Community
 
ladestracal...
   
 
Creato da ladestracalolzio il 16/08/2008

LA DESTRA CALOLZIO

blog libero

 

 

« FALLIMENTO GOVERNO BERLUSCONI.16 gennaio1969. Sacrific... »

ALITALIA: italian job!

 

Come volevasi dimostrare, si chiude una vicenda scandalosa che rasenta l'imbroglio". E' quanto dichiara il ministro ombra delle Infrastrutture del Pd, Andrea Martella, a proposito dell'ok di CAI ad Air France. "I cittadini pagano piu' di 3 miliardi, le tariffe aumentano e l’occupazione diminuisce. Un risultato disastroso il cui responsabile è Silvio Berlusconi - ha spiegato Martella. - Una presa in giro durata fino all'ultimo con la disputa all'interno della maggioranza e gli annunci di altre offerte inesistenti. Formigoni e Moratti sono stati trattati a pesci in faccia, ne traggano le conseguenze".

 

Speriamo sia finito il tormentone Alitalia. Credete? Non è così! Il bello deve ancora cominciare.Patetici coloro che hanno sperato in un intervento di Lufthansa fino all’ultimo momento, mentre la compagnia tedesca non se lo è mai sognato di pestare i piedi ai francesi, ma sembra che godano a pestarli a noi.

Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, che cento ne pensa e niuna né azzecca, a margine di una conferenza stampa, ha ricordato che "Berlusconi nell'incontro di due giorni fa ha dichiarato (sii, fidati!) che avrebbe dato indicazioni a Cai di aspettare l'offerta di Lufthansa. So che c'è una richiesta di un incontro per questa mattina e voglio pensare che di fronte alla richiesta di un incontro il Cda di Cai non sancisca una partnership con un partner internazionale senza esaminare un'altra proposta. Prima di prendersi la responsabilita' di proseguire, ci pensi, visto che dal Governo ha avuto forti facilitazioni e non può non fare l'interesse del Paese. Lufthansa ha presentato la possibilita' di una partnership strategica e viene con un progetto di medio e lungo periodo. Altri vogliono, probabilmente solo comprare il nostro mercato".
  La risposta dalla compagnia tedesca, arriva nel pomeriggio : “Da parte nostra non c'e' nulla di nuovo",  ha precisato una portavoce di Lufthansa a MF-Dow Jones, che gli chiedeva in merito a una possibile proposta di partnership con Alitalia.

Qualcuno adesso dovrebbe scrivere una bella sceneggiatura sugli eventi che hanno portato la nostra compagnia di bandiera in mano ai francesi sul classico piatto d’argento. Il classico “Italian Job” e credo che ne otterrebbe un discreto successo, se soltanto riuscisse a tradurlo in film. Cosa che dubito, se non fra una ventina di anni.

Alla chiusura dell’affaire, i più contenti, ma che dico contenti, i più estatici, erano, naturalmente i francesi. Bastava leggere qualche trafiletto dei loro giornali, per capire quanto coglioni ci considerino a noi italiani, inteso come popolo, non come imprenditori. Questi, lo hanno capito (loro!), che non hanno cacciato una lira, ma ne hanno intascate una vagonata. Infatti, ancora prima che la nuova compagnia si alzasse in volo, sono entrate nelle loro tasche una quarantina di milioni di euro. "Com'è possibilei?" si chiedeva l’onorevole Lanzillotta. Risposta. “Ricorrerò ad un’interrogazione parlamentare in proposito e qualcuno dovrà spiegarmelo”.

Da noi erano tutti concordi, constatavo, con grande sorpresa, ieri mattina. Lega Nord, PD, Rifondazione, e neppure i rappresentati (onesti) del PDL se la sentivano di negare il disastro dell’affare Alitalia, per l’Italia e gli italiani, alla faccia dell’italianità, mentre i francesi, dicevo, ringraziavano per il cadeaux, in termini economici; per la possibilità di rilevare 13.000 dipendenti, invece dei 20.000 pronosticati; di far diventare la compagnia d’oltralpe la più potente d’Europa, oltre ad accaparrarsi la tratta Milano-Roma, una delle più trafficate e remunerative che esistano.
  Agli italiani, cittadini italiani, rimangono i debiti, i disoccupati, la riduzione del traffico, anche a Linate, e la perdita del 50% almeno, dell’attività di cargo di Malpensa, che favorirà il trasporto su gomma e gli aeroporti tedeschi.
  Linate resterà ridimensionata, con i suoi 10 milioni di passeggeri all’anno, contro i 15 milioni pre-Malpensa e l’Italia intera con la sua italianità se l'è preso in quel posto, come sempre, dagli stessi voraci italioti.
  E’ vero che la partecipazione francese è del 25%, per quattro anni però; finchè CAI non dovrà lasciare, dopo aver intascato 300 milioni di euro, senza averne scucito nemmeno uno. L’Air France-Klm si ritroverà così a capo di un super vettore ad un prezzo stracciato: 300 milioni di euro al posto di 1,5 miliardi di euro.

Il fascicolo Alitalia, comunque non è di facile comprensione per i profani, più propensi a seguire gli umori del momento e soprattutto i media nazionali, in mano al Capo del governo, che a valutare la situazione per com’è effettivamente. E come potrebbero riuscirci? L’affare non è neppure dei più complessi, ma parte da lontano. I piani partono da molto lontano per regalare la nostra compagnia aerea a Spinetta, che qualcuno dice molto amico e vicino a Berlusconi dai tempi del suo governo 2000-2005. Ma se, gli italiani, avessero seguito la vicenda più nel dettaglio, avrebbero saputo che la ragione stava dalla parte dei piloti e di quelli che hanno resistito a lungo prima di capitolare all’ “Italian Job”. Adesso i dati disastrosi sono sotto gli occhi di tutti e si dice che anche Linate perderà altri 1.000 occupati. Quelli con la garanzia di sette anni di ammortizzatori sociali, ne usufruiranno forse per la metà o poco più del tempo, dopodiché finiranno in mezzo alla strada se non si saranno arrangiati a collocarsi diversamente. Spero di sbagliarmi, ma ne dubito.

In quanto al cosìdetto emendamento salva Malpensa, la Moratti ritiene che sia "certamente positivo, noi lo abbiamo sollecitato fin dal governo Prodi, e risollecitato più volte a questo Governo e finalmente è passato in un ramo del Parlamento. Ma sarà positivo nel medio periodo. La criticità dell'offerta di Air France è di prevedere un unico hub, mentre il mercato italiano è coerente con la presenza di due hub".
Le ultime parole famose.

A proposito della cessione ad Air France (da leggere):

Minaccia o predizione?

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Un politico pensa alle prossime elezioni; un uomo di Stato alle prossime generazioni.
- John Clarke

Che grande uomo politico sarebbe stato Giuda!
- Achille Tournier

 

La politica è una faccenda troppo seria per essere lasciata ai politici.
- Charles De Gaulle

 

Desidero condividere con te una geniale intuizione che ho avuto, durante la mia missione qui. Mi è capitato mentre cercavo di classificare la vostra specie. Improvvisamente ho capito che voi non siete dei veri mammiferi: tutti i mammiferi di questo pianeta d'istinto sviluppano un naturale equilibrio con l'ambiente circostante, cosa che voi umani non fate. Vi insediate in una zona e vi moltiplicate, vi moltiplicate finché ogni risorsa naturale non si esaurisce. E l'unico modo in cui sapete sopravvivere è quello di spostarvi in un'altra zona ricca. C'è un altro organismo su questo pianeta che adotta lo stesso comportamento, e sai qual è? Il virus. Gli esseri umani sono un'infezione estesa, un cancro per questo pianeta: siete una piaga. E noi siamo la cura (dal film MATRIX).

E' tempo di sapere quale futuro vogliamo per il nostro pianeta, per noi, stessi e per le generazioni che ci seguiranno.

E' giunto il tempo per i cittadini di smettere di fidarsi ciecamente al modo con cui i politici gestiscono il mondo, servendo esclusivamente interessi personali.

Per ridare un senso alla democrazia, i cittadini devono smettere di essere passivi e spettatori, come il docile gregge che si vorrebbe che siano. Devono riflettere a ciò che vogliono veramente ed assumere in modo coerente il ruolo di stipendiato, consumatore, contribuente, elettore, dimostrando di non essere più pecora delle pecore.

Le direzioni prese dall'economia, la società, la tecnologia e l'ambiente non sono inevitabili

 
 
 

     Translate

             Aggregatore

            

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

attiliorossi38studiolegmorettiburanefalltiziana.marianimanitu7wilder30glazzzer1usskelvinmemmo1968marcelpetrucciladestracalolziotorino777nnetawilly1013salvagianfri
 

        vai al sito del Comune      entra nel blog

 

     

 

        

 

 

sei nel blog da...

ladestracalolzio
Min: :Sec
 
Contatori visite gratuiti
 

I MIEI ARTICOLI

- Legge salva processi
- From the horse's mouth...
- I° Congresso de La Destra
- PRINCIPI FONDAMENTALI
- Lezione McCain
- PD, nuova corrente
- Democrazia: requiescant in pace
- Considerazioni semiserie
- Italia, la tomba del diritto
- Congresso provinciale di Lecco
- Ancora E.R.C. spa
- Superenalotto! Nessun commento
- Seconda battaglia di El Alamein
- Oil plunge, again!
- Meloni... di giornata!
- Figuraccia italiana
- La II battaglia di EL ALAMEIN
- Balla I.V.A.
- Manifestazione di Milano
- Good-by man
- DIRITTI DEI CITTADINI
- Crisi, recessione, stagflazione
- Torniamo alla preferenza
- Nessuna crisi ne La Destra
- Soldi e risorse buttati al vento
- La Destra è una sola
- Statali a spasso
- Quanto ci costa il Quirinale
- Fini G. come Forrest Gump
- Italiani...sveglia!
- Fini...che fine da badogliano
- 8 Settembre: polemiche inutili
- COSTITUZIONE parte III
- Federalismo Fiscale...Mah?!
- Su con la vita!
- Discorso di Robert Kennedy
- Sanità:toglierla alle regioni?
- ERC s.p.a...
- Guai a toccare gli extracomunitari
- Malinteso Alemanno
- I nostri amici americani?
- Lettera aperta di STAITI
- Chi incassa una rendita petrolifera? (2)
- Fallimento governo Berlusconi
- Guerra in Iraq... per il petrolio o i petrolieri?
- Che ne è della credibilità?
- A proposito di Tibet
- 1° Trofeo Master Cup (finali)
- Cosa sta succedendo?
- Tagli alla sicurezza
- Impronte digitali
- 16 gen 1969. Jan Palach
- Altrochè nuove provincie
- Cosa aspettiamo?
- Eccoli di nuovo...
- ALITALIA: italian job.
- Giornata Internazionale per il No alla Violenza Contro la Donna
- Fuck off, politicians!
- HANNO PRIVATIZZATO L'ACQUA!
- Lettere da Pescarenico
- Onore a Giovanni Parisi
- No alla Turchia in Europa
- In memoria dell'ultimo eroe
- Divulgare, divulgare, divulgare
- Ettore Muti: presente!