Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI AGOSTO

Jean-Pierre Milovanoff

"Tout sauf

un ange"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

E' un anno un pò così. Complimenti per i...
Inviato da: elyrav
il 03/08/2020 alle 08:58
 
E quel segno non si dimentica... è il modo di sentirle...
Inviato da: atapo
il 28/07/2020 alle 16:43
 
Mi spiace molto ... le persone a volte lasciano un segno....
Inviato da: elyrav
il 28/07/2020 alle 07:47
 
Più si va avanti con l'età e più se ne perdono....
Inviato da: atapo
il 26/07/2020 alle 20:19
 
Grazie, spero sia stato buono per te.
Inviato da: atapo
il 26/07/2020 alle 20:17
 
 

Ultime visite al Blog

surfinia60elyravatapofedele.belcastroelia2006patrighepabo560libera2menteettoregianfaccin_lauraguntherjpersicomarco07halpertdanip61
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 69
Prov: FI
 

 

« UN FIORE INQUIETANTESALUTARSI »

ROSSO GIARDINO

Post n°1685 pubblicato il 04 Giugno 2020 da atapo
 

 

SFUMATURE DI ROSSO

Accarezzo con un colpo d'occhio il mio giardino in questi giorni, mi fa stare bene, mi sento alleggerita dal verde e dal rettangolo di cielo sopra la testa, penso che è come una goccia di medicina se ora non si può parlare di viaggi e vacanze...

E scopro...

In questi giorni tutto ciò che è fiorito è di colore rosso, per caso, naturalmente, i nostri pollici più o meno verdi non lo avevano di certo programmato! Ma il rosso ha mille sfumature.

Sul muretto più vicino a casa ci sono i geranei rossi, un tipo più sobrio, uno più verso il fucsia.


Una pianta grassa più in là ha innalzato lunghi steli con infiorescenze rosso pallido.


Lungo la recinzione l'oleandro che nella casa vecchia cresceva stentato, avvelenato dal traffico della strada, qui dopo cinque anni di alterne vicende, tra gelate, siccità e le mie potature fatte non ad arte, ma a "sentimento" perchè di potature non me ne intendo affatto, ora è un folto cespuglio alto come me e per la prima volta è completamente ricoperto di fiori rosso scuro.

Poi c'è il melograno in piena fioritura: un'esplosione di rosso squillante, che ci fa sperare in un'abbondante produzione di frutti.


Di fronte al melograno sono maturi i primi lamponi: ne ho già raccolti (e mangiati, insieme ai nipotini), non maturano tutti insieme, ci accompagneranno a lungo, ingabbiati in una rete per tenere lontani gli uccelli.


Anche tra l'erba c'è qualcosa di rosso: tante palline che assomigliano a fragole, "fragole matte" le chiamo io, le foglie sono identiche a quelle delle fragole, ma i frutti, nati da fiorellini gialli, non credo proprio siano commestibili. I semi sono stati portati dal vento.


Insomma, tutte queste "zone rosse" fanno un bel vedere, neanche fossero state create apposta da uno di quei giardinieri-paesaggisti che ora vanno di moda.

Era il mio sogno segreto: riuscire ad ottenere, nel giardino, un succedersi di fioriture durante l'anno che si armonizzassero bene insieme, ma non mi sono mai impegnata in questo senso, sarebbe uno studio da cominciare da zero. Ora, per un po', è capitato.

E in casa, in un vaso, ci sono alcuni rami delle mie rose William Lobb che si stanno aprendo; ho chiesto a mio marito di portarmene dalla montagna, lui l'ha fatto, ma ha detto che saranno i primi e gli ultimi, perchè tagliarli è stata un'impresa, tutte quelle spine li rendono inattaccabili.


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog