Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE ANDRO' (FORSE)

IL VIAGGIO DI MAGGIO


CANADA

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

E' stato davvero un brutto regalo per te, so quanti...
Inviato da: atapo
il 14/05/2021 alle 10:44
 
Sono contenta se stata una lettura piacevole.Questi...
Inviato da: atapo
il 14/05/2021 alle 10:42
 
Ancora tanti cari auguri! Sono contenta che tu sia riusc...
Inviato da: artemisia_gent
il 14/05/2021 alle 03:12
 
Mi hai strappato una risata e parecchi sorrisi e ti...
Inviato da: la.cozza
il 13/05/2021 alle 17:17
 
S hai pienamente ragione.
Inviato da: la.cozza
il 13/05/2021 alle 17:09
 
 

Ultime visite al Blog

atapoCherryslallegri.frSpleen57artemisia_gentla.cozzadanielepastrychefmassimocoppaenzaimperatofedele.belcastrobacla0exiettoNonnoRenzo0Stratocovers
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Et: 70
Prov: FI
 

Messaggi di Maggio 2021

ON LINE 1

Post n°1755 pubblicato il 18 Maggio 2021 da atapo
 
Tag: cronaca

TUTTO INSIEME


Penso che ci debba essere qualcosa di particolare nel mio karma, perché mi capita molto spesso che a periodi “morti”, in cui non accade proprio niente e sembra che la vita sonnecchi (negli ultimi mesi complice anche il covid), si alternano periodi convulsi, dove accade molto e tutto in fretta, a volte in modo gestibile faticosamente: non sempre esperienze brutte, anche eventi belli, previsti o cercati, ma quando si affollano così non riesco neanche a goderne, arrivo alla fine stremata.

Un po’ c’era da immaginarselo, ora sta ripartendo tutto, ma non sono certo io ad affrettarmi… eppure è capitato, ancora una volta. Volevo raccontare man mano ciò che è successo, ma non trovavo il tempo e, ciliegina imprevista sulla torta, ci si è messo anche il dentista che ha dovuto iniziare un “lavoro” su un mio dente portandomi via pomeriggi e lasciandomi strascichi fastidiosi e peggio.

Tempo fa avevo aderito a una iniziativa del mio quartiere, chiamata “Il libro del vicino”. Negli anni precedenti la pandemia, era stata fatta in presenza, l’anno scorso saltò, quest’anno l’hanno organizzata on line, sulla piattaforma zoom. Consiste nella presentazione di un proprio libro da parte di scrittori o aspiranti tali, abitanti nel quartiere; ognuno lascia poi alle biblioteche del quartiere una copia del libro presentato, per la lettura e il prestito. Iniziativa simpatica e utile, secondo me, ora anch’io sono autrice e mi ero candidata per “Neretta”. Questi incontri poi restano su youtube, nel canale del quartiere.

Insomma, un modo per farsi pubblicità!

Sono stati due i pomeriggi impegnati: il primo per una presentazione generale dell’iniziativa insieme ad altre del quartiere, in cui ogni autore diceva giusto due parole, poi tutti noi eravamo suddivisi nelle restanti settimane di maggio, quattro o cinque ogni venerdì, così avevamo più tempo per parlare della nostra opera e rispondere a eventuali domande del pubblico, cioè le persone che ognuno poteva invitare all'incontro. A me questo è toccato venerdì scorso 14 maggio.

Ero emozionata: già mi agita il fatto della tecnologia che a volte all’improvviso fa capricci e io non so mai come rimediare, poi a vedermi mentre parlo mi sembra sempre di essere orrenda, ma soprattutto intrattenere qualcuno sul mio libro per dieci minuti mi aveva fatto “studiare” l’intervento, preparare la scaletta delle cose da dire, anche qualcosa in più per eventuali richieste di approfondimento… insomma, un bel lavoro!

Chi conduceva quella serata era una mia ex collega insegnante ora in pensione, eletta nel consiglio comunale: mi aveva telefonato qualche giorno prima per concordare con me un argomento su cui mi avrebbe poi fatto delle domande. Anche questa! Io non ci avevo minimamente pensato a tale possibilità… E qualcosa abbiamo deciso insieme...

Poi come vestirsi? Si vede solo poco più di collo e spalle nello schermo, però volevo fare bella figura… Una collanina? Ho scelto quella che mi aveva regalato la mia amica di Bologna, che avevo invitato ed era presente, in un riquadro piccino. Avevo invitato anche altri, ma erano tutti impegnati, c’era soltanto mia figlia oltre all’amica: avrebbero potuto farmi anche loro delle domande, quelle a sorpresa, sono state zitte, per fortuna mia…

Il tempo è volato, pian piano mi scioglievo e mi sentivo più a mio agio… mi accade sempre così nelle nuove esperienze: una grande paura all’inizio, dopo sono contenta del risultato. Nei giorni successivi mi sono rivista e riascoltata, giudizio: NON MALE. E’ buffo risentirsi, ci si rende conto delle incertezze, delle ripetizioni, di certi intercalari superflui… cercherò di starci più attenta, se ci saranno prossime volte…

Qui sotto cerco di mettere il video, di Neretta si parla ai minuti 14.51 e 1.00.23 (circa)

Ma questo è stato nulla in confronto all'altra esperienza on line dei giorni scorsi, di cui racconterò la prossima volta.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SETTANTA

Post n°1754 pubblicato il 11 Maggio 2021 da atapo
 
Tag: cronaca

PASSATA OLTRE

 

la mia torta

E così sono passata oltre quel famoso compleanno che mi metteva addosso sentimenti contrastanti.

Il giorno 8 qui è stata una giornata dal clima stupendo, tanto sole, caldo, la possibilità finalmente di vestirmi leggera... c'era da andare al mare, sdraiarsi al sole, mettere i piedi in acqua e, perchè no, anche tutto il resto per il primo bagno della stagione.

Una volta, molti anni fa, andò proprio così e l'8 maggio feci il primo bagno, sulla spiaggia della riserva protetta del Parco dell'Uccellina, ma questa è una storia lontana, sarà per un'altra volta.

Si stava bene a mangiare all'aperto al ristorante, finalmente. L'aveva prenotato mio marito, avvisandomi a cose fatte. Io, in realtà, erano settimane che gli dicevo che avevo una gran voglia di pizza non fatta in casa nè take-away, ma in pizzeria, in un locale che apprezziamo per la sua "napoletana verace": chi ha orecchie per intendere...

Lui ha prenotato in un ristorante di pesce senza pensare ai miei discorsi, ma, per fortuna, anche lì fanno buone pizze napoletane ed io ho potuto finalmente gustarmela, mentre lui si dedicava a gamberi e polipo: dice che aveva scelto quel posto perchè sul sito aveva visto le foto degli ultimi piatti inventati dallo chef.

La torta invece è venuta da una pasticceria, stavolta l'avevo trovata io on-line ed era una meraviglia di fantasia... e di bontà (vedi foto).

Cos'altro per festeggiare? Siamo passati da Mani Tese che faceva una vendita di libri a prezzi speciali e qualcosa ho trovato... come se non ne avessi abbastanza in casa!

Dopo questi giri siamo tornati a casa e sorpresa! Mia figlia con la famiglia erano passati mentre andavano al mare e mi hanno lasciato un disegno di Diletta e una bellissima lettera scritta da mia figlia, in cui ha riassunto i miei 70 anni ricordando esperienze vissute insieme... così mi sono commossa!

C'era anche un palloncino da compleanno, col 70 scritto sopra, e la cosa buffa è che anche mio marito me ne aveva preparato uno simile!

Ecco, 70 anni da palloncini mi fanno pensare... a che tipo di maturità e/o anzianità io possa ispirare ah ah...

Tramontato quel giorno importante, la vita è continuata normale, il compleanno in fondo è una convenzione, si invecchia un poco ogni giorno... dovrò solo dire un numero diverso a chi mi chiede l'età.

