Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE VORREI TORNARE

IL VIAGGIO DI MAGGIO


MOLISE

 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

E' vero!
Inviato da: atapo
il 19/05/2022 alle 09:42
 
Generally I do not read article on blogs, however I wish to...
Inviato da: Desa88
il 18/05/2022 alle 06:57
 
Il tedesco poi è una lingua veramente difficile!!!...
Inviato da: elyrav
il 03/05/2022 alle 08:22
 
Grazie dell'augurio e del mughetto!
Inviato da: atapo
il 01/05/2022 alle 21:25
 
Buon Primo maggio, ed un mazzo di Mughetto a te. baci
Inviato da: exietto
il 01/05/2022 alle 08:51
 
 

Ultime visite al Blog

mastro.zeroatapomassimocoppaamici.futuroierigin_iofedele.belcastrogiuliosauNonnoRenzo0socillosurfinia60elyravCostanzabeforesunsetm0n0litececc.carl1andcp0
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 71
Prov: FI
 

 

« RIPRESAMAI FINITA »

CE L'ABBIAMO FATTA

Post n°1803 pubblicato il 22 Gennaio 2022 da atapo
 

IN CLASSE CON NERETTA

 


 

Non pensavo che sarei stata così emozionata mentre la bidella mi accompagnava lungo i corridoi di quella scuola primaria a me sconosciuta: aule chiuse, aule aperte, qualche classe di turno-covid per la ricreazione a giocare in corridoio, i giubbottini sugli attaccapanni, disegni e festoni attaccati alle pareti. Da quanti anni non entravo in una scuola! Esattamente sette, da quando nacque la mia nipotina Diletta e io decisi che, poiché il numero dei nipoti diventava impegnativo, era tempo di lasciare anche i corsi di teatro in francese che tenevo ai bimbi della scuola in cui, prima, avevo insegnato per venticinque anni.

Quella mattina ero attesa proprio dalla classe di Diletta. L’anno scorso avevo donato al suo maestro una copia del mio libro Neretta: mia figlia me ne aveva parlato come un insegnante molto attivo, aperto, moderno, speravo potesse interessargli la storia ed eventualmente suggerirgli qualche spunto per attività didattiche.

Di più! Se ne è letteralmente innamorato, mi ha contattato a settembre per dirmi che nell’estate aveva programmato, partendo dal personaggio della matita Neretta, addirittura un percorso tra varie materie, da occupare tutto l’anno scolastico! Naturalmente mi invitava a un incontro per conoscere gli alunni, poi, se ne avevo piacere, anche ad altri lungo lo sviluppo del progetto. Che bello! Mi ero subito entusiasmata e incuriosita: cosa avrebbe inventato? Mi sentivo tornata nel ruolo di “collega”, lasciato tanti anni fa. E ogni bambino avrebbe acquistato una copia del libro, io potevo averlo per loro con un forte sconto.

Appena arrivati i libri sarei andata nella loro classe, a consegnarli personalmente e a fare una prima conoscenza.

Ma il Covid ha messo i bastoni tra le ruote: la stampa è andata a rilento, ci sono problemi nelle aziende, scarseggiano certe materie prime, in questo caso la carta, per cui i libri erano in forte ritardo; una volta stampati ecco che Diletta (con i familiari) ha preso il Covid, eravamo d’accordo col maestro che l’incontro si sarebbe fatto appena lei fosse tornata a scuola, ma è rimasta assente quasi un mese, fino alle vacanze di Natale.

Così sono arrivati gennaio e il rientro, era il momento giusto, il prima possibile, per scongiurare altri imprevisti, abbiamo fissato rapidamente il giorno ed eccomi, alle 11 di un mercoledì, entrare in quell’aula dove mi aspettavano con emozione pari alla mia, a sentirmi di nuovo “maestra”, anche se per quei bambini ero “la scrittrice” e per una di loro ero prima di tutto “la nonna”. Mia figlia mi aveva detto che Diletta era emozionatissima per questo suo privilegio: la nonna a scuola con lei! E chiedeva perché non restavo con loro tutto il giorno.

Tutti erano seduti nei banchi monoposto su diverse file, tutti mascherati, col quaderno aperto su cui avevano scritto le domande da pormi. Dopo il saluto, la mia prima mossa è stata di fare un giro tra i banchi, lodando i quaderni, tutti così ordinati. Non avevo pensato prima a questo modo di sciogliere il ghiaccio, mi è venuto spontaneo lì per lì, anche per alleggerire una certa commozione improvvisa, quasi mi salivano le lacrime agli occhi, guardando tutti questi bimbetti sconosciuti che mi fissavano con curiosità, emozionati quanto me. Quella passeggiatina tra loro mi ha fatto bene, mi ha rinfrancato, poi il maestro mi ha fatto accomodare in cattedra ed eccomi… tornata maestra! Per un attimo si sono affacciati alla mente ricordi lontanissimi, quando con un certe mie classi ospitammo diverse volte lo scrittore Albino Bernardini, con cui avemmo corrispondenza per anni… Adesso ero io la scrittrice: Albino è già morto, chissà se mi osservava ridacchiando mentre ero nel suo ruolo?

Però avevo da prima preparato una sorpresa: dalla mia borsa ho tirato fuori… proprio Neretta, una bella matita nera che ho fatto agire come fosse un burattino, in dialogo con me, col maestro, con loro, fino a farle decidere che… sarebbe rimasta sempre lì con loro, perché aveva trovato un posto gradevole nel barattolo portamatite sulla cattedra. I burattini entusiasmano sempre, sono una carta vincente coi piccoli!

Mi hanno posto le domande preparate, così ho avuto modo di parlare di me, del lavoro di scrittura, dei tempi in cui le cose erano diverse da ora e di tanto altro. Loro mi hanno suonato con le percussioni e cantato una canzone su Neretta, composta dal maestro, ho ammirato diversi cartelloni che avevano colorato, con immagini del libro e qualche frase… così ora hanno grandi aspettative di leggere tutta la storia intera!

Infine è venuto il momento di consegnare i libri: a uno a uno venivano alla cattedra, mentre prendevano la copia io chiedevo il nome e scambiavo qualche parola, a tutti brillavano gli occhi, contenti di avere finalmente in mano quelle pagine che subito, tornati al loro posto, sfogliavano con curiosità e commenti.

Ci siamo lasciati col proposito di rivederci, Covid permettendo: ora partiranno i laboratori, il primo sarà la creazione di segnalibri, alla fine dell’anno il maestro vorrebbe arrivare a preparare uno spettacolo…

Sarò felicissima di seguire il loro lavoro, anche a distanza: è proprio quello che mi auguravo, altre classi a prendere spunto dalla storia e a organizzare tante belle attività!

Mi piacerebbe che fossero tante le classi a diventare amiche di Neretta...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=16102285

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
massimocoppa
massimocoppa il 24/01/22 alle 18:08 via WEB
Mi fa piacere per te! Io stavo per vivere un'esperienza simile, qualche anno fa, ma è andato tutto al diavolo. Dopo aver insegnato comunicazione e giornalismo in un PON alle scuole superiori, mi era stato chiesto di produrre un libro riassuntivo dei corsi; sarebbe stato adottato a partire dall'anno dopo. Ho scritto il libro ("Si odono le muse", sta sull'homepage del mio blog insieme agli altri che ho pubblicato), l'ho pubblicato e... è arrivato il terremoto di Casamicciola del 2017. Dirai: che c'entra? C'entra, c'entra, perché il professore che stava seguendo il tutto ha perso la casa e, giustamente, ha avuto altro a che pensare...
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 28/01/22 alle 22:50 via WEB
Che peccato! Ora poi dall'arrivo del Covid è tutto molto più complicato, si sono interrotti molti canali per contattare e farsi conoscere. Io mi sento proprio bloccata.
(Rispondi)
elyrav
elyrav il 27/01/22 alle 08:13 via WEB
Bello sono proprio contenta per te. Speriamo ora che il covid permetta un pò di "libertà". Serena giornata
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 28/01/22 alle 22:51 via WEB
Ci vorrebbe un po' di tregua. Mah, non sono molto ottimista, vedo ancora tante difficoltà e complicazioni...
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.