Creato da laura_brustenga il 23/02/2008

Dedicato a Karol

Questo blog mi ha accompagnata in diretta nella storia più bella e incredibile della mia vita

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: laura_brustenga
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 54
Prov: RM
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lafarmaciadepocapaneghessamgf70Iltuocognatinokkno88Sky_Eagleoltreleparole_2010laura_brustengaoscardellestellefante.59moarte1245les_mots_de_sableanima_on_linecile54
 

 

Votaci su Net-Parade.it 

Votaci su Net-Parade.it


Blog d'argento

 

 
motori ricerca
 

 

« Grazie MaryUna ninnananna particolare »

Un battito nuovo

Post n°286 pubblicato il 14 Giugno 2009 da laura_brustenga
 

La stanchezza passa attraverso la mente che ancora ricorda molto dettagliatamente tutto, e ha bisogno di liberarsi di certe emozioni di cui non riesce a staccarsi ancora. La stanchezza passa attraverso il fisico che ne ha vissute di emozioni forti, sconosciute, indelebili, e ha bisogno di rilassarsi del tutto e di riprendere fiato... La stanchezza passa attraverso le dita che hanno scritto molto, che hanno scritto bagnandosi di lacrime che intanto scendevano dagli occhi, e hanno bisogno di accarezzare un nuovo sogno per cui tornare a scrivere con un sorriso nuovo. E passa attraverso gli occhi che hanno bisogno di rivedere il sole anche quando nasce, non soltanto nei suoi splendidi tramonti. Hanno bisogno di guardare avanti e scorgere un orizzonte talmente bello da invogliarsi a riprendere il passo, per correre verso una nuova felicità. D'altronde le lacrime sono dolorose soltanto per chi non sa guardare attraverso la loro cristallinità. D'altronde chi è forte lo è perchè proprio per questo è riuscito a vincere la propria debolezza, il proprio dolore, il proprio rimpianto, la sua privazione più sofferta. Ho trascorso quasi due anni sotto lacrime di cristallo dove spesso ci vedevo ruggine, polvere, ombre. Ho imparato a disintossicare il mio dolore e quelle lacrime diventavano sempre più la mia ragione di vita. Una nuova ragione per una vita nuova. Quella in cui un giorno ti svegli e ti dici "Ma io sto amando la vita come non ho mai fatto." E mentre ti accorgi che non ci sono più ombre, nè polvere nè ruggine, riesci perfino a sentire che nel tuo cuore c'è un battito nuovo. E' il battito che ti sveglia da un incubo e da un amore immenso che non hai più, e ti sveglia da un sogno indimenticabile dal quale sai già che mai più ti staccherai, però ti fa tornare la voglia di credere che se anche è stato l'amore della tua vita, non sarà certo quello che dissolverà la tua vita dall'amore che hai dentro, ma anzi ne riempirà spazi vuoti, quelli che lui non ha potuto riempire.  

laura

DEDICATO A KAROL / http://blog.libero.it/PRIVATISSIMO/

 
 
 
Vai alla Home Page del blog