Community
 
LaDonnaCamel
   
 

Scrivere

è il mio gioco preferito

Quaderno degli EDS #1: i sensi

Il quaderno degli EDS è un libro e un epub. Compralo su Amazon o su lulu!

 

 

 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Cara AGCOM, se dovessi disgraziatamente e inavvertitamente violare il diritto d'autore in queste pagine, avvisami con una mail a ladonnacamel@gmail.com prima di chiudermi il blog in cinque giorni, di prepotenza e senza processo: ti prometto che tolgo subito le cose che ti offendono.

 

Ultime visite al Blog

LaDonnaCamelrich.64pippop44enrico505pendolantedaunfiorecasalauracilentoLSDtripirragiungibilefolliasiamoallafrutta1Massimiliano_UdDIlConformistaLiveantropoeticooscardellestelle
 

Ultimi commenti

My spiritual guidance

More about Il diario intimo di Sally Mara

 

Le avventure di Nonugo

Citazioni nei Blog Amici: 38
 


ias

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Creato da: LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl

 

 
« La Donna Camèl si è aggi... »

Capitolo quinto: Che caldo

Post n°54 pubblicato il 04 Dicembre 2006 da LaDonnaCamel
 
Foto di LaDonnaCamel

(Le puntate precedenti nel box in alto a sinistra)

Arrivò il momento dell'ultimo balzo: fin qui ragazzi abbiamo scherzato, nelle oasi non si stava poi tanto male e con quel secco 40° erano sopportabilissimi. Da El Golea a Tamanrasset ci sono più di 1700 km e una sola città intermedia, si chiama Ain Salah e è la città più calda del mondo. Decidemmo quindi di fermarci il meno possibile per arrivare al piu' presto sull'altipiano dell'Hoggar, 1000 metri sul livello del mare, dove le temperature si presupponevano meno proibitive.

Nel frattempo avevamo scoperto qualche trucchetto, che ci permetteva di sopravvivere durante questi lunghi trasferimenti. Ben presto abbiamo smesso di andare in giro seminudi, a parte l'impatto psicologico con la cultura locale che all'inizio avevamo sottovaluto, coprirsi ci riparava dal caldo. Per evitare di bere in continuazione ci bagnavamo i vestiti. Mentre uno guidava, l'altro gli rovesciava in testa un paio di bicchieri d'acqua. Bisognava stare attenti perche' a temperatura ambiente scottava, così la facevamo scendere piano piano e per qualche minuto eravamo a posto. I capelli e la camicia si asciugavano in dieci minuti, i jeans duravano anche un quarto d'ora, poi si ricominciava.

Un altro vantaggio dell'acqua calda a volontà era che si poteva fare il caffè mentre si andava: con il nescafè e due cucchiaini di zucchero ci tenevamo su senza doverci fermare troppo spesso. Del resto la velocità di crociera era piuttosto bassa, circa 60 km/ora: la strada era brutta, le invasioni di sabbia frequenti e col sovraccarico che avevamo bisognava evitare di far surriscaldare i motori.

Solo al ritorno abbiamo pensato di rinfrescare l'acqua da bere con l'effetto "ghirba". Infilavamo la bottiglia in una calza che tenevamo costantemente bagnata: l'intensa evaporazione raffreddava l'acqua rapidamente e la soluzione era più efficace del frigo, che a batteria o a gas non rendeva molto e poi era così piccolo che ci stavano giusto due lattine e quattro scatolette di carne.

Ain Salah era calda come previsto e il termometro arrivò a segnare 63°, questo perché è nel centro di una conca desertica che come il fuoco di un paraboloide attira i raggi del sole senza poterli dissipare in nessun modo. Ci fermammo a dormire alcune ore, non si riusciva nemmeno a stare nella tenda, così ci sdraiammo sul tetto della macchina, direttamente sotto le stelle. E' vero, come dicono, che l'escursione termica tra il giorno e la notte è notevole, però quindici o venti gradi in meno ti portano a 45°, anche se si sta un po' meglio non si dorme mica tanto bene e di certo non si soffre il freddo.

Dopo un'altra giornata di marcia arrivammo alle porte di Tamanrasset che era già buio. Ancora capofila noi, ci trovammo improvvisamente davanti una serie di barili che sbarravano la strada con sopra delle fiaccole accese e si sentiva in lontananza uno strano rullare ritmico, come se fusti di metallo fossero percossi con un bastone.

Porco giuda, i predoni del deserto.

(continua)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

L'occhio del coniglio

Libro, mobi, epub come vuoi tu, compralo su Amazon o su lulu!

Da oggi anche su Anobii

 

 

Di questi qui non me ne perdo una:

 

 

Alcuni aneddoti dal mio futuro

Caricamento...
 

Angie

Caricamento...
 

Bartelio

Caricamento...
 

Calikanto

Caricamento...
 

Capitano mio capitano

Caricamento...
 

Coniglio della moda

Caricamento...
 

Coniglio Mannaro

Caricamento...
 

La linea d'Hombre

Caricamento...
 

Mai Maturo

Caricamento...
 

Michele per caso

Caricamento...
 

Ora e qui

Caricamento...
 

Poco mossi gli altri mari

Caricamento...
 

Pendolante

Caricamento...
 

Singlemama

Caricamento...
 

Solo testo

Caricamento...
 

Sputa il rospo

Caricamento...
 

Tapirullanza

Caricamento...
 

Transmission

Caricamento...
 

Un pezzo di Milano che cammina con gli occhiali

Caricamento...
 

Vanamonde

Caricamento...
 

Vibrisse

Caricamento...