Creato da LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl
 

 

« L'occhio del coniglio 1...EDS - La puzza »

EDS - Odore della domenica

Post n°706 pubblicato il 03 Marzo 2013 da LaDonnaCamel
 

Questo me lo manda la mia amica F. per partecipare all'EDS Sniff sniff - odori antichi come pure

S.Sebastiano di Dario

Terre lontane di Melusina

Ucci ucci di Hombre

Odori di ricordi di Lillina ma anche questo che potrebbe degnamente farne il seguito.

L'abbondanza di cozze - Fevarin e carnazza

L'odore della SIPE di Pendolante

Profumo di marsigli a ancora Lillina

Il profumo del rinnovamento di Mai Maturo

e te lo consiglio perché siamo della stessa scuola ;)

Tra poco posterò anche il mio, è pronto devo solo ripulirlo dalle pinzillacchere: oggi tre post: sciambula!

 

La polenta avanzata era in tavola  coperta con uno strofinaccio.  Le croste di formaggio gonfiavano sulla piastra della stufa e l’odore  di bruciacchiato saturava la cucina.  Mario vuotò il bicchiere di vino, si buttò il tabarro sulle spalle, accese una sigaretta e andò a fumarla in cortile.
Tirò avide boccate scrutando il cielo che era pieno di stelle. Buttò la cicca per terra e andò a pisciare dietro la catasta di legna come tutte le sere. Non sentì l’odore della concimaia, faceva troppo freddo. Quando rientrò sbattendo l’uscio la Gina gli fece segno portando il dito alla bocca di stare zitto.  Stava ascoltando la radio.
Anche  lui si mise in ascolto:
“Tornando a casa, troverete i bambini. Date una carezza ai vostri bambini e dite: questa è la carezza del Papa…….”.
“Mi piace proprio Papa Giovanni, ” disse la  Gina dopo un po’.
Mario rispose, con un già e girò le croste di formaggio sulla stufa: “E’ tutto sereno, mi sa che domattina c’è la brina, l’inverno è alle porte”. Lui le stagioni le sentiva in anticipo, nell’odore dell’aria.
E la brina la mattina dopo aveva ghiacciato il letame nel campo. Mario  imbracciò il forcone e sparse il concime  con fatica. Finito il lavoro fece un giro intorno al campo e si fermò sull’argine. Sul fondo  asciutto della roggia qualcosa attirò la sua attenzione, sembrava  un topo morto, ma  quando con una pertica riuscì a prenderlo vide un palloncino sgonfio legato a una cartolina.
Chi trova questa cartolina  vince un pacco dono. Spedire a Palmolive, via Nettunense, Anzio (Roma) ” c’era scritto.
 “E’ il tuo anno fortunato! Al tiro a segno hai vinto  il profumo,  alla lotteria di Pasqua l’uovo più grande e  adesso i detersivi”.  Disse Gina mentre scrutava  la cartolina, che portava stampati  i disegni di  una saponetta, un tubetto di dentifricio Colgate, una scatola di detersivo Olà e un cilindro di sapone da barba, Poi la  infilò nella fessura dei vetri della credenza in bella mostra.
 
La domenica mattina come faceva sempre la Gina mise il vecchio ferro della nonna a scaldare sulla stufa. Allargò un foglio di  giornale e dopo aver fatto sfrigolare il dito bagnato sotto la piastra del ferro, lo appoggiò sui pantaloni e  passò la riga  del vestito buono  di Mario  che  finito di sbarbarsi stava sciacquando il pennello nel catino. Guardò la Gina  e salì in camera.
 “Poco!”, urlò lei dabbasso e  Mario rimase col tappo dalla bottiglietta del profumo in mano. Ne versò solo due gocce sul fazzoletto.
Gli piaceva tanto quella bottiglia verde col tappo a forma di pigna! ma alla Gina il Pino Silvestre faceva venire la nausea e così lo metteva solo la domenica.
Verso le otto erano pronti per la messa, ma sull’uscio di casa  Mario si ricordò che aveva dimenticato  la cartolina e tornò a prenderla.

In chiesa c’erano solo donne e bambini. Gli uomini si erano fermati al bar.
Mario arrivò poco prima  della benedizione, s’infilò nel banco di fianco alla Gina. Bastò lo  sguardo severo di lei per farlo inginocchiare con gli occhi bassi.
 “Sono stato a comprare i francobolli e a spedire la cartolina!“.
Lei non rispose ma si inginocchiò di fianco a lui. Sentì l’odore di suo marito, quello della domenica, quello che le faceva scoppiare il mal di testa e venire la nausea. Guardò alla sinistra  dell’altare e pregò San Giorgio.
L’arciprete disse: “andate in pace”  dondolando braciere dell’incenso.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Area personale

 

Calendario

blocco dello scrittore

 

Ultimi commenti

Ma grazie!
Inviato da: LaDonnaCamel
il 03/08/2018 alle 10:03
 
Tanti AUGURI baci
Inviato da: gattoselavatico
il 31/07/2018 alle 15:50
 
L'incontro con Paolo nel momento in cui lui era ancora...
Inviato da: LaDonnaCamel
il 08/07/2017 alle 11:52
 
Dieta e palestra anche io che bisogna :) ma talent scout...
Inviato da: Amico.Dario
il 07/07/2017 alle 17:53
 
Ma anche io ne dico poche e solo quelle inutili, che le...
Inviato da: LaDonnaCamel
il 26/04/2017 alle 21:34
 
 

Ultime visite al Blog

Lady_SeleKtaRavvedutiIn2oranginellaTYPEONEGATIVEannamatrigianopoeta_semplicesurfinia60giacinto.garceaWhaite_Hazeaniram1959lubopocassetta2mauriziocamagnaPaciughina65PENSIERI51
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Le avventure di Nonugo

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 


ias

 

Chi pu scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom