Creato da LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl
 

 

« SorvoliamoL'abbraccio »

Fotografia di mio padre

Post n°176 pubblicato il 14 Giugno 2007 da LaDonnaCamel
 
Foto di LaDonnaCamel

Gli stivaloni di mio padre erano di gomma verde militare con la suola a carroarmato marroncina. Erano veramente enormi, sia perché lui portava il 45 di piede che in confronto a me bambina era incommensurabile, sia perché erano altissimi, gli arrivavano a metà coscia e quindi erano un po’ più alti di me. Però erano molli e non stavano su da soli, me li ricordo sempre piegati in due o tre. In alto avevano dei gancetti che volendo si potevano usare per tenerli su, come una specie di reggicalze, accessorio che a quei tempi faceva ancora parte del guardaroba di tutti i giorni delle donne: la mamma e la nonna lo usavano e ho fatto in tempo a usarlo pure io per un po’: le prime collant le ho messe in terza liceo; ma papà non li agganciava, non so come ma in qualche modo gli stavano su da soli.
Qualche volta mio fratello aveva provato a infilarseli ma anche se si piegavano non riusciva ad arrivare in fondo col piede e non poteva fare nemmeno un passo, mica come pollicino che aveva rubato quelli dell’orco e gli stavano a pennello.

Mi par di vederlo, di spalle, in piedi in mezzo al torrente, pantaloni di velluto a coste marroni infilati negli stivali, la sua immancabile camicia scozzese di flanella con i taschini col bottone per metterci le sigarette, così se si chinava non gli cadevano in acqua, la canna in mano e il caratteristico rumore del mulinello: il frullo dei cuscinetti e poi lo scatto, tac, e poi ancora il ronzio leggermente diverso di quando recuperava: il tutto durava pochi minuti e via daccapo in un’altra buca.

E’ così che funziona la pesca nel torrente, si deve lanciare in continuazione, lo si deve andare a cercare il pesce. E’ qui che si vede l’esperienza del pescatore che a occhio sa indovinare le pozze buone, a seconda della confomazione del terreno, della disposizione dei sassi, della velocità della corrente e il sole e un sacco di altri fattori che io non so dire. E’ come un gioco a rimpiattino con le luci e le ombre dei rami e delle nuvole. La canna è corta per non impigliarsi negli alberi che spesso sono quasi dentro l’acqua. Pure il pescatore sta dentro l’acqua gelida, infatti mio padre si metteva due o tre paia di calze di lana dentro gli stivaloni. E camminava tutto il tempo, ogni due o tre lanci un passo. Forse solo nella pesca subacquea il contatto con il pesce è così stretto, quasi un corpo a corpo dove ci vuole l’astuzia ma anche la forza e la resistenza: quanti chilometri alla fine di un pomeriggio a risalire il torrente? sette, otto? anche venti!
E se aveva osservato bene le rive e la vegetazione e i fiori e gli insetti, indovinato il colore e la forma del cucchiaino, se aveva scovato la buca giusta e la trotella ingenua aveva mangiato, se era stato svelto col guadino e agile tra i massi, il suo cestino si riempiva.
Aveva cucito un pezzetto di metro da sarto sul coperchio, per controllare che le prede non fossero fuori misura: diciotto o venti centimetri, a seconda dei posti. Quelle piccole venivano slamate con delicatezza e ributtate dentro: arrivederci alla prossima volta, e mandami la mamma.

Fotografia di mio padre a ventidue anni

Ottobre. Qui in questa fetida, estranea cucina
studio la faccia imbarazzata di mio padre da giovane.
Un sorrisetto timido, in una mano tiene una sfliza
di persici gialli e spinosi, nell'altra
una bottiglia di birra Carlsbad.

In jeans e camicia di tela, sta appoggiato
contro il paraurti anteriore di una Ford del 1934.
Gli piacerebbe avere un'aria spavalda e cordiale per i posteri,
portare il suo vecchio cappello inclinato su un orecchio.
Per tutta la vita mio padre ha voluto essere un duro.

Ma gli occhi lo tradiscono, e le mani
che mostrano senza convinzione quella sfilza di persici morti
e la bottiglia di birra. Padre, ti voglio bene,
ma come posso dirti grazie, io che pure non reggo l'alcol,
e che non conosco nemmeno i posti buoni per pescare?

Raymond Carver

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Area personale

 

Ultime visite al Blog

lacky.procinooscardellestellemisteropaganoLaDonnaCamelAmico.Dariomoschettiere62ioguadagnolineElemento.Scostanteacer.250black.whalecar.briAnima.in.Volomax_riservidokc
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Le avventure di Nonugo

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 


ias

 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Scrivere è il mio gioco preferito

L'occhio del coniglio

Libro, mobi, epub come vuoi tu, compralo su Amazon o su lulu!

Da oggi anche su Anobii

 

 

Joomla! Lombardia

Caricamento...
 

Angie

Caricamento...
 

Capitano mio capitano

Caricamento...
 

Coniglio della moda

Caricamento...
 

Coniglio Mannaro

Caricamento...
 

La linea d'Hombre

Caricamento...
 

Mai Maturo

Caricamento...
 

Michele per caso

Caricamento...
 

Ora e qui

Caricamento...
 

Solo testo

Caricamento...
 

Sputa il rospo

Caricamento...
 

Tapirullanza

Caricamento...
 

Transmission

Caricamento...
 

Un pezzo di Milano che cammina con gli occhiali

Caricamento...
 

Vanamonde

Caricamento...
 

Vibrisse

Caricamento...