Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI NOVEMBRE

Maurice Maeterlink

"L'oiseau bleu"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultime visite al Blog

QuartoProvvisorioataposurfinia60NonnoRenzo0giovannikadoshsabes69ros_gerCatania.Danielamassimocoppaedith0dglfedele.belcastroalex.locaelyravLalla3672
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Etą: 69
Prov: FI
 

Messaggi di Ottobre 2019

QUALE INGLESE?

Post n°1639 pubblicato il 26 Ottobre 2019 da atapo
 
Tag: cronaca

FACCIAMOCI  DEL  MALE…

 


 

Non sono sparita… ma anche ora nella mia vita c'è tutto un ammucchiarsi di fatti e di impegni che fanno volare letteralmente i giorni.
Mio marito, che va in montagna tutti i giorni in cui gli è possibile, in modo da fare il massimo dei lavori finché la stagione resta decente, mi lascia sì tante ore libere, ma anche tutte le incombenze della vita quotidiana e, se ci sono giri da fare, non mi può accompagnare (sempre più mi mangio le dita per non aver mai preso la patente!). Poi non si sa mai che orari faccia e saltano i programmi come ridere.
In questi giorni c'erano le iscrizioni ai corsi dell'Università dell'Età Libera. L'anno scorso ne feci due (scrittura creativa e teatro francese), con un bel fardello di impegno, ma anche con molta soddisfazione, ora avevo pensato di non farne nessuno, a meno che non fosse uscita qualche proposta davvero affascinante, in orari compatibili con tutto il resto e in luoghi raggiungibili facilmente. Così non è stato; bene, mi sarei dedicata con più tranquillità al teatro, al completamento dell'autobiografia, magari a scrivere altri racconti, alla lettura della marea di libri che ho in casa. In fondo ce n'era abbastanza…
Ma dato che io cerco sempre di farmi del male, il quartiere che organizza corsi trimestrali di lingue è stato una tentazione, in fondo fino a dicembre per il teatro non ho nulla di nuovo da studiare.
Questo inglese che ho lasciato al momento della pensione, nel 2007, quando dovetti uscire dal corso ministeriale per insegnanti, l'unico corso della mia vita in cui avessi imparato qualcosa che poi ho mantenuto negli anni successivi… ma che ormai sbiadisce inesorabilmente…
Ho telefonato: no, le lezioni finiscono alle 21,30, dopo io dovrei tornare in autobus (rarissimo) e percorrere un viale pieno di certe “signorine”… improponibile!
Però il diavolo ci ha messo lo zampino, o forse un angelo custode, visto che, chiacchierando con i nostri amici parrocchiali della “famiglia perfetta”, ho scoperto che il marito fa questo corso di inglese, quindi potrei rientrare in macchina con lui.
Così ho ceduto e mi sono iscritta. E ho frequentato la prima (per me, per gli altri era la terza) lezione.
Sgomento!
Nei primi dieci minuti non capivo assolutamente NIENTE! Non perché avessi dimenticato le semplici parole su cui si lavorava, ma perché l'insegnante ha un orrendo accento americano, è di madrelingua americana! Io invece parlo e capisco più “british”, sono spiazzata. Pazienza, mi impegnerò, mi dicevo.
Con il proseguire della lezione e guardando le pagine e gli esercizi del libro di testo ho fatto un'altra scoperta e una triste riflessione: sono uguali a quelli dei libri che usavo nei corsi che feci precedenti, nel lontano 1996, poi nel 2006, le stesse metodologie, gli stessi argomenti, gli esercizi quasi identici. Possibile che non sia passato nulla di sistemi più moderni e invitanti per imparare l'inglese? Poesie, canzoni, testi autentici, situazioni reali e quotidiane, giochi di ruolo… NULLA!
Insomma, per ora sono un po' delusa.
Perlomeno mi servirà a “rinfrescarmi”, ma poi mi verrà una gran voglia di fare un viaggio per misurarmi sul campo! Ed economicamente questo non è proprio il momento adatto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NON SOLO REPLICA

Post n°1638 pubblicato il 15 Ottobre 2019 da atapo
 
Tag: teatro

TURNE'

Le trecciaiole coi loro cappelli di paglia prendono il volo!

 


 

Il nostro spettacolo ormai si può dire che andrà in turné: ci è stato chiesto di replicarlo durante un evento in una biblioteca, poi in una sede di quartiere, nel periodo natalizio in un teatro parrocchiale, stanno partendo contatti per andare nel teatro del paese in cui c'è il museo della lavorazione della paglia... Poi chissà!

Insomma, noi "ragazzi over 65" stiamo facendo proprio un ottimo lavoro di divulgazione storica! Ci sarà da impegnarsi...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

REPLICHE

Post n°1637 pubblicato il 12 Ottobre 2019 da atapo
 
Tag: teatro

LE  TRECCIAIOLE  RADDOPPIANO

 


 

E' stata una bella notizia arrivata durante l'estate: Il nostro spettacolo sulla lavorazione della paglia e lo sciopero delle trecciaiole di fine '800 stava facendo strada!
Era stato inserito in un importante festival fiorentino di inizio ottobre, curata da Serena Dandini: "L'eredità delle donne", tre giorni di conferenze, mostre, spettacoli, eventi in molti luoghi della città; noi siamo andati in scena in un teatro cittadino abbastanza conosciuto nel pomeriggio di domenica 6 ottobre.
La cosa che più ci ha emozionato è stato vederci scritti sulle locandine della manifestazione e sul sito internet, con tanto di spiegazione e trama della storia, insieme alla presentazione della compagnia.
Un bel traguardo, per un gruppo di "vecchietti"!
E onore alla nostra giovane regista, che in questo modo si sta facendo conoscere e mette basi sempre più solide al lavoro che tanto la appassiona.
Così a settembre abbiamo ripreso le prove, cercando, se possibile, di migliorare ancora di più. Avevamo solo un piccolo timore: poichè in quei tre giorni erano tanti gli eventi in contemporanea, avremmo avuto spettatori? Ormai molti amici e parenti ci avevano visti in giugno, stavolta si trattava di attirare il pubblico "normale", quello che applaude solo se è convinto, non per compiacere e sostenere i conoscenti.
Invece è venuta una sessantina di persone... e tanti sono stati gli applausi, anche a scena aperta!
Per me, in più, una piccola soddisfazione personale e intima: una delle scene più applaudite è stata quella che avevo scritto io e che la regista aveva inserito intera, senza cambiare una virgola. Certo gli attori sono stati bravi, ma la sceneggiatura era efficace e filava via bene... anche un po' per merito mio che l'avevo costruita!
Ma non dovremo riporre copione e costumi: la nostra rappresentazione di avvenimenti della storia locale si sta facendo conoscere e da pochissimi giorni è arrivata la richiesta di un'altra replica,  in una sede di quartiere che sta allestendo una mostra.
Al prossimo incontro la regista, al settimo cielo, ci spiegherà i dettagli...
Pare che stiamo diventando famosi!


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

READING A SAVONA

Post n°1636 pubblicato il 06 Ottobre 2019 da atapo
 

Casorati, Attesa

 

ATTESA

Lascia la porta socchiusa,
forse vorrà tornare
e una lama di luce
gli indicherà il cammino.

Se lo vedrai, lontano,
non corrergli incontro,
forse non è lui:
sorridi solo e tendi le mani.

Quando, nel silenzio,
sentirai vicini i suoi passi
taci e ascolta il suo cuore:
forse è lui il più stanco.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso