Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

IL LIBRO DI AGOSTO

Jean-Pierre Milovanoff

"Tout sauf

un ange"

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

 

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

surfinia60atapomassimocoppaelyravfedele.belcastroelia2006patrighepabo560libera2menteettoregianfaccin_lauraguntherjpersicomarco07halpert
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2012 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Et: 69
Prov: FI
 

Messaggi del 08/05/2012

DEDICA

Post n°836 pubblicato il 08 Maggio 2012 da atapo
 

 

UN ANNO MAGICO

 


 

Da qualche tempo ci rifletto sopra: questo ultimo anno è stato qualcosa di inaspettato, di straordinariamente, splendidamente e completamente bello, un anno magico, sono arrivata a concludere che questa è la definizione giusta con cui lo ricorderò per il resto della vita. Per quanto mi sforzi, non riesco a ricordarne nel mio passato un altro simile, così ricco, sorprendente e positivo in tutti i campi, senza alcuna negatività. Forse è stata Cora che mi ha portato fortuna, perchè è più o meno cominciato con l'incontro di questo personaggio...

Un anno fa compivo sessant'anni e sentivo questo passaggio di decina come un traguardo importante, facevo i conti col mio passato e vedevo nel futuro un grande punto interrogativo verso il quale però mi sentivo molto curiosa e molto disponibile, convinta che avevo ancora tanto da aspettarmi. E così è stato finora: questi dodici mesi mi hanno regalato più di quanto potessi sperare.

Ma certe meraviglie non durano in eterno, mi viene in mente l'immagine della stella cometa che ho visto per un periodo nelle notti di molti anni fa: l'avevo trovata nel cielo, era lì, lucente e il vederla tutte le sere fedele all'appuntamento mi illuminava anche il cuore e la mente. Impercettibilmente però si allontanava, perdeva luminosità finchè non mi arresi all'evidenza che non l'avrei più vista e avrebbe lasciato un vuoto nel cielo e dentro di me.

Però ci sono comete che ritornano, si tratta di avere pazienza, oppure se ne incontrano altre e il ricordo di quella già vista rimane sempre bellissimo anche se velato da un po' di malinconia...

Così sono arrivata ad un nuovo inizio di maggio, al nuovo compleanno e la cometa dell'anno che ora termina si è un po' offuscata, allontanata, la vita è tornata normale con alti, bassi, cose che funzionano ed altre che funzionano molto meno. Quella magia non poteva durare in eterno, lo sapevo, ma quando accade e te ne rendi conto è sempre un momento duro.

Oggi gli anni diventano sessant'uno, mi addentro nella nuova decina: sono sempre curiosa e disponibile verso il punto interrogativo del futuro, ma qualche volta sento come un piccolo disagio, la sensazione che il tempo scorra troppo in fretta, che il tempo del futuro si stia accorciando ed io me ne accorgo soltanto ora...e forse non ne avrò abbastanza per...forse non ho ben chiaro nemmeno io per cosa, questo è il fatto.

Voglio riempire il meglio possibile i miei giorni uno dopo l'altro, questo anno magico mi ha fornito una dose massiccia di felicità che sicuramente mi sarà di aiuto.

E mi faccio un regalo: mi dedico una canzone che sento molto vicina, in questo periodo, al mio stato d'animo un po' malinconico.

 


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso