Mondrian prima e dopo

Share on Facebook

…ovvero, come recita il nome della mostra, Mondrian Evolution. Perché il Nostro non è stato soltanto il pittore dell’astrazione, ma anche un sottile osservatore dei paesaggi, resi attraverso alcuni motivi ricorrenti come le fattorie riflesse in specchi d’acqua, i mulini a vento e ancora alberi e piante.

Albero rosso di Piet Mondrian. Un grande albero contro il cielo blu che ricorda Van Gogh - ADO Analisi dell'opera

Albero rosso (1908-10)

Piet Mondrian, Fattoria vicino Duivendrecht, 1916 – La sottile linea d'ombra

Fattoria a Duivendrecht (1916 circa)

Mondrian

Il Mulino di Oostzijde al crepuscolo (1907-1908)

Il Melo in fiore di Piet Mondrian - ADO Analisi dell'opera

Melo in fiore (1912)

Piet Mondrian Woman with Spindle c. 18931896 Courtesy Pace Gallery © 2022 MondrianHoltzman Trust Photo Kerry Ryan McFate.

Donna con il fuso (1893-96)

Sullo sfondo di questo dipinto una finestra con una griglia di vetri quadrati. Elemento precursore?

Composizione II» di Piet Mondrian | Opere d'arte spiegate bene

Composizione n. II (1920)

Piet Mondrian, Composizione con blu e giallo, 1932. Philadelphia Museum of Art, Philadelphia | Artribune

Composizione con giallo e blu (1932)

Piet Mondrian - New York City 1 (unfinished)

New York City 1 (1941 circa)

Mondrian aderì alla Teosofia per cui, sin dal 1908, nelle sue opere cercò la sintesi tra l’individuale e l’universale, l’interiore e l’esteriore. Una ricerca spirituale che investì la coscienza e il rigore mentale.

Mondrian prima e dopoultima modifica: 2022-06-21T12:31:10+02:00da hyponoia

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.