Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

BACIO DI GENNAIO

Doisneau

 

ça c' est tout




musica per l'amicizia




 

Ultimi libri letti...


Dacia Maraini
"La lunga vita
di Marianna Ucria"
donne, uomini
e affari di famiglie
in un lontano passato



Jean-Claude Izzo
"Solea"
quando la vita
chiede il conto
...a Marsiglia

ci sono i libri precedenti
 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

Ultimi commenti

 

Ultime visite al Blog

mpt2003elyravmgf70atapoexiettomassimocoppaartemisia_gentmisteropaganodiogene51Bloggernick10Smeraldo08NonnoRenzo0Quivisunusdepopulooscardellestelle
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 66
Prov: FI
 

ARRIVEDERCI




 

 

« LA TESTA IN ARIAFNALMENTE »

COSA LEGGERE

Post n°1496 pubblicato il 11 Gennaio 2018 da atapo
 

LIBRI  DA  VIAGGIO



 

Senza patente, io sono obbligata a servirmi dei mezzi pubblici. Se non si considerano gli scioperi, i ritardi, gli affollamenti, la cosa non mi è spiacevole: spostarmi senza la responsabilità e lo stress della guida, con tutto il tempo del viaggio per me: guardo, rifletto, organizzo, pianifico e... LEGGO!
Tengo un libro nella borsa, che si tratti di 15 minuti di autobus o di un'ora o più di treno, soprattutto se sono comodamente seduta, è molto probabile che lo tiri fuori e mi metta a leggerlo. Così come leggo nelle interminabili attese in banca, alle poste o negli ambulatori.
E allora mi occorrono i LIBRI DA VIAGGIO. Cioè quelli piccoli e soprattutto leggeri, da non appesantire troppo la borsa che, prerogativa delle donne, è sempre strapiena. Banditi dunque quei volumoni di carta patinata con la copertina rigida e grossa...
Ultimamente quando compro un libro faccio caso anche a questo, che mi sia facile portarlo con me negli spostamenti. I libri pesanti che ho già... restano sul comodino per le letture serali.
Scrittori, siete avvertiti... se volete che comperi le vostre opere occhio all'edizione! 
Il record delle letture da viaggio fu nell'ultimo periodo di vita della mia mamma: andavo spesso a Ferrara da lei, ancora non c'erano le Frecce, stavo in treno poco più di un'ora e mezzo all'andata e altrettanto al ritorno, "facevo fuori" un libro quasi ad ogni viaggio e così il tempo volava...

Ma c'è un altro tipo di libri che io definisco LIBRI DA VIAGGIO, o forse sarebbe meglio che dicessi LIBRI DI VIAGGIO. Quando faccio un viaggio di più giorni o una vacanza mi piace portare con me un libro adatto, ambientato o riferito al luogo in cui vado. Purtroppo non ho girato molti posti nel mondo  e dove sono stata non sempre sono possibili riferimenti letterari e narrativi, allora mi accontento di qualcosa che abbia a che fare col luogo o le sensazioni che provo lì e in quel periodo, così che poi la mia lettura rimanga per sempre legata a quell'esperienza di vita.
Non è sempre facile però, a volte ci riesco, a volte meno.
Ricordo una vacanza tanti anni fa in Puglia accompagnata da "I fuochi del Basento" di Raffaele Nigro: non parla della Puglia, ma sempre del sud lì vicino.
Qualche mese fa qui ho parlato di Stevenson e del suo "Viaggio nelle Cevennes" letto proprio mentre facevo lo stesso suo viaggio: bellissimo!
"Linea d'ombra" di Conrad mi ricorderà sempre le nostre esperienze un po' rocambolesche in Basilicata.
Emozionante fu leggere, di Cronin, "Gran Canaria" che in realtà è ambientato a Tenerife ed io mi trovavo proprio in vacanza su quell'isola: i meravigliosi giardini che lui descriveva io li vedevo davvero e ci passavo in mezzo, ogni giorno. Quel libro lo lasciai là, al libero scambio dell'hotel, sperando che altri turisti lo leggessero e provassero le stesse sensazioni di quelle atmosfere.
Marsiglia e il sud della Francia, che io amo così tanto, li ho ritrovati con grande gioia nei gialli della trilogia di Jean Claude Izzo: "Casino totale", "Chourmo" e "Solea". Poco dopo aver letto il primo visitai Marsiglia e quando lessi il secondo rividi i luoghi che avevo conosciuto. Allora l'ultimo l'ho tenuto per quando avessi fatto un altro viaggio in Provenza o sulla Mer Mediterranée: come è stato bello leggere "Solea" questo autunno, a Saint- Aygulf e ad Avignone!
"Solea" per me è stato il migliore della trilogia: è più riflessivo, malinconico, i rimpianti si scontrano con la vita dell'oggi e le sue tragedie (è un giallo-noir), mi chiedo se la mia preferenza è aumentata anche per merito del momento e del luogo in cui l'ho letto...
Quindi se devo partire per un viaggio, sia di 15 minuti in bus, sia di tanti giorni più lontano, non è affatto semplice per me la scelta dei libri da cui farmi accompagnare: piccoli, leggeri, adatti...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=13597647

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
diogene51
diogene51 il 11/01/18 alle 22:42 via WEB
Eh, purtroppo io ormai leggo poco. Finisce che sull'autobus uno sta sempre a smanettare su quella famosa scatoletta, anche perché i tragitti sono brevi e io vado quasi sempre a piedi e bisogna stare sempre attenti a dove metterli, per cui passeggiare col libro non è indicato. Sul treno leggo volentieri invece, se non mi distraggo a vedere il paesaggio che, benché a volte noto, è sempre piacevole o se non mi addormento. Il tempo libero per i libri è quando son lontano da quest'altra scatola, magari non lontano, sul balcone o in campagna o nei tempi liberi in vacanza. Raramente, però, leggo a tema. Buona serata!
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 12/01/18 alle 11:19 via WEB
Sì, vedo in bus la nuova "moda"... Di certo quando cammino non mi metto a leggere, è meglio che guardi dove metto i piedi! Quando sono in treno, se il tragitto è nuovo anch'io guardo il panorama, ma la maggior parte dei miei viaggi in treno sono su una linea di cui conosco a memoria ormai ogni chilometro, allora è più divertente leggere!
(Rispondi)
elyrav
elyrav il 12/01/18 alle 10:14 via WEB
Io ho la patente ma forse sarebbe meglio usare i mezzi per diversi motivi. Leggere per esempio, non ne ho mai il tempo. Buona giornata
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 12/01/18 alle 11:20 via WEB
Ecco, vedi, può essere un'idea! Buona giornata anche a te
(Rispondi)
artemisia_gent
artemisia_gent il 12/01/18 alle 22:05 via WEB
per motivi di salute io inveceadesso mi sposto sempre e solo a piedi, ma come sai leggo moltissimo, ma anch'io prediligo libri piccoli per diversi motivi, i libri sopra le 350 pagine mi spaventano tanto. E quindi sono alla continua ricerca di titoli light, per ora ne ho trovati tanti sulle bancarelle dell'usato...
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 13/01/18 alle 19:38 via WEB
E' vero, le bancarelle dell'usato sono una miniera d'oro. I libri con tante pagine a me spaventano solo per il peso, ogni tanto mi piace tenerne uno sul comodino e pian piano, ogni sera, leggerne qualche pagina.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.