Creato da francy_62 il 23/10/2008
pensieri in libertà

IL MIO NUOVO BLOG (sbagliato) SU VIRGILIO

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2011 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

AMICI PRESENTI AL PRANZO DI DOMENICA 15-4-12

Francy_62
nuovavita2011
vogliorivivere1
gattoficcanaso (e gentile signora)
pennydog
bionda66
dolceelfa75
germano.capoverde

 

BRAZIR

Haiku:

occhi al cielo
cercando una strega
vidi la rana

 

ISRY

Parodia:

 occhi al letto
cercando una rana
vidi un pi ci

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2011 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 87
 

TRAFFICO

 

 

RADIO DG.VOICE

 

Messaggi di Maggio 2011

SVELIAMO L'ARCANO...

Post n°374 pubblicato il 30 Maggio 2011 da francy_62

Dunque dunque... 
Il mio era un falso quesito matematico... e difatti in molti siete andati di fantasia.

Per cui ci stava che la vassoia fosse una bionda belga della ridente cittadina di Vass, che esercita uno dei più antichi mestieri del mondo, mettendosi anche a mo' di vassoio dove i suoi clienti giapponesi banchettano allegramente, senza per questo essere aiutata da nessun fiammingo! Eheheh...

Ma lo strepitoso Brazir, mi ha presa sul serio (forse mi considera meglio di quanto io non sia...) e, non so come, mi ha mandato la soluzione tramite messaggeria privata.
Oh! Non ci potevo credere nemmeno io! Ma la vassoia esiste! Eheheheh...

Per cui, ecco soddisfatta la vostra curiosità:

Vassoia: uno "strumento" agricolo che serve/serviva per pulire il grano... o le castagne...

E difatti, andando a ricercare, ecco cosa ho trovato:

Vassoia : vassoio largo e piatto, usato per la vassoiatura delle castagne.

Vassoiatura : fase di ripulitura e divisione delle castagne secche dalle bucce

La pulitura definitiva delle castagne dopo l'essiccazione
era operazione esclusivamente femminile; veniva adoperata la “vassoia”, strumento che, fatto abilmente roteare con le mani, consentiva di separare le castagne dai residui della buccia.

Ed ora che ho colmato questa lacuna (nata per scherzo in seguito ad una cena tra amici), possiamo vivere tutti più serenamente... vero? *__^

Buona serata. Cra cra cra

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUESITO MATEMATICO

Post n°373 pubblicato il 29 Maggio 2011 da francy_62

: = : ?

§

§

§

§

§

§

§

§

§

Vi è chiara questa proporzione?

O ve la devo "tradurre"?

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

Ok, oggi mi sento buona

e non vi rimando

ad un ulteriore post.

§

§

§

§

§

§

§

Se

una FIAMMINGA sta ad un VASSOIO

 come

un FIAMMINGO sta ad una VASSOIA....

§

§

§

§

§

§

§

...ditemi:

cos'è una "VASSOIA"?

Attendo soluzioni!!! ;-)

Buona domenica! Cra cra cra

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

RIPROPONGO UN VECCHIO POST...

Post n°372 pubblicato il 27 Maggio 2011 da francy_62

Rimetto un vecchio post, su indicazione di Formy che chiedeva di sceglierne uno in particolare che ci rappresentasse... (diciamola tutta: lo faccio anche perchè in questo periodo le classiche 24 ore di una giornata non mi bastano... eheheheheh... altrimenti le avrei risposto nel suo blog...).
Risale al 16 aprile 2009, dopo il terremoto dell'Aquila.

Al di là di questo, qualche considerazione perchè mi sono persa a rileggere parte del mio blog e alcuni commenti:
- alcuni post (ehm... quasi tutti...) li avevo completamente dimenticati (cosa che non mi stupisce affatto, dato la mia storica non-memoria ...);
- mi sono resa conto che alcuni di voi mi sopportano da molto tempo ed altri si son persi per strada:
 piacere e tristezza... i due lati della stessa medaglia;
- ora mi ritengo molto più evoluta: prima il carattere di stampa era piccolo e non inserivo nessuna immagine, mentre ora vi stupisco con strabilianti effetti speciali . *__* (Che abbia aumentato la grandezza perchè nel frattempo son diventata più cecata?).

Va beh, buona lettura... anche se per qualcuno sarà una rilettura. Cra cra cra

MATRIMONIO ALLA SABBIA DI MARE

Purtroppo ho appreso che la sabbia di mare, col tempo corrode il cemento armato e che palazzi anche apparentemente solidi, se tira un terremoto, si sgretolano come castelli di sabbia .

Forse la stessa cosa accade nei matrimoni: se l'unione è cementata male, forse resiste a qualche scossone, ma poi le crepe aumentano e alla prima scossa un po' grossa, il matrimonio frana.

Io mi sono ritrovata sotto le macerie del mio matrimonio... anche se di fronte alla tragedia degli aquilani, devo ammettere sia ben poca cosa. 
Però non è piacevole nemmeno questa situazione, perchè la vita, anche se in modo diverso, viene distrutta.
Si muore in altro modo, ma si muore ugualmente dentro.
Forse una casa la si può ristrutturare o ricostruire più bella di prima. Un matrimonio no.

Però, che oca sono stata!!!! Una vera oca, altro che rana!!!! Potevo ben pensarci prima!
Dunque.... considerando che abito in una zona di mare, era logico prevedere che ci potesse finire in mezzo della sabbia.
Eh, già... questo lo avevo anche considerato..... ma non avevo calcolato che la sabbia finisse tutta nella scatola cranica di chi so io! Ah ah ah !

Va beh... ora con i detriti che mi ritrovo non posso far altro che sedermi sul molo, lanciarli in mare e vedere le grandi onde concentriche che fanno mentre i gabbiani mi volano attorno....

Buona giornata. Cra cra cra!

PS: spero di non urtare la sensibilità di nessuno.... non volevo essere assolutamente irriverente nei confronti di chi sotto le macerie ha lasciato non solo la casa, ma anche gli affetti più cari....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

GESTI AUTOMATICI

Post n°371 pubblicato il 23 Maggio 2011 da francy_62

Forse non ci rendiamo conto di come alcuni gesti che compiamo quotidianamente, diventino per noi dei gesti automatici, che facciamo senza pensare.
Diventano gesti involontari, proprio come lo sono alcuni nostri muscoli, tipo il cuore.

Pensate ad esempio, a quando abbiamo imparato a guidare e all'attenzione che facevamo le prime volte per inserire le marce:  si mette il piede sinistro nel pedale sinistro della frizione, si  toglie il piede destro (ma è il destro? Ah ah ah... ) dall'acceleratore, si inserisce le marcia, si lascia gradatamente la frizione, si torna ad accelerare... Forse... ma vi giuro che non so nemmeno se è questa la procedura, perchè ormai i miei piedi si movono in automatico.

E certi automatismi, rimangono per molto tempo, anche quando mutano le condizioni.

Ad esempio, anni fa, quando cambiai auto e mi ritrovai con la leva del cambio di fianco al volante (e non in basso a destra, tra i sedili) e il freno a mano a sinistra... ogni volta le mie mani, andavano nel posto sbagliato e ci ho messo un po' per abituarmi. Come ora, se devo guidare l'auto del mio rospo consorte, cerco il cambio ed il freno a mano dove sono abituata con la mia.

Sempre parlando di auto, da dicembre ho cambiato autoradio: in quella vecchia il volume si regolava con una rotellina, in questa con due pulsantini... ed ancora ora, quando devo regolare il volume, allungo il braccio senza guardare e le mie dita vanno in automatico a cercare la rotellina! Ufff...

Stessa storia per una luce sotto il pensile della cucina: è un neon che si è rotto e che abbiamo sostituito. Prima il pulsante era a sinistra, ora è a destra... ed io immancabilmente, quando lo devo accendere o spegnere, vado dalla parte sbagliata.

Idem per un asciugacapelli nuovo....

Ma ora ditemi: succede solo a me o anche a voi?
Perchè, nel caso, vuol dire che sono ancora più grave di quanto già non mi consideri... :-((

Ora vado a fare un giro in bici... dove freni, pedali, sella, ruote e cambio... non han cambiato posizione!!! Ah ah ah.... A dopo.
Buona settimana a tutti. Cra cra cra

  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SABATO SERA... A SORPRESA

Post n°370 pubblicato il 22 Maggio 2011 da francy_62

Stasera il programma prevedeva che uscissi con tre amiche per andare a cena in un vicino agriturismo che hanno aperto da poco.
Ma a metà pomeriggio, mi chiama una delle mie amiche e mi informa che non c'è posto...
Pazienza, si opta per un altro ristorante...
Idem come sopra (e poi dicono che c'è crisi...).
Finalmente, al terzo tentativo, riescono a prenotare. Ma evidentemente, non era serata.

Alle 19:00 mentre mi sto preparando, il mio rospo consorte, appena rientrato, mi chiama dal piano seminterrato: "Vieni... vieni a vedere!"
Scendo e...................................... trovo il congelatore in una pozza d'acqua!
Avete presente un congelatore a cassetti, più grande di me?
Ok, dai... lo so. Tutti i congelatori sono più grandi di una rana...

Allora rettifico: intendo dire un freezer alto 1,80 m dove c'è tutto ciò che d'estate l'orto  ha prodotto, nonchè ciò che IO ho prodotto e le scorte di carne ecc ecc...
Ecco: tutto era molliccio, semi scongelato. GRRRRRRRRRR....

Serata saltata e una gran rabbia!
Oltretutto già a settembre lo stesso congelatore mi aveva fatto questo scherzetto... Fortunatamente, essendo ancora in garanzia, il tecnico me l'aveva sostituito con uno nuovo.
Ma che dopo solo otto mesi, si rompa di nuovo... eh no!!! Che uno sia difettoso, ok... ma tutti così, sono? Oltretutto è un Hoover no frost e costa anche abbastanza! Grrrrrrrrrr... Però... è ancora in garanzia... Ma è una magra consolazione.

Per cui la mia serata ha preso una piega ben diversa, e tutta profumata e truccata (vuoi mettere la soddisfazione!) mi sono messa ai fornelli e finora ho cotto:
9 pizze, due teglie di lasagne, un pentolone di brodo con manzo e gallina, circa 15 kg di pomodori da sugo, una padella di polpettine svedesi, una teglia di pomodori in gratè e dei fagioli borlotti...
Domani mi tocca metter in forno un pollo, cucinare dell'agnello e una decina di spiedini di carne...

Ah... dimenticavo che ci siamo tutti "sacrificati" nel mangiare del gelato ed abbiamo aperto le danze con un ottimo sorbetto al caffè. In realtà erano delle Coppe del Nonno, sciolte al punto giusto... Esperimento da ripetere. No, non quello di rompere un freezer!!! Quello di sciogliere le coppe al caffè!

Ora, dopo tutta sta "cottura", son cotta! Ufff....

Insomma... sarò anche all'antica, ma a me, le serate a sorpresa, non pacciono affatto! :-(((

Notte nottina. Cra cra cra

Aggiornamento mattutino:

evidentemente, stavolta il freezer non si è rotto,

dal momento che stanotte dopo averlo asciugato

l'ho riacceso e funziona.

Di sicuro,

qualcuno ha solo lasciato lo sportello socchiuso.

I possibili sospettati sono:

una ranocchia, un girino e un rospo

ma sarà impossibile risalire al colpevole

perchè tutti, nei giorni precedenti

hanno avuto accesso al freezer.

Tutto sommato, è andata ancora bene.

Già mi ci vedevo a dover questionare con i tecnici

per la sostituzione con un modello diverso.

E' da stamattina che ho ripreso a cucinare...

"Che domenica bestiale"

cantava qualcuno.

Io mi imbestialisco e basta, senza cantare! Ufff...

Cra cra cra

PS: mi verrebbe da autodedicarmi un detto,
riveduto e corretto:

"chi di cucina ferisce, di cucina perisce!"

... ah ah ah...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

BUONO-BUONO, BELLO-BELLO, VELOCE-VELOCE....

Post n°369 pubblicato il 19 Maggio 2011 da francy_62

Di cosa parlo?
Ma di un risotto!
Preparato ieri a pranzo solo per me, perchè il girino non ama nè riso, nè verdure.
E' veloce da fare, perchè mentre bolliva l'acqua per cuocere la sua pastasciutta, io mi sono cucinata questo delizioso e dietetico risotto.

Come si chiama?
Potete scegliere tra:
- risotto della ranocchia;
- risotto primavera;
- risotto arcobaleno;
- risotto vegetariano.

Procedimento:

- soffriggere in olio "evo" (ehehheheh...) una dadolata di cipolla, sedano e carota:
- mettere il riso a tostare, bagnare con del vino bianco e far evaporare;
- unire del brodo (volendo anche solo acqua calda e dado, ma ci perde un po') e dello zafferano;
- mettere contemporaneamente un po' delle seguenti verdure a dadini (in proporzione variabile, a secondo dei gusti e della disponibilità):
funghi freschi - asparagi - piselli - melanzana - radicchio rosso - erbette o spinaci - peperone - zucchina;
- a cottura ultimata, "volendo" una noce di burro e una manciata di parmigiano!

Buon appetito! Cra cra cra

PS: se ve ne avanza un po', la sera potete saltarlo in padella, facendolo diventare un po' croccantino... mmmm....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AAMMM... PAPPA BUONA!

Post n°368 pubblicato il 17 Maggio 2011 da francy_62

No, tranquilli... non ho intenzione di bombardarvi con un'altra ricetta...

Solo di rendervi partecipi di quando possa essere "gratificante" imboccare qualcuno affinchè mangi.
L'ho fatto per anni, con un girino inappetente e sinceramente, credevo di aver finito.

Invece da qualche tempo mi sono ritrovata ad imboccare una delle mie... tartarughe!!!
Ma roba da matti!
Il fatto è che la piccolina mangia e cresce poco, per un problema di vista.
Anche io ho un problema di vista, essendo cecata... ma purtroppo, non per questo mangio e cresco poco. Uffff...
Comunque, la poverina, deve aver problemi nel vedere la profondità, perchè quando cerca di mordere l'insalata, il più delle volte lo fa standoci sopra e sferrando morsi a vuoto.
Per cui, almeno per un po', sto lì e le metto direttamente in bocca le verdure o la frutta.
Ed è buffissima, perchè lei evidentemente vede il cibo più in alto, ed allunga il collo oltre la verdura... al che io, fulminea, centro la bocca! Ma se pò campà accussì?

Quest'anno, ci siamo anche accorti che una delle piccole, crescendo non era una "lei" bensì un  "lui" ed il maschio adulto che abbiamo ha subito messo in chiaro chi sarebbe stato il maschio dominante, attaccandolo e mordendolo nelle zampe.
Così ci è toccato separarli, risistemare ed allargare il loro recinto, in modo che ognuno di loro avesse un proprio harem di femmine.

Mannaggia!
Ed io che avevo optato per le tartarughe, per non aver problemi!!! Ma chi l'ha detto!
Qualsiasi animale, necessita di cure e attenzioni. Anche delle normali tartarughe di terra.

Sulle cure di cui necessiterebbero i rospi, stendo un velo pietoso... meglio, no?

Ed ora: caccia alla tartaruga!!
Chi di voi riesce a vederla?
Chi la scova, vince un soggiorno di una settimana nel mio stagno all inclusive (compreso l'obbligo di imboccare la tartaruga cecata due volte al giorno!).

Ehiiiiiiiii! Non spingete!!!
L'estate è lunga... c'è posto per tutti! *__^ Cra cra cra

PS: e non fate finta di non vederla, eh!!!

PS2:

insomma!!!

Solo Nonsonperfetto, Gioia e Vin l'hanno vista?
(Germano fa il furbo)

A me servono altri volontari.

Ho parecchie settimane ancora da occupare e 
dar via agggggratissssss!

Metteteci un po' d'impegno e datevi da fare!

Si tratta mica di pettinar bambole, qui!

Si devono imboccar tartatughe!!!

Ah ah ah....

********************************************

ECCOLA!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

GIOVEDI' TRIPPA....

Post n°367 pubblicato il 16 Maggio 2011 da francy_62

... e sabato gnocchi.
Ok, va bene. Ma il venerdì?
Venerdì: PAELLA!!!

Già... venerdì sera ho cotto la paella.
Anzi, per meglio dire: venerdì sera
ho mangiato la paella, perchè l'ho cotta per tutto il pomeriggio, mentre avevo per casa una banda di girini. Per cui non mi è stato possibile fare le foto alle varie fasi di cottura. Ma le foto non sono un ingrediente necessario alla riuscita e vi garantisco che anche senza di loro, la paella mi è venuta squisita ugualmente! Eheheheh...

Ce ne sono mille versioni diverse. E da quando la preparo io, non la mangio più al ristorante perchè proprio non mi soddisfa. Forse dovrei assaggiarla in loco, cucinata da chi la fa da sempre.

Io seguo una ricetta trovata quasi venti anni fa su una rivista, che ad occhio mi parve buona e non mi sbagliavo.
Apro una parentesi: ho ancora la pagina del giornale, perchè essendo un procedimento lungo, non mi sono mai presa la briga di ricopiarla nei miei quaderni di ricette. Ed ogni volta mi viene in mente che ho trovato quella ricetta nella sala d'attesa del mio medico. Quando è stato il mio turno, sono entrata col giornale in mano e gli ho chiesto se lo potevo portare a casa per ricopiarmi la ricetta, che poi glielo avrei riportato. Penso stia ancora ridendo... dopodichè mi ha strappato la pagina, che tutt'ora conservo. 

Se volete cimentarvi nella paella, il procedimento è un po' lungo, ma per niente difficile... bisogna solo avere tutti gli ingredienti, del tempo e voglia di farla.
Per le dosi, io  vado ad occhio... Fate in modo che gli ingredienti siano bilanciati tra loro e che ad ogni commensale capitino almeno tre o quattro "pezzi" di ogni ingrediente.
A me piace farla mista, di carne e pesce, perchè solo di pesce, assomiglia troppo ad un ottimo risotto di mare. Considerate anche che, più sono le varietà di carne e di pesce che mettete, più verrà saporita.

Un discorso a parte merita il riso: non usate il parboiled perchè non si amalgama bene e non prende sapore. Usate un buon riso per risotti, stando attenti a non scuocerlo.
Un trucchetto è quello di farlo tostare abbastanza, prima di mettere il vino bianco: in quel modo terrà di più la cottura, ma ovviamente questo è un piatto da "cotto e mangiato"... anche se la paella rimasta, il giorno dopo, non era affatto male. 

Ingredienti:
carni
: - petto di pollo
           - vitello e/o lonza di maiale
           - salsiccia sottile
pesce: - cozze e/o vongole (già aperte a parte)
            - calamari ad anelli
            - gamberetti sgusciati
            - scampi e/o gamberoni e/o canocchie
verdure: - peperone (a tocchetti, prima grigliato e privato
                  della pelle)
               - carciofo (a spicchietti)
               - fagiolini (a pezzi di 4-5 cm)
               - piselli (questi lasciateli interi... ihihihihih...)
varie: - riso
           - olio extravergine
           - cipolla
           - prezzemolo
           - aglio
           - paprica dolce
           - passata di pomodoro
           - brodo
           - zafferano
           - vino bianco secco
           - alloro

Procedimento:
- in una capiente padella antiaderente (o wok) far soffriggere la cipolla tritata con l'olio e poi far rosolare la carne tagliata a bocconcini;
-  unire le verdure tagliate e far cuocere qualche minuto, mettendo anche un trito di aglio e prezzemolo e la foglia di alloro (che poi andrà tolta);
- ora mettere qualche cucchiaio di passata di pomodoro e gli scampi ad anelli (che sono i più duri) e lasciar cuocere un po', aggiungendo un po' di acqua filtrata ottenuta dall'apertura di cozze e vongole;
- unire infine  tutti il restante pesce e un po' di paprica dolce;
- a parte fate soffriggere la cipolla tritata con dell'olio, unite e tostate il riso e sfumate con del vino bianco;
- quando il vino è evaporato, portare a metà cottura con il brodo e lo zafferano;
- unire il risotto nella padella con tutto il resto, amalgamare un po'  e disporre sopra in bella vista scampi, canocchie e cozze;
- terminare la cottura del riso e volendo, far gratinare un po' in forno.

Secondo il mio gusto è squisita.
Voi potete fare tutte le varianti che volete, togliendo magari quegli alimenti che non sopportate, tipo aglio, peperoni, cozze... Potete mettere anche dei funghi...

Scusate se ve la offro solo oggi... ma non ho avuto molto tempo, e poi a metà post, il primo salvataggio è andato a vuoto e ho dovuto ripartire da capo.

Posso solo farvi vedere quel po' che mi era rimasta...

Un abbraccio e buon appetito. Cra cra cra.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

RANA RICCIUTA....

Post n°366 pubblicato il 15 Maggio 2011 da francy_62

... SEMPRE  PIACIUTA! Ah ah ah ah...

Ebbene sì: se ogni riccio corrisponde ad un capriccio, ora di capricci ne ho a bizzeffe! Anche a trizzeffe, perfino! Ah ah ah...

Ma ve la immaginate una rana riccia?
Beh, provateci!

Notte nottina!!! Cra cra cra

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SOLO GERANI

Post n°365 pubblicato il 14 Maggio 2011 da francy_62

In giardino, non ho fiori da recidere e mettere in vaso...
Però ho voglia di un po' di colore in casa... per cui mi accontento di quel che passa il convento... anzi, lo stagno.

Son solo gerani, ma una nota di colore la danno anche loro, non vi pare?

Le tonalità dei colori sono un po' alterate, rispetto al vero... perchè sono, in senso orario: bianco, rosso cupo, arancio tenue, violetto, variegato bianco-fuxia, fuxia, rosso Ferrari e al centro variegato rosa-fuxia.
Ah... il trucco (vaso) c'è, ma non si vede! *__^

Ora vado a sistemare un po' lo stagno... Buon fine settimana a tutti quanti voi, miei carissimi amici! Cra cra cra

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SONO SCOMODA...

Post n°364 pubblicato il 11 Maggio 2011 da francy_62

Anzi... sono una collega scomoda.

Purtroppo... vado d'accordo con la mia diretta collega con la quale gestisco una classe.
Purtroppo... da quando sono in questa scuola, ho lavorato sempre con colleghe con le quali mi sono trovata bene e che si son trovate bene con me.
Purtroppo... i genitori sono contenti di come insegnamo.
Purtroppo... abbiamo educato una classe che si distingue sempre per il comportamento.
Purtroppo... riusciamo ad ottenere risultati anche da alunni molto problematici caratterialmente.
Purtroppo... ci facciamo i fatti nostri senza troppi sfronzoli o salamelecchi.
Purtroppo... lavoro part time.
Purtroppo... io e la mia collega siamo richieste da alcuni genitori dei bambini delle future classi prime.

Quanti aspetti negativi!!! Vero?

CERTO PERCHE'
PURTROPPO 
L'INVIDIA 
E'  UNA  GRAN  BRUTTA BESTIA 
E  LE  AMOREVOLI  COLLEGHE 
FANNO  DI  TUTTO 
PER  SEPARARCI.

Più anni passo nella scuola, e più detesto questo ambiente di donne.

Un saluto a tutti e buona serata. Cra cra cra

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PROSEGUE IL VIAGGIO... PER I GOLOSI!

Post n°363 pubblicato il 08 Maggio 2011 da francy_62

Ieri sera ero a cena da una mia amica, assieme ad altre ragazze over 50.
Come al solito, le altre se la cavano portando del vino o una pianta... a me tocca il dolce.
Stavolta ho optato per le "pesche", una specie di pasticcino che dall'aspetto assomiglia al frutto.
Da noi si trovano anche dai fornai o, più piccoline, nelle pasticcerie tra i vari mignon.

Sono abbastanza lunghe da preparare, ma il risultato ne vale la pena.

1- Si inizia preparando i mezzi "gusci": adesso molti usano la pasta frolla. A me sinceramente, piace farli all'antica maniera, quando qui nelle campagne, la pasta frolla nemmeno sapevano cosa fosse.
Pertanto si faceva l'impasto della ciambella, più sodo, lo si tirava in una sfoglia alta mezzo centimetro da cui si ricavavano col bicchiere o con un tagliapasta a zig-zag dei dichi, da appoggiare su mezzo guscio di noce svuotato e unto di olio. Poi si cuocevano in forno e da freddi si toglievano i gusci delle noci, in modo da avere una semisfera vuota. 

2- Si procede poi preparando una crema alla vaniglia e una al cioccolato e si riempiono i mezzi gusci.

3- Ora si mettono insieme le due metà per ottenere una pesca intera.
Si possono fare o solo alla crema, o solo al cioccolato o metà e metà, in modo da avere entrambe le creme in ogni pesca.

4- A questo punto, bisogna preparare due tazze, una con dello zucchero semolato ed una con dell'Alckermes.

Si procede quindi rotolando velocemente ogni pesca prima nel liquore e poi nello zucchero.

 

Il risultato sarà una pesca che assomiglierà ad un frutto, grazie alla grandezza, al  colore e allo zucchero che sembra proprio la peluria tipica delle pesche.

Ne ho preparate una cinquantina... e oggi nel frigorifero ne sono rimaste veramente poche.
Anche perchè, oltre a quelle che ho portato alla mia amica, oggi ne ho portate un po' a mia mamma per la sua festa, e anche alla mamma di una mia amica che ieri mi aveva rifornito di fave, asparagi e uova, tutto di sua produzione.

Purtroppo, preparare le pesche, ha degli inconvenienti.
Primo tra tutti, quello di ridursi le zampette come quelle di uno squartatore

            
(e solo la candeggina riesce a smacchiarle)

L'altro grosso guaio, è che ogni tanto ci sono dei caduti sul campo... ai quali bisogna dare degna sepoltura! Ahahahahah...


