Il prato bianco

Share on Facebook

39887687443_5b9df5456c_b

Porto in salvo dal freddo le parole,

curo l’ombra dell’erba, la coltivo

alla luce notturna delle aiuole,

custodisco la casa dove vivo,

dico piano il tuo nome, lo conservo

per l’inverno che viene, come un lume.

Francesco Scarabicchi

Un incontro fortuito con la poesia, turbato dal caos che proviene dalla finestra aperta e inopportuna; occorre ripristinare il silenzio perché il senso di uno scritto non sempre è di immediata intelligibilità. Ma guai se a governare fosse l’immediatezza di ciò che si legge; s’apparenterebbe alla banalità.

(It’s just a thought, only a thought)