ricomincio da qui

poesie prose e testi di L@ur@

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

Per chi volesse leggere la storia"Un passo indietro per farne uno avanti" sin dalle prime pagine;basta cliccare sui link.

post. 1post. 2post.3post.4post.5post.6post.7

post. 8post.9post.10post.11post.12post.13pag.14

post.15post.16post.17 ...post.18 ...post.19 ...post.20 ...post.21

 

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 140
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lascrivanaexiettoAndrea.Contino1955Lalla3672Ish_tarcassetta2monellaccio19tanmikprolocoserdianaVince198Decisamentedonna1lina.donatelliecospeedertastieranuvolabianca_1968
 

ULTIMI COMMENTI

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

Messaggi del 03/10/2020

La religiosa

Post n°1767 pubblicato il 03 Ottobre 2020 da lascrivana
 

La religiosa (2013) di Guillaume Nicloux - Recensione | Quinlan.it

Ultimamente sono a corto di argomenti, mi riesce difficile persino relazionarmi in una discussione; preferisco di gran lunga guardare un film e immedesimarmi nel personaggio. Stamani ne ho visto uno che mi ha riportato indietro nel tempo, precisamente nella mia infanzia. Il film che ho visto porta il titolo "la religiosa" -già basta questo per farvi capire quante cose abbiamo in comune con la protagonista. Mi sono rivista nella sua innocenza a provare sentimenti sconosciuti; difficili da definire, ma sicuramente indimenticabili.  Il rapporto monacale non è stato sicuramente facile, e i sentimenti provati variavano da suora a suora. Alcune mi stavano simpatiche, altre scaturivano in me un orribile sensazione di repulsione; altre ancora erano provviste di un naturale carisma da destare in me uno stato di profonda ammirazione.  Non era facile relazionarsi quotidianamente con questa girandola di emozioni; passavo dall'odio all'amore in un nano secondo. Non potevo di certo evitare quelle più odiose, poichè ognuna aveva un ruolo diverso nella gestione delle educande. C'era la suora campanella - quella che ti svegliava alle 7 del mattino -  il mio umore dipendeva da quella di turno.  Quelle più gradevoli erano Suor cucina e Suor refettorio. Un bellissimo rapporto lo avevo instaurato anche con Suor guardaroba; mentre il resto della giornata lo trascorrevo con quelle più odiose. Anche se a differenza della protagonista non dovevo farmi suora, la vita condotta in collegio era pressapoco la stessa.

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: lascrivana
Data di creazione: 19/09/2010