Ieri finalmente siamo riusciti a fare una lezione di scrittura creativa, con la mia maestra Erica ed altre sei signore, in un parco della città: a Erica era venuta quest'idea di incontrarci per due orette di esercizi di scrittura, all'aperto, nei giardini pubblici. Fra il maltempo e le difficoltà organizzative era la seconda volta che riusciva, per me la prima che partecipavo. Veramente piacevole, alle giuste distanze sotto un grande leccio che faceva ombra (ma mi sono abbronzata lo stesso), a scrivere, a leggere, a chiacchierare.

Il parco di ieri si trova in una zona di Firenze dove non ero mai stata e anche questo ha fatto parte dell'esperienza: il viaggio in bus per arrivare, la scoperta di un luogo molto bello, il proposito di tornarci ancora, per conto mio o con altri. Avevo un grande bisogno di parlare finalmente con qualcuno, di scambiare idee un po'... intellettuali, anche se sempre con leggerezza.

Se finalmente smettesse di piovere, potremmo fare altri incontri e io cercherei di non mancare, anche se devo attraversare la città, sarà come fare una gita. Ma le previsioni sono molto pessimiste, almeno per tutta la settimana, purtroppo!

Così torno a zoom, nei prossimi giorni sarò parecchio impegnata in questo e comincia a diventarmi pesante: ho voglia di muovermi, non di stare inchiodata davanti allo schermo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VERSO IL TRAGUARDO

Post n°1753 pubblicato il 07 Maggio 2021 da atapo

ULTIMO GIORNO

 

Oggi è l'ultimo giorno da sessantanovenne... e, per continuare il post precedente, vorrei che non finisse mai.

Invece volerà, anche perchè ho degli impegni, tutti on-line come è di moda oggi, di pomeriggio e di sera e stamattina ho dovuto preparare... poi racconterò, a cose fatte.

Meglio, così non mi resta tempo per pensare...

Ogni tanto mi sfugge un pensiero, allora mi butto a fare qualcosa di pratico: usare le mani, insieme alla testa, è un buon rimedio.

Pero' sono emozionata, devo confessarlo, i motivi sono più d'uno: ora si stanno riavviando molte cose e bisogna essere sempre ben presenti... saranno nuovi inizi, speriamo!

A presto... con un anno in più!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

meno 5

Post n°1752 pubblicato il 03 Maggio 2021 da atapo
 

 

RALLENTA !

 

Pippo Rizzo, Treno notturno in corsa, 1926

 

Vorrei che il tempo rallentasse.

Vorrei che la vita rallentasse.

Vorrei che non fosse già maggio, un terzo dell’anno volato via, stasera è una serata tiepida, il vento è calato, forse ci siamo, la primavera si stabilizza, comincia il periodo e la stagione che amo di più.

Ma poi tutto questo durerà un soffio, il caldo aumenterà fino a renderci inebetiti e rapidamente sarà autunno… un veloce voltarsi indietro a rimpiangere la bella stagione e l’anno volgerà al termine. Un altro anno nel passato.

Così sono i pensieri che mi frullano in testa ultimamente. Credo che la “colpa” sia del compleanno che si avvicina rapidamente, troppo rapidamente, ci penso e mi viene da fare il conto alla rovescia. Per non fare altri conti, che mi mettono addosso un disagio…

Da piccoli il compleanno era un numero in più che ci faceva felici, un passo avanti, un grande passo avanti ogni volta, fieri di “crescere”. Adesso quel numero in più suscita ben altro.

Quest’anno il mio sarà un numero importante, molto importante. Una decina, e che decina!

Sono arrivata fin qui tutto sommato in discreta salute, ho persone che amo e che mi amano, ho interessi che coltivo e che mi riempiono le giornate, sono libera di decidere molte cose… Mi accontento di tutto questo e ho in testa ancora progetti, però la consapevolezza che il mio viaggio si sta facendo breve ultimamente mi mette un po’ di tristezza e qualche rimpianto. Forse è normale, forse dovrei accontentarmi di più…

Forse dovrei anche cominciare a mettere ordine fra tante mie cose e tanti miei desideri, che mantengo e coltivo come se ci fosse un’eternità ancora da spendere.

Forse sono tutte elucubrazioni nate da questi periodi difficili, di chiusure, di impedimenti, di restrizioni, sembra che la vita sfugga ancora più in fretta e spesso più vuota.

Se rallentasse un poco...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso