Creato da laura_brustenga il 23/02/2008

Dedicato a Karol

Questo blog mi ha accompagnata in diretta nella storia più bella e incredibile della mia vita

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: laura_brustenga
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 54
Prov: RM
 

ULTIME VISITE AL BLOG

psico_crazialaura_brustengaannaincantoBacardiAndColaTerzo_Blog.Giuscostanzatorrelli46falco1941acer.250psyche.dgl0annamatrigianoorsobianco.amsimona.fulgaElemento.Scostanteantoniomarina
 

ULTIMI COMMENTI

 

Votaci su Net-Parade.it 

Votaci su Net-Parade.it


Blog d'argento

 

 
motori ricerca
 

 

 

 

« Le rose, il ranocchio e ...Mia sposa Laura »

Gli ostacoli del cuore

Post n°260 pubblicato il 18 Marzo 2009 da laura_brustenga
 

20 marzo 2008:

Non scrive dal mio compleanno. Non mi scrive da tre giorni. Mi manca molto. Per amore però si è pronti a sacrificare tutto, ed è la prima volta che me ne rendo conto davvero. Soffrire così è pazzesco, aver bisogno di una parola per capire che sta bene, per capire che non ha paura, che non soffre...e non ricevere nulla. Tre giorni d'inferno che io cerco di colorare con l'immenso sentimento che mi lega a Karol. Ma da quando è apparso nella mia vita sto vivendo tra inferno e paradiso, altalenanti e subdole sensazioni che mi portano alle stelle a poi negli abissi più neri. Capisco che saranno chissà quanti i giorni in cui mi sentirò così ; ma se questo è il prezzo da pagare per afferrare un giorno la felicità, farò di tutto per guardare avanti rendendo l'attesa meno dolorosa possibile. Ma immagino come lui possa stare: un trapianto cardicaco non è uno scherzo. Cresce in me la sensazione di paura, quella iniziale che a poco a poco si avvicinava sempre di più. Perchè ho tanto timore che lui muoia? Ho paura delle mie sensazioni: e ne ho paura perchè raramente sbagliano. Ma a volte succede, ed io prego Dio che questa sia una di quelle volte. Ne morirei anch'io. La giornata va avanti come sempre, con quell'ansia mostruosa nello stomaco e la gioia di sentirmi così ricca dentro, al pensiero di essere nel cuore spezzato di un uomo che non si è arreso davanti alla morte ma è tornato da me perchè non poteva andarsene via così. Parlo con Cristina, mi dice bene la situazione: mi dice che karol, per i medici sarebbe dovuto morire quel 30 di ottobre 2007, perchè il dolore per la perdita della figlia gli aveva frantumato il cuore in mille pezzi. Era stato distrutto per tre quarti, restava funzionante solo...un angoletto di quel meraviglioso cuore. Mi dice che i medici non si spiegano tutto quello che ne è invece conseguito: un coma di quattro mesi dove le speranze non crescevano. Poi un risveglio improvviso ed eccellente, la sua immediata voglia di scrivere a me come nulla fosse successo. La sua fretta di galoppare da me, come se sapesse di avere poco tempo. La sua energia incredibile, la sua voglia di viversi questo amore. I medici, dice Cristina, non hanno ancora compreso. Non si spiegano la ripresa immediata di karol, la sua quasi noncuranza del fatto che sia appena uscito da una morte apparente. Ma tutto ciò ha dato loro la speranza che karol possa ora salvarsi, che un trapianto possa salvargli almeno la vita. Ed io, da un pò di tempo, mi accorgo sempre di più che dietro a tutto questo ci sia forse qualcosa di molto speciale: ma cosa? Ormai sono certa del legame profondo che io ho avuto da sempre con karol: le mille coincidenze, le sensazioni del cuore, i "messaggi" che arrivano dall'anima, inspiegabili e meravigliosi. Di una cosa sono assolutamente certa: che karol si sia svegliato dal coma...per me. Per noi. Perchè qualcosa si doveva concludere...o creare. Ma allora, un anno fa...io non sapevo davvero cosa mi stava per attendere, da lì a pochi giorni.  Anche questa sera apro la posta elettronica sperando di trovare una mail...dal mio dolcissimo Karol. C'è:

Amore mio, guardo tua foto, ho nostalgia: sei bellissima. Perdona me, non scrivo, non posso scrivere. Mio collega e amico non mi fa scrivere. Mia sorella scrive per me. Lei non parla italiano, lei scrive quello che io dico ma non capire niente di quello che io dico. Voglio dirti che tu me manchi Laura. Lei dice che sei bella, io dico che sei molto bella. E prego mia sorella di mettere una canzone per te, per dire te quello che sento. Laura, sei dentro di me. Un bacio. KAROL"

 

Io ascolto sempre attentamente le parole delle canzoni che Karol mi manda: dentro ci sono infiniti messaggi che io capto al volo, e che aumentano di attimo in attimo il volo di questo sentimento che non so definire: la parola AMORE, per me...è troppo misera per spiegare ciò che sento.

 

                                          GLI OSTACOLI DEL CUORE


C'è un principio di magia
fra gli ostacoli del cuore
che si attacca volentieri
fra una sera che non muore 
e una notte da scartare
come un pacco di natale ...

C'è un principio d'ironia
nel tenere coccolati 
i pensieri più segreti
E trovarli già svelati 
e a parlare ero io
sono io che li ho prestati ...

Quante cose che non sai di me
Quante cose che non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme ...

C'è un principio di allegria
fra gli ostacoli del cuore
che mi voglio meritare
anche mentre guardo il mare
mentre lascio naufragare
un ridicolo pensiero ...

Quante cose che non sai di me
Quante cose che non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme

C'è un principio di energia
che mi spinge a dondolare
fra il mio dire ed il mio fare
E sentire fa rumore
fa rumore camminare
fra gli ostacoli del cuore

Quante cose che non sai di me
Quante cose che
non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme

Quante cose che non sai di me
Quante cose che
non vuoi sapere
Quante cose da buttare nel viaggio insieme

Mi fermo a pensare: e mi sto chiedendo cos'è che si nasconde per noi, fra gli ostacoli del suo cuore. Sta dando la colpa a lui se noi stiamo passando questo calvario. Ma c'è di più Sono certa che c'è di più. Lo compresi solo dopo, che questo nostro amore era davvero...un viaggio compiuto insieme verso un'incredibile ed importantissima meta.

 

 il viaggio delle anime gemelle

 
 
 
Vai alla Home Page del blog