Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

BACIO DI MAGGIO

Bresson


 

ša c' est tout




musica per l'amicizia




 

Ultimi libri letti...



Jean-Claude Izzo
"Solea"
quando la vita
chiede il conto
...a Marsiglia


Tracy Chevalier
"La ragazza
con l'orecchino
di perla"
l'amore per l'arte
in una donna
del passato

ci sono i libri precedenti
 

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

Ultimi commenti

 

Ultime visite al Blog

artemisia_gentelyravmozart1000atapoNonnoRenzo0massimocoppaexiettomarinovanniAlberi_Nuovimariannina42Terzo_Blog.Giusserio.vinmagdalene57rosolinovincenzo
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 67
Prov: FI
 

ARRIVEDERCI




 

 

« IN GITAVERSO LE VALIGIE »

QUASI UN SAFARI

Post n°1501 pubblicato il 25 Gennaio 2018 da atapo
 
Tag: viaggi

LA SPIAGGIA PIU' AFFASCINANTE

 



C'è un luogo, a Fuerteventura, che è quasi mitico, per la sua bellezza e per la sua difficoltà nel raggiungerla: la spiaggia di Cofete, 12 chilometri incontaminati nella parte sud dell'isola, ci si arriva soltanto per una pista tutta curve, spesso ripida, su terreni scuri vulcanici tra cespugli di cactus.

Alla fine della pista, prima della spiaggia, ci sono alcune case, neppure un paese, abitate da pochi anziani sempre vissuti lì e legati a quella terra dove la luce e l'acqua non arrivano ancora, ma vengono rifornite settimanalmente.

Nel 2013 con i nostri amici tentammo di andarci, ma il percorso più lungo del previsto ci costrinse a tornare indietro prima della spiaggia, perché il sole stava tramontando e non era sicuro trovarsi al ritorno lungo quella pista al buio.

Allora stavolta avevamo deciso di partire per tempo e finalmente arrivare alla mitica spiaggia di Cofete. Ma abbiamo saputo che ora, per preservare quella zona magnifica, hanno regolamentato gli accessi e ci si può arrivare solo con i pulmini dei giri-safari organizzati. Così ci siamo iscritti e martedì è stato il giorno dell'impresa così desiderata.

E ne è valsa la pena! Nonostante i sobbalzi del pulmino, la sabbia che entrava dappertutto… una esperienza indimenticabile! E una giornata stupenda, poco vento e un sole bellissimo e caldo. Quella spiaggia è magnifica davvero, sabbia fine e dorata, mare blu orlato dalle onde lunghe bianche, dietro il contorno delle montagne nere vulcaniche… sconsigliato fare il bagno, per la forza delle onde e delle correnti, ma fa lo stesso, è bellissimo anche solo passeggiare e respirare in un posto così…

La gita comprendeva anche altre soste in altre bellissime spiagge della zona, al faro sulla punta in cui si incontrano e scontrano le onde della costa est e della costa ovest, tutto molto godibile perché era una giornata con poco vento, cosa che accade di rado in quella parte dell'isola.

Il tutto si è concluso al ristorante, nel prezzo era incluso il pranzo a base di paella.

E foto su foto … che metterò al ritorno a Firenze, per ora credetemi sulla parola riguardo alla bellezza della spiaggia di Cofete.

E il giorno successivo abbiamo preso l'auto a noleggio per la seconda parte della nostra vacanza, con i giri da organizzare da “turisti fai da te”.

#s3gt_translate_tooltip_mini { display: none !important; }

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog