Bourla: la protezione del vaccino anti-COVID dura pochissimi mesi

Bourla Pfizer

Albert Bourla, CEO di Pfizer: « La protezione del vaccino contro il COVID dura pochissimi mesi. E stanno già emergendo altre varianti »

Il CEO di Pfizer, Albert Bourla, a gennaio, durante una video conferenza con Chris Shibutani della banca d’affari Goldman Sachs, aveva sottolineato che ciò che complica la situazione è la variante Omicron. ” Omicron ha spinto a dare la terza dose non a 6 mesi come era inizialmente previsto, ma a 3. E questo cambierà drasticamente il panorama “.

Bourla ha spiegato agli investitori di Goldman che “sicuramente avremo un vaccino efficace contro Omicron. La domanda è se lo useremo o no. Ci stiamo muovendo a tutta velocità e anche se non ho visto in questo momento i dati da laboratorio, sulla base di quello che abbiamo già fatto in passato posso affermare che avremo un vaccino efficace contro la variante Omicron entro la scadenza che avevamo ipotizzato: fine marzo. Non so rispondere però alla domanda se ne avremo davvero bisogno a partire dal mese di aprile. Siamo sicuramente fiduciosi che ci sarà e sarà molto efficace e che saremo nell’anno in grado di produrlo in miliardi e non milioni di dosi. Però non so se ci sarà quella necessità o altre, perché sto già vedendo emergere dopo Omicron numerose altre varianti…”.

Pfizer era organizzata per produrre una terza dose e per iniziare a fine 2022 quello che sarebbe un richiamo annuale se non per tutti almeno per le fasce di popolazione più fragili per età o malattie pregresse assai simile a quello che viene regolarmente fatto per i virus dell’influenza.

Secondo Bourla: “ Il virus non andrà via e presumiamo che resti per un decennio. Sarà endemico ovunque, ha e avrà la capacità di creare varianti quindi vivrà, in un modo o nell’altro, insieme al genere umano per gli anni a venire. Questo è quel che crede la maggioranza degli scienziati e anche quella dei principali opinion leader. La seconda certezza che abbiamo è che la protezione immunitaria con le varianti che conosciamo e ora pare anche con Omicron, è di durata breve, sia con il vaccino che con l’infezione naturale: pochi mesi, sempre meno. Per questo si è fatta strada l’idea di una quarta dose almeno prima di procedere con la regolare vaccinazione annuale ”.

Fonte: https://www.iltempo.it/attualita/2022/01/08/news/variante-omicron-presidente-pfizer-albert-bourla-vaccino-covid-quarta-dose-10-anni-goldman-sachs-30020460/

 

Vaccini

Vaccini News

https://www.vaccini.net
Le novità sui VacciniVaccini.netVaccini batterici e virali attenuati. Vaccini batterici e virali inattivati. Vaccini coniugati. Vaccini antitumorali.

La vaccinazione per fasce d’età

Nel corso dell’età adulta ( 19-64 anni ) è opportuna la …

Miocardite e pericardite dopo …

Sono stati segnalati rari casi di infiammazione cardiaca a …

Focus

La vaccinazione contro l’influenza stagionale viene effettuata tra la …

Spikevax, vaccino anti-COVID …

Spikevax contiene una molecola denominata RNA messaggero …

Le vaccinazioni per fascia d’età

Il ciclo di base per le vaccinazioni contro difterite, tetano e …

Primo semestre 2021

Per il vaccino Vaxzevria ( AstraZeneca ), la distribuzione …

Virus

Molte persone incinte negli Stati Uniti stanno ricevendo vaccini …

La reverse vaccinology

I vaccini fanno in modo che il sistema immunitario impari a …

Keywords

Vaccini.net. Vaccini … Xagena Mappa. Xagena Newsletter …

Vaccino meningococcico

Mencevax ACWY è un vaccino meningococcico polisaccaridico …

Terza dose: agli anziani somministrata una dose più alta del vaccino Moderna 100 microg anzichè 50

Moderna vaccino

Report: troppo vaccino agli anziani, l’errore di Aifa su Moderna che ha portato a somministrare dosi in più – Tra settembre e ottobre gli anziani hanno ricevuto una quantità sbagliata di vaccino Moderna. Una dose intera invece di metà, come consigliava l’Azienda

Tra settembre e ottobre, durante la campagna di immunizzazione, gli anziani hanno ricevuto una quantità sbagliata del vaccino di Moderna. Il tutto a causa di un errore di comunicazione tra AIFA e Ministero della Salute.

Lo ha svelato “Report” in un servizio sulla terza dose firmato da Manuele Bonaccorsi e Lorenzo Vendemiale, anticipato su il Fatto Quotidiano.

L’errore è nato con la terza dose e il via libera per le persone fragili e gli over 60. Quando il 9 settembre Aifa ha dato il via libera al booster ha indicato l’uso di un vaccino a mRNA. Ovvero o Pfizer e Moderna. Ma a dosaggio intero. Mentre per gli immunodepressi si parla di “dose addizionale”, per gli anziani è un booster, ovvero un rinforzo per ripristinare la protezione. Per questo, spiga il servizio, la dose di Moderna doveva essere somministrata a un dosaggio minore ( 50 microg anzichè 100 microg ). ( Fonte: Il Fatto Quotidiano )

Non c’è due senza tre

Ancora non abbiamo finito di vaccinare tutta la popolazione e già si parla di una possibile terza dose. In Italia per il momento la stiamo somministrando alle categorie fragili e agli over 60, ma i contagi tornano a salire e l’ipotesi di un nuovo richiamo per tutti diventa sempre più probabile. Ma quanto dura davvero la protezione dei vaccini anti-Covid, e cosa sappiamo sull’utilità e la sicurezza del cosiddetto booster? Report vi porterà negli Stati Uniti, dove con interviste esclusive ai commissari dell’Fda, la prestigiosa agenzia regolatoria americana, vi racconteremo tutti gli interessi economici e le pressioni politiche che ci sono dietro una decisione che dovrebbe essere solo scientifica. Siamo stati anche in Israele, che invece sostiene che la protezione del siero Pfizer è svanita e per questo ha già immunizzato di nuovo quasi tutta la popolazione. Il mondo intero è a un bivio da cui dipende la nostra vita nel prossimo futuro. Compreso il futuro del tanto discusso green pass, che il governo ha deciso di estendere fino a 12 mesi. Spiegheremo su quali dati è stata presa questa decisione e se, alla luce delle ultime evidenze scientifiche, la certificazione verde crea davvero degli ambienti sicuri, e per quanto tempo. A capirlo ci avrebbe dovuto aiutare uno “studio fantasma” promesso dalle autorità italiane, di cui però si sono perse le tracce. ( Fonte: Ufficio Stampa RAI )

VIDEO REPORT RAI3: NON C’E’ DUE SENZA TRE

 

Vaccinazione anti-COVID: morta la ragazza ligure di 18 anni vaccinata con AstraZeneca

Vaccino AstraZeneca

MORTA CAMILLA CANEPA, LA 18ENNE LIGURE VACCINATA CON ASTRAZENECA IL 25 MAGGIO – VACCINO TRA I 12 E I 17 ANNI, LA CAUTELA DELLA GERMANIA: “POCHI DATI SUGLI EFFETTI, DUBBI SUI BENEFICI COLLETTIVI”

La ragazza era stata vaccinata con AstraZeneca il 25 maggio nell’open day per gli over 18. Il 3 giugno ha iniziato a manifestare alcuni sintomi, tra cui mal di testa e fotofobia. Il 5 giugno è stata ricoverata all’ospedale San Martino di Genova, dove è stata sottoposta a due interventi chirurgici: uno per la rimozione del trombo e poi un altro per ridurre la pressione intracranica. L’ospedale ha attivato la procedura di segnalazione all’Aifa ai fini della farmacovigilanza, nella quale sono stati indicati anche i farmaci che la 18enne ha assunto dopo la vaccinazione ( Fonte: Corriere )

LINK: https://lnkd.in/dNjCa2M

 

Ragazza morta dopo AstraZeneca