Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE ANDRO' (FORSE)

IL VIAGGIO DI MAGGIO


CANADA

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

massimocoppaenzaimperatofedele.belcastroCherryslbacla0atapola.cozzaallegri.frexiettoNonnoRenzo0Stratocoversvita.perezcuspides0surfinia60
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 70
Prov: FI
 

 

« COMPLEANNOLA MIA SCUOLA »

MARTEDI' GRASSO

Post n°805 pubblicato il 21 Febbraio 2012 da atapo
 

CARNEVALE

Visto che qualcuno me l'ha chiesta, ho copiato-incollato dal lontano febbraio 2008 la ricetta della

TORTA  DI  MARCO.

A guardare la foto che ho messo nel post precedente, mi viene in mente che può essere una torta adatta alle feste di Carnevale, con tutti i coriandoli colorati di zucchero sparsi sulla cioccolata...

In effetti le feste di compleanno di mio figlio, quando era piccolo, diventavano anche un po' feste di Carnevale, dato il periodo...


Comprare una base di pan di Spagna, quelle rotonde già divise in tre parti.

Sopra una parte (quella che sarà la più bassa) spruzzate un po' di alchermes.


Preparate una crema molto casalinga: due uova sbattute con due cucchiai di zucchero e due cucchiai di farina, versate questo in mezzo litro di latte caldo e fate addensare mescolando e cuocendo col fornello al minimo.


Versate la crema sulla parte bagnata di alchermes. Coprite con la seconda parte di pan di Spagna, su cui spruzzerete un po' di rhum.


Ora preparate una crema come la precedente, però sostituite un cucchiaio di farina con un cucchiaio abbondante di cacao non zuccherato, in modo da avere la crema al cioccolato.


Versatela sul secondo disco, che poi ricoprirete col terzo.


A questo punto bisogna rivestire il tutto, allora si prepara una glassa facendo sciogliere a bagnomaria, in una noce di burro, tanto cioccolato fondente, aiutandosi aggiungendo un po' di latte, non vi so dire le dosi, dipende quanto piace "robusta" la copertura, io vado un po' a occhio.


Quando pare tutto sciolto bene, rivesto il di sopra e i bordi della torta, subito dopo sui bordi metto le
codette al cioccolato e di sopra le codette multicolori. Sopra ci stanno bene anche un po' di decorazioni di zucchero (sempre comprate!), tipo fiorellini, pupazzetti ecc.

Infine qualche ora di frigorifero per indurire la copertura di cioccolato.

 

Il mio martedì grasso me lo sono festeggiato stamattina:

finalmente niente pioggia nè vento, pian piano è uscito un po' di sole,

ho passato la mattinata al mercato, lungo il fiume,



 

già con qualche idea di primavera...

 


 

E ho comprato...

 


 

un po' folle come acquisto, forse, però sono allegre, come mi sentivo io stamattina...

Tanto prima o poi mi serviranno in qualche teatro, o con i grandi o con i piccoli!

Buon martedì grasso a tutti!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=11088918

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
NonnoRenzo0
NonnoRenzo0 il 21/02/12 alle 21:38 via WEB
Grazie, altrettanto a te ciaooo _Renzo
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 21/02/12 alle 22:12 via WEB
Oh, io la mia festa l'ho già avuta, stamattina!
(Rispondi)
trampolinotonante
trampolinotonante il 21/02/12 alle 21:53 via WEB
stavo pensando alle Ceneri!! E' per me uno dei ricordi più intensi da piccolo! Non ne sapevo nulla di martedì grasso, però " subivo" le ceneri, perchè la mia mamma di buon'ora mi portava a in chiesa a sentir messa e a prendere ke ceneri in testa. E nel tornare a casa stavo attentissimo che non volassero e mi mettevona mano in testa a proteggerle. Ricordo ancora la formula: Memento homo, quia qui pulvis est et in pulverem reverteris!". E chi se lo scerra. Il carnevale? era un periodo indefinito, non si sapeva giovedi o martedi grasso, ecc... Era un periodo. Le maschere ce le mettevamo, di cartone, fatte da noi e pittate da noi!Il problema era trovare l'elastico. Però l'appuntamento che si aspettava erano le Ceneri!! Era un rito e ne conoscevamom il significato!!Credimi! E chi se lo scerra!! tt
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 21/02/12 alle 22:17 via WEB
Le Ceneri saranno domani, il primo giorno di Quaresima, con le cerimonie che tu dici.Il martedì grasso è il giorno precedente, il massimo dei festeggiamenti del Carnevale prima della sua fine, c'è chi brucia anche pupazzi o cose del genere, quando insegnavo ne abbiamo fatte coi bambini di queste "follie", costruendo maschere bellissime e molto artigianali, anni fa ne raccontai anche qui...Le maschere che ho comprato oggi non sono di quelle costosissime veneziane, sono solo carine e colorate, mi potranno servire nelle mie recite.
(Rispondi)
 
 
trampolinotonante
trampolinotonante il 22/02/12 alle 00:25 via WEB
lo sapevo che le Ceneri sono domani, anzi ormai oggi, visto che è già passata la mezzanotte. Difatti quand'ero piccolo, si parlava di mercoledì delle Ceneri. Ma non lo si collegava al martedì grasso. Il Giorno delle Ceneri lo trovavamo scritto sul calendario. Domattina presto a Modena, vado a messa, perchè sto rito lo faccio tutti gli anni. Buonanotte! tt
(Rispondi)
 
 
 
atapo
atapo il 22/02/12 alle 22:36 via WEB
Oggi ho proprio iniziato la quaresima: è stata una giornatina pienissima di lavoro, anche senza le Ceneri!
(Rispondi)
Lolablu7
Lolablu7 il 22/02/12 alle 17:21 via WEB
I miei due figli sono nati entrambi a febbraio e la loro torta preferita era simile a quella di Marco con le seguenti varianti: Pan di Spagna bagnato al latte e caffè e copertura alla panna. Sembra ieri, ma i loro gusti sono rimasti immutati. Un altro elemento in comune! Che bella la passeggiata lungo il fiume! La sogno!:-))
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 22/02/12 alle 22:35 via WEB
Anche tu hai figli abitudinari...a volte penso che forse è per loro come un voler tenere un legame con la loro infanzia. Tu non hai un fiume vicino? Ma forse hai il mare, che è anche meglio...
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.