Epatologia:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Epatologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Carcinoma epatocellulare: i nuovi progressi in diagnosi, stadiazione e trattamento migliorano gli esiti dei pazienti

I dati epidemiologici, genetici e clinici presentati all’International Liver Congress del 2014 sono collettivamente concentrati su diversi approcci volti a migliorare diagnosi, stadiazione e trattamen …


Efficacia di MK-5172 associato a Ribavirina nei pazienti con epatite C genotipo 1b

Un regime, libero da Interferone, costituito dall’inibitore della proteasi MK-5172 più Ribavirina ha prodotto alti tassi di soppressione virale nei pazienti con infezione da virus della epatite C ( HC …

Gastrobase.it


Studio SAPPHIRE-1: alta efficacia di un regime tutto orale, senza Interferone, per 12 settimane nei pazienti con epatite C genotipo 1, naive al trattamento

Abbvie ha comunicato i primi risultati di uno studio di fase III con un regime interamente orale, senza Interferone, costituito da una combinazione di tre antivirali ad azione diretta più Ribavirina i …


Infezione cronica da virus HCV: promettente il regime terapeutico, senza Interferone, a base di Sofosbuvir e Ribavirina

Un regime senza Interferone a base di Sofosbuvir e Ribavirina ha prodotto un alto tasso di risposta virologica sostenuta tra i pazienti affetti da epatite C con caratteristiche sfavorevoli per il trat …

Gastroenterologia Xagena


I probiotici riducono il rischio di encefalopatia epatica nei pazienti con cirrosi

I probiotici sono efficaci nel prevenire un primo episodio di encefalopatia epatica conclamata nei pazienti affetti da cirrosi epatica.Nei pazienti nel gruppo controllo il rischio di encefalopatia epa …

Epatite:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Epatite

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Il virus dell’epatite C cronica aumenta il rischio di malattia renale cronica mentre un trattamento per HCV efficace diminuisce l’incidenza della malattia renale cronica

È stato valutato il rischio di malattia renale cronica ( CKD ) nei pazienti con infezione cronica da virus dell’epatite C ( HCV ), e la riduzione dell’incidenza della malattia renale cronica dopo il t …


Efficacia e sicurezza dei nuovi agenti antivirali diretti nei pazienti con infezione da virus dell’epatite C con linfoma non-Hodgkin diffuso a grandi cellule B

L’associazione tra virus dell’epatite C ( HCV ) e il linfoma non-Hodgkin ( NHL ) è stata dimostrata in tutto il mondo. I nuovi agenti antivirali diretti ( DAA ) senza Interferone hanno mostrato eleva …

XagenaNewsletter


Riattivazione del virus dell’epatite C in pazienti sottoposti a trattamento antitumorale

In studi retrospettivi è stata segnalata la riattivazione del virus dell’epatite C ( HCV ) in pazienti che ricevevano un trattamento antitumorale. L’obiettivo di uno studio è stato quello di determ …


Rischio più elevato di malattia renale nei pazienti con epatite C cronica: beneficio in termini di sopravvivenza della terapia antivirale nei pazienti in emodialisi

Diversi studi hanno dimostrato che l’epatite C cronica ( infezione da HCV ) ha un impatto negativo sulla funzione renale e sulla sopravvivenza in pazienti con malattia renale cronica ( CKD ) o emodial …

Gastrobase.it


Analisi della resistenza nei pazienti con infezione da HCV genotipo 1-6 trattati con Sofosbuvir e Velpatasvir in studi di fase III

La combinazione a dose fissa di Sofosbuvir e Velpatasvir ( Epclusa ) è risultata altamente efficace nei pazienti con infezione da virus dell’epatite C ( HCV ) genotipo ( GT ) 1-6 negli studi ASTRAL. …

Epatologia:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Epatologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Il rischio di tumore risulta aumentato del 91% nelle persone con steatosi epatica non-alcolica

I pazienti con steatosi epatica non-alcolica ( anche nota come fegato grasso ) hanno mostrato un rischio del 91% più alto di neoplasia, e il rischio di cancro nei pazienti obesi è guidato dalla steato …


La presenza e la gravità della steatoepatite non-alcolica è associata a specifici cambiamenti negli acidi biliari circolanti

