Creato da LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl
 

 

« Ci sono capi e capi. A volte penso che mi p... »

Capitolo primo: Siam pronti a partir

Post n°39 pubblicato il 20 Novembre 2006 da LaDonnaCamel
 

http://www.aiasoft.it/bianca/blog/fig5.jpg

Ho tirato fuori l'album del Sahara per rinfrescarmi la memoria. E' un grande quaderno ad anelli, con i fogli in cartoncino bianco e vicino alle foto ci sono le mie annotazioni: date, nomi, luoghi (scordatevelo! :P).

Così posso ricordare che siamo partiti da Milano il 20 luglio del XX, mica male: ci potrei scrivere un romanzo storico.

Ma, già che ci siamo, sarebbe meglio andare indietro ancora di qualche mese, fino alla primavera del XX, quella sera a casa di J&B (che sembra una marca di whisky ma giuro che non è così).
Erano gli unici della compagnia già sposati, così la loro casa diventava per forza un centro gravitazionale, un posto dove andare invece del bar.

Eccoci tutti quanti inginocchiati o seduti per terra intorno alla carta ben spianata, e B che spiegava l'itinerario, minimizzava i problemi, decideva le tappe. Lui c'era già stato: Tunisia, Algeria e Marocco, aveva solo diciassette anni, uno zaino e il portafoglio bello pieno. Qualunque cosa si volesse fare, B l'aveva già fatta, come se avesse vissuto un'altra vita, prima, e aveva solo un paio d'anni più di noi.

M annuiva entusiasta, io domandavo che ci andavamo a fare nel deserto in agosto, o comunque nel deserto: a me piaceva il mare. Niente, mi fu promesso che prima e dopo ci saremmo fermati anche al mare: allora accettai - perplessa.

Ma non volevamo partire come degli sprovveduti: ci saremmo preparati a dovere. B aveva un vecchio furgone, ci avrebbe messo dei mobili e l'avrebbe trasformato in un camper. Noi? Be', avevamo la cinquecento di M e la tenda canadese.
Ah no, io non ci dormo in tenda, chissà che bestiacce strisciano da quelle parti: serpenti, scorpioni, scarafaggi immondi… E va bene, allora facciamo l'air-camping.
E cosi' fu fatto.
M comprò un portabarca da fissare sul tetto del cinquino e un'asse di truciolare della misura giusta, cioè due metri per centodieci, come la tenda. Poi fabbricò quattro colonnine di ferro da fissare al paraurti davanti e dietro, per distribuire il nostro peso. La tenda fu inchiodata al legno, con i pali già fissati e piegati da un lato. Al bisogno, bastava rizzarli in piedi e in trenta secondi la tenda era montata.

Ci procurammo un frigorifero trivalente (molto, molto piccolo), poi tre ruote di scorta, taniche per l'acqua e per la benzina, dato che avremmo dovuto percorrere dei tratti di mille chilometri senza poter fare rifornimento, e meno male che la macchina consumava poco.
E poi pezzi di ricambio, ma non chiedetemi cosa, e le toppe per aggiustare le gomme, e un sacco di viveri, fornellino, pentoline, acqua minerale, e cento - dico cento - lattine di cocacola.

Per far entrare tutto nella cinquecento togliemmo il sedile di dietro e stivammo la roba in modo da poter prendere quello che ci serviva via via senza spostare ogni cosa. Questa soluzione insospettì i funzionari della dogana a Tunisi, che vollero compiere una ispezione accurata, scombinandoci l'inventario, in modo che per tutto il viaggio non fummo più capaci di trovare niente al momento opportuno… ma non anticipiamo.

(continua: state connessi ;)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Area personale

 

Calendario

blocco dello scrittore

 

Ultime visite al Blog

Stolen_wordsBULL.VIRTUALEpaneghessapoeta.sorrentinoaaamassaggiatoreonlyemotions71prolocoserdianafenapi.terminilorenaduetreSky_EagleLaDonnaCameloscardellestelleperpetuus_vitaesoulesoul
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Le avventure di Nonugo

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 


ias

 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom