Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE VORREI TORNARE

IL VIAGGIO DI LUGLIO


NAPOLI

 

DOVE VORREI TORNARE.

IL VIAGGIO DI GIUGNO


SICILIA

 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Buon viaggio allora :) serena giornata
Inviato da: elyrav
il 01/07/2022 alle 07:42
 
Sì, fu un'esperienza dura... per questo non vorrei...
Inviato da: atapo
il 28/06/2022 alle 23:36
 
Mi immagino l'ansia è un "bell'"...
Inviato da: elyrav
il 27/06/2022 alle 08:15
 
Arrivano quasi di continuo queste offerte dei treni, se...
Inviato da: atapo
il 23/06/2022 alle 23:00
 
Mi sento di nuovo così benedetto nel mio matrimonio dopo...
Inviato da: Ninetta Copalucci
il 20/06/2022 alle 15:51
 
 

Ultime visite al Blog

elyravfedele.belcastrofromancoatapoNonnoRenzo0marco.munafoConsiglioproOrymagicnuovo123abgalloceramiche.1997mirandacappellettiPapermoon68Arch.Lombardigiorgio13giorgio
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 71
Prov: FI
 

 

« ATTIVITA' FISICAFINE DI UN' EPOCA »

DOVE VORREI TORNARE

Post n°1820 pubblicato il 01 Maggio 2022 da atapo
 
Tag: viaggi

VIENNA

 

 

Forse avrei dovuto dire AUSTRIA, o forse va bene così, VIENNA.

Un'estate di molti anni fa, durante le settimane in cui i nostri figli erano in vacanza in colonia e mio marito ed io eravamo soli, decidemmo di fare un viaggetto in Austria, nove giorni, dal sabato alla domenica successiva, una settimana di ferie per mio marito.

In macchina, senza fissare nessun albergo: lui si era informato e aveva saputo che in ogni paese e città all'ufficio del turismo si poteva fissare una stanza o un albergo per la sera stessa e così avremmo fatto.

-Ma come si fa con la lingua, col tedesco? Parlerai sempre tu in inglese?- chiesi io.

-Non preoccuparti, mi rassicurò lui, ho studiato il tedesco nei primi due anni di scuola superiore, non avremo problemi.-

Io non ero del tutto tranquilla, ma a quei tempi avevo ancora molta fiducia nelle sue affermazioni.

Appena passato il confine, ai primi cartelli stradali o di avvertenze io mi sentivo un'aliena.

-Cosa c'è scritto?- chiedevo. Lui taceva.

Al secondo paesino che attraversavamo fermò l'auto di botto davanti a un negozio, scese ed entrò velocemente: ne uscì con un piccolo vocabolario italo-tedesco, si era reso conto di non ricordare quasi niente!

Così cominciò quel viaggio, che poi proseguì molto bene, percorremmo la strada tra i laghi per avvicinarci a Vienna, la nostra meta più importante. Soggiornavamo in bed&breakfast graziosissimi, con paesaggi da sogno e colazioni superabbondanti e squisite, lungo il percorso però tante cose belle ci distraevano e ci facevano attardare: soste ai bordi dei laghi in luoghi incantevoli, un villaggio-museo con la ricostruzione della vita medievale (allora impensabile in Italia), la città di Klagenfurt, poi Graz...

Insomma, i giorni passavano troppo veloci così quando arrivammo a Vienna ci era rimasto poco tempo, mi pare tre giorni al massimo. E sulla guida erano tante le cose da vedere! Quanto abbiamo camminato! Ci abbiamo infilato anche il castello di Schönbrunn e lì mio marito temeva crollassi a terra da un momento all'altro dalla stanchezza. Non volevo assolutamente perdermi un giro sul Prater (dove soffiava un vento gelido dal Danubio), qualcosa di Klimt, il mercato dell'usato dove dai paesi dell'est arrivavano oggetti strani e particolari, la cotoletta viennese e, soprattutto, almeno una merenda in un caffè, a base di sachertorte.

I miei sensi erano talmente attivi e all'erta per non farmi sfuggire niente in quelle ore di folle immersione nel mondo viennese che, alla notte, sognai di continuare i giri turistici e sognai... in tedesco, che capivo benissimo, almeno in sogno.

Restammo fino all'ultimo minuto possibile, di corsa rientrammo in Italia, vedendo Salisburgo, dove avremmo voluto fermarci, solo dal finestrino dell'auto.

Così tornerei volentieri a Vienna (e aggiungo pure Salisburgo) rifacendo la zona dei laghi, ma senza fretta, d'estate, mettendoci stavolta... non meno di tre settimane!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=16213849

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
elyrav
elyrav il 03/05/22 alle 08:22 via WEB
Il tedesco poi è una lingua veramente difficile!!! Buongiorno
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 19/05/22 alle 09:42 via WEB
E' vero!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.