Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI AGOSTO

Jean-Pierre Milovanoff

"Tout sauf

un ange"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

surfinia60zacobiatapomassimocoppaelyravfedele.belcastroelia2006patrighepabo560libera2menteettoregianfaccin_lauraguntherjpersicomarco07
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 69
Prov: FI
 

 

« PIAZZA MONDOMEMORIA, OGGI »

VENTI SECONDI

Post n°840 pubblicato il 21 Maggio 2012 da atapo
 

 

ANDANTE … MOLTO MOSSO

 

Una stupenda serata rinascimentale: corteo, musica, giochi, danze...Poi la cena in contrada e alle due di notte finalmente a dormire!

Sono appena passate le quattro, mi sveglia il letto che dondola bruscamente e uno strano rombo come di aerei che partono lontano, ma non nel cielo, da sottoterra... “Sto sognando il terremoto” mi dico, ma poi: “...no! Non si sogna un terremoto così forte, questo è terremoto vero!”

Rapidissima allungo una gamba per scendere dal letto...ma urto contro la parete di legno...mi rendo conto che non sono a casa mia, ma in camper, sono a Ferrara, alla festa del Palio. In camper, in una strada di periferia abbastanza distante da edifici, sono al sicuro, devo solo aspettare che finisca... non finisce mai, il letto che salta, quel rombo cupo...Diranno il giorno dopo che sono stati 20 secondi, ma lunghissimi...e la scossa è arrivata a 6 di potenza. Finalmente silenzio, anche se mi sembra ancora di sussultare. Io e mio marito col cuore in gola apriamo i finestrini e guardiamo fuori, col timore di ciò che avremmo potuto vedere. Pare tutto tranquillo, le case sono ancora in piedi. Tentiamo di tornare a dormire. Sentiamo che a poco a poco dalle case escono persone, famiglie che partono in auto, ci sono sirene lontane.

Nel dormiveglia più tardi mi sembra di sentirmi ancora scuotere, ma sono convinta che il camper è sicuro, forse riesco anche a dormire un poco e quando suona la sveglia comincia la nuova giornata.

Ci telefoniamo con mio fratello, che abita verso il centro: in casa sua è caduto il televisore che si trovava in alto in camera di mia nipote e cadendo ha trascinato uno specchio, il tutto sfiorando la ragazzina, ora la camera è piena di vetri. Mia cognata muovendosi al buio verso i ragazzi ha inciampato e ha preso una forte capocciata al muro, ora si sta curando il bernoccolo...Per il resto, solo tanta paura. Ci ritroviamo, leggiamo le notizie su internet, abbiamo prenotato in un ristorante dall'altra parte della città e ci andremo (ammesso che sia ancora in piedi), così vedremo la situazione nel centro storico: ci sono molti palazzi antichi lesionati, strade bloccate, detriti per terra, nel castello una parte alta di torre è crollata...è ciò che si vede dall'esterno, molti però hanno danni grossi e crepe all'interno delle case.

 


Il ristorante funziona e anche molto bene, si chiama “IL SORPASSO” (il gestore è appassionato di cinema) e merita una citazione e un po' di pubblicità. E' un po' tardi, siamo al dolce, anzi ai dolci di cucina siciliana personalizzata: cassata, cioccolato di Modica, mandorle. Ecco di nuovo il tremolio sotto i piedi, attorno, dappertutto...stavolta è più breve ma potente quasi come alla notte, l'uscita è vicina, anche se fuori piove a dirotto... Dopo, che fare? Esorcizziamo la paura rientrando e finendo i desserts! Ci si deve abituare a tutto ed essere un po' fatalisti, altrimenti...

Come sembra già lontana la bellissima serata precedente, quasi un sogno o un viaggio indietro nel tempo!

"Omaggio al duca" si chiama la manifestazione a cui avevamo assistito, fa parte delle cerimonie per il palio di Ferrara che si svolgerà domenica prossima: un corteo storico, poi ognuna delle otto contrade presenta uno spettacolo in costume: tutti molto belli, coreografici, pieni di colori e di musiche, fino a tarda notte, sotto un cielo che si era riempito di stelle.

 


Il figlio di mio fratello, che ha 10 anni, fa parte degli sbandieratori, è uno dei più giovani ed era anche per ammirarlo che già da molte settimane avevamo programmato questo fine settimana a Ferrara. Purtroppo sabato non sono riuscita a fotografarlo perchè nel corteo era troppo buio quando “lavorava” lui, ma eccolo in una foto scattata dalla sua mamma nella manifestazione precedente...


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=11322557

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
magdalene57
magdalene57 il 21/05/12 alle 13:56 via WEB
dai, anche stavolta c'è andata bene... certo che le immagini sono impressionanti. Ma le case sono salve... e il mio pensiero va all'aquila... e ai soldi che non si spendono o non si sa dove siano.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 21/05/12 alle 22:28 via WEB
Anch'io ho pensato all'Aquila:hanno detto che la scossa notturna è stata come quella dell'Aquila! Ora vedremo per la ricostruzione...se continua così, coi tempi eterni, tutta l'Italia finirà in tendopoli e in baracche!
(Rispondi)
Lolablu7
Lolablu7 il 21/05/12 alle 15:29 via WEB
Che esperienza terribile! Ho il cuore piccolo, piccolo oggi. Troppo dolore diffuso. Però sei stata imprudente a recarti in centro ed in un luogo chiuso. Ciao:-)
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 21/05/12 alle 22:31 via WEB
E' stata dura, anche se nel camper mi sentivo abbastanza sicura. Luogo chiuso...non avremmo dovuto restare nemmeno in casa allora, ma la casa era a posto, così come il ristorante. Le porte erano ben aperte per la fuga,in quella strada del centro danni grossi non ce n'erano e ci si poteva passare tranquillamente. Io sono dell'idea che bisogna cercare di continuare a vivere il più possibile normalmente, altrimenti si impazzisce.
(Rispondi)
bimbadepoca
bimbadepoca il 21/05/12 alle 18:57 via WEB
E' strano accorgersi che in soli venti secondi la vita di ognuno di noi può cambiare, completamente. La sera prima erano giochi, danze, musiche, bambini che sbandieravano bandiere e il giorno dopo solo la paura.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 21/05/12 alle 22:33 via WEB
Ho avuto il tuo stesso pensiero: venti secondi...a volte basta ancora meno, o anche a volte poche frasi, o una parola sola...a cambiarti la vita!
(Rispondi)
quinlori
quinlori il 22/05/12 alle 21:37 via WEB
Ho pensato anche io a questo,la nostra vita procede come sempre e poi un attimo può mutare tutto e noi non lo sapevamo l'attimo prima.Cosa sono? Coincidenze? casualità?destino? Boh!Ciao cara come sempre hai raccontato benissimo.lori
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 22/05/12 alle 22:57 via WEB
E' il destino, che comprende le coincidenze, la casualità ed anche le nostre scelte con cui vorremmo governarlo, ma i nostri poteri sono minimi...Invece possiamo e dobbiamo trovare sempre le forze per viverlo, il nostro destino, anche quando ci sembra così difficile e beffardo. Sono contenta se il mio racconto ti ha suscitato emozioni, grazie.
(Rispondi)
trampolinotonante
trampolinotonante il 23/05/12 alle 10:42 via WEB
Insomma eri nelle mie zone!!! e abbiamo ballato la stessa danza!! E che danza!!! vedi cosa succede ad allontanarsi da casa?? :)) tt
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 23/05/12 alle 21:54 via WEB
Ma trampolino! Tu eri a casa tua e non è servito a niente! Parliamo del fato, o del karma, o di qualcosa del genere...tu puoi pensare, prevedere, preoccuparti, ma da un momento all'altro...può cambiare tutto...in peggio o in meglio! E allora forse bisogna cercare di essere un po' fatalisti...
(Rispondi)
calipso81
calipso81 il 24/05/12 alle 17:55 via WEB
Si è ballato un po'...anche se io non ho sentito nulla sai.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 25/05/12 alle 09:30 via WEB
Beata te! Eri a Modena?
(Rispondi)
massimocoppa
massimocoppa il 24/05/12 alle 18:25 via WEB
bruttissima esperienza, sicuramente
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 25/05/12 alle 09:30 via WEB
Sì, e nei giorni successivi l'ho sentita ancora di più, dentro di me.
(Rispondi)
Casalingapercaso
Casalingapercaso il 24/05/12 alle 19:32 via WEB
Ha svegliato anche noi, alcune cose cadute in camera dei ragazzi, ma nient'altro. Non ho sentito il rumore, quasi tutti gli altri sì e lo descrivevano come un respiro rumoroso dalla terra, impressionante. Al mattino abbiamo chiamato gli amici di Ferrara per sicurezza. Tutti bene, ma a quelli di Modena gli è crollata una libreria sul letto e ora la loro casa è inagibile (non per i libri, ma per le crepe, visto che era vecchia). E ho pensato ai bllogger di là come Trampolino, Calipso, Margi ecc. Mi fa piacere leggere che stanno bene. Poi sono cominciate le telefonate da amici da tutto il mondo, mano a mano che la notizia si propagava. ciao bella, mi piace molto come hai descritto il boato.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 25/05/12 alle 09:33 via WEB
Anch'io pensavo a quegli amici, vedi come ci sentiamo vicini! Ho cercato di raccontare al meglio, anche per buttare fuori ciò che avevo vissuto e che mi pesava nei giorni successivi più del primo momento...ma non è servito a molto, sentendo ancora notizie poco confortanti....
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.