Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI LUGLIO

Mario Lodi

"Il paese

sbagliato"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Direi che sei proprio fortunata!
Inviato da: atapo
il 08/07/2020 alle 23:02
 
A Firenze per fortuna non c'Ŕ molta umiditÓ, di...
Inviato da: atapo
il 08/07/2020 alle 23:02
 
Vivere in campagna non mi fa desiderare altro. ╚ una...
Inviato da: lascrivana
il 07/07/2020 alle 22:32
 
si si , troppo caldo, che poi qui in brianza ci si mette...
Inviato da: exietto
il 07/07/2020 alle 20:39
 
Esatto: una bella natura e gli incontri con gli amici!
Inviato da: atapo
il 04/07/2020 alle 12:37
 
 

Ultime visite al Blog

atapocalonicoLuciColroma_45Mdolcesettembre.1Prof_Luigi_Oreficelascrivanaexiettosurfinia60artemisia_gentmassimocoppashazhuxiaelyravcassetta2
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 69
Prov: FI
 

 

« MATURITA'IL LIBRO DI GIUGNO »

BENVENUTA ESTATE

Post n°1690 pubblicato il 21 Giugno 2020 da atapo
 

SOLSTIZIO



 

Ho guardato a lungo il tramonto stasera, o stanotte ormai perché è il giorno più lungo dell’anno e il cielo a ovest scivola lentissimamente sulle strisce dei colori: azzurro brillante in alto, azzurro sempre più chiaro verso l’orizzonte e sfuma sul giallo, l’arancione, il rosso che si incupiscono sempre di più, fino al buio che non è totale, ma resta penombra ancora a lungo.

Questo è l’inizio della notte di mezza estate, quando fa bel tempo.

A me piace guardarlo, tutti gli anni, come se scivolassi fisicamente dentro l’estate, insieme al sole che scivola sotto l’orizzonte. E’ un’atmosfera di attesa, romantica e un po’ ansiosa, quest’anno in particolare: è più difficile fare progetti, mi vengono in mente soltanto sogni irrealizzabili e desideri che restano negli angoli della mente e del cuore, insieme a ricordi ormai troppo passati.

La musica li culla, la musica si accompagna bene ai momenti di passaggio, di ritualità rassicurante, è giusto che proprio oggi sia la Festa della Musica. Io ho voluto ascoltare in diretta un bel concerto organizzato dall’Istituto Francese sulla piazza e mandato su facebook, e questa unione di musica e Francia mi ha fatto ricordare la prima Festa della Musica a cui ho partecipato.

Era l’anno 2000, io ero in Francia col progetto Comenius e insegnavo per quindici giorni in una scuola primaria a Vesoul, vicino a Besançon. Allora questa festa non c’era in Italia, esisteva soltanto là. La mia collega francese mi trascinò fino a notte fonda per le strade e le sale della città, dove dappertutto qualcuno faceva musica, di tutti i generi: classica, corale, folk, etnica, rock… suonata, cantata, spettacolarizzata… Era una sarabanda, fu un’indigestione di note, una serata superba e incredibile!

Poi pian piano tutta Europa aderì a questa manifestazione, negli anni scorsi spesso anch’io uscivo, mi godevo varie occasioni… Stavolta nulla.

Ricordo, ascolto on line, sogno guardando il tramonto bellissimo e, in fondo, spero. Benvenuta estate!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog