Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI DICEMBRE

Elena Gianini Belotti

"Dalla parte

delle bambine"

 

IL LIBRO DI NOVEMBRE

Maurice Maeterlink

"L'oiseau bleu"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

 

Ultime visite al Blog

atapola.cozzaartemisia_gentlambiaserosarioregalaunregalomassimocoppaelyravLalla3672vololowcarloreomeo0QuartoProvvisoriosurfinia60NonnoRenzo0giovannikadosh
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 69
Prov: FI
 

 

« AL TEMPO DEL VIRUS 4AL TEMPO DEL VIRUS 6 »

AL TEMPO DEL VIRUS 5

Post n°1667 pubblicato il 25 Marzo 2020 da atapo
 

 

RITORNO AL PANE

 



Abbiamo deciso che a fare la spesa ci andrà mio marito, il meno possibile, circa una volta alla settimana: io non riuscirei a stare in piedi tanto tempo in fila, nè potrei comperare molto, non guidando l'auto. Però non è così semplice "calibrare" i consumi in modo da non finire troppo presto qualcosa di molto usato: un supermercato è vicino a casa, prima se mancava qualcosa era il motivo per una passeggiata, si provvedeva e si aggiungeva anche qualche occasione scoperta lì per lì. Ora bisogna programmare e si deve conciliare con la lista del regime alimentare che mi dà la nutrizionista, non molto esigente in tempi normali, ma ora diventa più complicato, e anche con i gusti e, diciamo pure, le "idee" di mio marito: questo insieme a quest'altro no, non la stessa cosa due giorni di seguito, perchè così poca carne, perchè così tanta verdura, cosa posso mangiare che ho ancora fame...

Ecco allora che è finito il pane ed è quasi finito anche ciò che gli assomiglia: pezzi di schiacciata e focaccia che erano stati congelati in tempi felici per le merende dei nipotini, confezioni di prodotti simili prese al supermercato per i languorini improvvisi.

Ma per la spesa era ancora presto, secondo la nostra tabella di marcia, non era il caso di mettersi in coda solo per questo.

Così dal fondo della cucina ho ripreso fuori la macchina del pane, che non usavo da anni: perchè non sempre il pane veniva bene, dipendeva dalla temperatura e umidità dell'ambiente e da chissà cos'altro, non l'ho mai capito. Andava a finire che il marito era insoddisfatto, quel pane non gli piaceva, troppo dolce, poco lievitato, troppo basso, troppo chiaro, troppo scuro... e dovevo terminarlo io come toast a colazione. Inoltre serve una farina apposta, un certo tipo di lievito... Insomma, visto che si poteva comperare pane fresco e buono a dieci minuti da casa, avevo smesso di usarla.

Ora però era l'ultima speranza: per caso prima della clausura avevo comperato un chilo di quella farina speciale, l'istinto me lo aveva suggerito, chissà, avevo pensato di poterci riprovare, ma senza impegno... al limite avrei avuto qualche toast. Di lievito giusto ce ne avevo ancora nel cassetto, scaduto, ma si dice che a volte funziona uguale ed era l'occasione per verificarlo.

Allora ieri pomeriggio ho rifatto il pane con la sua macchina, dopo tanto tempo, dosando tutto con la massima cura e un po' di apprensione. Per sicurezza, avevo messo in cantiere anche la polenta, casomai il pane fosse venuto una schifezza.

Invece si è fatto onore: lievitato, morbido, profumato. Abbiamo mangiato ugualmente la polenta a cena, ma oggi a pranzo il MIO pane era buonissimo, ce ne sarà anche per stasera. Il marito era soddisfatto (o forse ha fatto di necessità virtù?); domani sarà giorno di spesa... speriamo di trovare la farina, anzi le farine, perchè ci saranno altri esperimenti di panificazione, meccanici e manuali!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=14835653

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
artemisia_gent
artemisia_gent il 25/03/20 alle 22:42 via WEB
Io faccio spesso il pane, credo che sia la cosa che mi piace più fare.ora in quarantena faccio pane, pizza focaccia e farinata (forse la conosci come Cecina). Peccato che il lievito sia diventato introvabile in questi giorni, mio marito ha dovuto girare parecchio per trovarlo.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 26/03/20 alle 21:42 via WEB
Buona la cecina! Mi piace moltissimo. Oggi alla spesa mio marito il lievito non l'ha trovato.
(Rispondi)
NonnoRenzo0
NonnoRenzo0 il 26/03/20 alle 09:52 via WEB
Di questi tempi bisogna adattarsi e riscoprire vecchie tradizioni culinarie riciclare il riciclabile,si può dire ormai che siamo sulla stessa barca cerchiamo di rimanere a galla, raggiungeremo presto un porto sicuro.buona giornata ciao
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 26/03/20 alle 21:43 via WEB
Guarda, io mi butto nel riciclaggio di avanzi alimentari! Vedrò cosa riesco a inventarmi.
(Rispondi)
massimocoppa
massimocoppa il 26/03/20 alle 12:55 via WEB
ma il lievito ce l'avevi? perché da me è sparito completamente dagli scaffali!
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 26/03/20 alle 21:45 via WEB
Anche da me. Ho in casa delle bustine di lievito in polvere, sono molto vecchie, scadute, ho letto che possono funzionare lo stesso e stavolta è andata bene, le prossime non so. E' l'occasione per finirle, o per buttarle.
(Rispondi)
surfinia60
surfinia60 il 27/03/20 alle 15:10 via WEB
Avevo provato anni fa, ispirata da un'amica particolarmente brava. Ma i risultati altalenanti mi avevano ben presto scoraggiata. Avendo anch'io la macchina del pane ogni tanto mi cimento, ora più che mai. Tengo sempre del lievito fresco in congelatore, soprattutto per la pizza che faccio più spesso. Nella vita non si sa mai, tutto puo' tornare utile. Un saluto
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 28/03/20 alle 22:49 via WEB
Invece io era da un pezzo che non facevo nè pane nè pizza: essendo solo in due si faceva prima ad uscire e andare in pizzeria ogni tanto...
(Rispondi)
sorriso_19_np
sorriso_19_np il 28/03/20 alle 10:58 via WEB
Ciao, anch'io come te faccio il pane a casa con il lievito madre. E' dal 2017 che provo a farlo come si deve e finalmente dopo tanti tentativi ci sono riuscita e il profumo che si sprigiona è di una fragranza deliziosa. Ora più che mai, con questa situazione drammatica che stiamo vivendo tutti, si sta a casa e sto praticamente per una buona percentuale davanti ai fornelli e al forno con il piacere di riscoprire antichi sapori.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 28/03/20 alle 22:51 via WEB
La mia esperienza col lievito madre, anni fa, non è stata soddisfacente, lo raccontai anche qui. A me piace cucinare e lo farei volentieri, ma invecchiando devo controllarmi nella dieta e mettermi a cucinare troppo è un grosso rischio! Allora passo il tempo in modi più "intellettuali" :)))
(Rispondi)
s.bernasconi45
s.bernasconi45 il 28/03/20 alle 17:29 via WEB
IO AVENDO PROBLEMI DI SALUTE ,SONO ANNI CHE MI FACCIO IL PANE ,MA IL PROBLEMA E' QUELLO DI TROVARE LA FARINA E IL LIEVITO ,SONO 3 SETTIMANE CHE NON RIESCO A TROVARNE IN GRAMMO SONO RIUSCITO A FARMI LA FARINA MACINANDO DEL FARRO E ORZO.LASCIANDOLI POI LIEVITARE UNA NOTTE INTERA CON UNA BUSTINA DI LIEVITO SECCO SONO RIUSCITO A FARMI 2 BELLE PAGNOTTE!!
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 28/03/20 alle 22:52 via WEB
Accipicchia! Sei stato proprio bravo!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.