Creato da LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl
 

 

« 6 luglioLe avventure di Nonugo 1/n »

Fotoromanzo

Post n°466 pubblicato il 10 Luglio 2011 da LaDonnaCamel
 

L'ho rifatto. Perché sono così, che se una cosa mi piace una volta sola non mi basta, ho come l'impressione che la prossima volta sarà ancora meglio, mi faccio delle aspettative, mi dico che se ho fatto qualche piccolo sbaglio la prossima volta starò più attenta. Poi gli errori si fanno lo stesso, si capisce, si fanno errori diversi. Per questo voglio provare e riprovare, anche se lo so che la perfezione non esiste o se esiste non si può raggiungere mai. Però una tensione verso il meglio non è sbagliata, è giusto provare e mettercela tutta. E poi se non è giusto pazienza, lo voglio fare e lo faccio.
Così ho preso su la bici, era più o meno la stessa ora di sabato scorso ma non faceva così fresco, non c'era aria e l'afa si sentiva.
Stavolta ho controllato che il telefono fosse carico, tutte le tacche aveva, che lo uso per fare le foto. L'ho messo in tasca, pronto alla mano. Lo ammetto, speravo di reincontrare la nutria. Evabbè, sarò fissata ma voglio una foto di quella nutria e vediamo chi la vince.
Oggi ho le gambe meno legnose, per quanto sia passata una settimana si vede che i muscoli rispondono meglio. Stamattina ho fatto altro esercizio fisico: ho pulito il terrazzo che è un lavoraccio. Stai a vedere che se vado avanti così divento in forma davvero.
E allora pedalare senza fretta, che il vento me lo faccio io e la differenza si sente.

Ci sono dei momenti in cui mi accorgo all'improvviso che sto andando in bicicletta e mi dico da sola ehi, so andare in bicicletta e mi sembra impossibile. Eppure è vero, e adesso non cado nemmeno quando me lo dico, si vede che mi sono abituata.

Voglio fare un po' di foto, ci sono degli scorci bellissimi su questo naviglio, a raccontarli nessuno ci crede, specie se come prova porto una foto senza nutria.
Voglio fare tante foto invece e metterle nel blog, non solo nella galleria che messe lì così non dicono niente. Queste sono le cose che sto pensando mentre pedalo, posso anche distrarmi e guardare gli alberi sulla riva opposta, gli orti stretti poco sopra il pelo dell'acqua e tenere d'occhio i ciclisti che mi vengono incontro, le signore che spingono i passeggini, quelli che corrono tutti sudati, ma come faranno che io, già così. Le foto le mischio un po' al testo che scriverò, ieri ho letto che Giulio Mozzi sta facendo un fotoromanzo, lo vedi, tutto torna, farò anche io un fotoromanzo. Sono proprio una blogger persa a pensare di scrivere di una cosa mentre la sto facendo. Proprio adesso che i blog son passati di moda, come i fotoromanzi. Va che son controcorrente anch'io come Mozzi. Difatti all'andata si pedala controcorrente, l'acqua mi viene incontro, ma questo lo sapevo già da prima.

viale monza

E allora scendo e fisso giù questa bella casa a due passi da viale Monza. C'è un tunnel per passare sotto la strada, si sente subito il fresco, peccato che è corto. Ogni tanto una nuvola passa davanti al sole e i ciclisti ringraziano, ma l'arietta di sabato scorso era un caso straordinario.
Mi domando se mi ricorderò il posto della nutria, ci sono già le paperette in fila, mi sa che non manca molto. L'ha vista anche Massimo, è famosa. Mi ha detto perché non l'ho chiamato, che sarebbe venuto anche lui. Non l'ho chiamato perché avevo voglia di andare da sola e anche oggi ho fatto finta di niente.
Mi ha portata lui qui, due anni fa siamo andati fino a Gorgonzola. Come ero tesa, facevo il doppio di fatica e mi bolliva la testa. Un po' è anche proprio perché c'era lui, dovevo tenere il suo ritmo, non mi potevo fermare quando volevo. Lui era paziente e cercava di adattarsi alla mia imbranataggine, però ogni volta che dicevo di sì spostava il traguardo un po' più in là e io di conseguenza frenavo. Sarò bastian contrario?

tana

Ecco il posto della nutria, son sicura, lo riconosco dal tronco che sporge. Scendo e mi avvicino al parapetto. La nutria non c'è ma il posto è occupato. C'è un uccello nero che si liscia le penne col becco e una paperetta che va avanti e indietro

