Community
 
LaDonnaCamel
   
 

Scrivere

è il mio gioco preferito

Quaderno degli EDS #1: i sensi

Il quaderno degli EDS è un libro e un epub. Compralo su Amazon o su lulu!

 

 

 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Cara AGCOM, se dovessi disgraziatamente e inavvertitamente violare il diritto d'autore in queste pagine, avvisami con una mail a ladonnacamel@gmail.com prima di chiudermi il blog in cinque giorni, di prepotenza e senza processo: ti prometto che tolgo subito le cose che ti offendono.

 

Ultime visite al Blog

LaDonnaCamelpendolantestudiogeacounselingclavicymbolumAmicaMelusinaLylandralacey_munroAmicaLillinaAmicoHombreKimi.777IlRumoreDeiSilenzisyd_curtisdatum_per_formamTYPEONEGATIVE
 

Ultimi commenti

Eh, quando si arriva ai commenti mi tocca essere...
Inviato da: LaDonnaCamel
il 24/04/2014 alle 10:31
 
Mammasantissima dei treni mi piace. Poi guarda io ti porto...
Inviato da: pendolante
il 24/04/2014 alle 00:29
 
lol :D
Inviato da: LaDonnaCamel
il 23/04/2014 alle 21:14
 
post-uma?
Inviato da: angie
il 23/04/2014 alle 15:01
 
Grazie a te e un bacio!
Inviato da: LaDonnaCamel
il 23/04/2014 alle 14:32
 
 

My spiritual guidance

More about Il diario intimo di Sally Mara

 

Le avventure di Nonugo

Citazioni nei Blog Amici: 37
 


ias

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Creato da: LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl

 

 
« Fotografia di mio padreNon è mai troppo tardi »

L'abbraccio

Post n°177 pubblicato il 19 Giugno 2007 da LaDonnaCamel
Foto di LaDonnaCamel

Immagina una distesa di fiori. Non basta: più fiori, più profumi, più colori: esagera. Macchie gialle di ginestre tra il verde del mirto, macchie blu di gladioli selvatici fin sulla spiaggia, macchie rosse delle unghie di strega che strisciano sulla sabbia fino al mare: la Sardegna in primavera è un giardino inatteso, se ci sei stato d’estate non lo crederesti mai. D’estate è una specie di deserto grigio di elicriso e pieno di polvere e spini. D’estate è tutta ruvida di sole e di vento e le nuvole non stanno mai ferme. Anche il mare d’estate sembra morto: i pesci scappano a fondo, si vede che le onde dei motoscafi fan venire la nausea anche a loro.

Ma in aprile, oh qui aprile non è per niente il più crudele, immagina in aprile una giornata calma, una rara giornata senza vento a Caprera, Porto Palma. Immagina che stai camminando sul bagnasciuga e l’acqua è così trasparente e ferma che ti fa venire le vertigini a guardar giù come in un burrone. Ogni riccio, ogni scoglio, ogni alga è lì a portata di mano con la definizione di una fotografia digitale. Hai gli stivali gialli con la suola bianca perché sei sceso da una barca: non è che ti volevi allontanare, solo stare un po’ per conto tuo a respirare fiori. Magari hai i pantaloni della cerata che un paio d’ore fa era fresco, anche se a mezzogiorno l’aria è già diventata tiepida. Stai camminando su quella sabbia a grana grossa, son pezzetti gibbosi, rosati come gli scogli tutt’intorno: marmo o granito, troppo duri per essere levigati fini fini o forse troppo pesanti per essere portati via dalla schiuma che si scatena brutale quando il vento è incazzato, cioè quasi sempre da queste parti.

E tutto questo silenzio - che per la stagione nemmeno le cicale - e questo profumo che attacca in gola - le ginestre sovrastano invadenti - e l’azzurro troppo chiaro per essere vero, tutto, tutto quanto ti fa pensare a niente mentre cammini e anche l’onda sta quieta per non disturbare. Con i piedi nell’acqua ti fermi a guardare il Porco, che è un isolotto di scogli appena fuori dal golfo e non lo vedi arrivare. Il polipo. Più che nuotare fluttua, vola elastico e muto. Si avvicina, allunga un tentacolo e bussa allo stivale, un solo tocco curioso. Poi, e questo è amore!, ti abbraccia. Con tutte le sue otto gambe ti si arrotola al piede, non fa male perché è gentile, sembra ti voglia baciare. Dura solo un momento, come un amico che ti saluta dopo tanto tempo si stacca per guardarti - ma non lo giureresti, non lo sai dove diavolo hanno gli occhi i polipi, vorresti ricambiare in qualche modo ma come? ci sono tante cose che vorresti dirgli, sono attimi troppo brevi: danzando si allontana adagio. Ti resta il tempo di richiudere la bocca, scuotere piano la testa e ricominciare a respirare prima di vederlo sparire verso il largo.

Tu gli appartieni e non lo sai.
Sei lui, ti credi te.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

L'occhio del coniglio

Libro, mobi, epub come vuoi tu, compralo su Amazon o su lulu!

Da oggi anche su Anobii

 

 

Di questi qui non me ne perdo una:

 

 

Alcuni aneddoti dal mio futuro

Caricamento...
 

Angie

Caricamento...
 

Bartelio

Caricamento...
 

Calikanto

Caricamento...
 

Capitano mio capitano

Caricamento...
 

La linea d'Hombre

Caricamento...
 

Mai Maturo

Caricamento...
 

Ombra

Caricamento...
 

Ora e qui

Caricamento...
 

Orsa Bipolare

Caricamento...
 

Poco mossi gli altri mari

Caricamento...
 

Pendolante

Caricamento...
 

Radio Free Mouth

Caricamento...
 

Singlemama

Caricamento...
 

Solo testo

Caricamento...
 

Sputa il rospo

Caricamento...
 

Tapirullanza

Caricamento...
 

Transmission

Caricamento...
 

Un pezzo di Milano che cammina con gli occhiali

Caricamento...
 

Vibrisse

Caricamento...