Creato da LaDonnaCamel il 16/09/2006
Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla èl
 

 

Confesso che ho camminato

Post n°991 pubblicato il 31 Agosto 2015 da LaDonnaCamel
 
Foto di LaDonnaCamel

Ho cominciato in agosto, non so dire con precisione la data esatta e nemmeno contare il numero di passi perché ci pensava Massimo e io ero ancora ignara. La prima volta solo due o tre chilometri, forse l'ha detto tornando dalla stazione, forse dall'esselunga di viale Zara. La seconda qualcosina in più, arrivati sotto casa mia gli avevo chiesto io, quanto abbiamo fatto oggi? Quattro chilometri, caspita, mi sembrava tantissimo.
Il sabato mattina non mi aveva chiamato. Sono uscita da sola ma ormai il tarlo si era insediato, volevo sapere anche io e mi sono scaricata Pacer, una a caso che ho trovato su Play store.
Ho camminato tutti i giorni, ho camminato a Milano e ho camminato in vacanza, ho misurato l'asfalto bollente - ma cercavo di stare dalla parte dell'ombra - e i sentieri nel bosco, le spiagge del lago, le vecchie pietre del borgo, campanili e muretti coperti di muschio.
Ho rifatto le vie che conoscevo, magari ci ero passata in bici o in auto o in tram e questa volta ho apprezzato infiniti particolari che la velocità mi aveva precluso, ho annusato il profumo delle cucine, l'aroma sparso dalla finestra del primo piano o dal retrobottega del panettiere ancora aperto, l'erba tagliata, la terra bagnata dai portinai in calzoncini corti e zoccoli.
Ho camminato e sentito sotto le suole le asperità della strada, la ciclabile così elastica e liscia che accarezza i polpacci, i sassolini del parco e la polvere, le mattonelle, i sampietrini, i quadrelli sconnessi, a volte anche cemento, sempre grigio, sporco.
Ho camminato e guardato le vetrine, gli orti nascosti dietro una porticina, i giardini sontuosi dietro un portone in centro, le panchine scritte e i graffiti, gli alberi, tanti alberi, le aiuole, l'erba. Ogni giorno ho fatto almeno una foto, anzi ho fatto tantissime foto, primo piano di un fiore, campo lungo di un prato, cieli azzurri e vecchi palazzi.
Ho camminato nel silenzi delle vie deserte, in mezzo alla strada e sul marciapiede, lungo il naviglio con il sottofondo delle cicale, trasalendo per il richiamo improvviso di un'uccello acquatico, nessun cane abbaiava in lontananza.
Ho bevuto alle fontanelle, ho riempito la mia borraccia alla macchina dell'acqua, ho mangiato frutta, le banane portate da casa, bacche selvatiche quasi mai.
Ho consumato le scarpe e adesso il ditone vorrebbe uscire, si intravede dietro la stoffa lisa, dovrò separarmene e mi spiace, erano scarpe di poco prezzo ma la suola era spessa, assorbiva la fatica mentre la tomaia era sottile e mi lasciava respirare.
Le vacanze sono finite, anche l'estate è quasi finita e manca proprio poco al tempo degli stivali. Ci ho fatto caso, mancano nove a mille e poi basta: le cose finiscono signora mia, bisogna farsene una ragione.
Non ne ho voglia ma sono pronta, procediamo.

 
 
 

Descrivere i luoghi e poi visitarli per vedere se è vero

Post n°990 pubblicato il 15 Agosto 2015 da LaDonnaCamel
 

Qualche anno fa mi sono trovata a scrivere una storia che si era svolta in un luogo e un tempo che non avevo abitato. Tutti i migliori maestri della scrittura, o almeno tutti quelli che hanno contato qualcosa per me, avevano sempre raccomandato che occorre documentarsi su ogni particolare, se possibile vedere con i propri occhi, sperimentare, vivere di persona e, se proprio non si può, leggere e studiare chi l'ha fatto, andare in biblioteca. Una volta si faceva così, si andava in biblioteca, adesso invece è un po' più comodo ma il lavoro rimane importante.
Certe volte le storie che scriviamo ci portano lontano, le storie ci portano dove vogliono loro e non ci resta che tentare di stare al passo.

Poi c'è la vita vera che ti fa gli scherzi e ti porta lì, proprio in quei luoghi che avevi già visitato con la fantasia e non è una sorpresa poi così grande scoprire che sono proprio come li avevi immaginati, perché avevi guardato le mappe e le foto su google, avevi letto dei libri e avevi visto i film, e certi posti rimangono sempre uguali o cambiano poco con gli anni. Così se uno ti chiede se è autobiografia in un certo senso può diventare vero, puoi descrivere i luoghi e poi visitarli per vedere se erano così.

Omegna

Avevano affittato una palazzina vicino a Omegna e pagavano le camere in una pensione per i dipendenti. Amilcare lo fece sapere a Rina tramite un conoscente che ogni domenica andava in bicicletta da Milano a Ghiffa a trovare la morosa.

 

paese

Nelle due stanze ammobiliate che avevano preso in affitto non c’era il telefono, ce n’era uno nel bar in piazza e verso sera era tutto un andare e venire di donne a rispondere ai mariti e poi le novità venivano riportate di bocca in bocca, si sapeva tutto di tutti.

omegna

Amilcare non fece una piega quando lo vide appoggiato a un palo, proprio di fronte all’ingresso degli uffici sfollati. Lo portò con sé in trattoria e gli versò anche mezzo bicchiere di rosso.

 

croce bianca

Rimasero nella stanza della pensione Croce Bianca senza parlare o quasi fino al momento di rientrare a lavorare.  Gli disse di riferire alla mamma che stava bene e che sarebbe venuto a Ghiffa alla fine del mese, in corriera o in qualche modo.  Gli diede quindici lire di mancia, gli mise una mano sulla testa e gli disse di stare attento.

Il pezzo intero è ancora qui

 
 
 

L'occhio del coniglio c'è anche in Giappone

Post n°989 pubblicato il 30 Luglio 2015 da LaDonnaCamel
 

Lo sapevi?

Nemmeno io! È stato Amazon che ha voluto farmi una sorpresa, che carino. L'ho scoperto per caso oggi facendo una ricerca per un'altra cosa. La copertina è uguale ma la scritta pubblicata è questa qui sotto: è bellissima, non trovi? (*)

 

occhio del coniglio

 

Son soddisfazioni.

(Se vuoi comprarlo c'è ancora anche in Italia eh)

(*) traduzione: Pagina dell'autore. Immagine non disponibile.

 

Dice il saggio AmicoMM:

非常に良いおめでとうございます。 あなたはこれらのグローバルな満足に値する ;-)

 
 
 

Che divertimento

Post n°988 pubblicato il 27 Luglio 2015 da LaDonnaCamel
 

Ho letto nei giorni scorsi che hanno festeggiato i 60 anni di disneyland, il parco dei divertimenti a tema creato Walt Disney, primo di una lunga serie che è stata riprodotta e poi copiata in tutto il mondo.
Io detesto i parchi dei divertimenti. Ecco. L'ho detto. Odio per primo il luna park e sono felice che alle Varesine al posto di quelle squallide baracche da quattro soldi abbiano messo elegantissimi grattacieli a forma di formaggino, camminate di legno di teak con pennacchi ornamentali, corrimano e tiranti in acciao inox e un polo alla moda della moda e per la moda, di cui nulla mi importa ma almeno è bello da vedere quando passo di lì.
Odio le montagne russe, gli otti volanti e tutte quelle attrazione che sollecitano in maniera abnorme il labirinto delle mie orecchie, provocandomi il vomito senza motivo.
Ma sto divagando. Volevo parlare di Disneyland. Quello di Parigi è stato fondato nell'aprile del 1992, sono passata di lì in agosto del 1994, è stata l'unica volta in cui sono entrata in un postaccio del genere: non sono mai stata nemmeno a Gardaland, pure lui 40 anni in questi giorni.

 

disneyland

 

Mi dicono che siano posti bellissimi, c'è gente che si sottopone a ore di coda per dieci minuti di paura. Un po' come all'Expo. Sì, lo so, non ci sono solo attrazioni spaventose, si possono vedere anche altre cose, tanti mondi artificiali, riproduzioni di città di fantasia, castelli, magie, tecnologia, tunnel dell'amore, spruzzi d'acqua e urla dei passeggeri. Un po' come in barca a vela. Ma io sono dieci anni che non ci metto piede, e in quel caso almeno si andava da qualche parte. Il tempo vola, signora mia, non mi ero accorta che ne fosse passato tanto da quella volta. Dopo la prima vertiginosa discesa avevo chiuso gli occhi, appesa al braccio del mio professore di matematica, un giovane laureando che assomigliava a quello che sarebbe stato poi Natalino Balasso, guance rubiconde, capelli già radi, pancetta incipiente, non mi ricordo più come si chiamasse del resto l'ho avuto solo per l'ultimo anno, quello del biennio nella scuola privata dove avrei dovuto studiare il doppio visto che portavo quarta e quinta e invece avevo studiato la metà ma questa è un'altra storia e sono stata promossa, comunque attaccata al professorino avevo pensato sì! ho capito, ho capito cos'è! va bene, tutti i gusti sono gusti e se a voi piace non discuto ma io non ci voglio stare un minuto di più, fatemi scendere!

 
 
 

La pizza perfetta

Post n°987 pubblicato il 16 Luglio 2015 da LaDonnaCamel
 

Condivido uno tra gli interventi più significativi del Joomla! Festival, ne vado molto fiera e non solo per aver contribuito alla organizzazione e per aver promosso, condotto e gestito la Conferenza per la Consapevoloezza digitale, compresa una mia presentazione di cui per fortuna purtroppo non esistono documenti filmati. Chi mi conosce troverà in questo video qualcosa di mio.

 
 
 
Successivi »
 

Area personale

 

Calendario

4 luglio 2015

consapevolezza digitale

Joomla!Festival

Joomla!Festival: l'evento dell'anno

 

- 3 febbraio conferenza
- 24 febbraio workshop scrittura
- 25 febbraio  1° incontro CSV Monza
- 4 marzo 2° incontro CSV Monza
- 11 marzo 3° incontro CSV Monza
- 2 aprile workshop scrittura

 

 

Ultime visite al Blog

car.brideteriora_sequoreriodangelopsicologiaforenseLaDonnaCamelottobre010chevallnaar75oversize47MarquisDeLaPhoenixTheDarkSideOfThestreet.hasslelacey_munroraso_terra
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

My spiritual guidance

More about Il diario intimo di Sally Mara

 

Le avventure di Nonugo

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 


ias

 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Scrivere è il mio gioco preferito

L'occhio del coniglio

Libro, mobi, epub come vuoi tu, compralo su Amazon o su lulu!

Da oggi anche su Anobii

 

 

Joomla! Festival News

Caricamento...
 

Angie

Caricamento...
 

Capitano mio capitano

Caricamento...
 

Coniglio della moda

Caricamento...
 

Coniglio Mannaro

Caricamento...
 

La linea d'Hombre

Caricamento...
 

Mai Maturo

Caricamento...
 

Michele per caso

Caricamento...
 

Ora e qui

Caricamento...
 

Solo testo

Caricamento...
 

Sputa il rospo

Caricamento...
 

Tapirullanza

Caricamento...
 

Transmission

Caricamento...
 

Un pezzo di Milano che cammina con gli occhiali

Caricamento...
 

Vanamonde

Caricamento...
 

Vibrisse

Caricamento...