Risposta immunitaria e correlazione con carriage …

Efficacia del vaccino BNT162b2

L’RNA messaggero modificato nel vaccino BNT162b2 ( mRNA di …

Sicurezza ed efficacia di …

La vaccinazione BCG fornisce protezione incompleta contro la …

Vaccino meningococcico

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali …

Keywords

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali …

Immunogenicità e sicurezza di

Immunogenicità e sicurezza di un vaccino contro il meningococco …

Efficacia del vaccino

Efficacia del vaccino pneumococcico decavalente …

 

 

1 2 3 237