Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI AGOSTO

Jean-Pierre Milovanoff

"Tout sauf

un ange"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

E' un anno un pò così. Complimenti per i...
Inviato da: elyrav
il 03/08/2020 alle 08:58
 
E quel segno non si dimentica... è il modo di sentirle...
Inviato da: atapo
il 28/07/2020 alle 16:43
 
Mi spiace molto ... le persone a volte lasciano un segno....
Inviato da: elyrav
il 28/07/2020 alle 07:47
 
Più si va avanti con l'età e più se ne perdono....
Inviato da: atapo
il 26/07/2020 alle 20:19
 
Grazie, spero sia stato buono per te.
Inviato da: atapo
il 26/07/2020 alle 20:17
 
 

Ultime visite al Blog

surfinia60elyravatapofedele.belcastroelia2006patrighepabo560libera2menteettoregianfaccin_lauraguntherjpersicomarco07halpertdanip61
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 69
Prov: FI
 

 

« RICORDOE SIAMO SOLO A FINE LUGLIO »

IL LIBRO DI LUGLIO

Post n°1697 pubblicato il 28 Luglio 2020 da atapo
 

 

"IL PAESE SBAGLIATO"

 


 

Anche luglio sta per finire, i giorni scorrono rapidi e io mi dimentico di presentare il libro del mese, quello che ho messo nel box qui accanto.

"Il paese sbagliato" di Mario Lodi fa coppia con "Lettera a una professoressa" del mese scorso: sono state le due colonne su cui ho costruito il mio lavoro di insegnante. Li lessi quasi contemporaneamente, erano appena usciti, posso dire che Don Milani è stata la parte teorica, di riflessione sui grandi temi della scuola verso l'uguaglianza e il riscatto di chi pareva meno favorito socialmente, attraverso lo studio e la padronanza della lingua; Mario Lodi ha completato tutto questo, mi ha dato suggerimenti importanti su come impostare l'attività didattica nello specifico delle singole giornate.

La sua attenzione rispettosa del mondo dei bambini, dei loro tempi e della loro cultura, l'organizzazione che ascoltava le loro proposte per indirizzarle alla riflessione e alla sperimentazione erano ciò che volevo anch'io per le classi in cui lavoravo, già all'inizio della mia carriera nei primi anni '70, anni di innovazioni pionieristiche da parte di vari gruppi di insegnanti, tra cui quelli del movimento MCE. Questo metodo di lavoro non mi ha mai deluso, i bambini imparano volentieri esplorando il mondo attorno a loro, le realtà fisiche, la natura, le persone e le relazioni positive che portano alla socializzazione e alla partecipazione.

Ai genitori spiegavamo il nostro metodo in frequenti assemblee, li abbiamo sempre avuti dalla nostra parte, spesso anzi ci hanno aiutato, fornendo stimoli nuovi o collaborando ai progetti.

Anni dopo conobbi personalmente Mario Lodi, collaborai con le mie classi, che scrivevano storie e articoli, ad una esperienza unica: il giornalino "A&B", cioè "Adulti e Bambini", tentativo di una pubblicazione preparata insieme da bambini e da adulti (genitori, scrittori, scienziati) che credevano in loro. L'esperienza durò alcuni anni.

Tempi bellissimi, una scuola indimenticabile che in seguito è stata distrutta, stracciata, burocratizzata, snaturata: oggi ci sono di nuovo timide sperimentazioni in questo senso, ma private e costosissime, si levano voci per farla ritornare anche nella scuola pubblica, come eravamo noi a quei tempi: meno alunni, un ascolto maggiore delle loro esigenze di crescita, un ambiente di apprendimento che è la città, il mondo...

Altrochè il banco monoposto a rotelle!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog