Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

SETTEMBRE


 
Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.
Nazim Hikmet
 

OTTOBRE

 
 Lieve offerta
 Vorrei che la mia anima ti fosse 
leggera
come le estreme foglie
dei pioppi, che s’accendono di sole
in cima ai tronchi fasciati
di nebbia -

Vorrei condurti con le mie parole
per un deserto viale, segnato
d’esili ombre -
fino a una valle d’erboso silenzio,
al lago -
ove tinnisce per un fiato d’aria
il canneto
e le libellule si trastullano
con l’acqua non profonda -

Vorrei che la mia anima ti fosse
leggera,
che la mia poesia ti fosse un ponte,
sottile e saldo,
bianco -
sulle oscure voragini
della terra.
(Antonia Pozzi)
 

ça c' est tout




musica per l'amicizia




 

Ultimi libri letti...



David Grossman

"Che tu sia per me
il coltello"

le parole scritte
per raccontarsi, conoscersi,
amarsi


R. L. Stevenson

"Viaggio nelle Cévennes
in compagnia
di un asino"

avventure,
storie e incontri
tra i monti

ci sono i libri precedenti
 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

Ultimi commenti

ciaoo! e vacanza, e mare, e le ustioni, e i ROlling Stones...
Inviato da: exietto
il 26/09/2017 alle 21:03
 
che bello! ancora in giro...buon viaggio cara renata! :)
Inviato da: mpt2003
il 26/09/2017 alle 20:38
 
Buon viaggio, ciaoo Renzo
Inviato da: NonnoRenzo0
il 26/09/2017 alle 18:31
 
Prego!
Inviato da: atapo
il 26/09/2017 alle 15:53
 
Io ne avevo già visti, però mai così da vicino nè così a...
Inviato da: atapo
il 26/09/2017 alle 15:53
 
 

Ultime visite al Blog

exiettompt2003NonnoRenzo0atapomassimocoppaelyravartemisia_gentarw3n63la.cozzaStolen_wordsdaniela_elaaliperticoncettariccardoacetosicile54
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2009 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 66
Prov: FI
 

ARRIVEDERCI




 

Messaggi di Gennaio 2009

tour operator

Post n°332 pubblicato il 29 Gennaio 2009 da atapo
 
Tag: viaggi

MY  TENERIFE

Finalmente! 
Ho scaricato le foto (quasi 300!),
i colori giusti sono stati ripristinati,
ho fatto una doverosa decimazione di quelle brutte,
ne restano sempre tantissime tra cui ho scelto, e non senza difficoltà,...
...ed ecco la mia presentazione personale di Tenerife, sperando di fare il bravo tour operator e di riuscire a far passare non solo delle belle immagini, ma anche un po' delle mie emozioni...

Cominciamo dal famoso vulcano: il Teide si vede, si intravede e si stravede quasi in ogni punto dell'isola, da tanto che è imponente. Qui, siamo nel nord, l'ho ammirato per intero, in tutta la sua bellezza e il suo innevamento.



Ecco una stradina caratteristica di Puerto de la Cruz, ma potrebbe essere di molte altre cittadine. Gli alberi sono acacie africane, nelle aiuole i fiori ornamentali sono tutte stelle di Natale, in mille sfumature di colori dal bianco, al rosa, al rosso acceso.






















Tra i negozi per lo shopping, si resta a bocca aperta davanti a quelli dei ricami...per la bellezza e per i prezzi assolutamente contenuti.
Eccone uno dove le tovaglie ricamate arrivano...al soffitto! (Magari la prossima spedizione, anzichè alla Montagnola...)



Se ti viene fame, puoi sempre mangiare ottimo pescado y papas arrugadas: ecco le famose patate, qui contorno ad una sogliola ( di dimensioni "oceaniche") con frutta sciroppata e banane cotte alla piastra...


Andiamo in spiaggia? La mia spiaggia preferita l'avete già vista, però mi ero affezionata anche a questa piccoletta, nel villaggio Los Abrigos (tutti pescatori, pesce squisito):


Graziosa anche questa, da cui si vede l'isola La Gomera:


Infine, per sognare in attesa di cavalcare l'onda perfetta...ah, che nostalgia della mia tavola per body board lasciata in Italia! Non lo sapevate, ma un pochino mi diletto anch'io, sdraiata sulla tavola...


A sera, un coloratissimo tramonto dalla stanza dell'hotel, al nono piano!
E' il Teide? No, se ne vedrebbe la cima la dietro quella catena montuosa, se non fosse nascosto dalle nuvole.



La costa di Los Gigantes, rocce vulcaniche a strapiombo sul mare, è impressionante...








Già, stavo per dimenticarmi...LE  BALENE!!!  Eccone una:



...e due, vicine alla costa...


...se guardate bene, qui sono tre, tutta la famiglia...


e, dulcis in fundo, la foto di cui sono più orgogliosa...OPLA' !

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

27 gennaio

Post n°331 pubblicato il 27 Gennaio 2009 da atapo
 
Foto di atapo

27  gennaio
Giorno della Memoria

La memoria che dovranno conservare e trasmettere i molti studenti delle scuole medie superiori che domenica 25 sono partiti da Firenze in treno dal binario 15, come fecero molti anni fa gli Ebrei fiorentini, per le stesse destinazioni: Polonia, Auschwitz, Birkenau... (leggi l'articolo)

L'unica differenza è che i nostri ragazzi sanno che torneranno indietro,
che la loro esperienza
di quello che vedranno e delle parole che ascolteranno anche dagli anziani ex-deportati sopravvissuti che viaggiano insieme a loro
diventerà testimonianza  per i compagni e, nel futuro, per i loro figli.

Io credo che questa iniziativa della regione Toscana sia importantissima:

si ripete da diversi anni, prima del viaggio i partecipanti hanno seguito nelle scuole un percorso didattico che li ha avvicinati pian piano alla conoscenza dei fatti storici, dei personaggi principali, delle opere più significative.

Ma poi...è un salto nel buio, nell'angoscia, una esperienza fortissima che, al ritorno, lascerà un segno...

Sono orgogliosa di questa iniziativa della mia regione.

...la morte è un maestro tedesco il suo occhio è azzurro
ti colpisce con palla di piombo ti colpisce preciso...

...metti a mezz'asta la tua bandiera,
memoria.
A mezz'asta
per oggi e per sempre.
Paul Celan

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

FOTO DI FAMIGLIA

Post n°330 pubblicato il 26 Gennaio 2009 da atapo
 

UN  BIMBO  E  UN  GATTO


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

GRRRRR!!!

Post n°329 pubblicato il 26 Gennaio 2009 da atapo
 

GIORNATA  DA  CANCELLARE!
 Tutto è cominciato all'alba (invernale, vista l'ora in cui sorge il sole):
preparo uno splendido caffè, non mi piace il caffè, lo bevo solo col latte facendolo diventare cappuccino con il tegamino apposito, quello con lo stantuffomanuale...un po' di ginnastica appena sveglia.

Sveglia? Non del tutto, perchè sbaglio e prendo la tazza troppo piccola, così devo smettere la preparazione e viene un semi-cappuccino, che mi soddisfa a metà.Pazienza...

Intanto è sceso per la colazione anche il marito, che mi ricorda:
"Dovresti andare tu in posta oggi a pagare tutti i bollettini che si sono accumulati da Natale, perchè io sabato non ce l'ho fatta, sono arrivato cinque minuti dopo la chiusura."
 Accidenti al suo maledetto vizio di non calcolare mai i tempi e di arrivare sempre all'ultimo minuto...qualche volta più tardi!
"E c'è anche un bollettino da rifare, perchè l'avevo sbagliato, la cifra è diversa, bla...bla..."
Pazienza!

Io avevo già i miei progetti per stamattina, vedrò di affrettarmi e di organizzarmi bene...
Mentre sto per uscire squilla il telefono: è una che ha sbagliato numero,
ma riesce così a farmi perdere l'autobus,
che mi passa beffardamente davanti mentre chiudo la porta.

Pazienza!
La Posta non è troppo lontana, una passeggiata fa bene, piuttosto che stare al freddo alla fermata dell'autobus.

Alla Posta...non entro nemmeno, perchè c'è tanta gente che la fila (anzi, la folla, all'italiana) arriva fin sul marciapiede.
Il mio turno allo sportello arriva dopo un'ora e mezza di attesa! 

Per fortuna durante questo tempo incontro due conoscenti e il tempo passa chiacchierando...
La pazienza però diminuisce...

All'uscita, vado a prendere il giornale e chiedo il CD della Traviata, che dovrebbe essere allegato, al prezzo di un euro.
La commessa casca dalle nuvole.  Quale CD? Non le è arrivato nulla!

Non è la prima volta che succede: in queste edicole di estrema periferia è un disastro, mancano gli allegati, arrivano poche copie delle riviste...Pare che tutto si fermi ai confini dei quartieri alti!

Pazienza
, non è grave, ho intenzione di andare in centro al pomeriggio per un po' di sano shopping tra i saldi, quest'anno ancora non li ho...sfruttati e ho bisogno di alcune cosette...
Nelle edicole del centro di solito gli allegati si trovano!

Mi resta solo da fare un po' di spesa essenziale: pane, latte, poco altro...
però mi accorgo che la borsa di stoffa (ecologica) che ho portato è un po' piccola, quello che compro ci entra a stento...
...così, quando COMINCIA A PIOVERE e da questa borsa devo togliere l'ombrello, che naturalmente è rimasto in fondo...
...mi cade il sacchetto dei panini sbirulini, una golosità che preparano alla mia COOP.
Credete che me ne accorga?
NOOO!!!

Lo scopro solo quando ormai sono arrivata a casa e non li trovo!
Mi auguro solo che li abbia trovati qualche cassaintegrato o qualche precario...

A casa mio marito è tornato prima dall'università, mi ripete che non riesce a trovare uno dei cavetti per scaricare le foto nel computer (ecco perchè sono ancora in alto mare)

E intanto piove, piove, piove sempre più forte, per tutto il pomeriggio...
Non è proprio il caso che vada in centro...
Rimando, forse a mercoledì mattina, se andrà tutto liscio...

Tardiva soddisfazione: il cavetto è saltato fuori più tardi, ho scaricato le foto però mio marito ha aggeggiato al mio computer e i colori sono tutti scuriti, praticamente i blu, i viola, i marroni sono tutti neri.
"Eh, ci vorrà del tempo a sistemarli! Ora non posso."
Ha detto il coniuge uscendo per il suo ennesimo impegno in parrocchia.
GGGRRR!!!

Posso solo scrivere, tanto il nero è nero e nero rimane!



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NOSTALGIA

Post n°328 pubblicato il 25 Gennaio 2009 da atapo
 

TENERIFE DREAM

Che tempaccio!
In questi giorni è stato un freddo umido che mi ha dato tanto fastidio, insieme a pioggia e vento. Il fatto è che non ero più abituata a tutto questo, allora ho un bel da coprirmi e da "spararmi" in gola gocce di propoli (il mio rimedio naturale e universale, che finora ha funzionato bene)...il disagio resta!

E allora...invece di guardare fuori dalla finestra
guardo dentro di me...
...e rivedo, come un sogno,
TENERIFE!

E poichè sono generosa, offro il mio sogno anche a voi, amici di città sferzate dalle tempeste invernali...


Tenerife, l'isola più grande delle Canarie, si trova all'altezza del Tropico del Cancro.

Sono chiamate le isole dell'eterna primavera, perchè non c'è una grande variazione nelle stagioni (gli esperti in geografia astronomica avranno capito il motivo, io non sto a spiegarlo perchè non è il caso di fare una lezione e di annoiare ).
Fate conto di trovarvi, per tutto l'anno, come da noi all'incirca nei mesi di maggio e giugno: ora che è più freddo attorno ai 18°-23°, in estate mai sopra i 30° e capirete perchè tanti anziani ci passano l'inverno!

Tenerife in particolare come clima è divisa nettamente in due parti: se vedete la mappa aerea del post 321, al centro dell'isola si nota il vulcano Teide (attivo? Boh, forse solo "dormiente", l'ultima eruzione grossa è del 18° secolo) che è alto circa 3800 metri.
Il Teide ferma le nuvole oceaniche, quindi a nord di esso il clima è più fresco, piove più facilmente, c'è una rigogliosa vegetazione tropicale, ci sono le città principali.

A sud invece il clima è più caldo, più secco, la vegetazione è tipica del deserto e delle terre aride: affascinante lo stesso, con tutte le varietà di cactus e piante grasse.
A sud ci sono paesaggi lunari, piccole cittadine, coltivazioni di banane che ricoprono fianchi interi delle montagne e, soprattutto, i principali insediamenti turistici, il più famoso dei quali è Playa Las Americas, dove mi trovavo quest'anno.

Se non fosse per la mancanza totale di riferimenti in lingua italiana (solo spagnolo, inglese, tedesco e svedese), sembrerebbe di trovarsi sulla Riviera Romagnola, quel divertimentificio assurdo che sta tra Rimini e Riccione: locali e negozi a non finire.
Per fortuna le spiagge sono ben diverse: la furia dell'oceano permette di mantenere solo spiagge non molto grandi e protette, tipo golfi e baie, e in poche di esse si trova l'affollamento italiano! Ci sono piccoli stabilimenti balneari, con prezzi mooooolto contenuti, la maggior parte di spiaggia è libera, pulita e ben tenuta.
E' sempre piacevole girare per i diecimila negozietti, oltre ai soliti souvenirs lì si comprano bene (per questioni di free tax) profumi, oggetti in pelle e splendidi ricami locali...
ma bisogna stare attenti alle forche caudine del controllo del peso bagagli al ritorno in aereoporto!

Così spesso guardo, ammiro, sospiro e non compro nulla, a meno che, come ho fatto quest'anno, ciò che compro, in questo caso una borsa nuova di pelle, non vada a sostituire qualcosa che poi lascerò nel cestino dell'albergo al rientro in Italia!


centro commerciale

I paesaggi sono magnifici e imponenti
,


la cosa migliore è noleggiare una macchina (la benzina costa pochissimo) e girare per monti e paesi, avventurandosi su per le montagne in stradine ripide e strette, ma dalle quali si arriva a scoprire posti e scorci incantevoli, quasi sempre con l'oceano sullo sfondo.


paesaggio dell'interno, parco del Teide

Quest'anno, visto che mio marito doveva dedicare ogni giorno varie ore a studiare, con l'auto non abbiamo fatto lunghi giri, solo un giorno intero siamo arrivati a Puerto de la Cruz, al nord, distante 111 km.



lungomare e oceano a Puerto de la Cruz

E questo è, secondo me, l'unico aspetto negativo di Tenerife:

le città più grosse, con i musei, le iniziative più importanti, insomma la vita reale dell'isola, sono a circa un centinaio di chilometri dalla zona balneare. Chi ci vuole arrivare deve mettere in conto di impiegarci una giornata intera, o con l'auto o con i bus, che hanno collegamenti discreti.

Che si mangia di buono a Tenerife?
Già sento qualcuno che mi fa questa domanda...

Cucina spagnola, olè! Paella innanzitutto, dolcetti squisiti e turòn (torroni di tanti tipi diversi, anche morbidi).
Alle Canarie sono strepitose le patate (papas arrugadas, sono le più brutte, ma più buone),cotte sotto la cenere con la buccia e cosparse di sale:
si mangiano condite con mojo, cioè salsine rosse o verdi, più o meno piccanti, che sono una delizia e che possono condire anche carni o pesci.
Il pesce, naturalmente, è squisito: ci sono pesci oceanici, strani, per esempio il mero, che ci hanno presentato come grossa cernia, ma il suo sapore è tutto diverso.
Oppure uno strano pesce dalla pelle colorata, il cui nome ci è risultato incomprensibile, dalla carne quasi gelatinosa e dal sapore un po' dolce, ma molto buono.
In montagna fagioli di tutti i tipi, dappertutto, nel minestrone (sopa canaria), nella paella...e fu così che una volta feci indigestione di fagioli!

Spero di avervi fatto sognare un poco...e dimenticare questo invernaccio !

Per le mie foto...ancora un po' di pazienza...sarà l'occasione per sognare un'altra volta!
(in fondo anche il sito turistico da cui prendo le immagini non è male...)

Sogni d'oro con quest'altra bella spiaggia:




 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post 327

Post n°327 pubblicato il 22 Gennaio 2009 da atapo
 
Foto di atapo

Riprendo la vita normale, gli orari quotidiani...

...con un po' di affanno perchè quel ritardo di quasi una giornata nel rientro ha fatto sì che fossimo a ridosso di impegni già presi in precedenza e che ci hanno gettato in modo poco soft nel tran-tran di tutti i giorni.
Dal quale comunque non ci eravamo del tutto staccati, complici TV, Internet e SMS che ci hanno lo stesso tenuti legati a fatti e a persone, con tutte le conseguenze piacevoli, ma anche spiacevoli, ed in questi casi essere lontani è ancora più triste.
Insomma, provo un po' di malinconia ora, forse stress post-vacanze, so che passerà, deve passare, anche se ciò che vedo intorno a me non mi fa essere molto ottimista...ma senz'altro qualcosa di buono  salterà fuori di nuovo prima o poi...

Ieri pomeriggio ho ripreso il corso di FRANCESE PER CUCCIOLI.
Ho accettato anche Y., di cui i miei amici lettori hanno già sentito parlare.
I patti sono che la mamma aspetterà nell'ingresso (con altri genitori, che così hanno un'oretta di "socializzazione")
e nel caso la bambina si sentisse troppo stanca o a disagio e creasse grossi problemi la mamma la riprenderà anche prima della fine della lezione.
Non credo che succederà, o almeno farò tutto il possibile perchè non succeda, però ho voluto cautelarmi:
i bambini sono 20, questa ha problemi grossi, io sono sola, è un'attività di volontariato per cui non c'è nemmeno un'assicurazione particolare, non vorrei trovarmi nei guai...
Comunque ieri è andata bene, ha avuto un momento di crisi quando si è accorta che non aveva il quaderno come gli altri (è un quaderno a rigatura francese, che avevo regalato già in terza, per cui lo ritroverà a casa per la prossima volta): si è rasserenata quando le ho assicurato che non avremmo scritto sul quaderno, ma solo lavorato su una scheda.
Alla fine era palesemente stanca, allora si è seduta vicino a me, mi ha dato la mano e controllavamo insieme il lavoro dei compagni...

Mentre coloravano ed io giravo tra i tavoli, ho captato questi frammenti di conversazione sottovoce tra le bambine più grandi:
"il giorno in cui veniamo a francese per quante ore stiamo a scuola?"
"Eh, quasi dieci ore!"
"Però...questo non è mica scuola!"
"Come? Non è scuola? Ma se siamo sempre qui..."
"Sì, ma è diverso..."

Le ho lasciate a continuare la loro conversazione, ero contenta che si confrontassero liberamente, in questi casi non mi va di intervenire a meno che non me lo chiedano.
Però mi piacerebbe sapere a quali conclusioni sono arrivate, mi ha fatto piacere comunque che il mio corso sia considerato DIVERSO.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

RIMPATRIO

Post n°326 pubblicato il 20 Gennaio 2009 da atapo
 

Con quasi 20 ore di ritardo, dovute a questioni ...aeree

(le incognite dei voli charter,

ma tanto dopo una vacanza si è più disponibili a perdonare)

eccomi di nuovo a casa,

con valigie aperte e cose sparse dappertutto...


Ho già ricevuto la visita di Martino,

che è più cicciotto e più biondo di prima.

 

E per riprendere confidenza con la tastiera italiana

(ormai mi stavo abituando a quella spagnola)

un salutino anche a voi tutti!

Ci risentiremo appena possibile!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 325

Post n°325 pubblicato il 17 Gennaio 2009 da atapo

CONTO  ALLA  ROVESCIA...

...per il ritorno. Sarà lunedí, ma arriveremo in Italia di sera tardi, non so nemmeno se riusciremo ad essere a casa lo stesso giorno o se dovremo dormire dai miei suoceri, se perderemo l'ultimo treno per Firenze.

Cosa porto con me quest'anno da Tenerife?

Innanzitutto la bellissima spiaggia che vedete qui sopra, e`la MIA spiaggia, quella che preferisco, ci arrivo dopo mezz'ora di passeggiata dall'albergo, ma mi pare che ne valga la pena! Mi sono resa conto che non le ho scattato nemmeno una foto, impegnata com'ero a prendere il sole e a...saggiare l'acqua dell'Oceano per sentire se era abbastanza non-fredda per farci il bagno! 

Oggi finalmente ho fatto un vero bagno (temperatura dell'acqua 19 gradi): mi ero "alleata" con una signora inglese, anche lei in spiaggia da sola, per sorvegliarci le cose a vicenda mentre a turno andavamo in acqua.

Abbiamo anche tentato un po' di conversazione, tra le risate e la mimica: lei sapeva solo l'inglese e pochissimo spagnolo, io...il mio inglese del corso sta cadendo nel dimenticatoio!

Ecco, qui a Tenerife le due lingue d'uso sono lo spagnolo e l'inglese, perchè la maggioranza dei turisti sono anglofoni (Inghilterra, Irlanda, Australia, America...). Una goduria per me! Comunque mi arrangio, preferisco lo spagnolo e nell'hotel e nei negozi ormai non ho piú problemi, anche perchè cerco di prepararmi prima il discorso e le eventuali variazioni: il bello viene quando l'interlocutore cambia argomento e mi dice qualcosa su cui...non sono preparata! Allora mi sento come a scuola, alle interrogazioni a sorpresa quando non si ha studiato... 

La mia curiosità mi dice che sarebbe davvero utile che imparassi bene qualche altra lingua...soprattutto se voglio godermi i miei viaggi...

Poi...che ricordi avrò ancora...questo non lo so, non voglio deciderlo adesso...

Saranno davvero ricordi quando sarò a casa, ripenserò a questi giorni e allora sì, le cose che mi torneranno in mente saranno davvero le più importanti.

Ora passerò gli ultimi minuti di questo collegamento a fare quattro salti tra i vostri commenti e tra gli amici blog...poi ci risentiremo da Firenze!

¡BUENA  NOCHE!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

???!!!

Post n°324 pubblicato il 15 Gennaio 2009 da atapo
 

IL  SOFFIO  DEL  DIO  SOLE

I cieli di Tenerife sono sempre spettacolari. Qui soffiano perennemente gli alisei e portano in giro nuvole di tutti i tipi, tutte le forme e i colori, a seconda di come incontrano le montagne e i raggi del sole nelle varie ore della giornata...

Ma stamattina stavano esagerando e gli alisei erano un vento di tempesta che portava nuvoloni neri e, a tratti, quel fenomeno che qui chiamano pioggia orizzontale, cioè qualcosa che sta tra la nebbia e la pioggia e che cade, o meglio viaggia, proprio orizzontale rendendo inutile qualsiasi ombrello. Per fortuna dura poco...presto ritorna il sole, almeno per un po'.

Questo accadeva nelle zone attorno al mio albergo, ma noi, esperti lupi di mare, sapevamo dai viaggi precedenti che, se qui era così, sull'altro versante dell'isola probabilmente c'era piú calma.

E allora siamo partiti con l'auto ed effettivamente abbiamo trovato una spiaggetta tranquilla, nera di sabbia vulcanica, con il vento non eccessivo, dove mio marito ha studiato ed io ho preso il sole. Il bagno oggi no, non era abbastanza caldo, ma tanto un "mezzo bagno" ero riuscita a farlo ieri, giornata splendida.

 

Poi ho passeggiato e ho trovato una stella marina blu, a otto braccia, morta, che farò seccare e porterò a casa, anche se ho giá notato che il colore blu sta scomparendo...mannaggia, non ho pensato di farle una foto appena trovata!

 

 

 

 

Nel pomeriggio abbiamo deciso di andare alle Piramidi di Guimar.

Sono vere piramidi, fatte a gradini, anzi gradoni.

Uno studioso norvegese, Thor Heyerdahl, da non molti anni le sta studiando e sta portando avanti la tesi che le somiglianze di queste con analoghe costruzioni in varie parti del mondo, dall'Egitto alle Americhe, significhi che ci siano stati contatti tra le popolazioni ben prima del viaggio di Cristoforo Colombo.

Ci sono anche altre scoperte che sostengono questa tesi e a Guimar c'è un parco etnografico interessante che presenta tutto questo e fa riflettere su quanto poco, in realtá, noi mondo occidentale conosciamo di tutto il resto e di quanto mistero resti ancora da risolvere.

Queste piramidi, orientate perfettamente secondo i percorsi del sole nelle varie stagioni, probabilmente proprio per culti al dio Sole, le stavo guardando affascinata da un punto alto, un terrazzo che permette di vedere bene tutta la zona. Era verso il tramonto, tutto pareva tranquillo, anche se un po' inquietante...

A un tratto nel giardino tropicale che sta oltre le piramidi, proprio sotto la montagna, cominciano ad agitarsi violentemente tutte le palme, grido CHE SUCCEDE LAGGIU'?!

ed improvvisamente un vento violentissimo mi investe (ci investe, anche mio marito), ci costringe ad indietreggiare, a percorrere a ritroso il terrazzo mentre il vento tenta di sbatacchiarci di qua e di lá e quasi mi solleva...

...ormai perdo pure il cappello di Indiana Jones, che afferro e mi calo sulle orecchie...

...finalmente raggiungiamo a fatica l'entrata del parco, e il vento...sparito! Pare non sia successo nulla, la vallata è come prima...

Possiamo uscire chiedendoci MA COSA E' SUCCESSO?

Saliamo in auto e partiamo verso casa: usciti dal paese di Guimar mi volto un attimo a guardarlo: sorpresa! E' sparito! Rapidissimamente è stato avvolto da un'unica nuvola scesa dalla montagna.

E davanti a noi nel cielo fra nuvole di tutti i tipi e i colori si forma per qualche minuto qualcosa che non ho mai visto: un arcobaleno verticale! Scientificamente avrá certo una spiegazione, che so...l'umiditá...le inclinazioni dei raggi del sole al tramonto ecc...

...ma in quell'atmosfera misteriosa io ho pensato ad un gentile omaggio del Dio SOLE, che si era pentito di avermi cacciato così sgarbatamente dalle sue piramidi...

(forse il sole tropicale sta cominciando a darmi alla testa...ma tanto fra poco finisce ...)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 323

Post n°323 pubblicato il 12 Gennaio 2009 da atapo
 

ON  THE  SEA

E' accaduto!

Quello che sognavo da tanto e che non ero mai riuscita a realizzare...

...oggi é successo!

Novello capitano Achab, se questo fosse femmina, una giornata per il mare a cercare le balene!!!

Navigano nelle acque qui intorno a Tenerife e vengono organizzati giri in barca per andarle a vedere.

Era un mio sogno, ma mio marito che soffre tremendamente il mal di mare mi aveva sempre fermato. Ora che lui DEVE studiare, io oggi mi sono imbarcata!

Ne ho viste, tante, che saltavano attorno al nostro catamarano, sono del tipo "balena pilota", non enormi, ma sempre considerevoli.

E insieme a loro branchi di delfini di vari tipi, oggi si sono fatti vedere anche i "delfini atlantici", una razza che qui è difficile da avvistare (dice la guida)

poi, all'improvviso, sulle onde una pinna diversa dalle altre, ma stranamente familiare...UNO SQUALO! ha gridato la guida e l'emozione è salita alle stelle in tutti noi navigatori!

Davvero una giornata fortunata, ci ha detto il capitano, è difficile vedere tutto questo in una volta sola! E non solo nel viaggio di andata, come previsto, ma anche durante il ritorno la barca si è dovuta fermare in mezzo ad "imprevisti" branchi di cetacei molto vicini alla costa.

Le balene uscivano all'improvviso dall'acqua, accompagnate dagli OOOHHH di tutti noi ad ogni salto...

i delfini saltellavano tra le onde, alcuni gruppi si affiancavano alla barca per fare un po' di strada con noi e quando erano stanchi si accodavano alla scia schiumosa per seguirci ancora un poco...

Tutto quello che finora avevo visto solo in TV era lì davanti a me, accadeva davvero, se avessi messo una mano nell'acqua poteva capitarmi di toccare uno dei delfini che si avvicinavano e passavano sotto la barca.

Come tutti, scattavo foto su foto, sapendo che è difficilissimo con la mia macchinetta cogliere il momento giusto, però speravo nella SUERTE...vedremo poi con calma sul computer di casa cosa si potrá salvare...qualcosina non mi pare male!

Ero emozionata e felice per lo spettacolo...e stasera posso giá raccontarlo, ancora piena di belle immagini nella mente...

l'ultima...

l'ultimo delfino che saltava controluce, scuro contro il sole che giá stava tramontando...

(Naturalmente le immagini che ho messo sono prese da internet, ho cercato qualcosa che assomigliasse a ciò che ho visto. Per le foto, se ne parlerá al ritorno in Italia)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 322

Post n°322 pubblicato il 09 Gennaio 2009 da atapo
 

SORPRESA !

QUI   TENERIFE...

...bella invenzione gli Internet point, anche se bisogna capire le loro istruzioni in spagnolo!

Grazie al fatto che mio marito per la sua università deve collegarsi ogni tanto...

...e grazie (un po' meno) al fatto che oggi piove ecco che posso dare un piccolo saluto!

OGGI  PIOVE.

Dicono che qui a Tenerife Sud sia una cosa straordinaria, ma dicono anche che quest'inverno è orrendo anche qui, un maltempo simile non l'hanno mai visto!

Io non mi lamento, vista la neve e il gelo a cui sono sfuggita!

Nei giorni scorsi ho potuto prendere il sole, 

in maglietta con le maniche corte,

per il costume era troppo azzardato, il bagno lo fanno solo gli Svedesi e simili, ma non dispero per la prossima settimana.

Come passo il tempo?

Al mattino, dopo una ...calma colazione facciamo una bella passeggiata attraverso le vie e i market di Playa Las Americas fino a raggiungere qualche spiaggia, dove ci riposiamo, prendiamo il sole, respiriamo l'aria buona dell'Oceano...

Pranzo verso le 14, tanto per assumere le abitudini spagnole, pennichella, poi mio marito studia in camera ed io decido se leggere o andarmene a fare un'altra passeggiata da sola, col dizionario in tasca (non si sa mai):

per ora ho solo conversato con due anziani coniugi di Modena che hanno comprato un appartamentino qui e ci svernano molto soddisfatti!

Dopo cena, qualche animazione in hotel o un'altra passeggiata fino ad ore...non troppo piccole.

Ecco la mia vita. Oggi, causa pioggia, dopo pranzo io e mio marito abbiamo vinto un torneo di domino e stasera gli animatori ci hanno promesso diploma e sangria. Olé!

(ho la tastiera spagnola, mettere gli accenti non é semplice)

Ma da domani si cambia: domattina noleggeremo la macchina, cosí amplieremo il raggio degli spostamenti. Qui il noleggio e la benzina costano pochissimo!

Sapete che mentre scrivo nell'albero (un ficus) fuori canta un canarino? Qui vivono selvatici, come da noi i passeri, insieme ai pappagalli e in un giardino condominiale, su una splendida acacia africana, quelle a ombrello, volteggiava un'upupa...

Ora tento di pubblicare, visto che il tempo che ho "comperato" fra un po' scade, se riesco cerco qualche...immagine di repertorio.

Questo è il profilo del Teide, il vulcano che si trova nel centro di Tenerife: la prima immagine familiare dell'isola che si vede arrivando in aereo. In Inverno la sua cima è spesso coperta di neve.

Spero di ritornare presto a raccontare qualcos'altro!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 321

Post n°321 pubblicato il 04 Gennaio 2009 da atapo
 
Foto di atapo

Il cappello di Indiana Jones, quello antisole, antivento, antitutto, l'ho già messo nello zaino,
la valigia si chiude senza troppa fatica (bene, così resta posto per qualche souvenir...)
vi saluto tutti per un po'...

...finalmente domani parto!
 Col marito fuggo dall'inverno e vado per 15 giorni qui:


mi pare che si capisca in quale terra sarò...
Chi non lo capisce lo saprà al mio ritorno...


Mi terranno compagnia Prometeo del mio teatro e qualche buon libro, oceano, canarini, pappagalli, spero tanto sole e...le stelle di Natale, che laggiù crescono spontanee dappertutto.




Questa volta la macchina fotografica dovremo dividercela, perchè il marito la sua ora  ce l'ha rotta, ma con un po' di fortuna magari là ne comprerà una nuova ...
Non dimenticatemi e non invidiatemi troppo...spero di portarvi tante belle foto per farmi perdonare...
Auguroni a tutti per la ripresa di scuola e lavoro dopo l'Epifania, che tutte le feste porta via e...
...a risentirci dopo il 20 gennaio!


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 320

Post n°320 pubblicato il 03 Gennaio 2009 da atapo
 

AL  CANTO  DEL CARDELLINO...



...hanno risposto un po' di bloggers che da Nord e da Sud oggi si sono incontrati con chi...giocava in casa, dunque a Firenze,
con la "scusa" di ammirare il restauro della Madonna del Cardellino.



Anche l'arte dunque contribuisce all'unità d'Italia!






Hanno sfidato la gelida tramontana che oggi spazzava Firenze:


Ody,

Casal,


Vidi,


Nella e coniuge,


Quoti,


Atapo,


e ci hanno raggiunto per un saluto Akhenaton e Relear
(spero di aver capito esattamente questi nomi che non conosco bene, nel caso mi sia confusa chiedo venia e aspetto correzioni).

Qualcuno era assente giustificato, peccato, l'aspettiamo la prossima volta!



Naturalmente Ody ci ha fatto da guida introducendoci ai misteri dell'arte del restauro e del lontano mondo rinascimentale,

poi, infaticabile, ci ha accompagnato per strade e piazze di Firenze,
da luoghi più famosi ad angoli nascosti e per lo più sconosciuti ai
turisti "normali".

Io, fiorentina d'adozione, ho goduto il quadro di Raffaello e la città nel modo che mi piace di
più: nonostante abiti qui da tanti anni, ho ancora tanto da scoprire ed è piacevole farlo con chi mostra passione ed amore ed è capace di trasmetterle...



E abbiamo scoperto anche cose di noi, nei blog ci raccontiamo, poi
negli incontri ritroviamo le nostre storie e le arricchiamo
conoscendoci meglio.

Chiacchieriamo passeggiando e nelle soste conviviali,

al bar, davanti alle bevande calde necessarie per proseguire il tour,

e soprattutto al pranzo in trattoria dove abbiamo fatto onore alla cucina toscana e ai dolci campani e veneti che avevano fatto un lungo viaggio in treno...



...e i superstiti di queste prelibatezze, suddivisi, scambiati e impacchettati fortunosamente,

hanno ripreso il cammino...verso altre case in giro per l'Italia!

Che c'è di meglio della gastronomia in uno scambio culturale?!






Un'altra bella giornata di incontro e di conoscenza tra amici vecchi e
nuovi...che stanno complottando di altri raduni anche in altre città !

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 319

Post n°319 pubblicato il 03 Gennaio 2009 da atapo
 
Tag: cronaca





Non ho messo fuochi artificiali a festeggiare il Capodanno, ma li metto con gioia adesso:
signori, questa sera il mio computer è rinato!

Finalmente sto scrivendo dal mio computerino riattivato...
ora devo controllare un po' se tutto è a posto, ma...evviva!

Anche questa è fatta, sulla via della normalità di casa mia!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 318

Post n°318 pubblicato il 02 Gennaio 2009 da atapo
 

Martino oggi è venuto per la prima volta a casa mia.
I suoi genitori passavano a ritirare un po' di avanzi dei nostri pranzi festaioli, che a loro fanno sempre comodo: si congelano e si tirano fuori in momenti di emergenza!
A dir la verità, avevo fatto apposta delle dosi abbondanti, così che rimanesse qualcosa...in fondo sono sempre la mamma e anche la suocera!

Era una bella giornata e tutti e tre avevano appuntamento con amici, anche bebè amici perchè sono in varie coppie ad avere figli neonati o giù di lì, così non si sentono soli e si sostengono a vicenda...





Torniamo a Martino
:
rannicchiato nel suo ovetto non ci ha dato molta soddisfazione, ha dormito quasi tutto il tempo!
Rivederlo a distanza di pochi giorni è sempre un po' diverso:
più tondo, più grande, con un po' di capelli in più, ora gli sono spuntate delle belle ciglia riccioline...
...è sempre bellino, parola di nonna!







Ero così contenta di averlo visto (e fotografato, ne ho approfittato naturalmente!) che quando se ne sono andati ed io sono uscita a fare la spesa non ho saputo trattenermi e gli ho comprato...

la calza della befana,

blu con un cagnolino azzurro sopra
che volendo si può staccare e usare come giocattolo.

Quello sarà per lui, poi  l'ho riempita di cioccolatini per i suoi genitori, golosi di cioccolata come me!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 317

Post n°317 pubblicato il 01 Gennaio 2009 da atapo
 

IL  CLUB  DELLE  NONNE

E' nato!
Finalmente è nato anche Diego, il primo nipotino di Margy!

Negli ultimi giorni facevo una scappatina quotidiana al suo blog per accertarmi della situazione e rivivere le emozioni che ho passato anch'io da poco.
Poco fa l'emozione più bella ...
...e anche Margy è entrata nel club delle nonne!



Nascere proprio il primo gennaio è impegnativo, sarà una festa doppia tutta la vita e chi ti conoscerà, Dieguito, non si scorderà facilmente del tuo compleanno:
sei stato oggi il simbolo del 2009 che arriva!

Stanotte (o quel poco di notte che restava dopo il ritorno dal teatro e da un lungo giro nella bellissima Firenze notturna) avevo sognato che Martino stava con noi, forse i suoi genitori erano in viaggio,
ed io ero molto felice di prendermi cura di lui e godevo nel tenerlo in braccio, parlargli, coccolarlo...

Quando mi sono svegliata mi sono chiesta:
"Perchè Martino proprio stanotte?
Forse così piccino rappresenta l'anno nuovo che sto accogliendo, con le sue speranze e le sue incognite, come ogni novità sconosciuta..."






O forse Martino mi voleva avvertire che anche Diego era in arrivo?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso