Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI OTTOBRE

Gabriel Garcia Marquez

"L'amore ai tempi

del colera"

 

IL LIBRO DI SETTEMBRE

Antoine de Saint-Exupéry

"Il piccolo

principe"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

la.cozzaataposimona_77rmcassetta2ormaliberafedele.belcastroelyravmassimocoppaITALIANOinATTESAmixtli6surfinia60vita.perezmassimo.sbandernokora69
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 69
Prov: FI
 

 

« AVEVAMO SPERATOCHEZ L' ARTISTE »

AMICIZIA FELINA

Post n°1533 pubblicato il 24 Maggio 2018 da atapo
 
Tag: cronaca

LA  GATTA

 

Paul Klee, Il gatto e l'uccello

 

E' una bellissima gatta adulta, di taglia grande e di pelo corto, senz'altro meticcia di chissà quali incroci.
Sulla schiena e sulla testa è di un colore strano, nocciola tendente al rosato con una sfumatura di grigio, la coda lunga è dello stesso colore però con gli anelli più scuri dei gatti tigrati. Sulla pancia e sulle zampe quello strano colore pian piano schiarisce fino a diventare bianco.
Ancora più particolari sono gli occhi, gialli tendente al verde fosforescente, sembrano colorati con un evidenziatore, sono grandi e rivolti all'insù, veri occhi a mandorla.
Vive in una delle casette lungo la strada che percorro per arrivare alla fermata dell'autobus, ma il suo regno è tutta la strada, tutti i giardinetti che vi si affacciano, tutte le auto parcheggiate, dietro o sotto le quali si nasconde a sonnecchiare.

Io, molto amante dei gatti, tanto tempo fa le feci la prima carezza... ed è stato subito amore!
Se la incontro mi fermo, lei miagola, si fa accarezzare, si struscia attorno alle mie gambe, si sdraia pancia all'aria a richiedere grattini. Pian piano ha cominciato a seguirmi per un tratto di strada, mi invita con colpi di testa sulle gambe a fermarmi ancora un poco per accarezzarla. Poi, a un tratto, un piccolo e leggero morso per dirmi "basta": si ferma sulla strada o con un salto entra in uno dei giardini. A ognuno i suoi tempi e i suoi spazi, nella sua indipendenza di gatta.

Un giorno mentre passavo sovrappensiero mi sono sentita un miagolio accanto all'orecchio: era lei in mezzo a una siepe, da cui è uscita subito per i nostri coccoli rituali.

Ultimamente l'ho vista dentro un giardino, davanti alla porta di una casa, forse casa sua. L'ho salutata e lei è venuta subito verso di me.

Ieri, appena ho svoltato su quella stradina l'ho vista in fondo, tra le auto.Troppo lontana... ma ho voluto fare una prova: ho fatto sottovoce il richiamo che uso con lei, un leggero schiocco della lingua tra i denti... si è voltata immediatamente, mi ha guardata e trotterellando mi è corsa incontro.

Che bello! Ho sentito l'onore di essere entrata tra gli eletti del suo mondo felino... una nuova amicizia!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog