Community
 
LaDonnaCamel
   
 

Scrivere

è il mio gioco preferito

Quaderno degli EDS #1: i sensi

Il quaderno degli EDS è un libro e un epub. Compralo su Amazon o su lulu!

 

 

 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Cara AGCOM, se dovessi disgraziatamente e inavvertitamente violare il diritto d'autore in queste pagine, avvisami con una mail a ladonnacamel@gmail.com prima di chiudermi il blog in cinque giorni, di prepotenza e senza processo: ti prometto che tolgo subito le cose che ti offendono.

 

Ultime visite al Blog

tony54_gRicamiAmoilio_2009stallalpinapa.ro.lessspagnaasabbia_nel_ventopsicologiaforenseblumannaroanimavola1call.me.Ishmaeltobias_shuffleLaDonnaCamellost4mostofitallyeah
 

Ultimi commenti

Salve , post interessante, serena serata
Inviato da: RicamiAmo
il 30/07/2014 alle 18:36
 
sto guardando tutto bellissimo i rossi sono difficili il...
Inviato da: angie
il 23/07/2014 alle 12:02
 
Ciao amico :-*
Inviato da: LaDonnaCamel
il 21/07/2014 alle 20:15
 
Nessun disagio, solo un po' di pazienza :-*
Inviato da: LaDonnaCamel
il 21/07/2014 alle 20:15
 
Consiglio seguito :)
Inviato da: Amico.Dario
il 21/07/2014 alle 17:27
 
 

My spiritual guidance

More about Il diario intimo di Sally Mara

 

Le avventure di Nonugo

Citazioni nei Blog Amici: 38
 


ias

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Creato da: LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl

 

 
« BlobUna ragazza del secolo scorso »

Capitolo secondo: Più gente entra più bestie si vedono

Post n°44 pubblicato il 24 Novembre 2006 da LaDonnaCamel
 
Foto di LaDonnaCamel

(La puntata precedente nel box in alto a sinistra)


Con noi sarebbe venuta anche I., la sorella di B, e tre suoi amici con una Jeep. Sul camper avrebbero viaggiato anche W e G, in totale facevamo una bella carovana di tre macchine e dieci persone.

Ed e' così che ci immortala la prima foto dell'album, scattata dalla mamma di J al momento della partenza.

Ci imbarcammo a Genova e in 24 ore eravamo in Tunisia: dopo avere espletato lunghissime e soffocanti pratiche doganali eccoci pronti per esplorare l'Africa.

Due parole sul viaggio in traghetto solo per menzionare che, in coda per la cena al self-service, noi ragazze avevamo adocchiato un tipo veramente notevole: alto, biondo, occhi azzurri, abbronzato, insomma, sembrava finto tanto era bello. Allora B, con la sua solita faccia tosta, gli si avvicinò con noncuranza e provò una frase banale in inglese - lui pensava sempre a tutto e a tutti.

Lo sventurato rispose.

Per farla breve H, il fenomeno, era tedesco bavarese e insieme a ML, altro bel fustacchione teutonico, si proponeva di affrontare un giro simile al nostro. Da quel momento la carovana si allungò di una macchina e non erano gli ultimi che B avrebbe rimorchiato: ad un certo punto ci siamo trovati ad essere in sei mezzi e diciassette persone.

Ma eravamo a Tunisi appena scesi dal traghetto.

Prima tappa: Monastir, accampamento notturno sul mare, bagno a mezzanotte e il giorno dopo visita al paese, che era proprio come uno si poteva immaginare: i venditori di granaglie con le grandi ceste esposte davanti alla bottega, le case imbiancate di calce, le donne quasi tutte velate, con una specie di mantello bianco che fasciava la testa come un foulard e veniva tenuto chiuso davanti al viso con la mano. Nell'insieme pero' piuttosto turistico.

Ci spostammo quasi subito per Gabes, sempre sul mare, e ci sistemammo sulla spiaggia, ben lontano dal centro abitato, creando un campo fortificato come quelli dei pionieri del Far West con tutte le macchine in cerchio attorno ai tavolini. A questo punto nel gruppo si registrava il massimo delle presenze, essendosi aggiunta una coppia di Genova e uno strano terzetto tedesco amburghese: la bella U con i suoi due fidanzati.

Dopo il breefing, in inglese maccheronico of course (nel senso di di corsa ;), decidemmo di fermarci alcuni giorni per acclimatarci e prepararci ai trasferimenti piu' duri che sarebbero seguiti.

Una mattina - era forse l'alba - strani rumori, scalpicci e versi inquietanti attraversarono il sottile tessuto della tenda. In quel momento tutta la letteratura avventurosa sui predoni del deserto che sgozzavano gli uomini e violentavano le donne o viceversa, a seconda dei gusti, si insinuò come una gelida mano dentro i nostri sacchi a pelo. E' vero che l'unione fa la forza, ma quando M mise la testa fuori per capire di cosa si trattasse, un po' turbati lo eravamo...

(continua)

(Lo so, ho usato un mezzuccio da telenovela d'appendice: restate connessi e saprete tutto!)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

L'occhio del coniglio

Libro, mobi, epub come vuoi tu, compralo su Amazon o su lulu!

Da oggi anche su Anobii

 

 

Di questi qui non me ne perdo una:

 

 

Alcuni aneddoti dal mio futuro

Caricamento...
 

Angie

Caricamento...
 

Bartelio

Caricamento...
 

Calikanto

Caricamento...
 

Capitano mio capitano

Caricamento...
 

Coniglio della moda

Caricamento...
 

Coniglio Mannaro

Caricamento...
 

La linea d'Hombre

Caricamento...
 

Mai Maturo

Caricamento...
 

Michele per caso

Caricamento...
 

Ora e qui

Caricamento...
 

Poco mossi gli altri mari

Caricamento...
 

Pendolante

Caricamento...
 

Singlemama

Caricamento...
 

Solo testo

Caricamento...
 

Sputa il rospo

Caricamento...
 

Tapirullanza

Caricamento...
 

Transmission

Caricamento...
 

Un pezzo di Milano che cammina con gli occhiali

Caricamento...
 

Vanamonde

Caricamento...
 

Vibrisse

Caricamento...