Lo spettro istologico della steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD ) comprende la steatosi epatica ( NAFL ) e la steatoepatite ( NASH ), che possono progredire a cirrosi fino al 20% dei pazienti con NA …

Immunoterapia OncologicaMediexplorer.it


Trapianto di fegato di salvataggio curativo nei pazienti con cirrosi e carcinoma epatocellulare

Il trapianto di fegato di salvataggio ( SLT ), curativo, è stato concepito per pazienti con carcinoma epatocellulare ( HCC ) inizialmente resecabile e trapiantabile, per cercare di evitare il trapiant …


Concentrazioni alterate di aminoacidi nella steatosi epatica non-alcolica: impatto dell’obesità e della resistenza all’insulina

Le concentrazioni plasmatiche di aminoacidi, in particolare gli aminoaciti a catena ramificata ( BCAA ), risultano spesso aumentate nella malattia del fegato grasso non-alcolico ( NAFLD; steatosi epat …

MedFocusBiomedicina.it


La terapia antivirale migliora la sopravvivenza nei pazienti con infezione da HBV e colangiocarcinoma intraepatico sottoposto a resezione epatica

L’impatto dell’infezione da virus dell’epatite B ( infezione da HBV ) sugli esiti dopo resezione del colangiocarcinoma intraepatico non è stato riportato. Uno studio ha esaminato l’impatto della te …

Epatologia Farmaci:aggiornamenti e novità in terapia by Xagena

Epatologia Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Chemioterapia dose-densa a base di Cisplatino e chirurgia per bambini con epatoblastoma ad alto rischio

È stato condotto uno studio con lo scopo di stabilire efficacia e sicurezza di un nuovo regime di trattamento consistente in chemioterapia dose-densa basata su Cisplatino e chirurgia radicale in bambi …


Sicurezza ed efficacia di Peginterferone alfa-2a più Ribavirina in pazienti con epatite C cronica, sottoposti a trapianto renale

La terapia a base di Interferone ( IFN ) nei soggetti con infezione cronica da virus dell’epatite C ( HCV ) e trapianto renale è stata associata a un alto rischio di rigetto acuto e scarsa efficacia. …

Farmaexplorer.it


Sunitinib versus Sorafenib nel carcinoma epatocellulare in stadio avanzato

Uno studio in aperto, di fase III ha valutato se Sunitinib ( Sutent ) fosse superiore o equivalente a Sorafenib ( Nexavar ) nel carcinoma epatocellulare. I pazienti sono stati stratificati e assegn …


Rifaximina è sicura e ben tollerata per il mantenimento a lungo termine della remissione da encefalopatia epatica conclamata

Rifaximina ( Normix ) è un agente antimicrobico orale selettivo per l’intestino che ha dimostrato di ridurre la recidiva di encefalopatia epatica conclamata e i ricoveri ad essa correlati in uno studi …

Gastrobase.it


Sicurezza ed efficacia di diversi dosaggi di Lanreotide nel trattamento della malattia del fegato policistico

Lanreotide ( Somatuline ) a lunga durata d’azione a 120 mg ogni 4 settimane riduce il volume del fegato nei pazienti con malattia del fegato policistico. Gli studi sugli animali hanno dimostrato che …

Epatologia Farmaci:aggiornamenti e novità in terapia by Xagena

Epatologia Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Orantinib versus placebo combinato con chemioembolizzazione arteriosa transcatetere in pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile: studio ORIENTAL

Orantinib è un inibitore multi-chinasi orale. È stata valutata l’efficacia di Orantinib combinato con chemioembolizzazione arteriosa transcatetere convenzionale ( cTACE ) in pazienti con carcinom …


Somministrazione a lungo termine di Albumina nella cirrosi scompensata: studio ANSWER

Ci sono poche evidenze sull’efficacia della somministrazione di Albumina umana a lungo termine nei pazienti con cirrosi scompensata. Lo studio ANSWER ( Albumin for the treatmeNt of aScites in patient …

Mediexplorer.itImmunoterapia Oncologica


Bezafibrato nella colangite biliare primaria

I pazienti con colangite biliare primitiva che hanno una risposta inadeguata alla terapia con Acido Ursodesossicolico sono ad alto rischio di progressione della malattia. I fibrati, che sono agonisti …


Efficacia comparativa delle strategie farmacologiche per la gestione della sindrome epatorenale di tipo 1

