Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE ANDRO' (FORSE)

IL VIAGGIO DI SETTEMBRE


SENEGAL

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Vacanza positiva allora a parte per le strade. Eh sė siamo...
Inviato da: elyrav
il 27/09/2021 alle 07:56
 
;)
Inviato da: atapo
il 13/09/2021 alle 16:38
 
Come tanti territori italiani...
Inviato da: atapo
il 13/09/2021 alle 16:38
 
:-)
Inviato da: massimocoppa
il 13/09/2021 alle 14:33
 
Dev'essere molto bello davvero :)
Inviato da: elyrav
il 13/09/2021 alle 08:03
 
 

Ultime visite al Blog

atapoLaFormaDellAnimaelyravsurfinia60massimocoppaDoNnA.Slianna1972blogzoney7dgl3g1b9allegri.frLaStanzaChiusamassimiliano650fedele.belcastro
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Etā: 70
Prov: FI
 

 

« PRESENTAZIONEPRENOTAZIONI »

RICORDO

Post n°1767 pubblicato il 19 Luglio 2021 da atapo
 

 

DUE COMPLEANNI

 

E.Vigée-Lebrun, Autoritratto con la figlia

La mia mamma non sapeva esattamente la sua data di nascita, a causa di documenti poco chiari, delle difficoltà di registrazione nei paesi di montagna in quegli anni di primo novecento.

Tutta la storia l'avevo già raccontata QUI.

17 o 19 luglio? 1919 o 1920? Lei aveva scelto il 17 luglio 1920 e questa data diventò quella ufficiale, però scherzando si poteva dire che il suo compleanno sarebbe durato tre giorni, se avesse voluto festeggiarlo.

Ormai lei non è più qui con noi da dodici anni, ma ogni luglio, il 17, penso a lei e a questa sua strana storia. Di solito la penso serenamente, ho un rapporto con la morte abbastanza tranquillo, forse freddo: mi mancano le persone, ma esse ci sono in modo differente, la vita va avanti, mi hanno accompagnato per un pezzo di strada poi proseguo da sola, restano nei loro insegnamenti, nei ricordi, negli affetti che ci siamo scambiati e che non si perdono, così sento ancora la loro presenza. Ritrovo la mia mamma in certi oggetti che ho conservato, nelle foto, in frasi e modi di dire che erano suoi... mi fanno compagnia e me la mantengono vicina. Magari mi farebbe piacere sognarla, qualche volta, ma è accaduto assai raramente e pure i sogni erano tranquilli, non angoscianti.

Però quest'anno è stato diverso.

In questi tre giorni, dal 17 al 19, mi sono sentita triste come non mai, avrei voluto averla vicino fisicamente, essere ancora bambina per potermi rifugiare nelle sue sicurezze e nella sua forza che ha sempre avuto per affrontare le difficoltà. La rivedevo nel ricordo quando era ancora bella, alta, giovane, quando mi ascoltava mentre le raccontavo di tutto, poi diceva la sua idea... Non andavamo sempre d'accordo, però era la mamma, ci riflettevo sopra...

Ora capisco a fondo come doveva sentirsi sola quando passavo tanto tempo senza telefonarle, poi alla fine chiamava lei, per accertarsi che tutto andasse bene: erano gli anni in cui lei era rimasta a Bologna e noi a Firenze eravamo soli con i figli piccoli, anni faticosissimi e senza tregua; adesso che anch'io ho i figli che non si fanno sentire spesso, li immagino con le stesse giornate convulse e faticose (soprattutto mia figlia) come quelle mie lontane e mi trattengo dal chiamarli per non disturbarli troppo nè fargli perdere tempo prezioso. Per fortuna oggi ci sono i messaggi e un filo si riesce a tenere, ma a volte è poco...

Probabilmente in questi tre giorni ho incanalato nel pensare e nel soffrire la sua mancanza tutto lo stress e la depressione che mi accompagnano ormai dai molti mesi di Covid, tra chiusure, annullamenti, distanze, solitudine, timori.

Forse, passata la ricorrenza, un po' si attenuerà tutto questo, o forse incapperò in altre "ricorrenze" che scaveranno dentro di me e mi daranno motivi di sofferenze più acute... sarà ancora difficile passare le giornate e andare oltre.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=15571222

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
elyrav
elyrav il 22/07/21 alle 08:27 via WEB
E' una cosa strana ... ma anche la mamma di mio marito. A me sembrava impossibile che non sapessero la data di nascita. Ma sento che ce ne sono parecchi ... serena giornata
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 22/07/21 alle 19:04 via WEB
Magari certi documenti sono anche andati perduti, col tempo e le guerre... e nel rifarli qualcuno non si ricordava esattamente... chissā!
(Rispondi)
la.cozza
la.cozza il 22/07/21 alle 18:05 via WEB
Anche sulla data di nascita di mia mamma non c'č certezza. Lei ha sempre detto di essere nata il 4 dicembre e questo č sempre stato confermato anche da sua mamma ma all'anagrafe risultava nata il 2 dicembre. Sembra che sia stato il fratello minore del padre a fare la dichiarazione all'anagrafe e in famiglia si diceva che non amasse fare le cose in modo semplice e lineare ma preferisse fare "impicci" e alterare un po' la veritā anche senza un reale motivo.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 22/07/21 alle 19:05 via WEB
Allora c'era anche chi faceva "impicci" volontariamente... chissā perchč e che gusto ci trovava?
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.