Creato da: giampi1966 il 13/03/2006
Questo blog si propone di promuovere la politica come servizio e la coerenza dei politici con gli obbiettivi programmatici. Troppo spesso l'agire del politico è distante anni luce dal suo programma e da ciò che professa. Per poter rinascere la politica deve sapersi imporre alle varie pressioni e deve guardare lontano.

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Ultime visite al Blog

Arianna1921marabertowiltuocognatino1allegri.frprefazione09acer.250amici.futuroierigiampi1966cassetta2MAGNETHIKAjigendaisukemaresogno67Afroditemagicaangi2010
 

OGM NO GRAZIE

 

SE TI PIACE QUESTO BLOG VOTALO CLICCANDO NELL'ICONA SOTTOSTANTE

classifica siti

 

vota il blog

vota blog

 

Area personale

 

Qui sotto alcuni dei messaggi del blog che a mio parere meritano di essere letti. Ringrazio i visitatori che usufruendo di questa funzione dimostrano un approccio non superficiale al blog.

Mi raccomando date un'occhiata anche ai Tags

 

I MITICI INDIANI

 

IL VALORE DELLA LAICITA'

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 86
 

EL PUEBLO UNIDO

 

Ultimi commenti

Tutto ok?
Inviato da: jigendaisuke
il 20/09/2021 alle 04:00
 
:(
Inviato da: elyrav
il 22/07/2021 alle 08:22
 
ciao, gi
Inviato da: maresogno67
il 03/07/2021 alle 18:50
 
a volte non tornano ;)
Inviato da: elyrav
il 26/05/2021 alle 08:17
 
Buona Pasqua
Inviato da: elyrav
il 02/04/2021 alle 18:18
 
 

CARMELA

carmela

 
 

BLOG DI SINISTRA

 

 

 
« CGIL - Fiom - Rete 28 AprileLista civica contro la f... »

Fonti energetiche alternative

Post n°217 pubblicato il 14 Settembre 2007 da giampi1966
 
Foto di giampi1966

Mi tocca replicare alle stupide dichiarazioni dell’Enel riguardo al presunto pericolo di rimanere al freddo durante questo inverno.

Lo scopo di questa dichiarazione allarmistica è chiaro a tutti, si tratta di ottenere l’autorizzazione ad utilizzare fonti energetiche sporche (ma meno costose), come il carbone e l’olio combustibile, e giustificare nel contempo un incremento delle tariffe energetiche, si tratta quindi di una semplice strategia commerciale attuata sulla nostra salute e sul nostro portafoglio.

L’Enel ed il governo hanno delle gravissime colpe riguardo alla mancata riconversione delle fonti energetiche nel nostro paese, è ormai da decenni che si parla di fonti alternative che garantirebbero l’abbattimento delle emissioni nell’ambiente ed una strategica indipendenza energetica da parte dell’Italia (forse è per questo motivo che non si è fatto molto).

Voglio provare a “giocare” con dei semplici dati. Sembra che per coprire l’intero fabbisogno energetico dell’Italia, siano sufficienti 1600 Kmq. di territorio, supponiamo che il dato sia errato o che non si riesca a trovare il territorio necessario (ne dubito) e che con tale superficie (o con la metà nel caso di carenza di territorio) si copra solamente il 50% del fabbisogno, come facciamo a coprire il restante 50%?

Innanzitutto possiamo considerare l’energia eolica, l'aereogeneratore più diffuso, considerato di taglia media, è alto oltre 50 metri, ha 2 o 3 pale di circa 20 metri ed eroga una potenza di 500-600 kw, e soddisfa il bisogno elettrico giornaliero di circa 500 famiglie. Il modello più grande ha pale lunghe circa 30 metri, ha una potenza di 1500 kw e può coprire del tutto la necessità di circa 1000 nuclei familiari.

Supponiamo di installare 2000 aereogeneratori (ipotesi plausibilissima considerato il territorio italiano), arriveremmo così a coprire il fabbisogno di circa 1.500.000 famiglie, circa il 10% del fabbisogno.

Un altro 15-20% si può ricavare dal risparmio energetico, ad esempio si possono costruire case che consumano pochissima energia (lo si fa già in modo massiccio nel Trentino Alto Adige) e si può lavorare per ridurre drasticamente la dispersione energetica della rete nazionale, che è elevatissima (si parla dell’85%).

Un altro 10% può essere prodotto utilizzando biocarburante.

Il residuale 10-15%, senza scomodare altre fonti energetiche alternative, che pur esistono, potrebbe essere coperto dal metano, che fungerebbe altresì da fonte energetica di compensazione di eventuali carenze energetiche.

Senza considerare che, i dati sopra riportati potrebbero migliorare notevolmente se si investissero adeguate risorse nella ricerca scientifica, invece sperperare i denaro pubblico per criminali missioni militari all’estero.

Purtroppo i nostri politici continuano a pensare alle fonti energetiche convenzionali e tirano sempre in ballo il nucleare (in questo caso esiste anche un problema di democrazia), mi sarei aspettato da un governo di sinistra una politica tesa a perseguire gli obbiettivi sopra elencati, considerando la questione come priorità nazionale, visti anche i vari aspetti coinvolti (ambiente, economia, difesa ecc…).

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog