Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI OTTOBRE

Gabriel Garcia Marquez

"L'amore ai tempi

del colera"

 

IL LIBRO DI SETTEMBRE

Antoine de Saint-Exupéry

"Il piccolo

principe"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

ataposurfinia60myrgiLalla3672fedele.belcastrola.cozzasimona_77rmcassetta2ormaliberaelyravmassimocoppaITALIANOinATTESAmixtli6vita.perez
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 69
Prov: FI
 

 

« REGALO DEL GIARDINOAVEVAMO SPERATO »

MALINCONIA

Post n°1531 pubblicato il 14 Maggio 2018 da atapo
 

FRA  DUE  DATE

In questi giorni, nella seconda domenica del mese di maggio, c'è la festa della mamma: quest'anno è stata ieri.
Il 16 maggio è l'anniversario della morte della mia mamma.
Ecco che come tutti gli anni questo periodo tra l'una e l'altra data per me è particolarmente malinconico: nella mia famiglia non si fa nulla di particolare per la festa della mamma, festa profana e consumistica sentenzia il marito e tutto scivola via nel silenzio e nell'indifferenza.
Così è nel silenzio del mio cuore che penso a lei, a come era, al nostro rapporto di madre e figlia, conflittuale in certi momenti, complice in altri… e arrivo all'ultimo sofferto periodo quando la lontananza fisica rendeva tutto molto più difficile e avrebbe lasciato, dopo, acuti rimpianti. Eravamo simili eppure tanto diverse… Chissà ora lei cosa ne pensa, come mi vede… Le ho chiesto scusa per tanti momenti che avrebbero potuto essere migliori, ma ci si rende conto quando ormai è tardi.
E allora in questi giorni la sento vicino a me più del solito e la festeggio nella mia personalissima e silenziosa “Festa della mamma”, le dico che sono ancora figlia e che averla lasciata andare non significa averla perduta, anche se la distanza tra noi in certi momenti si fa immensa e occorre ripensarla in una dimensione differente e faticosa da accogliere.
Così quando ieri Facebook in quelle sue proposte un po' scherzose e un po' meditative ha chiesto “Crea un post speciale per festeggiare una persona che porti nel cuore” ho subito pensato a lei e, per la prima volta in quel social, ho pubblicato una sua foto, ma di tanti, tanti anni fa, una di quelle in cui era giovane e bellissima, che ho ritagliato e ingrandito rendendola leggermente sfocata, nella luce soffusa del ricordo e del tempo che scorre via.

Image and video hosting by TinyPic


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=13679487

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
NonnoRenzo0
NonnoRenzo0 il 15/05/18 alle 11:03 via WEB
Mi emoziona questo tuo post cara Roberta, mi porta indietro nel tempo quando la festa della mamma era ogni giorno a famiglia riunita. Buona giornata... ciaoo Renzo
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 15/05/18 alle 23:37 via WEB
Grazie per questo tuo commento. Mi chiami Roberta, ma il mio nome è Renata... Però sai che capita spesso che qualcuno scambi i due nomi...
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.