La FDA ha limitato in modo drastico l’uso del vaccino COVID di Johnson & Johnson a causa di rari ma gravi coaguli ematici

Vaccini

FDA: Il vaccino COVID di Johnson & Johnson può causare trombosi con sindrome da trombocitopenia – 60 casi e 9 decessi su quasi 19 milioni di vaccinazioni

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha imposto nuove restrizioni al vaccino contro COVID-19 di Johnson & Johnson, affermando che il rischio di una rara sindrome da coaguli di sangue, ma pericolosa per la vita, ha superato i benefici per le persone di età pari o superiore a 18 anni che possono utilizzare un vaccino a RNA messaggero ( mRNA ).

La FDA ha affermato che solo le persone che non sono in grado di ricevere altri vaccini perché non sono accessibili o non clinicamente appropriati, dovrebbero ricevere il vaccino di Johnson & Johnson.

Il vaccino Johnson & Johnson è stato associato a una rara sindrome da coagulazione del sangue e sanguinamento, ma potenzialmente mortale, denominata trombosi con sindrome da trombocitopenia ( TTS ).

La condizione di solito si verifica entro 1 o 2 settimane dalla vaccinazione, e un trattamento comunemente usato per affrontare i disordini coagulativi, l’Eparina, può causare ulteriori danni.

I funzionari del CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ) a dicembre 2021 avevano già raccomandato l’uso di altri vaccini invece del vaccino di Johnson & Johnson, ma un’ulteriore analisi ha convinto la FDA ad apportare modifiche sostanziali all’autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino.

Negli Stati Uniti sono state somministrate circa 18.7 milioni di dosi del vaccino di Johnson & Johnson, contro i 340.6 milioni dei vaccini Pfizer-BioNTech e ai 217.5 milioni di Moderna.

Il vaccino di Johnson & Johnson è stato autorizzato nel febbraio 2021, e presentava una schedula semplice: una sola somministrazione ( one-shot ).

Un’analisi aggiornata dei dati sulla sicurezza fino al 18 marzo ha rilevato che ci sono stati 60 casi confermati di sindrome della coagulazione ematica, con 9 decessi.

Anche con un trattamento rapido, la patologia può peggiorare rapidamente, con conseguenze sulla salute a lungo termine.

La FDA ha affermato che ci sono stati 3.23 casi di sindrome della coagulazione per milione di dosi di vaccino somministrate e 0.48 decessi per milione di dosi di vaccino somministrate.

Le persone che potrebbero ancora prendere in considerazione il vaccino di Johnson & Johnson sono coloro che hanno manifestato una reazione anafilattica ai vaccini a RNA messaggero ( mRNA ) o persone che altrimenti non sarebbero vaccinate.

Fonte: Washington Post

https://www.washingtonpost.com/health/2022/05/05/fda-johnson-and-johnson-vaccine/

Vaccini News

https://www.vaccini.net
Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati. Vaccini batterici e virali inattivati. Vaccini coniugati. Vaccini antitumorali.

La vaccinazione per fasce d’età

Nel corso dell’età adulta ( 19-64 anni ) è opportuna la …

Focus

Il virus varicella-zoster è l’agente eziologico della varicella …

Le vaccinazioni per fascia d’età

La somministrazione delle 3 dosi iniziali del vaccino anti …

Vaccino meningococcico

Menjugate è un vaccino meningococcico gruppo C …

New York State Department of Health: scarsa efficacia dei vaccini a RNA messaggero contro la variante Omicron nei bambini di 5-11 anni

Vaccino Pfizer.2

New York State Department of Health: vaccino Pfizer-BioNTech efficace contro la variante Omicron solo nel 12% nei bambini di 5-11 anni

In un nuovo studio che deve ancora essere sottoposto a revisione paritaria, il New York State Department of Health ha scoperto che il vaccino Pfizer-BioNTech ha un’efficacia solo del 12% circa nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni nei confronti della variante Omicron.

In questa fascia di età, il vaccino di Pfizer-BioNTech ha mostrato un’efficacia di circa il 68% contro la variante Delta, ma l’efficacia è diminuita significativamente durante la diffusione della variante Omicron dal 13 dicembre 2021 al 24 gennaio 2022. Anche la protezione contro il ricovero ospedaliero è crollata dal 100% al 48% nello stesso periodo.

Gli Autori di questo studio ritengono che il calo di efficacia possa essere il risultato del più basso dosaggio che i bambini di 5-11 anni hanno ricevuto. Sono state somministrate due dosi da 10 microgrammi, contro i 30 microgrammi per i bambini-ragazzi di età compresa tra 12 e 17 anni.

Fonte: BIOSPACE – LINK: https://www.biospace.com/article/pfizer-biontech-vaccine-loses-efficacy-against-omicron-in-kids-and-more-covid-19-news-/

 

Vaccini

Vaccini News

https://www.vaccini.net
Le novità sui VacciniVaccini.netVaccini batterici e virali attenuati. Vaccini batterici e virali inattivati. Vaccini coniugati. Vaccini antitumorali.

La vaccinazione per fasce d’età

Nel corso dell’età adulta ( 19-64 anni ) è opportuna la …

Miocardite e pericardite dopo …

Sono stati segnalati rari casi di infiammazione cardiaca a …

Focus

La vaccinazione contro l’influenza stagionale viene effettuata tra la …

Spikevax, vaccino anti-COVID …

Spikevax contiene una molecola denominata RNA messaggero …

Le vaccinazioni per fascia d’età

Il ciclo di base per le vaccinazioni contro difterite, tetano e …

Primo semestre 2021

Per il vaccino Vaxzevria ( AstraZeneca ), la distribuzione …

Virus

Molte persone incinte negli Stati Uniti stanno ricevendo vaccini …

La reverse vaccinology

I vaccini fanno in modo che il sistema immunitario impari a …

Keywords

Vaccini.net. Vaccini … Xagena Mappa. Xagena Newsletter …

Vaccino meningococcico

Mencevax ACWY è un vaccino meningococcico polisaccaridico …

 

La storia dei vaccini a RNA messaggero

Vaccino RNA messaggero

Quando inizia la storia dei vaccini a mRNA ?

Negli anni ’80 è stata prodotta la prima molecola di mRNA sintetico: l’allora neolaureato Robert Malone riuscì a far produrre alle sue cellule di laboratorio la proteina di suo interesse. Come? Mescolando le molecole di RNA appena sintetizzato a goccioline di grasso. Da lì l’ipotesi: se le cellule riescono a produrre proteine a partire da mRNA che viene dall’esterno, si può considerare l’RNA un farmaco?

Qualche anno dopo, questo traguardo ha spinto la biologa ungherese Katalin Karikò e l’immunologo Drew Weissman a sviluppare un vaccino a mRNA per l’HIV. Successivamente i due scienziati capirono che bastava semplicemente modificare la struttura di uno dei mattoncini che costituiscono l’RNA per placare la risposta infiammatoria innescata nei modelli animali da queste piccole molecole.

La ricerca e lo sviluppo di vaccini a mRNA venivano però considerati ancora troppo costosi dalle aziende farmaceutiche. Fino al 2000, quando nacquero BioNTech e Moderna. La piattaforma a mRNA è stata presa in considerazione per lo sviluppo di vaccini contro agenti patogeni infettivi, soprattutto dopo i tanti fallimenti dei vaccini convenzionali ( vedi l’HIV-1, il virus dell’herpes simplex e il virus respiratorio sinciziale ). [ Fonte: Istituto Mario Negri ]

 

Vaccini

Vaccini.net – Vaccini

Focus

Segnalazioni di reazioni avverse dopo vaccinazione anti …

Morbillo

M-M-RVAXPRO, un vaccino per l’immunizzazione contro morbillo …

Vaccini News

Vaccini contro il papillomavirus umano e la rivalutazione del …

Vaccino aerosol contro il …

Vaccino aerosol contro il morbillo. Il vaccino inalato può essere …

Le vaccinazioni per fascia d …

Le vaccinazioni per fascia d’età: infanzia. Vaccinazioni del …

Vaccini e la sindrome di …

Vaccini e la sindrome di Guillain-Barre. La sindrome di Guillain …

Bambini da 6 mesi a 4 anni: Pfizer ha chiesto l’approvazione all’FDA per il suo vaccino anti-COVID pediatrico al dosaggio di 3 microg

Bambini 6 mesi

La Pfizer ha fatto richiesta di autorizzazione, negli Stati Uniti, per l’uso emergenziale del vaccino anti-COVID ai bambini dai 6 mesi ai 4 anni

L’obiettivo è quello di avviare la somministrazione del vaccino alla fine di febbraio.

Secondo Pfizer, il vaccino, somministrato in due dosi, al dosaggio di 3 microg, sarebbe sicuro e in grado di produrre una risposta immunitaria.

Nel 2021, Pfizer aveva dichiarato che la doppia dose fosse meno efficace nei bambini di questa fascia di età, e che era necessario aggiungere una terza dose.

Secondo Associated Press, l’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti starebbe spingendo Pfizer a presentare la domanda sulla base dei dati riguardanti le due dosi per poi avviare a marzo una richiesta per la terza dose.

I bambini della fascia d’età 0.6-4 anni hanno bassissime probabilità, rispetto agli adulti, di sviluppare gravi complicazioni da COVID, ma questa vaccinazione rientra tra le priorità dell’amministrazione Biden fin dal suo insediamento.

Fonte: Associated Press

KEY TOPICS:

1) L’attuale vaccino pediatrico 0.6-4 anni di Pfizer-BioNTech è disegnato contro il virus di Wuhan che non circola più. E’ scarsamente efficace contro la variante Omicron ( -> Sarà necessario in futuro sostituirlo con vaccini aggiornati e diretti non solo contro la proteina spike )

2) Dai dati resi pubblici da Pfizer è emerso che la doppia dose non è molto efficace; è necessaria una terza dose che dovrebbe essere somministrata dopo 8 settimane dalla seconda [ PIANO VACCINALE: 3 DOSI IN 3 MESI ]

3) I vaccini a RNA messaggero in molte persone inducono risposte anticorpali alte, tuttavia presentano il limite della breve durata.

 

Vaccini

 

Vaccini.net – Vaccini

Focus

Segnalazioni di reazioni avverse dopo vaccinazione anti …

Morbillo

M-M-RVAXPRO, un vaccino per l’immunizzazione contro morbillo …

Vaccini News

Vaccini contro il papillomavirus umano e la rivalutazione del …

Vaccino aerosol contro il …

Vaccino aerosol contro il morbillo. Il vaccino inalato può essere …

Le vaccinazioni per fascia d …

Le vaccinazioni per fascia d’età: infanzia. Vaccinazioni del …

Vaccini e la sindrome di …

Vaccini e la sindrome di Guillain-Barre. La sindrome di Guillain …

USA: la Corte Suprema ha bocciato l’obbligo di vaccino e i test settimanali per i dipendenti delle grandi aziende

USA Bandiera

Stati Uniti, la Corte suprema boccia l’obbligo di vaccino o test settimanali per i dipendenti delle grandi aziende voluto da Biden

La Corte Suprema statunitense ha bloccato l’applicazione del provvedimento voluto dall’amministrazione Biden che prevede per i dipendenti delle grandi aziende ( più di 100 dipendenti )  l’obbligo vaccinale contro il Covid-19 o l’effettuazione di test settimanali ( qualcosa di simile al green pass italiano ) e l’uso di una mascherina sul posto di lavoro. Via libera invece allo stesso obbligo per i dipendenti delle strutture sanitarie che ricevono contributi federali. La decisione, che avrebbe riguardato 84 milioni di lavoratori, è stata bocciata dalla Corte a maggioranza conservatrice per 6 a 3.

L’obbligo, secondo la Corte Suprema, rappresenterebbe una “significativa invasione della vita e della salute di un vasto numero di dipendenti”

 

Vaccini

Vaccini News

https://www.vaccini.net
Le novità sui VacciniVaccini.netVaccini batterici e virali attenuati. Vaccini batterici e virali inattivati. Vaccini coniugati. Vaccini antitumorali.

La vaccinazione per fasce d’età

Le stesse occasioni devono essere sfruttate per la verifica …

Focus

La vaccinazione contro l’influenza stagionale viene effettuata tra la …

Le vaccinazioni per fascia d’età

Il ciclo di base per le vaccinazioni contro difterite, tetano e …

Vaccini esavalenti

Il vaccino esavalente ( DTP, IPV, HBV, Hib ), tra i vaccini …

Vaccinazione anti-influenzale

Segnalazioni di reazioni avverse dopo vaccinazione anti …

Keywords

Vaccini.net. Vaccini … Xagena Mappa. Xagena Newsletter …

Reuters: il Governo israeliano ha dato l’OK alla 4a dose ma solo per le persone immunocompromesse – Rimane in sospeso l’impiego della 4a dose per l’intera popolazione per i timori di un “affaticamento del sistema immunitario” a causa delle vaccinazioni troppo ravvicinate

Vaccino Pfizer

 

IL GOVERNO ISRAELIANO HA APPROVATO LA QUARTA DOSE CONTRO IL COVID-19 SOLO PER GLI IMMUNOCOMPROMESSI

GERUSALEMME, 30 dicembre ( Reuters ) – Israele sta per procedere con la seconda vaccinazione di richiamo contro il COVID-19 per le persone con un sistema immunitario indebolito, ha dichiarato un alto funzionario sanitario del Governo.

E’ ancora in sospeso la decisione finale su un utilizzo più ampio della quarta dose.

L’EFFICACIA OFFERTA DALLA TERZA DOSE E’ SOLAMENTE DI POCHI MESI

Il The New York Times ha riferito che alcuni Esperti del Comitato scientifico israeliano hanno espresso preoccupazione sulla somministrazione di una quarta dose di vaccino COVID in tempi ravvicinati, adducendo un possibile ” affaticamento del sistema immunitario “

FONTE: REUTERS [ link: https://www.reuters.com/world/middle-east/top-israeli-health-official-approves-second-covid-19-vaccine-booster-2021-12-30/ ]

Vaccini

 

Vaccini News

https://www.vaccini.net
Le novità sui VacciniVaccini.netVaccini batterici e virali attenuati. Vaccini batterici e virali inattivati. Vaccini coniugati. Vaccini antitumorali.

La vaccinazione per fasce d’età

Le stesse occasioni devono essere sfruttate per la verifica …

Vaccinazione anti-influenzale

Segnalazioni di reazioni avverse dopo vaccinazione anti …

Focus

La vaccinazione contro l’influenza stagionale viene effettuata tra la …

Vaccini esavalenti

Il vaccino esavalente ( DTP, IPV, HBV, Hib ), tra i vaccini …

Le vaccinazioni per fascia d’età

Il ciclo di base per le vaccinazioni contro difterite, tetano e …

Vaccinazioni per i soggetti di

Molte vaccinazioni sono di cruciale importanza per la prevenzione …

Focetria

Focetria è un vaccino influenzale pandemico ( antigene di …

Keywords

Vaccini.net. Vaccini … Xagena Mappa. Xagena Newsletter …

Vaccini monovalenti

ProQuad è indicato per la vaccinazione simultanea contro …

Vaccino bivalente

Le infezioni oncogeniche da papillomavirus umano ( HPV …

Aggiornamento sui Farmaci by Xagena

Farmaci.net

Rischio di reazioni anafilattiche associato a prodotti a base di Ferro per via endovenosa

Tutti i prodotti a base di Ferro somministrati per via endovenosa ( IV ) sono associati ad anafilassi, ma la relativa sicurezza di ciascun prodotto non è stata ben definita. E’ stato confrontato il r …


 

Gilenya, un farmaco per la sclerosi multipla recidivante-remittente: nuove raccomandazioni per minimizzare i rischi di una rara infezione cerebrale e un tipo di tumore della pelle

L’EMA ( European Medicines Agency ) ha emanato nuove raccomandazioni per medici e pazienti sui potenziali rischi correlati all’effetto immunosoppressivo del medicinale Gilenya ( Fingolimod ) nella s …


 

Diabete mellito: il REMS non è più necessario per garantire che i benefici dei medicinali contenenti Rosiglitazone superino i rischi

La FDA ( Food and Drug Administration ) ha deciso di eliminare la strategia di valutazione e mitigazione del rischio, anche conosciuta come REMS, per il farmaco antidiabetico Rosiglitazone, che è il …


 

Tecfidera: raccomandazioni per minimizzare il rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva, una rara infezione cerebrale, nei pazienti con sclerosi multipla

L’EMA ( European Medicines Agency ) ha emanato una nuova raccomandazione per medici e pazienti al fine di minimizzare i rischi di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ) nei pazienti con sc …


 

Quetiapina Mylan: rischio di sintomi extrapiramidali, sonnolenza, alterazione dei parametri metabolici e aumento di peso

Sono state riportate importanti informazioni di sicurezza per un corretto uso della Quetiapina nel trattamento della depressione bipolare e per evidenziare come i cambiamenti dei parametri metabolici …


 

Sindrome della vescica iperattiva: Betmiga associato a rischio di aumento della pressione arteriosa

Gli operatori sanitari sono stati informati riguardo a nuove raccomandazioni per l’uso di Betmiga ( Mirabegron ). Sono stati segnalati gravi casi di ipertensione e aumento della pressione arteriosa …


 

Avviata una rivalutazione degli spray per uso nasale e orale contenenti Fusafungina

L’EMA ( European Medicines Agency ) ha avviato una rivalutazione degli spray per uso nasale e orale contenenti l’antibiotico Fusafungina, utilizzato per trattare le infezioni delle vie respiratorie su …


 

Invokana e Invokamet: rischio di fratture ossee e diminuzione della densità minerale ossea

L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha rafforzato il Warning ( avvertenza ) per il farmaco per il diabete mellito di tipo 2 Canagliflozin ( Invokana, Invokamet ) relativo al maggiore rischio di fr …


 

Xgeva e il rischio di osteonecrosi della mandibola / mascella: nuova controindicazione per i pazienti con lesioni non-guarite da chirurgia dentale o orale

L’European Medicines Agency ( EMA ) con la collaborazione di Amgen ha informato gli operatori sanitari della nuova controindicazione in pazienti con lesioni non-guarite da chirurgia dentale o orale, d …


 

L’epatotossicità dei nuovi anticoagulanti orali è idiosincratica e compare a dosi terapeutiche

Case report e analisi di studi clinici e dei dati di farmacovigilanza hanno indicato che i nuovi anticoagulanti orali ( NOAC ) sono associati a un piccolo rischio di epatotossicità. L’obiettivo di …


 

I pazienti che assumono farmaci antinfiammatori non-steroidei, ad esclusione dell’Aspirina, hanno una più alta probabilità di essere colpiti da infarto miocardico o da ictus

La FDA ( Food and Drug Administration ) sta rafforzando l’avvertenza riguardo all’aumentato rischio di infarto del miocardio o di ictus dall’assunzione di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS …


 

Gilenya: l’FDA mette in guardia sui casi di leucoencefalopatia multifocale progressiva nei pazienti con sclerosi multipla

La FDA ( Food and Drug Administration ) ha avvertito che un caso di leucoencefalopatia progressiva multifocale ( PML ) conclamato e un caso di probabile PML sono stati riportati nei pazienti trattati …


 

Vaccini contro il papillomavirus – Il PRAC ha avviato un’indagine su possibili eventi avversi: sindrome da dolore regionale complesso e sindrome da tachicardia posturale ortostatica

L’EMA ( European Medicines Agency ) L’Agenzia Europea dei Medicinali ha iniziato una revisione dei vaccini per il papillomavirus ( HPV ) per chiarire ulteriormente degli aspetti del loro profilo di si …


 

Avviata la rivalutazione dei medicinali per il diabete denominati inibitori SGLT2: segnalati casi di chetoacidosi diabetica

L’EMA ( European Medicines Agency ) ha avviato una revisione di Canagliflozin, Dapagliflozin ed Empagliflozin, medicinali noti come inibitori SGLT2, impiegati nel trattamento del diabete mellito di ti …


 

Associazione di una variante genetica ereditaria con neuropatia periferica correlata a Vincristina in bambini con leucemia linfoblastica acuta

Con tassi di guarigione dalla leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) superiori all’85%, vi è la necessità di ridurre la tossicità del trattamento che può compromettere la qualità di vita, tra cui la neu …

Dati preliminari: i vaccini COVID di prima generazione perdono di efficacia nei confronti della variante Omicron – L’OMS tuttavia non ritiene al momento che ci sia necessità di nuovi vaccini

OMS - WHO

Gli studi preliminari suggeriscono che il vaccino Pfizer-BioNTech può proteggere solo parzialmente contro la variante Omicron

La variante Omicron può eludere parzialmente la protezione offerta da 2 dosi del vaccino COVID-19 Pfizer-BioNTech, ha dichiarato Alex Sigal del laboratorio presso l’Africa Health Research Institute in Sudafrica. Ma lo studio ha mostrato che il sangue di persone che avevano ricevuto due dosi del vaccino e avevano una precedente infezione era per lo più in grado di neutralizzare la variante, suggerendo che le dosi di richiamo del vaccino potrebbero aiutare a respingere l’infezione.

OMS: non ci sono evidenze riguardo alla necessità di nuovi vaccini contro la variante Omicron

La variante Omicron è stata rilevata per la prima volta in Africa meridionale a novembre 2021. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ) l’ha classificata come una variante di preoccupazione ( VOC ), ma ha affermato che non ci sono attualmente prove a sostegno della necessità di nuovi vaccini specificamente progettati per affrontare la variante Omicron con le sue numerose mutazioni.

Frankfurt University Hospital: la risposta alla variante Omicron con 3 dosi di Pfizer-BioNTech è 37 volte inferiore rispetto alla variante Delta

I test di un altro laboratorio, quello di Sandra Ciesek del Frankfurt University Hospital, ha dipinto un quadro un po’ più cupo. Esponendo il sangue degli individui vaccinati a diverse varianti del virus, è stato scoperto che la capacità di attivare una risposta anticorpale alla variante Omicron nelle persone che avevano ricevuto tre dosi di Pfizer-BioNTech era fino a 37 volte inferiore rispetto alla risposta alla variante Delta. Una risposta anticorpale a Omicron 6 mesi dopo un regime a due dosi di Pfizer-BioNTech, Moderna, o un ciclo misto di AstraZeneca / Pfizer non era nemmeno misurabile. L’insieme dei dati ha sottolineato che ha senso sviluppare un vaccino adattato a Omicron, aggiungendo che non è possibile trarre conclusioni sulla protezione contro le forme gravi di malattia.

Africa Health Research Institute: dopo 2 dosi del vaccino Pfizer i livelli di anticorpi neutralizzanti contro la variante Omicron si riducono di 41 volte

Il laboratorio di Alex Sigal ha testato il sangue di 12 persone che erano state vaccinate con due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech. Il sangue di cinque persone su sei che erano state vaccinate e precedentemente infettate da COVID-19 ha comunque neutralizzato la variante di Omicron. E’ stato, tuttavai, osservato un calo di 41 volte dei livelli di anticorpi neutralizzanti contro la variante Omicron. Sebbene gli anticorpi neutralizzanti siano un indicatore della risposta immunitaria, si ritiene che anche altri tipi di cellule come le cellule B e T siano stimolate dai vaccini e aiutino a proteggere dagli effetti del coronavirus.

Fonte: Reuters

Vaccini

Vaccini News

https://www.vaccini.net
Le novità sui VacciniVaccini.netVaccini batterici e virali attenuati. Vaccini batterici e virali inattivati. Vaccini coniugati. Vaccini antitumorali.

La vaccinazione per fasce d’età

Lo stesso vale per la vaccinazione contro la varicella, essendo …

Vaccino quadrivalente

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Focus

Esiste un significativo interesse internazionale per la …

Keywords

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Le vaccinazioni per fascia d’età

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Primo semestre 2021

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Focetria

Sindrome Guillain-Barré e vaccino adiuvante per l’influenza A …

Vaccinazioni per i soggetti di

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Vaccinazione anti-influenzale

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Vaccino meningococcico

Menjugate è un vaccino meningococcico gruppo C …

Panorama – Effetti avversi da vaccini: dati da EudraVigilance

Panorama Effetti Collaterali

La rivista Panorama ha presentato i dati riguardo alle reazioni avverse derivanti dalla vaccinazione anti-COVID, segnalati in tutta l’Unione Europea. Gli effetti indesiderati hanno coinvolto organi come il cuore, la pelle, il cervello, gli occhi, etc.

VIDEO PANORAMA

European database for suspected adverse drug reaction reports: LINK:  https://www.adrreports.eu/it/index.html

NOTA: Le informazioni presenti sul sito web EUDRAVIGILANCE non rappresentano una conferma di un potenziale nesso tra il medicinale e l’effetto o gli effetti osservati.

Database dei singoli vaccini ( cliccare sui rispettivi vaccini per accedere a EudraVigilance – La BancaDati Europea sulle reazioni avverse ai farmaci e vaccini ):

COVID-19 MRNA VACCINE MODERNA (CX-024414)
COVID-19 MRNA VACCINE PFIZER-BIONTECH (TOZINAMERAN)
COVID-19 VACCINE ASTRAZENECA (CHADOX1 NCOV-19)
COVID-19 VACCINE JANSSEN (AD26.COV2.S)

Panorama: Effetti collaterali dai vaccini COVID

I casi di sospette reazioni avverse ai vaccini COVID sono migliaia in tutta Europa, segnalati sul sito Eudravigilance dell’Agenzia del farmaco EMA.

Questi effetti avversi hanno coinvolto vari organi, dal cuore al cervello, dagli occhi alla pelle.

Angela Camuso su Panorama ha provato a fare ordine e a raccogliere i dati di queste sospette reazioni avverse da vaccini COVID.

Ora a 47 anni sono cieca”, racconta Caterina Santangelo, di Catania, titolare di un’azienda agricola. “Due giorni dopo la seconda dose Pfizer non ci vedevo più. Forse per un trombo o un’ischemia al cervello di cui ho trovato traccia negli esami. Un medico ospedaliero mi ha certificato la correlazione con il vaccino, ma altri medici mi dicono che non c’è legame. Già dopo la prima dose avevo avuto dolori dal gomito sinistro fino al torace ma pensavo fosse normale. Ora ho la vita rovinata ”.

Gli eventi avversi “gravi” segnalati in Europa dopo il vaccino Pfizer, spesso causa di ricovero con prognosi riservata, sono 219.960 secondo i dati Eudravigilance del 20 novembre scorso.

Di questi, 12.218 interessano il sistema linfatico e la circolazione, 28.917 il cuore; 11.883 le persone danneggiate agli occhi, 10.942 quelle con problemi al sistema immunitario, 1.068 i tumori benigni e maligni, 1.748 gli effetti su donne in gravidanza e nascituri, 12.869 quelli per sistema riproduttivo e allattamento.

Dopo il vaccino Moderna gli eventi gravi segnalati sono stati 69.024 di cui 10.262 al cuore; 2.388 a sistema riproduttivo e allattamento, 499 quelli dermatologici e sottocutanei, 32.143 gli effetti gravi al sistema nervoso.

Per AstraZeneca ne vengono segnalati 203.685, tra cui: 113.981 al sistema nervoso, 17920 a quello vascolare, 12.168 agli occhi, 19.470 le infezioni.

Per Johnson & Johnson sono 13.164, dei quali 1219 al cuore, 5.543 al sistema nervoso, 2.271 alla respirazione e 2.517 al sistema vascolare”.

In totale per tutti e quattro i vaccini, gli effetti gravi ( anche mortali ) sono 505.833, quelli non-gravi 675.288. “ Riguardano soprattutto persone tra 18 e 64 anni, più le donne, e il trend è in crescita. Dal terzultimo aggiornamento, del 19 ottobre, all’ultimo, 20 novembre, sono stati segnalati 40.252 effetti gravi in più, 26.094 solo per Pfizer, e quelli cardiaci sono quasi il triplo di quelli non-gravi: nelle schede di segnalazione, si legge che dopo Pfizer, l’ultimo adolescente è morto per arresto cardio-respiratorio il 17 novembre, un altro per miocardite il 3 novembre; il 2 novembre un altro minorenne ha avuto un arresto cardiaco e il 18 ottobre è morta una ragazzina ”.

Alessandro Capucci, cardiologo e medico dello sport ( vaccinato come tutti i medici, per i quali sussiste l’obbligo ), ha rivelato: “ Su 40 pazienti che vedo a settimana, 7-8 hanno problemi, presumibilmente legati alla vaccinazione. Ci sono anche donne di 30 anni che non riescono più a camminare ”.

Stesso allarme da un altro cardiologo, Fabrizio Salvucci, fino a un anno fa nei reparti COVID: “ Sto vedendo molte perimiocarditi da vaccino. Fino al 1° ottobre, in 30 anni non avevo mai fatto segnalazioni alla Farmacovigilanza, ora ne ho dovute fare 9 in 21 giorni. Soprattutto per la terza dose ”.

Fonte: Panorama, 2021 [ LINK: https://www.panorama.it/abbonati/Inchieste/eventi-avversi-vaccino ]

 

 

COVID: il nuovo vaccino proteico Vidprevtyn di Sanofi Pasteur – GSK

Vidprevtyn

I vaccini proteici, a differenza dei vaccini a RNA messaggero [ Pfizer – BioNTech & Moderna ], utilizzano la tecnologia impiegata per i vaccini antinfluenzali

Vaccino Vidprevtyn di Sanofi Pasteur – GSK – Approvazione a breve nell’Unione Europea

Il Comitato per i medicinali umani ( CHMP ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) sta revisionando Vidprevtyn, vaccino anti-COVID-19 sviluppato da Sanofi Pasteur.

I dati dei primi studi clinici negli adulti hanno indicato che il vaccino innesca la produzione di anticorpi che prendono di mira la proteina spike di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, e può aiutare a proteggere dalla malattia.

Vidprevtyn è un vaccino a base proteica che contiene una versione coltivata in laboratorio della proteina spike trovata sulla superficie del Sars-CoV-2. Contiene anche un adiuvante, una sostanza per aiutare a rafforzare le risposte immunitarie al vaccino.

Quando a una persona viene somministrato il vaccino, il suo sistema immunitario identifica la proteina spike come estranea e produce anticorpi contro di essa. Se, in seguito, la persona vaccinata entra in contatto con SARS-CoV-2, il sistema immunitario riconoscerà la proteina virale e sarà pronto a difendere il corpo dal virus.

 

Vaccini

Vaccini News

https://www.vaccini.net
Le novità sui VacciniVaccini.netVaccini batterici e virali attenuati. Vaccini batterici e virali inattivati. Vaccini coniugati. Vaccini antitumorali.

La vaccinazione per fasce d’età

Lo stesso vale per la vaccinazione contro la varicella, essendo …

Primo semestre 2021

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Focus

Esiste un significativo interesse internazionale per la …

Vaccino quadrivalente

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Le vaccinazioni per fascia d’età

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Vaccinazioni per i soggetti di

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Focetria

Sindrome Guillain-Barré e vaccino adiuvante per l’influenza A …

Keywords

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Vaccinazione anti-influenzale

Le novità sui Vaccini. Vaccini.net. Vaccini batterici e virali attenuati.

Vaccino meningococcico

Menjugate è un vaccino meningococcico gruppo C …

 

1 2 3 8