Quello deve aver appena fatto il bagno e si sta facendo la messinpiega davanti alla tana della mia nutria, per forza lei non viene fuori. Aspetto un po', cammino avanti e indietro anch'io come la paperetta ma niente, si vede che non è il momento. Gli osservatori di nutrie devono avere molta pazienza e molto tempo da perdere, io oggi sono un'osservatrice di nutrie frettolosa, ci ho la smania. Vado. Al ritorno, casomai.
Poche pedalate e sono a Crescenzago, il canale costeggia per un pezzetto viale Padova e poi si gira a sinistra, si va sulla strada asfaltata fino a un cancello, e dopo il cancello un ponte.

cartello

Davanti al ponte c'è questo cartello. Un po' offensivo, a dirla tutta: sarà bassa per voi, per me mica tanto. La prima volta che sono arrivata al baretto mi pareva di aver scalato l'Everest.
Il ponte va spiegato: qui c'è un incrocio di acque: da una parte il Seveso, che è un fiume vero e proprio, anche se piccolo, dall'altra la Martesana che è un fiume finto, artificiale.

ponte

Il ponte passa proprio sopra l'incrocio. Per non sbagliare ci hanno messo un altro cartello, come se fosse possibile perdersi: c'è una strada sola, è sempre vicino al canale, perfino io sono in grado di tornare a casa.

Di qui il Seveso arriva, è brutto da vedere perché c'è una specie di chiusa, o diga, e forse anche una cava o fabbrica, non si capisce bene, sembra più artificiale del canale, magari su wikipedia c'è scritto.

Dall'altra parte il Seveso va via e si vede che è un fiume vero, con le sue belle rive irregolari.
Il ponte è tutto fatto su con una rete metallica, forse per le piene, non credo per evitare di cadere di sotto. Questa foto l'ho fatta tra una maglia e l'altra.
Siamo quasi a Vimodrone.

Difatti, ecco un altro cartello. Adesso mi fanno un po' ridere, ma la prima volta li leggevo tutta fiera, pensa, Vimodrone! pensa, Cologno Monzese! Pensa, Cernusco sul Naviglio! Cassano d'Adda no, non ci sono mai arrivata. Però chissà, c'è un punto, più avanti, dove la ciclovia incontra la metropolitana. Alla domenica si può salire con la bici, dieci minuti e sei già lì, e allora anche l'Adda diventa possibile.
Ma intanto adesso siamo qui, vicino all'autostrada, la tangenziale.

b

Qui c'è sempre qualcuno che si ferma a riposare, o a pescare giù dal ponte. Sempre tranne che in questo preciso momento. Mi fermo io, il posto è libero. Mi rinfresco all'ombra e guardo giù per la discesa.

Una discesa ripida e in curva che va a finire dentro un tunnel stretto e buio, per passare sotto all'autostrada. Ti butti giù a rottadicollo e poi d'improvviso sei cieco. Una paura, io poi non ho nemmeno il campanello. Ogni volta mi dico che me lo devo comprare, non posso andare avanti a fare la tosse per far spostare i pedoni. Del resto non mi va nemmeno di gridare pista!, come si fa in questi casi? si chiede permesso? Scusi per favore vorrebbe per cortesia guadagnare il bordo della pista ciclabile di modo che io, che per l'appunto starei ciclando, possa procedere nella direzione di marcia. Insomma, faccio due colpi di tosse e così si tirano da parte. Sono impaziente, l'ho già detto?
Comunque questa discesa non è niente vista da questa parte, immaginatela al ritorno, in salita. Le prime volte dovevo scendere e spingere la bici, troppo ripida e troppo lunga per me. La mia bici non ha mica le marce, era quella che costava meno.

Da qui in poi le strade si attraversano, non ci sono più le gallerie e ogni volta sono salite e discese per raggiungere il livello stradale. La cosa bella delle salite è che poi c'è la relativa discesa, con la relativa l'arietta che ti accarezza le ascelle.

 

 

Quello della foto qui sopra è il pezzo più brutto. Il canale ha le rive squadrate e lisce che sembrano marciapiedi, alberi pochi e piccoli e i prati a lato, saranno anche ben tenuti ma sembrano artificiali, sembrano quei campi di calcio fatti di moquette che ci sono negli oratori, non ti porta nemmeno vicino alla sospensione dell'incredulità. Faccio questa foto per documentare, non son tutte rose e fiori.
Ma il telefono, cioè la mia impropria macchina fotografica, emette un lamento. Dannazione, la batteria si è scaricata, e io che volevo fotografare il baretto con la sua cupola astronomica. E volevo fotografare anche più avanti dove viene il bello, o la nutria, se per caso al ritorno. E invece niente. Dovrò tornare un'altra volta, mi tocca fare un fotoromanzo a puntate. Già è venuta fuori una mappazza così, non è nel mio stile. Digrigno i denti e senza accorgermi ci do dentro di brutto. Arrivo al baretto con la faccia che mi bolle. Prendo nota che si chiama Astro Bar, la cupola bianca simil osservatorio è tutta imbrattata di scritte.
Stavolta i soldi li ho portati, mi compro un calippo alla cocacola e mi siedo su una panchina. Il telefono non è morto del tutto, quasi quasi ci provo. Voglio entrare anche io nella foto in qualche modo e ci deve essere la bici e la cupola, soprattutto la cupola. Medito bene l'inquadratura e scatto. Pif. Come pif! Pif? Neanche click ha fatto, ha esalato l'ultimo fiato così, senza rumore.
Ecco, lo sapevo. Si vede che era destino.
Le cose finiscono, cara mia, devi fartene una ragione.
Eh, lo so ma non mi rassegno, mai. Mi faccio tutti i mie ragionamenti, mi avviso, mi preparo ma poi ci rimango male. Magari a parole faccio anche la cinica, la disincantata. A chi vuoi darla a bere, eh?
E intanto mi sono accorta che non ho nemmeno fumato la sigaretta. Senti, Bià, fatti sto favore, và, fallo per me, fumatela dopo, a casa. Massì, per una volta ti darò retta.
Mi rimetto in sella e vado senza fatica, non avessi il sole negli occhi sarebbe perfetto. Mi segno mentalmente di portarmi un paio di occhiali neri la prossima volta, da mettere sopra questi. C'è sempre spazio per fare meglio.
Pedalo a occhi bassi come una ragazza timorata e in un baleno sono alla tana della nutria. Mi fermo solo un momento, giusto per non dargliela vinta. E lei arriva come un sottomarino in emersione, la vedo bene, il dorso bruno che luccica contro sole, le orecchie tappate e gli occhietti furbi. L'acqua si apre a V al suo passaggio, come il mantello di una regina. Bastarda, dillo che lo sapevi che mi si è spento il telefono. Lei non fa una piega, arriva alla penisola e sparisce in un buco nascosto dalle foglie. Bada che non finisce qui, non è ancora nata la nutria che. E poi magari non è neanche una femmina.
Domani ci torno. Non c'è bisogno di farsi tutta la gita completa, domani prendo la macchina fotografica vera e te la faccio vedere io, nutria femmina o maschio che tu sia.
Poi, a casa ho messo in carica il telefono e ho guardato le foto.

 

io

L'ho messa piccola perché è venuta un po' sfocata. Però, delle volte, anche un pif...

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Area personale

 

Ultime visite al Blog

LaDonnaCamelforever_green3moschettiere62Profondicus1amorino11misteropaganoCarissa_ioIrrequietaDesmeralda.cariniMIchellixpaperinopa_1974rustiko1matelettronicaStolen_words
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Le avventure di Nonugo

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 


ias

 

Chi pu scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Scrivere il mio gioco preferito

L'occhio del coniglio

Libro, mobi, epub come vuoi tu, compralo su Amazon o su lulu!

Da oggi anche su Anobii

 

 

Casa nuova

Caricamento...
 

Joomla! Lombardia

Caricamento...
 

Angie

Caricamento...
 

Capitano mio capitano

Caricamento...
 

Coniglio della moda

Caricamento...
 

Coniglio Mannaro

Caricamento...
 

La linea d'Hombre

Caricamento...
 

Mai Maturo

Caricamento...
 

Michele per caso

Caricamento...
 

Ora e qui

Caricamento...
 

Solo testo

Caricamento...
 

Sputa il rospo

Caricamento...
 

Transmission

Caricamento...
 

Un pezzo di Milano che cammina con gli occhiali

Caricamento...
 

Vanamonde

Caricamento...
 

Vibrisse

Caricamento...