Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

NOVEMBRE


 
 E viene il tempo degli alberi
che lasciano cadere foglie d’oro.
E viene il tempo
dei giorni che si accorciano.
Le notti sono lunghe
e ogni sera ha un nome.
sempre nuovo di fiabe.
Nel vano della finestra
una stellina si ferma ad ascoltare
.

E. Borches
 

ša c' est tout




musica per l'amicizia




 

Ultimi libri letti...

R. L. Stevenson

"Viaggio nelle Cévennes
in compagnia
di un asino"

avventure,
storie e incontri
tra i monti




Elena Stancanelli

"Firenze da piccola"

un po' guida turistica,
un po' autobiografia


ci sono i libri precedenti
 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

elyravartemisia_gentatapomassimocoppaexiettomascia_agostinopiteregulliver.99yaris49davv.lanzellottogioavvocatogrimaldiraimondo.sartoProbo51olgy120
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 66
Prov: FI
 

ARRIVEDERCI




 

 

« ESTEREL 1AVIGNONE »

ESTEREL 2

Post n°1474 pubblicato il 23 Ottobre 2017 da atapo
 

RELAX

Il problema al motore del camper ha fatto sì che la prima cosa da fare , la mattina dopo, fosse la ricerca di un'officina adeguata. E sia benedetto il collegamento a internet, con le mappe e le localizzazioni di tutto ciò che può essere utile in un territorio sconosciuto! Anche se attraverso il cellulare neppure per mio marito è sempre facile districarsi… ma il collegamento al campeggio si paga a peso d'oro, come d'altra parte tutto in Costa Azzurra e per fortuna che siamo ormai “fuori stagione” e i prezzi sono quasi dimezzati!

Insomma, c'è stato subito modo di girellare ben bene l'entroterra, con i centri commerciali e industriali, con alcuni graziosissimi paesini tradizionali provenzali in cui naturalmente era impossibile penetrare col camper nel centro storico, sia per le strade strette sia per i divieti specifici… Finchè abbiamo trovato un'officina dove ci hanno assicurato che entro pochi giorni avrebbero procurato il pezzo da sostituire per sicurezza, anche se ci hanno detto che non correvamo rischi eccessivi a girare accompagnati dal cigolio… Cosa che abbiamo fatto poi fino al rientro in Italia, perché il pezzo procurato non era adatto al nostro mezzo e quando è arrivato ormai eravamo in partenza da Saint Aygulf verso altre mete…

A parte questo il soggiorno a Saint Aygulf è stato piacevolissimo: credo che siamo capitati a soggiornare nel luogo migliore fra tutti quelli che avevo nel mio elenco.

Il campeggio era enorme, ben alberato con pini, lecci, querce da sughero, platani, pioppi, oleandri e vari arbusti tra cui un tipo con piccoli fiori profumatissimi a me sconosciuti. Un sacco di uccelli cinguettavano e schiamazzavano dappertutto: pochissimi passeri, ma altri uccellini simili minuscoli, poi merli, gazze, corvi, tortore, colombi, ghiandaie e... pappagalli verdi dalla coda lunghissima! Ogni mattina ci svegliava un canto diverso, a seconda di chi arrivava per primo a svolazzarci sulle teste. Essendo ormai la stagione finita, nel campeggio il ristorante e il market erano chiusi, ma appena fuori si trovavano vari ristoranti da tutti i prezzi, lungo la passeggiata a mare. Bastava salire verso il paese all'interno per vialetti alberati tra ville con splendidi giardini e in dieci minuti si arrivava nella zona più centrale, coi negozi e tutti i servizi, nella piazza centrale il sabato e il mercoledì c'era un animatissimo mercato. Direi che di quei ristoranti ne abbiamo collaudati parecchi sempre con risultati positivi… ma anche i cibi di strada del mercato non erano da meno!

Per la vita di mare c'era da scegliere: il “sentiero dei doganieri”, antico e suggestivo percorso lungo le scogliere è stato consolidato e si può percorrere per vari chilometri, ogni tanto si apre su spiaggette da sogno. Noi ne abbiamo percorso un tratto in un pomeriggio ventoso, non è del tutto agevole, ci sono saliscendi e scalinate su rocce appuntite a strapiombo, ma per i panorami vale la pena stancarsi un poco… E ci sono certi coraggiosi (o incoscienti) che lo percorrono in mountain bike!

 


 

Molto meglio la spiaggia des Esclamandes, enorme, chilometri e chilometri di sabbia fine dorata sul mare blu, abbellita da palme utili a creare zone d'ombra, con qualche chiosco-bar ogni tanto, il panorama dei monti e del golfo di Fréjus… una meraviglia! Tutto libero a 3 minuti dal campeggio! Ho letto che è considerata la spiaggia più bella della costa.

Era il mio posto preferito, naturalmente, dove il tempo splendido mi ha fatto prendere tanto sole e tuffarmi per l'ultimo bagno il 5 di ottobre! Ecco da dove è arrivato il mio relax di quei giorni…

 


 

Da Saint Aygulf ci sono bus che portano sia a Fréjus che a Saint Tropez, se fossimo restati più tempo li avremmo utilizzati, perché nei nostri giri col camper ci siamo accorti che, come temevamo, fermarci col nostro mezzo per visitare queste cittadine è praticamente impossibile: divieti, parcheggi piccolissimi, nessuna area adatta ai camper vicina. Così ci siamo accontentati di vederli solo dal finestrino: chi non ci vuole non ci merita! Un po' mi è dispiaciuto, ma ormai mi rassegno, il rischio del camper è questo. Spero sempre che ci sarà una prossima volta…

Invece, inaspettatamente, abbiamo potuto visitare un grazioso paese sulle colline sopra Saint Tropez: Grimaud, che ha allestito dei bei parcheggi ampi vicino al centro storico. Pare sia uno dei villaggi più belli di Francia e in effetti le stradine e le case di pietra, tutte piene di piante e di fiori, col castello diroccato nel punto più alto, sono molto suggestive: il tramonto e la luna che sorgeva lassù non si dimenticano facilmente.

 

a Grimaud

Anche qualche scappata sulle montagne abbiamo fatto: appena a sud c'è il massiccio dei Maures, molto selvaggio con bellissimi boschi di pini e querce da sughero, poche strade e ancor meno abitazioni. Spesso, , qui e sull'Esterel scoppiano grandi incendi (e non sono dolosi), il maestrale rende difficile il domarli, tanto che viene raccomandato di non pernottare col camper accamparsi in queste zone… non per i ladri stavolta, ma per il rischio di finire arrosto!

Mio marito smanettava sul cellulare e su google maps perché aveva scoperto che in certi supermercati c'era ancora la foire aux vins, così nelle nostre escursioni sono entrati anche questi… a ognuno le sue soddisfazioni!

Per una ragione e per l'altra, per entrambi è stata una vera settimana di relax!

Ed eravamo pronti alla seconda meta del nostro viaggio...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=13571688

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
elyrav
elyrav il 24/10/17 alle 08:34 via WEB
Con qualche contrattempo ma Ŕ stata una bella settimana allora. Bene. Buona giornata
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 24/10/17 alle 22:03 via WEB
Certo!
(Rispondi)
 
 
elyrav
elyrav il 25/10/17 alle 08:30 via WEB
:) buona giornata
(Rispondi)
elyrav
elyrav il 26/10/17 alle 08:23 via WEB
un saluto
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 26/10/17 alle 22:45 via WEB
Grazie, ricambio...
(Rispondi)
elyrav
elyrav il 27/10/17 alle 08:33 via WEB
Buon fine settimana :)
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 28/10/17 alle 15:36 via WEB
Grazie, anche a te! Finalmente sono riuscita a scrivere la parte finale del viaggio!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.