Sono stati studiati diversi farmaci per migliorare gli esiti dei pazienti con sindrome epatorenale, ma gli studi hanno riportato un’efficacia variabile. È stata confrontata l’efficacia delle diverse …

MedFocusOncoBase.it


L’Acido Obeticolico riduce i livelli di fosfatasi alcalina e di bilirubina nella cirrosi biliare primaria

Uno studio di fase 3 ha mostrato che l’Acido Obeticolico riduce i livelli di fosfatasi alcalina e di bilirubina nei pazienti con colangite biliare primaria. Tuttavia, i pazienti trattati con Acido O …

Epatologia Farmaci:aggiornamenti e novià in terapia by Xagena

Epatologia Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Orantinib versus placebo combinato con chemioembolizzazione arteriosa transcatetere in pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile: studio ORIENTAL

Orantinib è un inibitore multi-chinasi orale. È stata valutata l’efficacia di Orantinib combinato con chemioembolizzazione arteriosa transcatetere convenzionale ( cTACE ) in pazienti con carcinom …


Somministrazione a lungo termine di Albumina nella cirrosi scompensata: studio ANSWER

Ci sono poche evidenze sull’efficacia della somministrazione di Albumina umana a lungo termine nei pazienti con cirrosi scompensata. Lo studio ANSWER ( Albumin for the treatmeNt of aScites in patient …

Gastrobase.it


Bezafibrato nella colangite biliare primaria

I pazienti con colangite biliare primitiva che hanno una risposta inadeguata alla terapia con Acido Ursodesossicolico sono ad alto rischio di progressione della malattia. I fibrati, che sono agonisti …


Efficacia comparativa delle strategie farmacologiche per la gestione della sindrome epatorenale di tipo 1

Sono stati studiati diversi farmaci per migliorare gli esiti dei pazienti con sindrome epatorenale, ma gli studi hanno riportato un’efficacia variabile. È stata confrontata l’efficacia delle diverse …

Onco News


L’Acido Obeticolico riduce i livelli di fosfatasi alcalina e di bilirubina nella cirrosi biliare primaria

Uno studio di fase 3 ha mostrato che l’Acido Obeticolico riduce i livelli di fosfatasi alcalina e di bilirubina nei pazienti con colangite biliare primaria. Tuttavia, i pazienti trattati con Acido O …

Epatologia:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Epatologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Il rischio di tumore risulta aumentato del 91% nelle persone con steatosi epatica non-alcolica

I pazienti con steatosi epatica non-alcolica ( anche nota come fegato grasso ) hanno mostrato un rischio del 91% più alto di neoplasia, e il rischio di cancro nei pazienti obesi è guidato dalla steato …


La presenza e la gravità della steatoepatite non-alcolica è associata a specifici cambiamenti negli acidi biliari circolanti

Lo spettro istologico della steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD ) comprende la steatosi epatica ( NAFL ) e la steatoepatite ( NASH ), che possono progredire a cirrosi fino al 20% dei pazienti con NA …

XagenaNewsletter


Trapianto di fegato di salvataggio curativo nei pazienti con cirrosi e carcinoma epatocellulare

Il trapianto di fegato di salvataggio ( SLT ), curativo, è stato concepito per pazienti con carcinoma epatocellulare ( HCC ) inizialmente resecabile e trapiantabile, per cercare di evitare il trapiant …


Concentrazioni alterate di aminoacidi nella steatosi epatica non-alcolica: impatto dell’obesità e della resistenza all’insulina

Le concentrazioni plasmatiche di aminoacidi, in particolare gli aminoaciti a catena ramificata ( BCAA ), risultano spesso aumentate nella malattia del fegato grasso non-alcolico ( NAFLD; steatosi epat …

Mediexplorer.itBiomedicina.it


La terapia antivirale migliora la sopravvivenza nei pazienti con infezione da HBV e colangiocarcinoma intraepatico sottoposto a resezione epatica

L’impatto dell’infezione da virus dell’epatite B ( infezione da HBV ) sugli esiti dopo resezione del colangiocarcinoma intraepatico non è stato riportato. Uno studio ha esaminato l’impatto della te …


Emodinamica cardiopolmonare e proteina C-reattiva come indicatori prognostici nella cirrosi compensata e scompensata

Le principali fasi della cirrosi ( compensata e scompensata ) sono state sotto-stadiate in base alle caratteristiche cliniche, endoscopiche e di pressione portale ( determinata dalle caratteristiche d …

Gastrobase.it


Stent a irradiazione vs stent metallico convenzionale per ostruzione biliare maligna non-operabile

È stato dimostrato che il posizionamento di uno stent a irradiazione offre pervietà e più lunga sopravvivenza rispetto a uno stent metallico nudo autoespandibile ( SEMS ) in pazienti con ostruzione bi …

Epatologia:Aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Epatologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Alfa-fetoproteina durante il trattamento è un marcatore tumorale specifico per il tumore epatocellulare nei pazienti con epatite B cronica trattati con Entecavir

L’alfa-fetoproteina ( AFP ) è il biomarcatore più utilizzato per la sorveglianza del carcinoma epatocellulare, criticato perché né sensibile né specifico nella epatite attiva e nella cirrosi epatica. …


Nuovi biomarcatori infiammatori della pressione portale in pazienti con cirrosi compensata

L’utilità dello screening di biomarcatori sierici infiammatori del gradiente di pressione venoso epatico si basa sul fatto che l’ipertensione portale è patogeneticamente correlata al danno epatico e a …

Gastrobase.it


Individuazione di anticorpi anti-Isoniazide e anti-citocromo P450 in pazienti con insufficienza epatica indotta da Isoniazide

L’epatotossicità indotta da Isoniazide rimane una delle più comuni cause di danno epatico idiosincratico farmaco-indotto e di insufficienza epatica. Questa forma di danno epatico non è ritenuta immuno …


Aspergillosi invasiva in pazienti con grave epatite alcolica

L’epatite alcolica grave ha una prognosi sfavorevole a breve termine. Anche se le infezioni sono complicazioni frequenti della epatite alcolica, l’incidenza di aspergillosi invasiva e il suo impatto s …

Xagena Salute


Indice di massa corporea nella infanzia e rischio da adulti di tumore primario del fegato

Il sovrappeso nella infanzia aumenta il rischio di sviluppo precoce della steatoepatite non-alcolica ( malattia del fegato grasso non-alcolico ), che può predisporre alla carcinogenesi. Uno studio h …


La resezione chirurgica aumenta la sopravvivenza generale nel carcinoma epatocellulare di grandi dimensioni

I risultati di uno studio hanno mostrati che i pazienti con carcinoma epatocellulare di grandi dimensioni che sono sottoposti a resezione chirurgica presentano una sopravvivenza globale superiore risp …

Medical Meeting


Recidiva virale dopo Interferone e Ribavirina in pazienti co-infettati con il virus HIV e HCV

Una risposta virologica sostenuta ( SVR ) dopo la terapia con Interferone – Ribavirina ( IF-RB ) riduce le complicanze epato-correlate e la mortalità nei pazienti co-infettati con HIV e HCV. È stato …

Epatologia: Aggiornamenti ed Informazioni sulle Novità terapeutiche by Xagena

Epatologia.net

Epatologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

CeliachiaOnline.net | ColiteUlcerosa.net | CrohnOnline.net | Epatologia.it | Epatologia.net | Gastroenterologia.net

Utilizzo di farmaci antinfiammatori non-steroidei, epatopatia cronica e carcinoma epatocellulare

È stato dimostrato che i farmaci anti-infiammatori non-steroidei ( FANS ) riducono l’infiammazione e il rischio di molti tumori, ma il loro effetto sul rischio di carcinoma epatocellulare e decesso pe …


 

DKK1 sierica come biomarcatore proteico per la diagnosi di carcinoma epatocellulare

Uno studio ha valutato se la misurazione di Dickkopf-1 ( DKK1 ) sierica fosse in grado di migliorare l’accuratezza diagnostica per il carcinoma epatocellulare.Sono stati analizzati i dati di pazienti …

Xagena Salute


 

Trapianto di fegato da donatore vivente versus donatore deceduto per i pazienti con malattie correlate al virus della epatite C

Il trapianto di fegato da donatore vivente rappresenta una valida alternativa al trapianto di fegato da donatore deceduto per i pazienti con malattie correlate al virus della epatite ( HCV-correlate ) …


 

Una ritardata endoscopia aumenta i nuovi sanguinamenti e la mortalità nei pazienti con ematemesi e sanguinamento da varici esofagee

