Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE ANDRO' (FORSE).

IL VIAGGIO DI GIUGNO


AUSTRALIA

 

DOVE ANDRO' (FORSE)

IL VIAGGIO DI MAGGIO


CANADA

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Sarebbe bello viaggiare ... conoscere il mondo. Ci sono...
Inviato da: elyrav
il 09/06/2021 alle 07:51
 
Ormai ho archiviato ogni velleitÓ viaggiatrice. Ma il...
Inviato da: surfinia60
il 07/06/2021 alle 16:53
 
Un viaggio da quelle parti non dispiacerebbe neppure a me...
Inviato da: Mr.Loto
il 03/06/2021 alle 16:11
 
Grazie!
Inviato da: atapo
il 02/06/2021 alle 17:49
 
auguri, auguri!
Inviato da: massimocoppa
il 31/05/2021 alle 13:12
 
 

Ultime visite al Blog

ataponaar75elyravla.cozzasurfinia60QuartoProvvisoriomassimocoppafedechiaratempestadamore_1967allegri.frmussirodolfoexiettofedele.belcastroCherrysl
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 70
Prov: FI
 

 

« PAUL VERLAINEFINE »

STORIE DI CORA

Post n°895 pubblicato il 31 Ottobre 2012 da atapo
 

 

MAL D' AFRICA

Un decollo perfetto. Cora non ha paura, anzi, è un momento che le piace molto, quando la velocità aumenta sempre più e all'improvviso vede dal finestrino che le linee orizzontali del paesaggio non lo sono più ...ma il mondo si inclina. Come una sfida vinta: sollevarsi e volare. E quasi non se ne è accorta! Se fosse così anche nelle sfide della vita!

Non sarà un viaggio lungo, non è lontana la sua Africa. Dopo tanti anni Cora ha deciso di ritornarvi, senza nessuna ragione. O forse sì, ma è un motivo nascosto e nemmeno tanto chiaro a lei stessa. Sente solo il bisogno di allontanarsi dalla realtà di questo periodo confuso in cui i sogni, i sentimenti, le speranze e i progetti sono come tessere nel puzzle della vita che una mano dispettosa si è divertita a scompigliare per l'ennesima volta.

Forse laggiù...vedrà più chiaro...o scoprirà qualcosa di nuovo. Dicono che l'Africa sia capace di queste magie.

Dopo tanto tempo... ritroverò i colori e la vita di allora? Perchè tutto cambia, soprattutto in questi anni convulsi...e sono cambiata anch'io”

Pensa Cora ed è già all'atterraggio, alla consegna di quei documenti in cui risulta che lì è da sola, non c'è un uomo che l'accompagni e capita che il funzionario la guardi un po' perplesso e lei si innervosisce, ma subito si rassegna perchè sa che nonostante tutte le leggi di parità che ci sono nel piccolo paese africano la realtà è ancora diversa...

Viaggerà con i mezzi pubblici e scatterà fotografie, vorrebbe catturare l'anima dei luoghi e delle persone, fissare le emozioni che proverà in quei giorni. Sarà facile per le cose, gli uomini si metteranno in posa anche se lei non vorrà, le donne dapprima schive poi le sorrideranno nella complicità femminile.

Il treno corre verso il sud, non pare Africa quel paesaggio ad ulivi e mandorli, è un ricordo acuto ancora di Sicilia...presto tutto si fa più arido, ma lungo la costa ecco lo scintillio argentato delle grandi paludi che brulicano di fenicotteri e in fondo la linea blu del mare...

Ci sono le città che Cora già conosce, con la vita tumultuosa e i contrasti che stringono il cuore.


 

Cora ripercorre le loro strade, si immerge nell'atmosfera affollata e rumorosa dei mercati, sa che si confonde facilmente con le donne del posto, i suoi colori e i suoi lineamenti mediterranei aiutano, le semplici parole nel dialetto locale che ha imparato le consentono di scivolare quasi inosservata e di non venire abbordata come turista. E' bello per questo sapere le lingue...entri a far parte di un popolo.

Dopo le città, una sosta sull'isola dai palmeti e dalle lunghe spiagge bianche. La leggenda narra che anche Ulisse vi si fermò e incantato dalle sue bellezze rischiò di non ripartire più: l'isola dell'oblio! Ma dimenticare non è ciò che vuole Cora, soprattutto se i ricordi sono dolci, vorrebbe piuttosto imparare il modo di trattenere un certo passato e di riviverlo con la stessa intensità...

E allora riparte: una vecchia corriera affollata la porta verso l'interno, valica lentamente i monti assolati e brulli, attraversa la pianura abbacinante del gran lago salato, arriva all'ultima città prima del deserto. Una città come le altre, ma lì tutto è in funzione di chi vuole tentare l'impresa di inoltrarsi tra le dune, turisti alla ricerca di esplorazioni che ormai hanno soltanto l'ombra dell'avventura.

Dromedari agghindati e sornioni, le contrattazioni...

A Cora piacciono di più i cavalli e si avvicina volentieri ai loro recinti dove aspettano tranquilli il momento dell' impegno quotidiano. In un recinto separato dagli altri c'è un solo cavallo, scuro e irrequieto, che gira in tondo, scalpita, lancia nitriti verso i compagni, come a gridare solitudine e disagio. Cora si avvicina alla staccionata e lo guarda. Silenzioso le viene accanto un vecchio guardiano dal viso berbero pieno di rughe, avvolto nel pesante burnus, il mantello tradizionale di lana di cammello.

Il n'est pas sage, aujourd'hui” (Non si comporta bene oggi) dice a Cora indicando l'animale con un cenno del capo, poi si allontana ai suoi lavori di accudimento verso gli altri recinti.

Lei appoggia i gomiti sull'asse più alta e ammira le evoluzioni del “pas sage”: le corse in tondo, l'alzarsi sulle zampe posteriori, lo scrollare la lunga criniera...Lui si è accorto di lei, la guarda, si agita sempre di meno, è incuriosito. Cora non si muove, gli sorride. Ora il cavallo si è fermato e continua a guardarla. Lei comincia a parlargli, sottovoce: “Ehi, che fai...tranquillo, è tutto a posto...”

Il cavallo si avvicina alla staccionata, la guarda sempre, è a pochi metri da Cora che risponde sorridendo a quello sguardo curioso e continua a parlargli: “Allora? Che vuoi? Che mi dici?...” Non osa muoversi, non vuole spaventarlo...lui si avvicina ancora, potrebbe sfiorarlo se allungasse un braccio, ma aspetta ancora un poco poi si decide e alza lentamente la mano verso quel grande muso che nello stesso momento le viene incontro e...si lascia toccare. Cora trattiene il respiro e pian piano trasforma lo sfiorarsi in carezze leggere sulla fronte del cavallo...forse è ben accetta. Così passano alcuni minuti nello studiarsi a vicenda e nel contatto di questa nuova amicizia, poi Cora sente dietro di sè la voce del vecchio berbero che si è avvicinato silenziosamente: “Vous l'avez apprivoisé, madame. C'est lui qui vous a choisi, mais vous l'avez bien apprivoisé”(L'avete addomesticato, signora. Lui vi ha scelto, ma voi l'avete proprio addomesticato)

Apre il cancello del recinto: “Voulez-vous faire une balade avec lui? Pour vous... c'est offert!” (Volete fare un giro con lui? Per voi è gratis) Tende a Cora le redini. Da quanto tempo lei non sale a cavallo! Ma non ha dimenticato e quasi d'istinto...è in groppa! Automaticamente riscopre lo stato d'animo e i gesti necessari così da sentirsi tutt'uno col grande animale che ama essere guidato con una dolcezza sicura e tranquilla, non con la forza.

Si allontanano pian piano dagli edifici e dai recinti, nella mente di Cora ora i pensieri sono cullati dall'andatura ondeggiante del cavallo: risente le parole del vecchio: “apprivoisé” , addomesticato... Sì, lei di solito riesce a farseli amici gli animali che incontra...una persona scherzando (o forse no...) le aveva detto una volta che lei addomesticava non solo gli animali...si ricorda del Piccolo Principe quando la Volpe gli spiega che addomesticare è una cosa importante, significa creare dei legami che non si spezzano mai più, continuare sempre ad aver bisogno l'uno dell'altro e ad essere responsabili l'uno per l'altro, anche quando la vita ci allontana il pensiero dell'amico ci accompagnerà sempre e sarà una dolce malinconia: “Mi ricorderò di te a causa del colore del grano, che è lo stesso dei tuoi capelli” dice la Volpe al Principe quando se ne va...Che bella storia! Ogni volta che si legge, si scopre sempre qualcosa di nuovo e di adatto a quel momento...



 

Cora si scuote dai suoi pensieri perchè il cavallo si è fermato all'improvviso: davanti a loro ecco il deserto a riempire tutto l'orizzonte! Fra poco giungerà l'ora del tramonto: le dune sono rosate, il cielo è color blu di lapislazzuli striato d'oro dai raggi del sole che si abbassa... Laggiù nel deserto da qualche parte ci sarà ancora un Piccolo Principe ad attenderla e ad aiutarla a capire, a capirsi...bisogna avere il coraggio e la pazienza di cercarlo, per non lasciarlo solo nel deserto.

 


Cora muove leggermente le redini e il cavallo docile si incammina lungo la pista tra le dune, il vento pare una carezza che indica la via...



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog