Creato da LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl
 

 

« Corsi corsi corsiCannelloni pasqualini »

Chi scrive lo sa

Post n°1045 pubblicato il 07 Aprile 2017 da LaDonnaCamel
 

C’è stato un periodo della mia vita, collocato su per giù nei dintorni dell’adolescenza, in cui sparavo delle balle colossali, inutili o comunque fini a se stesse ma piene di fantasia. Mi fingevo altro da me con persone incontrate sui treni, inventavo un fidanzato immaginario che cercavo di rifilare alle mie amiche facendole affacciare alla finestra per guardarlo giù in strada, ah no, ha appena girato l’angolo ma un momento fa c’era, mi ha accompagnato fino a qui, non ci credete? Portavo avanti lunghe e ricorrenti conversazioni telefoniche con tizi che non mi conoscevano dicendo che li avevo visti in qualche posto e raccontando fatti e circostanze plausibili ma completamente falsi.
Un’attitudine a raccontare storie che devo aver preso da mia mamma, che me ne raccontava tante quando ero piccola: un conto è leggere una fiaba da un libro, sempre quella con le stesse parole, altra cosa raccontare a braccio, inventando qualche variante ogni volta, aggiungendo personaggi secondari, svolte non previste del canovaccio. Del resto mia mamma più che raccontare, recitava, facendo le vocine e spingendo sulla drammaticità dell’intreccio fino a farmi piangere.
La differenza importante è che in quei casi, pur con la sospensione dell’incredulità che era facilitata dalla fiducia della bimba verso la mamma, il contesto narrativo era esplicito e dichiarato, mentre più tardi io sperimentavo il metodo stanislavskij senza averne mai nemmeno sentito parlare: mi immedesimavo nei personaggi a tal punto da interpretarli nella realtà.
Oggi mi è tornato in mente un fatto legato a un biondino che frequentavo da ragazzina, un giovanotto alto e muscoloso, fisico apprezzabile ma viso un po' comune, occhietti azzurri chiari dallo sguardo vago, labbra sottili, mascella squadrata, tipo il soldato tedesco nei film di una volta, non quello importante ma quello di seconda fila, che va sempre a finire che muore. 
Il biondino, chiamiamolo così che non voglio dire il nome, dichiarava di odiare gli ebrei, un fatto che mi è sempre sembrato assurdo eppure succede, oggi ho letto che nel 2016 sui social sono stati scritti 382 mila post antisemiti, uno ogni 83 secondi: è per questo che mi è tornato in mente il biondino e continuo a non capirne il senso.
In ogni modo il biondino mi faceva una corte assidua purtroppo per lui non corrisposta, mi accompagnava sempre a casa da scuola, facevamo interminabili discussioni di politica ignorante, con tutte quelle frasi fatte dei quindici anni.
Non puoi capire la sua faccia quella volta che, abbassando gli occhi e giocherellando con l’anellino che portavo nel dito medio, gli ho confessato di essere ebrea. Eravamo davanti a casa mia e si è bloccato lì, una mano sul cancello semi aperto - stavo per entrare e si è messo in mezzo. Di colpo è diventato tutto pallido, ha alzato le sopracciglia e gli son venuti gli occhi rossi, poi anche il collo, sotto e dietro le orecchie gli è venuto tutto rosso, con la carnagione chiara che aveva e i capelli così corti la sua faccia era una brochure a colori dei suoi sentimenti. Ha smesso anche di respirare per un minutino, poi ha scosso la testa, no dai no, dimmi che non è vero.
Io ci ho preso gusto, certo che è vero, vedi il mio cognome? è tipicamente ebreo. Ero seria, non sorridevo nemmeno mentre lo dicevo, e il mio naso? tutta la mia famiglia lo è, mio nonno è stato prigioniero in un campo di concentramento…
Si è piegato in avanti come se gli avessi piazzato a tradimento un cazzotto nello stomaco, basta, ha detto con la voce roca. Mi ha aperto del tutto il cancello e si è spostato per farmi passare.
Ho fatto i gradini a due a due e prima di entrare nel portone mi sono voltata. Era ancora lì nella stessa posizione. Gli ho fatto ciao con la mano ma non ha risposto.
Non era di quelli che frequentavano la parrocchia come me, se no l’avrebbe saputo.
Ecco, il pezzo è finito, volevo solo dire che ne ho raccontate ancora per un po’ e poi ho smesso, ma quando scrivo certe volte mi immedesimo così tanto nelle storie che è come se fossero vere bugie e quando passo per strada vicino ai posti dove le ho ambientate, il sagrato della chiesa dove Eleonora raccoglieva il riso, l’edicola dove prendeva il giornale il tranviere che aveva vinto al totocalcio e aveva buttato via la schedina, la casa fantasma dove ero entrata di notte a cercare il mio gatto e poi ero morta, mi tornano in mente quei fatti come se fossero ricordi di cose successe veramente.
Chi scrive lo sa.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/LaDonnaCamel/trackback.php?msg=13518568

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Amico.Dario
Amico.Dario il 08/04/17 alle 18:09 via WEB
Poi per tocca sempre spiegare :P
 
 
LaDonnaCamel
LaDonnaCamel il 08/04/17 alle 21:47 via WEB
Ah no, non sempre. Chi capisce capisce ;-)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Piperita Patty il 26/04/17 alle 20:46 via WEB
Ma dai, che bella storia! Io di bugie ne ho sempre dette pochissime e male, ma mi capita di ricordare cose immaginate come se fossero vere.
 
 
LaDonnaCamel
LaDonnaCamel il 26/04/17 alle 21:34 via WEB
Ma anche io ne dico poche e solo quelle inutili, che le altre mi mettono ansia
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Area personale

 

Ultimi commenti

Ma anche io ne dico poche e solo quelle inutili, che le...
Inviato da: LaDonnaCamel
il 26/04/2017 alle 21:34
 
Nessuno si lamentato ;-)
Inviato da: LaDonnaCamel
il 26/04/2017 alle 21:32
 
Ma dai, che bella storia! Io di bugie ne ho sempre dette...
Inviato da: Piperita Patty
il 26/04/2017 alle 20:46
 
Sembra una roba buonissima!
Inviato da: Piperita Patty
il 26/04/2017 alle 20:15
 
Ah no, non sempre. Chi capisce capisce ;-)
Inviato da: LaDonnaCamel
il 08/04/2017 alle 21:47
 
 

Ultime visite al Blog

KenthilinaLaDonnaCamelRiccardoPennascrittoreoccasionalelacky.procinooberdanrabpinchertonil_pabloMr_Joe_Blackvirgola_dfsoloinufficio77sognimondocostanzatorrelli46NoirNapoletano
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Le avventure di Nonugo

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 


ias

 

Chi pu scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Scrivere il mio gioco preferito

L'occhio del coniglio

Libro, mobi, epub come vuoi tu, compralo su Amazon o su lulu!

Da oggi anche su Anobii

 

 

Joomla! Lombardia

Caricamento...
 

Angie

Caricamento...
 

Capitano mio capitano

Caricamento...
 

Coniglio della moda

Caricamento...
 

Coniglio Mannaro

Caricamento...
 

La linea d'Hombre

Caricamento...
 

Mai Maturo

Caricamento...
 

Michele per caso

Caricamento...
 

Ora e qui

Caricamento...
 

Solo testo

Caricamento...
 

Sputa il rospo

Caricamento...
 

Tapirullanza

Caricamento...
 

Transmission

Caricamento...
 

Un pezzo di Milano che cammina con gli occhiali

Caricamento...
 

Vanamonde

Caricamento...
 

Vibrisse

Caricamento...