Il sanguinamento attivo è uno scarso indicatore prognostico nei pazienti con sanguinamento acuto da varici esofagee. Uno studio ha avuto come obiettivo quello di determinare gli indicatori di nuovo sa …

XagenaNewsletter


 

Mortalità e rischio di neoplasie nelle malattie autoimmuni del fegato

I dati quantitativi basati sulla popolazione relativi all’incidenza di mortalità e di cancro nella epatite autoimmune, cirrosi biliare primaria e colangite sclerosante primitiva sono scar …


 

Identificazione della osteopontina come nuovo marker per il carcinoma epatocellulare precoce

Uno studio ha identificato un biomarcatore in grado di migliorare la prestazione della alfa-fetoproteina ( AFP ) nella sorveglianza del carcinoma epatocellulare ( HCC ) tra i pazienti con cirrosi.&Egr …

Gastrobase.it


 

Associazione tra consumo di caffè e di Caffeina e malattia del fegato grasso, steatoepatite non-alcolica e grado di fibrosi epatica

Il consumo di Caffeina del caffè è associato a ridotta incidenza di fibrosi epatica nei pazienti con malattie croniche del fegato, come l’epatite C.L’associazione di consumo di Caffeina …

Epatologia Farmaci: Aggiornamenti e Novità in terapia by Xagena

Epatologia.net

Epatologia

 

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena – Aggiornamento in Medicina

https://www.xagenaweb.it/

CeliachiaOnline.net | ColiteUlcerosa.net | CrohnOnline.net | Epatologia.it | Epatologia.net | Gastroenterologia.net |

Risposta tumorale e possibilità di resezione secondaria delle metastasi epatiche da carcinoma colorettale in seguito a chemioterapia neoadiuvante con Cetuximab

La chemioterapia neoadiuvante per metastasi epatiche non-resecabili da carcinoma colorettale può ridurre la dimensione dei tumori per la resezione curativa.Uno studio ha valutato l’efficacia di Cetuxi …

Encefalopatia epatica minima: Rifaximina migliora le prestazioni psicometriche e la qualità di vita correlata alla salute

I pazienti cirrotici con encefalopatia epatica minima hanno una scarsa qualità di vita correlata alla salute ( HRQL ). Lo scopo di uno studio pilota, randomizzato e in doppio cieco, è st …

Medical Meeting

Chemioembolizzazione del carcinoma epatocellulare inoperabile: diminuzione della tossicità con le perle a lento rilascio di Doxorubicina

La chemioembolizzazione con Lipiodol ( TACE ) migliora la sopravvivenza dei pazienti selezionati affetti da carcinoma epatocellulare non-resecabile, ma è associata a tossicità.Per migliorare la toller …

Carcinoma epatocellulare correlato a infezione da virus HBV dopo resezione epatica: l’impiego di analoghi nucleosidici associato a un minor rischio di recidiva tumorale

La recidiva tumorale è una importante questione per i pazienti con carcinoma epatocellulare ( HCC ) dopo resezione epatica curativa.E’ stata studiata l’associazione tra l’uso di un analog …

Gastrobase.it

Effetti biochimici e immunologici di Rituximab in pazienti con cirrosi biliare primitiva e risposta incompleta al Acido Ursodesossicolico

Uno studio ha esaminato la sicurezza e l’efficacia potenziale della deplezione delle cellule B con l’anticorpo monoclonale anti-CD20 Rituximab ( MabThera ) nei pazienti con cirrosi biliare primaria e …

Microsfere a rilascio di Doxorubicina e chemioembolizzazione transarteriosa convenzionale per il trattamento del carcinoma epatocellulare

La chemioembolizzazione transarteriosa è un trattamento ampiamente usato per il carcinoma epatocellulare. Per massimizzare l’efficacia terapeutica, sono state sviluppate microsfere a rilascio di Doxor …

Xagena Salute

Co-infezione HCV e HIV: regressione della fibrosi epatica nei pazienti con risposta virale sostenuta al trattamento con Peginterferone alfa e Ribavirina

Nei pazienti con co-infezione da virus della immunodeficienza umana ( HIV ) e virus della epatite C ( HCV ), la clearance sostenuta di HCV RNA dopo un ciclo di trattamento antivirale è risultato esser …

1 2