Community
 
LaDonnaCamel
   
 

Scrivere

è il mio gioco preferito

Quaderno degli EDS #1: i sensi

Il quaderno degli EDS è un libro e un epub. Compralo su Amazon o su lulu!

 

 

 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Cara AGCOM, se dovessi disgraziatamente e inavvertitamente violare il diritto d'autore in queste pagine, avvisami con una mail a ladonnacamel@gmail.com prima di chiudermi il blog in cinque giorni, di prepotenza e senza processo: ti prometto che tolgo subito le cose che ti offendono.

 

Ultime visite al Blog

RicamiAmoLaDonnaCameltutti_nick_del_mondonude.and.rudekraphenvendettaAmicoHombrerosa433psicologiaforensepsmalpensa1syd_curtislizzy02Whaite_HazelllellleAmicaLillina
 

Ultimi commenti

Ma ciao Marco, che piacere leggerti qui :-) Sono anche io...
Inviato da: LaDonnaCamel
il 30/08/2014 alle 18:17
 
I centauri!
Inviato da: LaDonnaCamel
il 30/08/2014 alle 18:15
 
Leggendo gli altri commenti non posso evitare di pensare a...
Inviato da: Marco Volpe
il 30/08/2014 alle 15:05
 
Credo molto nell'energia eolica e nei luoghi che le...
Inviato da: Marco
il 30/08/2014 alle 14:52
 
Spero non ne facciano il film.
Inviato da: LaDonnaCamel
il 29/08/2014 alle 17:45
 
 

My spiritual guidance

More about Il diario intimo di Sally Mara

 

Le avventure di Nonugo

Citazioni nei Blog Amici: 38
 


ias

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Chi pu scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Creato da: LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl

 

 
« Questa e poi basta (anch...Eroticismi »

L'ascensore

Post n°286 pubblicato il 30 Giugno 2008 da LaDonnaCamel
 

C'erano Luigione, la Betta, la Tere, Ferro, Aldo, Geppo e io che non le sapevo le cose, ero sempre l'ultima a saperle.
Era tardo pomeriggio, le sei e mezza, forse le sette: quasi ora di tornare a casa, che alla sera mica si poteva stare fuori. Era estate, era ancora molto chiaro e faceva caldo. Dall'oratorio stavamo andando ai giardinetti nuovi, quelli che avevano ancora le panchine. Per meglio dire, la panchina. Le avevano appena messe, all'inizio erano attaccate a terra, avvitate, non so come. Ma subito due giorni dopo eranto state staccate, spostate. E adesso ne era rimasta una sola, intera. Il bello è che si poteva mettere all'ombra.
Luigione era grandissimo, a parte che aveva due anni più di noi, cioè sedici compiuti quasi diciassette, era alto e buono che sembrava il gigante della Ferrero, ma questo voi non lo potete sapere, era in bianco e nero.
La Betta invece era piccola e chioccia, coi capelli corti e le unghie dei piedi pitturate, l'ho visto una volta che le avevano rubato una scarpa per dispetto e mi sembrava impossibile, mi sembrava mia madre.
La Tere era nuova, veniva dal sud e parlava che non si capiva, appena arrivata Ferro le aveva chiesto: ciao, sei nuova? come ti chiami? e lei: te-re-sa, ma con quelle e aperte e quella esse così esse che lui era rimasto male, le aveva risposto: Bè, sarà mica un segreto. A me m'interessa niente, se non me lo vuoi dire pace.
Ferro era magro e così alto che sembrava quasi gobbo, aveva i capelli rossi a cespuglio e le lentiggini, una pelle chiara chiara che diventava subito rossa a partire dalle orecchie, bastava un niente: bastava guardarlo. Una volta a una festa a casa sua l'avevo anche invitato a ballare e lui non voleva, si ritraeva. Ma poi l'avevo tenuto, era così magro che bastavo io anche se non ero tanto forte e gli era piaciuto, altrochè se gli era piaciuto, non mi mollava più.
E poi Aldo e Geppo che andavano sempre in coppia, non ne avevo mai visto uno alla volta, non so come mai. Dicevano sempre cose schifose e le altre s'incazzavano. Io no, non subito, solo dopo che me le avevano spiegate. E insomma quella volta lì per esempio dicevano che un tizio aveva messo l'accendino vicino al culo a un altro mentre faceva un fottoz e aveva preso fuoco, Luigione aveva detto per forza, è metano, il fottoz non è altro che metano. E mentre loro facevano le congetture di quel tizio che gli bruciavano i pantaloni se erano di nylon, e della madre che aveva chiamato i pompieri che aveva preso fuoco anche la tovaglia o le tende e nessuno ci credeva, nel frattempo eravamo arrivati alla panchina. E i ragazzi erano stati più svelti e si erano seduti tutti. La Betta si era messa in braccio a Luigione che filavano e lo sapevamo tutti, la Tere voleva stare in piedi e io non sapevo, ero anche stanca ma per terra non mi andava. Aldo mi aveva detto: dai, siediti qui in braccio a me e Geppo aveva sghignazzato: le fai l'ascensore? Io mi ero seduta e avevo chiesto: cos'è l'ascensore? Poi lui mi ha messo le mani intorno ai fianchi, si è appoggiato alla mia schiena e ho capito.

Il gioco si chiama "dammi una parola e ti scriverò un racconto", l'ha lanciato Barbara Garlaschelli sul suo blog e tra le regole bisognava postare un racconto con dentro la parola ascensore tra le 22 e le 23 del 30 giugno. Per una mia sfida ho cominciato a scriverlo alle 22:00 e ho finito alle 22:50, poi ho riletto, ho messo le maiuscole e ho postato: 22:56! Per onestà: il corsivo l'ho aggiuto dopo.



Gli altri racconti sul tema 'ascensore' qui:

Da un'idea di:

Con la parola scelta da:

Partecipano:

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

L'occhio del coniglio

Libro, mobi, epub come vuoi tu, compralo su Amazon o su lulu!

Da oggi anche su Anobii

 

 

Di questi qui non me ne perdo una:

 

 

Alcuni aneddoti dal mio futuro

Caricamento...
 

Angie

Caricamento...
 

Bartelio

Caricamento...
 

Calikanto

Caricamento...
 

Capitano mio capitano

Caricamento...
 

Coniglio della moda

Caricamento...
 

Coniglio Mannaro

Caricamento...
 

La linea d'Hombre

Caricamento...
 

Mai Maturo

Caricamento...
 

Michele per caso

Caricamento...
 

Ora e qui

Caricamento...
 

Poco mossi gli altri mari

Caricamento...
 

Pendolante

Caricamento...
 

Singlemama

Caricamento...
 

Solo testo

Caricamento...
 

Sputa il rospo

Caricamento...
 

Tapirullanza

Caricamento...
 

Transmission

Caricamento...
 

Un pezzo di Milano che cammina con gli occhiali

Caricamento...
 

Vanamonde

Caricamento...
 

Vibrisse

Caricamento...