(questo accade se si inzuppano troppo di liquore)

Buon fine domenica a tutti e buona festa della mamma a tutte le mamme! Cra cra cra

PS: spesso, gli errori più grossi, anche se con le migliori intenzioni, li facciamo noi e non i nostri figli... ufff...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VIAGGI...

Post n°362 pubblicato il 06 Maggio 2011 da francy_62

Se volete viaggiare con me, si parte da qui:

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

si passa e ci si sofferma un po' qui:

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

ed alla fine si arriva qui

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

§

Vi piace questo breve viaggetto gastronomico?

PASTA E FAVE

Far soffriggere in olio, abbondante cipolla tritata.
Aggiungere le fave e il finocchietto selvatico tritato.
Salare e pepare, e far cuocere aggiungendo un po' d'acqua. 
Lessare la pasta a metà e proseguire la cottura in padella con le fave, aggiungendo un po' di acqua di cottura della pasta.
Servire e gustare (volendo, con pecorino o parmigiano grattugiato)

Chi non riuscisse a trovare il finocchietto selvatico, o passa dal mio stagno... o utilizza i ciuffetti verdi centrali che ci sono nei finocchi.

Questa ricetta, credo vada bene anche per i vegani. *__^

Un abbraccio e buon appetito. Cra cra cra

PS: come pasta è indicata quella corta, le mezze penne, come ho fatto io, o addirittura i ditaloni rigati.

Se qualcuno non ama le fave, allo stesso modo si può procedere con i piselli.

Senza pasta possono essere un buon contorno.

Oppure si può cuocervi assieme il coniglio, inizialmente solo con cipolla e finocchietto, aggiungendo all'ultimo quarto d'ora le fave. E garantisco che è squisito!

Questa ricetta mi è stata insegnata dalla mamma del mio primo moroso. Almeno, a qualcosa è servito pure lui! Ah ah ah ah....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DIRITTO DI RECESSO

Post n°361 pubblicato il 03 Maggio 2011 da francy_62

Parlando con un amico sui vari problemi della vita, ha concluso dicendomi che per fortuna di vite ce n'è una sola

In effetti anche a me, una vita basta e avanza.

Anzi... potessi ripartire da zero, spesso mi verrebbe da dare indietro anche questa, avvalendomi del diritto di recesso perchè il prodotto non è confacente a quanto dichiarato.
Così potrei sceglierne un'altra... stavolta guardando ben bene in etichetta! *__^

Notte nottina a tutti. Cra cra cra


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TRE RICETTE IN UNA

Post n°360 pubblicato il 01 Maggio 2011 da francy_62

Se è vero che, come dice il detto, l'agnello è buono anche dopo Pasqua, ecco che ve lo dimostro.
E spero di non alimentare polemiche sull'agnello, che a mio avviso è alla stregua di polli, mucche, vitello, pesce ecc ecc

BRODETTO D'AGNELLO
Perchè si chiami così, ancora non l'ho mica capito. Ma così è se vi pare... e se non vi pare, è così lo stesso.

La ricetta classica, vorrebbe che si usasse l'agnello a pezzi, con tanto di ossa, ma poi risulta sicuramente più grasso.
Io invece compero una coscia intera e poi a casa la disosso, tolgo tutto il grasso e la pelle e ne ricavo dei bei bocconcini magri.

Quindi faccio appassire in olio una cipolla tritata ed aggiungo i bocconcini di carne. Lascio rosolare un po', aggiusto di sale e pepe e incoperchio.
La carne rilascerà naturalmente un po' di sughetto che servirà a cuocerla, rendendola molto morbida. Dovesse asciugare troppo durante la cottura, unire un po' di acqua.
Volendo, a  questo punto, l'agnello è già ottimo così, con il suo sughetto, magari accompagnato con un buon purè di patate.


prima ricetta

Ma proseguiamo.
Prima di terminare la cottura, unire in padella della passata di pomodoro e lasciar insaporire.
L'agnello può essere mangiato anche così, delizioso se servito con della polenta. In questo caso, aggiungere un po' di condimento in più.


seconda ricetta

Ma per arrivare al nostro brodetto, non è finita.
Bisogna prendere delle uova (direi una per ogni persona), sbatterle con un po' di sale, unirvi del parmigiano e degli spinaci lessati precedentemente. Insomma, si procede come per fare una frittata.

A questo punto si unisce l'agnello con il proprio sughetto alle uova sbattute con gli spinaci, si amalgama bene e si mette in una pirofila.

 

Si inforna giusto il tempo che le uova rapprendano e che sopra si formi una bella crosticina. Si gusta caldo, ma non rovente.


terza ricetta (o è la prima?)

Di solito, per tradiszione, questo piatto fa parte del menù pasquale... ma l'ho fatto oggi per portarlo ai miei, visto che mia mamma ormai non impazzisce più tanto in cucina.

Un abbraccio a tutti voi e buon appet... no, meglio notte nottina, visto che sono le 23:00 passate. Cra cra cra.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DA PARTE DI UN ROSPO SPECIALE...

"Ho fatto una prova improvvisando un pezzetto di un minuto e mezzo, sinceramente non so se è roba mia o una riminiscenza di qualche pezzo che facevo ai tempi che furono. 
Il risultato mi sembra soddisfacente tanto che vorrei dedicarlo a Francy, un po' perchè è tra le poche che mi apprezza come mariachi de noialtri, un po' perchè è probabilmente la persona a cui sono più legato qui dentro, nonostante affettuosamente la tratto sempre male."

 

FRANCY CRA CRA

Un regalo prezioso di un amico prezioso (post 296 del 7 gennaio 2011) (pubblicato da francy cra cra su youtube il 27 gennaio 2012: cra cra )

GRAZIE!!!

 

 

BACHATA

SAGGIO SALSA

 

 

ARCHIVIO POST 2008

ARCHIVIO POST 2009

 

ARCHIVIO POST 2010

LE MIE RICETTE

fOCACCIA RIPIENA DI
SCAROLA E PORRI
post n° 696

QUADRUCCIOLI AGLI SPINACI
post n° 645

TAGLIATELLE, CIPOLLA, PANNA
E SPECK
post n° 645

OLIVE VERDI SOTT'OLIO
post n° 628

OLIVE VERDI IN SALAMOIA
post n° 626

STINCO DI MAIALE AL FORNO
post n° 617

INVOLTINI
post n° 607

CROSTINO TOSCANO
post n°  599

YOGURT ALLA CANNELLA
(per regolarizzare la glicemia)
post n°  597

FRIGGIONE
post n°  591

RAGU' BIANCO ALLA UMBRA
post n° 588

TORTA DI ALBUMI
post n°  581

ZUPPA INGLESE
post n° 544

STROZZAPRETI VONGOLE E ASPARAGI
post n° 544

CIABATTE VELOCI
post n° 523

PANINI DI PASTA DURA
post n° 519

CASTAGNOLE ALLA RICOTTA
post n° 516

 

...segue...

CANTUCCI
post n°  493

PASTA E BROCCOLETTI
post n°  475

PEPERONI RIPIENI
post n°  459

SALE AROMATIZZATO
post n°  430

FICHI CARAMELLATI
post n°  427

VERDURE GRATINATE AL FORNO
post n° 423

BARCHETTE DI MELANZANE
post n° 408

FUNGHI E RUCOLA
post n° 390

IL MIO RISOTTINO PRIMAVERA
post n° 369

RISOTTO AGLI ASPARAGI SELVATICI
post n° 354

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE
post n° 336

GATTEAU DI PATATE
post n° 322

CIME DI RAPA ALLA CRA CRA
post n° 304

 

...segue...

TORTA PAESANA
post n°  288

MARMELLATA DI MELONE BIANCO
post n°  266

SEMIFREDDO DI CACHI
post n°  263

MARMELLATA DI CASTAGNE
post n° 263

FICHI CARAMELLATI
post n° 217

VERDURE PASTELLATE 
post n° 237

PASSATA DI POMODORO
post n° 224

CIAMBELLA
post n° 228

DOLCE AL CAFFE'
post n° 196

AGNOLOTTI
post n 130

CHIACCHIERE DI CARNEVALE
post n° 142

ANGUILLA IN FOGLIE DI VITE
post n°242

PIADINA
post n° 132

 

Ultime visite al Blog

isryfrancy_62synkro2007arw3n63fosco6masaneta2CiaoGi_57vivodipanciaisab.72chiarastella770dannatamentefollempt2003IrrequietaDdaniela_elaElemento.Scostante
 
 

MIA MARTINI

Il video di una canzone che amo a ricordo della stupenda artista che era e dei 15 anni trascorsi dalla sua scomparsa:

 

 

ALLELUIA

  

 

Ultimi commenti

 

Cerca in questo Blog

  Trova