Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI OTTOBRE

Gabriel Garcia Marquez

"L'amore ai tempi

del colera"

 

IL LIBRO DI SETTEMBRE

Antoine de Saint-Exupéry

"Il piccolo

principe"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

la.cozzaataposimona_77rmcassetta2ormaliberafedele.belcastroelyravmassimocoppaITALIANOinATTESAmixtli6surfinia60vita.perezmassimo.sbandernokora69
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 69
Prov: FI
 

 

« CAMPIONATOFERRAGOSTO »

GITA

Post n°1551 pubblicato il 12 Agosto 2018 da atapo
 
Tag: viaggi

GRAZIE

 

 

Grazie  per la bellissima giornata di ieri a Bologna.
Una di quelle che mi concedo raramente, tutta per me, tutta da sola, che capitano per sporadiche e spesso improvvise combinazioni familiari e astrali favorevoli.
Un incontro con la mia città natale seguendo miei ritmi, mie esigenze di rivedere luoghi vissuti o di scoprire luoghi cambiati. Non sento la necessità di andare a salutare questo o quello tra le ormai scarse antiche amicizie, sarebbe un incontro non più con luoghi, ma con persone e ciò prevarrebbe sul vivere per poche ore in uno stato d'animo particolare, a metà tra l'essere turista e sentirmi come se ancora abitassi là.
Il sole era splendido, il caldo non eccessivo era mitigato nella frescura dei portici (che splendida invenzione!), le vie tranquille nel sabato estivo, i turisti poco invadenti (che differenza con la Firenze di questi giorni!), le case luminose nelle calde sfumature degli ocra bolognesi.
Avevo un museo da vedere e il resto della giornata da inventare, ma era già bello il passeggiare.
Però stavolta c'è stata con me una persona, ritrovata fortunosamente dopo tanto tempo e che mi ha fatto da guida, una guida tranquilla che mi ha aiutato a tracciare quel filo-legame tra il presente e il mondo dei ricordi, inserendosi con discrezione e partecipazione nel mio personale rapporto con la città. Un dono in più, inaspettato, che mi è stato offerto.
Anche per questo ti ringrazio, Bologna.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog